Politica 13 febbraio 2017

Ex specializzandi, il Ddl 2400 rischia lo stop. E la prescrizione è dietro l’angolo…

Dopo il via libera in Commissione Sanità, forti perplessità sul passaggio in Commissione Bilancio per l’ipotesi allargamento. Consulcesi Group: «A prescindere di quando e cosa si deciderà in Parlamento, i medici non perdano il loro diritto e facciano ricorso»

A rischio l’accordo transattivo tra lo Stato ed i medici specialisti ‘78-2006? Ricevuta l’approvazione (con osservazioni) della Commissione Sanità, il Ddl 2400 – che punta proprio a risolvere il lungo contenzioso tra le parti – si prepara ad un nuovo step decisivo: il via libera in Commissione Bilancio. Il timore è che il provvedimento, fin qui contraddistinto da un rapido iter, possa arenarsi proprio in questo frangente, davanti alle difficoltà di avere le adeguate coperture finanziarie.  È il presentimento che hanno anche molti di quei medici che nel periodo in questione non hanno ricevuto il corretto trattamento economico durante la scuola di specializzazione, sebbene questo fosse previsto da specifiche direttive Ue. Timori che trovano riscontri anche tra i senatori che stanno analizzando il Disegno di Legge, come si evince dall’articolo a firma di Mauro Miserendino su Dottor33. In particolare, sul tema, vengono registrate le perplessità della senatrice Nerina Dirindin, che insieme alla collega Manuela Granaiola (segretaria e relatrice della Commissione Sanità) hanno firmato uno degli emendamenti, proponendo una riduzione della cifra transata.

«Intanto siamo felicissimi che il Ddl abbia avuto l’ok dalla Commissione Sanità», commenta Massimo Tortorella, il presidente di Consulcesi Group, realtà grazie alla quale sono stati ad oggi riconosciuti oltre 500 milioni di euro ai medici che hanno partecipato alle azioni collettive, che sentenza dopo sentenza hanno dato vita ad una giurisprudenza ormai consolidata e che espone lo Stato al rischio di un esborso complessivo superiore ai 5 miliardi di euro. Proprio su questi presupposti anche la politica, prendendo atto della situazione, ha compreso l’importanza di trovare una soluzione al problema attraverso un accordo in armonia con i diritti dei medici e le difficoltà di cassa dello Stato.

«Il prossimo passaggio, quello in Commissione Bilancio, sarà fondamentale – aggiunge Tortorella -. Abbiamo, però, il timore che l’iter possa subire uno stop. Già ora, per far fronte agli oltre 80mila medici che hanno fatto ricorso, abbiamo a che fare con cifre esorbitanti. Un eventuale allargamento degli aventi diritto, quindi a 160mila medici specialisti, porterebbe a cifre ancora maggiori con conseguente difficoltà finanziarie a rispettare l’accordo transattivo». Il suggerimento che arriva da Consulcesi è quello di tutelarsi avanzando ricorso anche in considerazione dell’imminente scadenza dei termini di prescrizione. «Siamo stati i primi ad auspicare una soluzione come quella proposta da Ddl 2400, abbiamo dialogato e contattato i senatori che hanno poi avviato l’azione parlamentare. Ora, però, a prescindere da cosa e quando deciderà il Parlamento, è fondamentale non correre il rischio di perdere il diritto al rimborso, interrompendo la prescrizione».

Per approfondire:

Ex specializzandi, Granaiola (PD): «Lo Stato perde, i medici vanno tutelati: ecco perché il problema va risolto»

«Ex specializzandi, entro marzo il voto del DDL». Parla il primo firmatario: «Una garanzia per chi ha fatto ricorso»

Articoli correlati
Numero Chiuso in Medicina, Consulcesi: «Affidato a ‘dottori in legge’ compito di curare l’Italia che invecchia senza assistenza sanitaria»
Il network legale leader nella tutela dei medici e di chi aspira a diventarlo: «Finalmente la politica ha ammesso che il test non è uno strumento idoneo alla selezione dei futuri medici. Solo quest’anno ci sono arrivate oltre tremila segnalazioni da parte degli studenti che si sono rivolti a noi per intraprendere ricorso»
Ue: Blockchain è soluzione giusta per sicurezza e trasparenza in sanità e per la filiera del farmaco
Il messaggio degli esponenti del Parlamento Europeo e della Commissione, in occasione della presentazione a Bruxelles del libro “Crypto-Revelation” di Andrea e Massimo Tortorella
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
Diritti dei medici e novità legislative: istituzioni a confronto in Senato
Il 18 settembre Sanità Informazione organizza un confronto con i principali esponenti del mondo politico e sanitario sui principali problemi dei camici bianchi alla luce delle ultime novità giuridiche e delle più recenti sentenze che interessano il settore. Coinvolti giuristi, membri del Governo ed esponenti di tutti gli schieramenti parlamentari
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Salute

Pensioni, i contributi vanno in prescrizione? Cavallero (Cosmed): «Controllate estratto conto Inps»

Tra i temi affrontati alla Giornata della previdenza anche la contribuzione ridotta della quota B («Si può comunicare anche dopo il 30 settembre»), le prospettive di riforma della Legge Fornero ed ...