Cause 23 gennaio 2017

«Ex specializzandi, entro marzo il voto del DDL». Parla il primo firmatario: «Una garanzia per chi ha fatto ricorso»

Senatore Piero Aiello: «La conclusione è vicina, entro i primi di febbraio avremo tutti i pareri necessari per votare il provvedimento in Commissione. Intanto, nell’attesa di vedersi riconoscere questo diritto, i medici possono rivolgersi ai Tribunali per fare ricorso»

Riparte la corsa del Ddl 2400 verso l’approvazione. Sembrano, dunque, riavvicinarsi i rimborsi per gli ex specializzandi. Dopo lo stop per la formazione del nuovo Governo e per le festività natalizie è infatti ripresa l’attività parlamentare del Disegno di Legge, che prevede un accordo transattivo, valido solo per chi avrà avanzato ricorso, per chiudere la lunga vertenza tra lo Stato italiano e i medici cui è stato negato il regolare trattamento economico durante la scuola di specializzazione, frequentata tra il 1978 ed il 2006. La vicenda va avanti da anni e ha determinato una notevole spesa per le Casse dello Stato depauperate già di circa 500 milioni di euro versate nelle tasche dei professionisti danneggiati. Si calcola un rischio di spesa totale di oltre 5 miliardi di euro.

Il Ddl 2400 è già all’Ordine del giorno della VII Commissione Istruzione del Senato e in questi giorni (per l’esattezza il 25 gennaio) è prevista la Consultiva in Commissione Sanità. In merito al proseguimento dell’iter, il primo firmatario del provvedimento, il Senatore Piero Aiello (NCD-UDC) ai microfoni di Sanità Informazione dichiara: «Finita la discussione sul Milleproroghe, ho chiesto un’accelerata, entro i primi di febbraio avremo tutti i pareri necessari per votare il provvedimento in Commissione», sottolineando come «per i medici che fanno ricorso per veder riconosciuto il loro diritto, il Ddl assicura un percorso di garanzia».

«Credo che sia un percorso oramai in via di conclusione, – prosegue Aiello – siamo speranzosi di poter finalmente ottenere un risultato che, ripeto ancora una volta, serve come garanzia ai medici e dà la possibilità allo Stato di risparmiare ingenti risorse. Si parla tanto di risparmi, di contenimento di spese, di piani di rientro, noi stiamo lavorando per dare risposte in questo senso, però soprattutto per dare la possibilità ai medici di ottenere un diritto acquisito».

Nel frattempo i medici continuano a seguire con attenzione i canali informativi proprio per monitorare l’iter di questa Legge e proseguono anche nel fare ricorso perché vogliono vedersi riconoscere un diritto. «Questa è la dimostrazione – precisa il Senatore – che giustamente i medici, per poter avere riconosciute delle garanzie, avanzano ricorso, quindi ricorrono a tutto quello che è la giurisprudenza necessaria per poter avere garantito un diritto. Noi stiamo assecondando questo processo, un accompagnamento normativo utile a facilitare un percorso di garanzia, credo che la responsabilità del Legislatore sia proprio questa».

Nel corso del 2016 sono stati rimborsati dallo Stato 1.129 medici specialisti solo tra quelli tutelati da Consulcesi, una delle realtà più in vista nel settore, con un importo complessivo di oltre 34,6 milioni di euro. Si tratta di numeri esorbitanti che, stando alle sentenze attese nei prossimi mesi, verranno quintuplicati nell’arco del 2017. Secondo le stime della principale realtà a tutela degli operatori sanitari, dalle casse pubbliche – nei prossimi mesi – usciranno più di 149,5 milioni di euro in favore di 5210 ex specializzandi del periodo 1978-2006. Ad oggi sono già oltre 500 i milioni di euro riconosciuti ai medici che hanno aderito alle azioni collettive avviate da Consulcesi per la tardiva applicazione delle direttive Ue in materia. Solo dopo la condanna della Corte di Giustizia Europea (25/02/1999 e 3/10/2000) il nostro Paese si è, infatti, messo in regola, a partire dal 2006, nei confronti degli specializzandi in Medicina, corrispondendo loro il corretto trattamento economico previsto. Nel 2017, per la precisione ad ottobre, scatta, invece, la prescrizione e dunque restano pochi mesi per tutelarsi attraverso un atto interruttivo.

Articoli correlati
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
Ex specializzandi, 16 miliardi a rischio per le casse dell’erario. Arriva Ddl per accordo Governo e camici bianchi
C’è una bomba ad orologeria nelle casse pubbliche: la vertenza tra gli ex specializzandi ’78-2006 e lo Stato. Gli aventi diritto ammontano a oltre 110mila medici e il contenzioso costerà all’erario più di 16 miliardi. Il senatore Antonio De Poli: «Pronto disegno di legge per un accordo che farà risparmiare 5 miliardi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano