Mondo 1 Settembre 2020 16:42

Covid, disagi in 9 servizi sanitari su 10: possibili conseguenze sulla mortalità. L’allarme OMS

L’indagine dell’Organizzazione mondiale della sanità prova a calcolare i danni che la pandemia ha provocato sui sistemi sanitari di tutto il mondo: quali sono i rischi?

Covid, disagi in 9 servizi sanitari su 10: possibili conseguenze sulla mortalità. L’allarme OMS

COME SI È SVOLTA L’INDAGINE

I Paesi coinvolti hanno dovuto compilare un questionario e annotare i settori e servizi in cui si sono presentate delle difficoltà. A segnalare i danni maggiori sono state le zone a basso e medio reddito, ma nessuno si è trovato immune. I servizi di routine sono stati quelli che più hanno subito la sospensione. Mentre l’assistenza “critica” ai pazienti – dagli screening e i trattamenti per il cancro fino alla terapia per l’HIV – ha subito solo rallentamenti nei Paesi più ricchi, mentre in quelli a basso reddito è stata esposta a rischiose interruzioni.
Anche i servizi di emergenza, potenzialmente salvavita in molti casi, hanno subito ritardi e interruzioni in quasi un quarto dei Paesi coinvolti nell’indagine. Nel 22% dei casi sono stati colpiti i Pronto soccorso aperti 24 ore su 24, nel 23% le trasfusioni di sangue urgenti e nel 19% persino la chirurgia d’urgenza.

LE CAUSE DELLE INTERRUZIONI

Tra i fattori addotti come motivazioni il 76% dei soggetti coinvolti ha riferito la riduzione di domanda da parte dei pazienti e le difficoltà finanziarie come principali ostacoli. Solo il 55% dei governi dei 105 Paesi ha provveduto ad allocare fondi straordinari per assicurare i servizi essenziali. La maggior parte concentrata nei Paesi a medio e alto reddito (70%), contro il 41% degli altri.
Il secondo fattore più lamentato è stata la cancellazione dei servizi sanitari comuni, nel 66% dei casi. Cui si sono aggiunti la ridistribuzione del personale verso l’assistenza pazienti affetti da Covid-19 e l’indisponibilità di servizi causata da interruzioni di fornitura nelle attrezzature mediche e nei prodotti sanitari.
La ricerca suggerisce, tuttavia, che molti dei Paesi coinvolti hanno poi immediatamente iniziato a seguire alcune strategie consigliate dall’Oms. Tra queste la pratica del triage per identificare le priorità, i consulti e le visite online e al telefono, le modifiche alle pratiche di prescrizione dei medicinali, e un importante miglioramento dell’informazione sanitaria. Tuttavia, solo il 14% dei Paesi ha segnalato la rimozione delle tariffe agli utenti, che l’Oms raccomanda per compensare potenziali difficoltà finanziarie per i pazienti.

L’IMPATTO SULLA MORTALITÀ

Sebbene la stima degli effetti delle interruzioni dei servizi sulla base di questa indagine sia limitata, «è ragionevole anticipare che anche una modesta interruzione dei servizi sanitari essenziali potrebbe portare a un aumento della morbilità e della mortalità per cause diverse dal Covid-19 nel breve, medio e lungo termine», si legge in conclusione. È necessaria una maggiore comprensione del potenziale impatto delle interruzioni sulla morbilità e mortalità per valutare i benefici e i rischi del perseguimento di diverse strategie di mitigazione.

«Il sondaggio mette in luce le crepe dei nostri sistemi sanitari, ma serve anche a creare nuove strategie per migliorare la fornitura di assistenza sanitaria durante la pandemia e oltre», ha commentato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. «Dobbiamo prepararci meglio per le emergenze, ma anche continuare a investire in sistemi sanitari che rispondano pienamente ai bisogni delle persone durante tutto il corso della vita», ha aggiunto in conclusione.

Articoli correlati
Sostegni Bis, Ianaro (M5S): «Emendamento per prevedere sequenziamento Covid nelle strutture sanitarie»
«L’attività di sequenziamento ha consentito al mondo di identificare rapidamente il virus del Covid 19 ed è fondamentale un continuo monitoraggio della situazione epidemiologica per evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere che da oltre un anno sono sottoposte a stress indicibili. Purtroppo è molto carente e poco integrata nel nostro Servizio sanitario nazionale e per […]
Covid, nuovo report Cabina di regia: «Continua calo incidenza». Da lunedì solo Vda in zona gialla
Pubblicato il report settimanale di ISS-Ministero Salute: tutte le Regioni e Pa hanno Rt compatibile con scenario di tipo 1
Covid e autopsie, perché sono state vietate ad inizio pandemia?
Fineschi (Sapienza): «Autopsie momento fondamentale dal punto di vista diagnostico». Ricci (Univ. Magna Graecia): «Con autopsie possibile distinguere tra morti di Covid e con Covid»
Via libera alla Certificazione verde Covid-19 in Italia
L’Italia anticipa la diffusione del documento digitale che rende più semplice l'accesso ad eventi e strutture in Italia e che faciliterà dal 1° luglio gli spostamenti in Europa. Tutte le informazioni
Allarme SIRU: «Natalità in calo, ritorniamo a prenderci cura della fertilità»
Antonino Guglielmino, presidente della SIRU: «Recuperiamo visite e interventi rimandati, ma soprattutto creiamo iniziative a favore del grave calo di desiderio di genitorialità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM