Lavoro 9 Maggio 2022 15:23

Pensioni, è facile aumentarle con l’allineamento dei contributi

Lo strumento, messo a disposizione da Enpam per i suoi iscritti, permette un incremento sostanziale dell’importo della pensione

Pensioni, è facile aumentarle con l’allineamento dei contributi

Continua l’indagine di Sanità Informazione sulle soluzioni più vantaggiose che offrano ai camici bianchi l’opportunità di aumentare il proprio assegno di pensione. Questa volta abbiamo esaminato lo strumento proposto dall’ente previdenziale Enpam che consiste nell’allineamento dei contributi. Come si legge sul sito della Fondazione, si tratta di un riscatto che consente di allineare i contributi già pagati a una contribuzione più alta versata nei periodi in cui si è lavorato di più e quindi il reddito è stato maggiore. In questo modo si può ottenere un incremento sostanziale dell’importo della pensione (e non dell’anzianità contributiva). I contributi volontari da riscatto, come quelli ordinari, sono interamente deducibili dalle tasse.

I requisiti. Chi può richiedere l’allineamento dei contributi

Può chiedere l’allineamento l’iscritto Enpam che:

  • non ha compiuto l’età per la pensione al momento in cui presenta la domanda; è ancora attivo sul fondo per il quale fa domanda di allineamento;
  • ha maturato un’anzianità contributiva al fondo non inferiore a 5 anni;
  • è in regola con il pagamento di altri riscatti in corso;
  • non ha fatto domanda di pensione d’inabilità assoluta e permanente;
  •  non ha rinunciato da meno di 2 anni allo stesso riscatto.

Come funziona l’allineamento dei contributi

I criteri secondo i quali avviene l’allineamento variano in base al fondo in cui si fa domanda, se quello della Libera professione o della Medicina convenzionata e accreditata.

Nel caso della libera professione (Quota B), si allineano i contributi inferiori al contributo più alto degli ultimi tre anni. Nel caso dell’assistenza primaria e specialistica ambulatoriale, si allineano i contributi inferiori alla media annua dei contributi versati negli ultimi 36 mesi coperti da contribuzione effettiva.

Inoltre, ricorda la Fondazione, la domanda non è vincolante: una volta ricevuta la proposta da parte degli uffici, l’eventuale accettazione va spedita entro 120 giorni, trascorsi i quali la proposta viene considerata decaduta.

Come effettuare i pagamenti

Come si legge sul sito Enpam, i pagamenti si possono effettuare o in unica soluzione con bollettino Mav il mese successivo a quello in cui l’accettazione è stata registrata, oppure in rate semestrali, nei mesi di giugno e dicembre con bollettini Mav. I versamenti sono maggiorati dell’interesse legale in vigore al momento (tasso variabile).

Note da ricordare

La Fondazione ricorda inoltre che i versamenti rateali possono essere sospesi in qualsiasi momento fino a un massimo di due anni dalla scadenza dell’ultima rata pagata, e che è sempre comunque possibile mettersi in regola con il debito pregresso o decidere di interrompere definitivamente i pagamenti. In quest’ultimo caso il beneficio sulla pensione sarà limitato alle somme versate (fa eccezione il riscatto dei periodi liquidati). Infine, l’allineamento non va necessariamente saldato entro la data del pensionamento, ma si può pagare anche dopo la pensione, purché si continui ad esercitare la professione e comunque non oltre 70 anni.

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Liberi professionisti, per la dichiarazione dei redditi arriva il modello D
Il modello D, interamente digitale, da inviare entro fine luglio, permette di pianificare in anticipo il pagamento dei contributi di quota B
Pensione medici, ecco come aumentarla tramite i riscatti
Analizziamo uno degli strumenti messi a disposizione dall’Enpam per aiutare i propri iscritti
Infortuni e malattie, alle tutele Enpam si aggiunge una nuova garanzia
Si tratta della polizza Emapi (Reale Assicurazioni) per infortuni professionali ed extra. Inclusi familiari e dipendenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 24 giugno, sono 542.130.868 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.326.038 i decessi. Ad oggi, oltre 11,63 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali