Cause 23 Gennaio 2017

«Ex specializzandi, entro marzo il voto del DDL». Parla il primo firmatario: «Una garanzia per chi ha fatto ricorso»

Senatore Piero Aiello: «La conclusione è vicina, entro i primi di febbraio avremo tutti i pareri necessari per votare il provvedimento in Commissione. Intanto, nell’attesa di vedersi riconoscere questo diritto, i medici possono rivolgersi ai Tribunali per fare ricorso»

Riparte la corsa del Ddl 2400 verso l’approvazione. Sembrano, dunque, riavvicinarsi i rimborsi per gli ex specializzandi. Dopo lo stop per la formazione del nuovo Governo e per le festività natalizie è infatti ripresa l’attività parlamentare del Disegno di Legge, che prevede un accordo transattivo, valido solo per chi avrà avanzato ricorso, per chiudere la lunga vertenza tra lo Stato italiano e i medici cui è stato negato il regolare trattamento economico durante la scuola di specializzazione, frequentata tra il 1978 ed il 2006. La vicenda va avanti da anni e ha determinato una notevole spesa per le Casse dello Stato depauperate già di circa 500 milioni di euro versate nelle tasche dei professionisti danneggiati. Si calcola un rischio di spesa totale di oltre 5 miliardi di euro.

Il Ddl 2400 è già all’Ordine del giorno della VII Commissione Istruzione del Senato e in questi giorni (per l’esattezza il 25 gennaio) è prevista la Consultiva in Commissione Sanità. In merito al proseguimento dell’iter, il primo firmatario del provvedimento, il Senatore Piero Aiello (NCD-UDC) ai microfoni di Sanità Informazione dichiara: «Finita la discussione sul Milleproroghe, ho chiesto un’accelerata, entro i primi di febbraio avremo tutti i pareri necessari per votare il provvedimento in Commissione», sottolineando come «per i medici che fanno ricorso per veder riconosciuto il loro diritto, il Ddl assicura un percorso di garanzia».

«Credo che sia un percorso oramai in via di conclusione, – prosegue Aiello – siamo speranzosi di poter finalmente ottenere un risultato che, ripeto ancora una volta, serve come garanzia ai medici e dà la possibilità allo Stato di risparmiare ingenti risorse. Si parla tanto di risparmi, di contenimento di spese, di piani di rientro, noi stiamo lavorando per dare risposte in questo senso, però soprattutto per dare la possibilità ai medici di ottenere un diritto acquisito».

Nel frattempo i medici continuano a seguire con attenzione i canali informativi proprio per monitorare l’iter di questa Legge e proseguono anche nel fare ricorso perché vogliono vedersi riconoscere un diritto. «Questa è la dimostrazione – precisa il Senatore – che giustamente i medici, per poter avere riconosciute delle garanzie, avanzano ricorso, quindi ricorrono a tutto quello che è la giurisprudenza necessaria per poter avere garantito un diritto. Noi stiamo assecondando questo processo, un accompagnamento normativo utile a facilitare un percorso di garanzia, credo che la responsabilità del Legislatore sia proprio questa».

Nel corso del 2016 sono stati rimborsati dallo Stato 1.129 medici specialisti solo tra quelli tutelati da Consulcesi, una delle realtà più in vista nel settore, con un importo complessivo di oltre 34,6 milioni di euro. Si tratta di numeri esorbitanti che, stando alle sentenze attese nei prossimi mesi, verranno quintuplicati nell’arco del 2017. Secondo le stime della principale realtà a tutela degli operatori sanitari, dalle casse pubbliche – nei prossimi mesi – usciranno più di 149,5 milioni di euro in favore di 5210 ex specializzandi del periodo 1978-2006. Ad oggi sono già oltre 500 i milioni di euro riconosciuti ai medici che hanno aderito alle azioni collettive avviate da Consulcesi per la tardiva applicazione delle direttive Ue in materia. Solo dopo la condanna della Corte di Giustizia Europea (25/02/1999 e 3/10/2000) il nostro Paese si è, infatti, messo in regola, a partire dal 2006, nei confronti degli specializzandi in Medicina, corrispondendo loro il corretto trattamento economico previsto. Nel 2017, per la precisione ad ottobre, scatta, invece, la prescrizione e dunque restano pochi mesi per tutelarsi attraverso un atto interruttivo.

Articoli correlati
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Dopo sentenza Corte d’Appello di Roma approvare subito ddl: medici vogliono giustizia»
Il tribunale ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici tutelati da Consulcesi che avevano perso in primo grado. Il senatore dell’Unione di Centro, primo firmatario di un disegno di legge per un accordo transattivo con il governo: «Circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando»
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Sentenza Corte d’Appello ci dà ragione. Serve accordo transattivo»
Il parlamentare UDC è autore di un ddl in Senato: la soluzione farebbe risparmiare 5 miliardi alle casse dello Stato che potranno essere reinvestiti sulla sanità per migliorare i servizi
Ex specializzandi, la Corte di Appello di Roma riconosce altri 19 milioni di euro e ribalta il primo grado per 172 medici
Consulcesi: «È la conferma che solo non proseguire nell’azione legale è una sconfitta certa». Il 12 aprile nuova azione collettiva sulla scia delle ultime sentenze positive: solo nel 2018 rimborsi per 48 milioni
Scuole specializzazione, Bonsignore (FNOMCeO): «No a deroghe su qualità formazione né a chiusure»
Una scuola su quattro rischierebbe l’accreditamento perché non rispetterebbe gli standard qualitativi previsti. Il coordinatore dell’Osservatorio giovani della FNOMCeO: «Le reti formative integrino università, ospedali e territorio». E sul numero chiuso: «Prova di accesso attuale non fa gran selezione. Dovrebbero essere valutate anche le motivazioni dei candidati»
Specializzazione, la ricetta di Fioramonti (Viceministro Miur): «Più fondi per fermare ‘imbuto formativo’»
Il numero due di Viale Trastevere parla a Sanità Informazione dei punti su cui verterà la riforma delle Scuole di Specializzazione: «Serve maggiore trasparenza e merito. L’Italia perde fino a 500mila euro per ogni medico che va all'estero. Deve diventare più attrattiva per chi è fuori, occorre maggiore mobilità». E aggiunge: «Rapporto tra azienda ospedaliera e università non è sempre efficiente come dovrebbe essere»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone