Lavoro 1 Dicembre 2015

Ex specializzandi: Bruxelles mette sempre più fretta all’Italia

L’eurodeputato del M5S, Piernicola Pedicini: «La violazione delle direttive ha costi elevati, urge soluzione immediata». Sui turni massacranti: «Pieno sostegno ai medici che percorrono la strada dei ricorsi».

Immagine articolo

Prevenire è meglio che curare, è un consiglio di cui il nostro Paese dovrebbe fare tesoro. Un’Italia perennemente in ritardo, e un’Europa che, alla fine, presenta il conto. Salatissimo, dal momento che – a causa dell’inerzia dello Stato nell’adeguarsi a quelle direttive europee che prevedevano il rispetto dei turni di lavoro per i medici, e il giusto risarcimento per gli ex specializzandi dei periodi ’78 – ’93 e ’94 – 2006 – i camici bianchi ricorrono in massa alle aule dei Tribunali, che danno loro ragione.


Il risultato? Per quanto riguarda gli ex specializzandi, lo Stato – che continua a glissare sui tre disegni di legge che propongono un accordo transattivo – rischia un esborso di oltre 5 miliardi di euro. Per quanto riguarda la questione orari di lavoro, lo scorso 25 novembre è entrata in vigore la legge di adeguamento alla normativa europea. Tuttavia, pare che, in concreto, ben poco cambierà. E oltre ai risarcimenti, lo Stato deve fare i conti con un’altra problematica a questa complementare e ancora irrisolta: lo sblocco del turn over.

Sanità informazione è volata a Bruxelles per parlarne con Piernicola Pedicini, coordinatore del Gruppo EFDD (Europe of Freedom and Direct Democracy), esponente del M5S membro della Commissione Ambiente, Salute e Sicurezza alimentare del Parlamento europeo.
«L’Unione europea, su questi temi, suggerisce all’Italia che prevenire è meglio che curare, soprattutto in termini economici. Bisogna assolutamente provvedere ad adeguarsi ai principi dettati dal Parlamento europeo, perché non si può pretendere di essere Stati membri aderendo solo pro forma a questi principi, senza attuarli concretamente. Ciò che stiamo facendo, questo ritardo nell’adeguamento, ci costa solo tanto denaro. Qui c’è in ballo un diritto fondamentale del cittadino dell’Ue: il diritto alla salute, e di riflesso il diritto del personale sanitario ad essere adeguatamente formato per fornire le giuste prestazioni ai pazienti. Ricordiamoci che i medici, fin dalla fase di specializzazione, danno un contributo essenziale alla sanità ed hanno certamente diritto ad ottenere quel che è loro dovuto, e nei tempi giusti. Ecco perché questa questione va risolta in fretta».

Il premier Renzi di recente in un question time alla Camera ha ammesso che la spesa per Palazzo Chigi è aumentata a dismisura proprio a causa di questi risarcimenti. Qual è la soluzione?
«Il costo c’è nel momento in cui bisogna ottemperare a delle direttive europee disattese, viceversa c’è un risparmio nel momento in cui si risolve la questione una volta per tutte. Mi fa piacere che sia stato un intervento del M5S a sollecitare la risposta di Renzi al Parlamento. Presteremo particolarmente attenzione alla questione, non soltanto in Italia, ma in qualsiasi Stato membro dovesse sorgere questo tipo di problema».

E per quanto riguarda la questione turni massacranti, in questo momento quella dei ricorsi sembra essere l’unica strada percorribile.
«Pieno sostegno ai medici che hanno deciso di intraprendere la strada dei ricorsi per far rispettare il loro diritto. Noi, intanto, stiamo percorrendo una strada parallela, che prevede un rapporto di iniziativa promosso dal M5S in Commissione Sanità, finalizzato a contrastare gli eventi avversi in Sanità. Nell’ambito di questo rapporto di iniziativa c’è anche un paragrafo specifico in cui si chiede di smetterla con le politiche di austerity in campo sanitario, responsabili di questa problematica: riducendo i profili professionali sanitari e gli staff ospedalieri, aumenta il rischio di evento avverso. Al tempo stesso, mentre i medici nei reparti diminuiscono, il fabbisogno di cure è costante, se non crescente. Ovvio che i turni di lavoro diventano massacranti».

Articoli correlati
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Dopo sentenza Corte d’Appello di Roma approvare subito Ddl: medici vogliono giustizia»
Il tribunale ha riconosciuto a 490 camici bianchi altri 15 milioni di euro e ha riformato la posizione di altri 172 medici tutelati da Consulcesi che avevano perso in primo grado. Il senatore dell’Unione di Centro, primo firmatario di un disegno di legge per un accordo transattivo con il governo: «Circa 560 circa medici che hanno avuto ragione, ma ce ne sono altri 118mila che stanno aspettando»
Ex specializzandi, De Poli (Udc): «Sentenza Corte d’Appello ci dà ragione. Serve accordo transattivo»
Il parlamentare UDC è autore di un ddl in Senato: la soluzione farebbe risparmiare 5 miliardi alle casse dello Stato che potranno essere reinvestiti sulla sanità per migliorare i servizi
Ex specializzandi, la Corte di Appello di Roma riconosce altri 19 milioni di euro e ribalta il primo grado per 172 medici
Consulcesi: «È la conferma che solo non proseguire nell’azione legale è una sconfitta certa». Il 12 aprile nuova azione collettiva sulla scia delle ultime sentenze positive: solo nel 2018 rimborsi per 48 milioni
Contenziosi medici-pazienti, Pierpaolo Sileri (M5S): «Arbitrato salute idea vincente, riduce i costi per il SSN e scoraggia la medicina difensiva»
«In tutto il percorso diagnostico-terapeutico del paziente possono essere commessi errori: dalla diagnosi fino alla terapia. A volte, si tratta di errori indiretti causati dal sistema ospedale che non sono riconducibili alla responsabilità del singolo medico» specifica il presidente della Commissione Sanità del Senato
di Viviana Franzellitti e Giovanni Cedrone
Medici sotto attacco, Rossi (OMCeO Milano): «La classe medica è massacrata. Il nostro lavoro è sottopagato e sotto considerato»
«Poi non stupiamoci se i reparti si desertificano, il territorio si sguarnisce e i medici vanno all’estero. Questa situazione non ha alcun senso». Così il presidente dell’Ordine dei Medici di Milano, che accoglie la proposta di istituire un Arbitrato della Salute
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, ecco perché ai medici conviene. Cavallero (Cosmed): «È l’unico modo per programmare un’uscita dal lavoro prima dei 70 anni»

La norma voluta dal governo permetterà a chi ha iniziato a lavorare dal 1996 di poter guadagnare anni di contribuzione pagando 5240 euro per ogni anno di studio. «Dobbiamo capire perché universitar...
Lavoro

Allarme pensioni, Palermo (Anaao): «Si rischia il caos. Speriamo che aderisca a Quota 100 solo il 25%»

In base alle stime del sindacato, per il combinato disposto di Quota 100 e gobba pensionistica, in tre anni lasceranno il SSN 24mila medici, che si aggiungono all’attuale deficit di 10mila camici bi...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità privata, Aiop: «Siano coinvolte Regioni». Cgil: «Chi fa profitti non può chiedere che a pagare siano altri»

Dopo 18 mesi di trattativa, i sindacati confederati hanno interrotto il dialogo perché le controparti, Aiop e Aris, non sono disposte a farsi carico della parte economica del rinnovo del contratto di...
di Giulia Cavalcanti e Giovanni Cedrone