Mondo 1 Settembre 2020 16:42

Covid, disagi in 9 servizi sanitari su 10: possibili conseguenze sulla mortalità. L’allarme OMS

L’indagine dell’Organizzazione mondiale della sanità prova a calcolare i danni che la pandemia ha provocato sui sistemi sanitari di tutto il mondo: quali sono i rischi?

Covid, disagi in 9 servizi sanitari su 10: possibili conseguenze sulla mortalità. L’allarme OMS

COME SI È SVOLTA L’INDAGINE

I Paesi coinvolti hanno dovuto compilare un questionario e annotare i settori e servizi in cui si sono presentate delle difficoltà. A segnalare i danni maggiori sono state le zone a basso e medio reddito, ma nessuno si è trovato immune. I servizi di routine sono stati quelli che più hanno subito la sospensione. Mentre l’assistenza “critica” ai pazienti – dagli screening e i trattamenti per il cancro fino alla terapia per l’HIV – ha subito solo rallentamenti nei Paesi più ricchi, mentre in quelli a basso reddito è stata esposta a rischiose interruzioni.
Anche i servizi di emergenza, potenzialmente salvavita in molti casi, hanno subito ritardi e interruzioni in quasi un quarto dei Paesi coinvolti nell’indagine. Nel 22% dei casi sono stati colpiti i Pronto soccorso aperti 24 ore su 24, nel 23% le trasfusioni di sangue urgenti e nel 19% persino la chirurgia d’urgenza.

LE CAUSE DELLE INTERRUZIONI

Tra i fattori addotti come motivazioni il 76% dei soggetti coinvolti ha riferito la riduzione di domanda da parte dei pazienti e le difficoltà finanziarie come principali ostacoli. Solo il 55% dei governi dei 105 Paesi ha provveduto ad allocare fondi straordinari per assicurare i servizi essenziali. La maggior parte concentrata nei Paesi a medio e alto reddito (70%), contro il 41% degli altri.
Il secondo fattore più lamentato è stata la cancellazione dei servizi sanitari comuni, nel 66% dei casi. Cui si sono aggiunti la ridistribuzione del personale verso l’assistenza pazienti affetti da Covid-19 e l’indisponibilità di servizi causata da interruzioni di fornitura nelle attrezzature mediche e nei prodotti sanitari.
La ricerca suggerisce, tuttavia, che molti dei Paesi coinvolti hanno poi immediatamente iniziato a seguire alcune strategie consigliate dall’Oms. Tra queste la pratica del triage per identificare le priorità, i consulti e le visite online e al telefono, le modifiche alle pratiche di prescrizione dei medicinali, e un importante miglioramento dell’informazione sanitaria. Tuttavia, solo il 14% dei Paesi ha segnalato la rimozione delle tariffe agli utenti, che l’Oms raccomanda per compensare potenziali difficoltà finanziarie per i pazienti.

L’IMPATTO SULLA MORTALITÀ

Sebbene la stima degli effetti delle interruzioni dei servizi sulla base di questa indagine sia limitata, «è ragionevole anticipare che anche una modesta interruzione dei servizi sanitari essenziali potrebbe portare a un aumento della morbilità e della mortalità per cause diverse dal Covid-19 nel breve, medio e lungo termine», si legge in conclusione. È necessaria una maggiore comprensione del potenziale impatto delle interruzioni sulla morbilità e mortalità per valutare i benefici e i rischi del perseguimento di diverse strategie di mitigazione.

«Il sondaggio mette in luce le crepe dei nostri sistemi sanitari, ma serve anche a creare nuove strategie per migliorare la fornitura di assistenza sanitaria durante la pandemia e oltre», ha commentato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. «Dobbiamo prepararci meglio per le emergenze, ma anche continuare a investire in sistemi sanitari che rispondano pienamente ai bisogni delle persone durante tutto il corso della vita», ha aggiunto in conclusione.

Articoli correlati
La mortalità per Covid in Italia è davvero più alta che in altri paesi?
Giovanni Sebastiani, matematico presso l’Istituto per le applicazioni del calcolo Mauro Picone del Consiglio nazionale delle ricerche spiega che il fattore di crescita della mortalità in Italia è stato molto più elevato e significativo rispetto a quello del Regno Unito e di altri paesi europei
Vaiolo delle scimmie, cresce emergenza e ora 1 italiano su 3 lo teme
L'Oms ha dichiarato che il vaiolo delle scimmie è un'emergenza sanitaria globale. Sono stati registrati 17mila casi in 70 paesi. l'Italia è fra i 10 paesi più colpiti e forse per questo 1 italiano su 3 ammette di avere paura
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
Obesità in Europa al 59% negli adulti. Chianelli (AME): «Non è una questione di volontà, è una malattia e va curata»
Secondo l’ultimo Rapporto europeo sull'obesità regionale dell'OMS 2022 l'obesità ha raggiunto "proporzioni epidemiche" in Europa. L'organizzazione mondiale della sanità, dopo la presentazione del suo ultimo report mostra che la malattia sta causando 200.000 casi di cancro e 1,2 milioni di decessi all'anno
di Stefano Piazza
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 7 ottobre 2022, sono 620.487.013 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.554.599 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (6 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi in caso di reinfezioni?

I sintomi delle reinfezioni tendono a essere più lievi, anche se non si possono escludere forme gravi della malattia. I più comuni sono: affaticamento, febbre, tosse e mal di gola