Mondo 1 Settembre 2020 16:42

Covid, disagi in 9 servizi sanitari su 10: possibili conseguenze sulla mortalità. L’allarme OMS

L’indagine dell’Organizzazione mondiale della sanità prova a calcolare i danni che la pandemia ha provocato sui sistemi sanitari di tutto il mondo: quali sono i rischi?

Covid, disagi in 9 servizi sanitari su 10: possibili conseguenze sulla mortalità. L’allarme OMS

COME SI È SVOLTA L’INDAGINE

I Paesi coinvolti hanno dovuto compilare un questionario e annotare i settori e servizi in cui si sono presentate delle difficoltà. A segnalare i danni maggiori sono state le zone a basso e medio reddito, ma nessuno si è trovato immune. I servizi di routine sono stati quelli che più hanno subito la sospensione. Mentre l’assistenza “critica” ai pazienti – dagli screening e i trattamenti per il cancro fino alla terapia per l’HIV – ha subito solo rallentamenti nei Paesi più ricchi, mentre in quelli a basso reddito è stata esposta a rischiose interruzioni.
Anche i servizi di emergenza, potenzialmente salvavita in molti casi, hanno subito ritardi e interruzioni in quasi un quarto dei Paesi coinvolti nell’indagine. Nel 22% dei casi sono stati colpiti i Pronto soccorso aperti 24 ore su 24, nel 23% le trasfusioni di sangue urgenti e nel 19% persino la chirurgia d’urgenza.

LE CAUSE DELLE INTERRUZIONI

Tra i fattori addotti come motivazioni il 76% dei soggetti coinvolti ha riferito la riduzione di domanda da parte dei pazienti e le difficoltà finanziarie come principali ostacoli. Solo il 55% dei governi dei 105 Paesi ha provveduto ad allocare fondi straordinari per assicurare i servizi essenziali. La maggior parte concentrata nei Paesi a medio e alto reddito (70%), contro il 41% degli altri.
Il secondo fattore più lamentato è stata la cancellazione dei servizi sanitari comuni, nel 66% dei casi. Cui si sono aggiunti la ridistribuzione del personale verso l’assistenza pazienti affetti da Covid-19 e l’indisponibilità di servizi causata da interruzioni di fornitura nelle attrezzature mediche e nei prodotti sanitari.
La ricerca suggerisce, tuttavia, che molti dei Paesi coinvolti hanno poi immediatamente iniziato a seguire alcune strategie consigliate dall’Oms. Tra queste la pratica del triage per identificare le priorità, i consulti e le visite online e al telefono, le modifiche alle pratiche di prescrizione dei medicinali, e un importante miglioramento dell’informazione sanitaria. Tuttavia, solo il 14% dei Paesi ha segnalato la rimozione delle tariffe agli utenti, che l’Oms raccomanda per compensare potenziali difficoltà finanziarie per i pazienti.

L’IMPATTO SULLA MORTALITÀ

Sebbene la stima degli effetti delle interruzioni dei servizi sulla base di questa indagine sia limitata, «è ragionevole anticipare che anche una modesta interruzione dei servizi sanitari essenziali potrebbe portare a un aumento della morbilità e della mortalità per cause diverse dal Covid-19 nel breve, medio e lungo termine», si legge in conclusione. È necessaria una maggiore comprensione del potenziale impatto delle interruzioni sulla morbilità e mortalità per valutare i benefici e i rischi del perseguimento di diverse strategie di mitigazione.

«Il sondaggio mette in luce le crepe dei nostri sistemi sanitari, ma serve anche a creare nuove strategie per migliorare la fornitura di assistenza sanitaria durante la pandemia e oltre», ha commentato Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’OMS. «Dobbiamo prepararci meglio per le emergenze, ma anche continuare a investire in sistemi sanitari che rispondano pienamente ai bisogni delle persone durante tutto il corso della vita», ha aggiunto in conclusione.

Articoli correlati
Covid-19, 131 mila contagi sul lavoro denunciati all’Inail nel 2020. Infermieri, OSS e medici i più colpiti
Il report mensile elaborato dall’Inail rileva, al 31 dicembre, un aumento di quasi 27mila casi rispetto alla fine di novembre (+25,7%). Un quarto dei decessi nel settore della sanità e assistenza sociale
Covid-19, il Comitato terapie domiciliari: «Richieste di aiuto moltiplicate nella seconda ondata»
Dal gruppo Facebook #Terapiadomiciliarecovid19, creato all’inizio della pandemia per far dialogare i medici dei territori sulle terapie anti Covid, è stato costituito un comitato presieduto dall’avvocato Erich Grimaldi
«Affrontare la pandemia: sciogliere i nodi vaccini, scuola, lavoro»
di On. Dott.ssa Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità, Popolo Protagonista
di On. Fabiola Bologna, Segretario Commissione Affari Sociali e Sanità
La commissione nominata dall’Oms critica la Cina: «Poche azioni forti e incisive all’inizio dell’epidemia»
Il documento prodotto dal gruppo indipendente nominato dall’Oms sottolinea le inefficienze ed i fallimenti della risposta internazionale e nazionale alla pandemia. La stessa Oms «avrebbe dovuto dichiarare in anticipo un’emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»