Lavoro 28 Dicembre 2021 14:29

Lavorare fino a 70 anni per far fronte alla carenza di medici: gli incentivi Enpam

Dalla reintroduzione dei coefficienti di maggiorazione all’aggiornamento dei coefficienti di adeguamento all’aspettativa di vita, ecco le misure ipotizzate dall’Enpam

Lavorare fino a 70 anni per far fronte alla carenza di medici: gli incentivi Enpam

L’attuale crisi del numero di medici, dovuta a vari fattori tra loro complementari quali l’aumento delle classi pensionande, la quantità di professionisti in quiescenza e la scarsità di giovani specialisti a causa di miopi scelte di programmazione universitaria, sta rendendo sempre più impellente la necessità di incentivare la permanenza in servizio dell’attuale classe medica. Una sfida complessa, anche a causa di una concomitante tendenza dei professionisti a ricorrere al pensionamento anticipato non appena raggiunti i requisiti minimi di accesso, dovuta a condizioni di lavoro spesso sfiancanti e a sempre più insostenibili incombenze burocratiche.

L’Enpam si sta impegnando nella ricerca di strumenti da mettere in campo per rendere più appetibile una permanenza prolungata in servizio e, al tempo stesso, disincentivare il ricorso al pensionamento anticipato. Ecco le misure ipotizzate.

La reintroduzione dei coefficienti di maggiorazione sull’intera pensione in caso di posticipazione del pensionamento

Come anticipato da DottNet, si tratta di una misura in vigore fino a 15 anni fa per i medici convenzionati che sceglievano di restare in servizio oltre i 65 anni d’età, per i quali erano previste delle aliquote di maggiorazione della pensione maturata, commisurate ai mesi di ritardo rispetto all’età di vecchiaia. La misura venne abolita a seguito della necessità di favorire l’ingresso dei giovani medici nel mondo del lavoro, e fu sostituita dalla maggiorazione dei soli anni di lavoro successivi all’età pensionabile.

La reintroduzione dei coefficienti di maggiorazione costituirebbe un incentivo alla permanenza in servizio, contribuendo ad aumentare l’età media del collocamento a riposo, sebbene con un impatto ridotto rispetto al passato in quanto l’età pensionabile è passata da 65 a 68 anni e quindi l’incentivo potrà riguardare al massimo due anni di posticipazione, dal momento che le convenzioni vengono meno al compimento dei 70 anni d’età. Tuttavia per i liberi professionisti, iscritti alla Quota B dell’Enpam, che non hanno obbligo di cessazione dell’attività, i coefficienti di maggiorazione potrebbero arrivare fino al 75° anno di età.

L’aggiornamento dei coefficienti di adeguamento all’aspettativa di vita

Questa misura, applicata dall’Enpam allo scopo di penalizzare il calcolo delle pensioni anticipate, costituirebbe un deterrente ai pensionamenti prematuri. La possibilità di usufruire del pensionamento anticipato, infatti, deve essere controbilanciata da una riduzione dell’importo corrispondente a causa del periodo maggiore di godimento della rendita.

Attualmente, i coefficienti in vigore risalgono al 2013 e sono stati calcolati attraverso la tavola demografica Istat del 2010, ma l’Enpam propone una revisione di detti coefficienti in sede di stesura del bilancio tecnico aggiornato al 31 dicembre 2020, che tenga conto dell’attuale aspettativa di vita, stimata in decremento per il 2020 e 2021 a causa dell’impatto della pandemia, al fine di assicurare la sostenibilità delle gestioni previdenziali.

A un esame approfondito però, questa misura potrebbe contenere aspetti penalizzanti per quei liberi professionisti che, non avendo l’obbligo di cessare l’attività per accedere alla pensione anticipata, tendono a impostare le loro attività sulla base del nuovo reddito pensionistico percepibile dai 62 anni di età in aggiunta a quello derivante dalla loro attività.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid, amministrazioni sanitarie in tilt: +20% errori in retribuzione sanitari
L’allarme di Consulcesi & Partners: «La pandemia ha generato caos, boom errori in buste paga e calcolo pensioni»
Emergenza Covid e medici vaccinatori, in quali casi scatta lo stop alla pensione?
Sul banco degli imputati l’articolo 3 bis del Dl 2 del 2021: chi ha stipulato un incarico ai sensi di questa norma rischia di vedersi bloccata la pensione. Pulci (ENPAM): «Molte persone hanno dato disponibilità sulla base di un contesto normativo in cui non c’era nessuna penalizzazione». De Matteis (SMI): «Molti si tireranno indietro, regole assurde»
Vaccini, C&P: «Per medici pensionati rischio di essere vittime di norma incostituzionale»
Ad esprimersi sulla vicenda che ha alimentato la preoccupazione di molte aziende sanitarie per i possibili contraccolpi in un momento di emergenza nazionale, sono gli avvocati di Consulcesi & Partners, network legale dell’azienda Consulcesi
Come capire se un medico riceve (o riceverà) la giusta pensione
È possibile che un professionista sanitario che non esercita più riceva una pensione più bassa di quanto gli spetterebbe. Errori nelle pratiche amministrative possono portare ad una rata mensile sensibilmente meno corposa di quanto maturato. Abbiamo parlato con Francesco Russo, amministratore Con.Ser.Imp srl, studio associato a Consulcesi & Partners, per capire cosa deve fare un medico per farsi restituire quanto ingiustamente tolto
Enpam, patrimonio raddoppiato in dieci anni. Oliveti: «E con fiscalità europea più vantaggi agli iscritti»
Il presidente dell’ente previdenziale di medici e dentisti racconta l’anno del Covid: «Adottate misure per 700 milioni di euro per aiutare gli iscritti danneggiati dall’epidemia, ma assicurata sostenibilità dell’ente a 30 anni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 19 gennaio, sono 334.395.897 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.556.935 i decessi. Ad oggi, oltre 9,70 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre