Lavoro 1 dicembre 2015

Ex specializzandi: Bruxelles mette sempre più fretta all’Italia

L’eurodeputato del M5S, Piernicola Pedicini: «La violazione delle direttive ha costi elevati, urge soluzione immediata». Sui turni massacranti: «Pieno sostegno ai medici che percorrono la strada dei ricorsi».

Immagine articolo

Prevenire è meglio che curare, è un consiglio di cui il nostro Paese dovrebbe fare tesoro. Un’Italia perennemente in ritardo, e un’Europa che, alla fine, presenta il conto. Salatissimo, dal momento che – a causa dell’inerzia dello Stato nell’adeguarsi a quelle direttive europee che prevedevano il rispetto dei turni di lavoro per i medici, e il giusto risarcimento per gli ex specializzandi dei periodi ’78 – ’93 e ’94 – 2006 – i camici bianchi ricorrono in massa alle aule dei Tribunali, che danno loro ragione.


Il risultato? Per quanto riguarda gli ex specializzandi, lo Stato – che continua a glissare sui tre disegni di legge che propongono un accordo transattivo – rischia un esborso di oltre 5 miliardi di euro. Per quanto riguarda la questione orari di lavoro, lo scorso 25 novembre è entrata in vigore la legge di adeguamento alla normativa europea. Tuttavia, pare che, in concreto, ben poco cambierà. E oltre ai risarcimenti, lo Stato deve fare i conti con un’altra problematica a questa complementare e ancora irrisolta: lo sblocco del turn over.

Sanità informazione è volata a Bruxelles per parlarne con Piernicola Pedicini, coordinatore del Gruppo EFDD (Europe of Freedom and Direct Democracy), esponente del M5S membro della Commissione Ambiente, Salute e Sicurezza alimentare del Parlamento europeo.
«L’Unione europea, su questi temi, suggerisce all’Italia che prevenire è meglio che curare, soprattutto in termini economici. Bisogna assolutamente provvedere ad adeguarsi ai principi dettati dal Parlamento europeo, perché non si può pretendere di essere Stati membri aderendo solo pro forma a questi principi, senza attuarli concretamente. Ciò che stiamo facendo, questo ritardo nell’adeguamento, ci costa solo tanto denaro. Qui c’è in ballo un diritto fondamentale del cittadino dell’Ue: il diritto alla salute, e di riflesso il diritto del personale sanitario ad essere adeguatamente formato per fornire le giuste prestazioni ai pazienti. Ricordiamoci che i medici, fin dalla fase di specializzazione, danno un contributo essenziale alla sanità ed hanno certamente diritto ad ottenere quel che è loro dovuto, e nei tempi giusti. Ecco perché questa questione va risolta in fretta».

Il premier Renzi di recente in un question time alla Camera ha ammesso che la spesa per Palazzo Chigi è aumentata a dismisura proprio a causa di questi risarcimenti. Qual è la soluzione?
«Il costo c’è nel momento in cui bisogna ottemperare a delle direttive europee disattese, viceversa c’è un risparmio nel momento in cui si risolve la questione una volta per tutte. Mi fa piacere che sia stato un intervento del M5S a sollecitare la risposta di Renzi al Parlamento. Presteremo particolarmente attenzione alla questione, non soltanto in Italia, ma in qualsiasi Stato membro dovesse sorgere questo tipo di problema».

E per quanto riguarda la questione turni massacranti, in questo momento quella dei ricorsi sembra essere l’unica strada percorribile.
«Pieno sostegno ai medici che hanno deciso di intraprendere la strada dei ricorsi per far rispettare il loro diritto. Noi, intanto, stiamo percorrendo una strada parallela, che prevede un rapporto di iniziativa promosso dal M5S in Commissione Sanità, finalizzato a contrastare gli eventi avversi in Sanità. Nell’ambito di questo rapporto di iniziativa c’è anche un paragrafo specifico in cui si chiede di smetterla con le politiche di austerity in campo sanitario, responsabili di questa problematica: riducendo i profili professionali sanitari e gli staff ospedalieri, aumenta il rischio di evento avverso. Al tempo stesso, mentre i medici nei reparti diminuiscono, il fabbisogno di cure è costante, se non crescente. Ovvio che i turni di lavoro diventano massacranti».

Articoli correlati
Errori medici, OMCeO Roma: «No a deriva affaristica»
«È inaccettabile che si speculi sulla possibilità  di errori dei medici». È netta la presa di posizione dei vertici dell’OMCeO di Roma e provincia in merito all’azienda privata nata per gestire le vertenze. «La strada maestra per governare il fenomeno dell’errore medico non è quella di trasformare tutto in un business milionario dei risarcimenti – dichiarano il presidente […]
Ex specializzandi, raffica di sentenze. In 15 giorni, Stato condannato a rimborsare altri 234 medici per un esborso di oltre 5 milioni di euro
Significativo un passaggio della sentenza della Corte D’Appello di Roma: «La responsabilità dello Stato per la mancata o tardiva attuazione delle direttive europee è duplice: da un lato verso l’Unione Europea per la violazione dello stesso diritto europeo, dall’altro verso i cittadini i quali non hanno acquisito la titolarità di uno e più diritti a causa di detto mancato o tardivo recepimento»
Ex specializzandi 1993-2006: «Lo Stato deve risarcire 10 miliardi a oltre 50mila medici»
Massimo Tortorella, Presidente Consulcesi: «Forti dell’autorevole parere già da noi depositato presso i Tribunali e le Corti italiane lanciamo subito una nuova azione collettiva per dare a tutti l’opportunità di recuperare le somme dovute dallo Stato e per rassicurare tutti coloro che sono in attesa sull’esito positivo dei procedimenti pendenti»
Ex specializzandi, l’interrogazione del deputato Galeazzo Bignami: «Vertenza ventennale, governo intervenga per sanare situazione»
Il deputato di Forza Italia si rivolge a MEF, Ministero della Salute e del Lavoro: «Occorre dare finalmente il giusto riconoscimento sotto il profilo economico e dei contributi previdenziali ai medici specializzandi negli anni in questione». E riporta i dati di Sanità Informazione: lo Stato dovrebbe erogare circa 16 miliardi di euro per gli oltre 110 mila medici che hanno frequentato la scuola di specializzazione in medicina tra il 1978 e il 2006
Ex specializzandi, Giovanni Leoni (FNOMCeO): «La nostra è la generazione dei diritti negati»
«Oggi sono qui in rappresentanza dei 400 mila medici italiani in attività e per me questa responsabilità viene prima di ogni cosa» così Giovanni Leoni, Vicepresidente della Federazione in occasione del convegno organizzato da Sanità Informazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Formazione ECM, tutte le novità 2019: dall’aggiornamento all’estero alla certificazione

Un dovere sentito sempre più come opportunità professionale. Ecco, in una rapida carrellata, i principali cambiamenti che hanno investito negli ultimi anni il sistema dell’Educazione Continua in M...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, Beux (TSRM e PSTRP): «Condividiamo obiettivi ma così si rischia sanatoria. In decreti attuativi si ponga rimedio o faremo da soli»

Il provvedimento inserito in legge di Bilancio prevede che chi ha lavorato 36 mesi negli ultimi 10 anni possa continuare ad esercitare anche senza i titoli per iscriversi al maxi Ordine delle professi...
Politica

Deroga iscrizione Ordini, la bocciatura dei fisioterapisti. Tavarnelli (Aifi): «Si riaprano i percorsi di equivalenza già previsti dalla legge 42 del ’99»

Il presidente Aifi: «Senza un passo indietro si rischia una sanatoria globale, una grande confusione per il cittadino ed una scarsissima tutela della sua salute»
di Isabella Faggiano