Formazione 18 luglio 2017

Fabbisogni formativi professioni sanitarie: il Miur rimanda il tavolo tecnico al 19 luglio

«Una ripartizione pesantemente iniqua» lo ha dichiarato il Governatore del Veneto sulla ripartizioni dei posti per le immatricolazioni ai corsi di laurea in medicina. Il Miur accoglie la critica e aggiorna il tavolo tecnico al 19 luglio

Si conclude con un nulla di fatto il tavolo tecnico del Miur, riunito venerdì scorso nella sede del Ministero, sulle cifre definitive dei posti disponibili per le immatricolazioni 2017-18 ai corsi di laurea a ciclo unico in Medicina e Chirurgia, Odontoiatria, Medicina veterinaria e corsi di laurea delle Professioni sanitarie. Prossimo appuntamento: mercoledì 19 luglio, giorno in cui il tavolo si riaggiornerà per arrivare ad una decisione definitiva sulla distribuzione dei fabbisogni formativi delle professioni sanitarie.

Il Ministero dell’Istruzione ha reputato necessario convocare un tavolo tecnico per rispondere alle polemiche sollevate dalla Regione Veneto che, per bocca del Presidente della Regione Luca Zaia, aveva accusato il Ministero di aver avallato (negli allegati del Dm 477 del 28 giugno) una suddivisione del tutto sbilanciata dei posti disponibili concentrandoli prevalentemente su Roma. Rivedere la suddivisione dei posti disponibili ripartiti nei vari atenei d’Italia era dunque l’ordine del giorno della riunione di venerdì scorso, ma per adesso non è stata notificata alcuna decisione.

«L’errore di un burocrate o un blitz sventato? Di fatto, da adesso in poi, saremo impietosi nel vigilare» aveva dichiarato alla stampa il Governatore Zaia, in seguito alla decisione del Miur di riaprire le trattative sulla distribuzione dei fabbisogni. Una ripartizione «pesantemente iniqua che tagliava circa duemila posti pressoché a tutte le Regioni italiane, ricollocandoli nelle università romane» aveva spiegato Zaia, mettendo in discussione la ripartizione dei posti disponibili negli Atenei. Dal canto suo il Miur si è mostrato disponibile a tornare sui suoi passi.

Articoli correlati
Roma, al via la presentazione di Expo Salus e Nutrition
Lunedì 22 ottobre all’Auditorium del Ministero della Salute (Lungotevere Ripa 1) alle ore 12, si terrà la conferenza stampa per la presentazione di ExpoSalus, la prima Fiera a Roma su salute, benessere e qualità di vita. Un luogo di confronto e condivisione tra professionisti, istituzioni, aziende, associazioni di pazienti e cittadini per essere protagonisti attivi del […]
Ospedale Bambino Gesù: biciclette in dono ai piccoli pazienti trapiantati
Biciclette nuove e fiammanti in dono per 9 giovani pazienti trapiantati dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù , che ieri pomeriggio si sono ritrovati nella sede del Gianicolo per dare una pedalata in compagnia. La squadra di ciclisti in erba si era già riunita lo scorso ottobre nella Minifondo di Roma, gara promossa dall’As Roma Ciclismo nell’ambito […]
Carenza medici, le proposte dei sindacati: tutti d’accordo su aumento borse ma distanze su apertura concorsi a specializzandi
L'Anaao Assomed propone teaching hospital e richiede nuova programmazione del fabbisogno. Fp Cgil medici, Cisl medici e Uil Fpl medici: «Necessario drastico cambio di rotta». CIMO: «Rivedere il sistema attraverso una programmazione seria del fabbisogno del personale e dei meccanismi di accesso alla professione medica»
Disturbi dell’alimentazione, la guida del ministero per famiglie e operatori sanitari. E arriva il codice lilla
Un Tavolo di lavoro specifico coordinato dal ministero della Salute ha elaborato le “Raccomandazioni per interventi in Pronto Soccorso per un Codice Lilla” e le “Raccomandazioni per i familiari”
Vaccini, la petizione delle mamme di bimbi immunodepressi. La storia di Roberta: «Mia figlia merita una vita normale»
Una raccolta di 300mila firme per rinvigorire l’obbligo alla profilassi e abolire l’ipotesi di ‘flessibilità’ così come proposta dal governo. Questo l’obiettivo di tantissime mamme che insieme all’associazione ‘IoVaccino’ reclamano il diritto alla salute e allo studio per i figli
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM e validazione delle competenze mediche: più spazio alla professione. Lavalle (Agenas): «Ecco come funzionerà»

«Dare un valore all’apprendimento non certificato è utile stimolo per professionista» così Franco Lavalle, vicepresidente OMCeO Bari e membro dell’Osservatorio Nazionale del’ Age.na.s
Professioni Sanitarie

Professioni sanitarie, Beux (TSRM e PSTRP): «Ordine favorirà qualità. Ora servono decreti attuativi»

Inizia a prendere vita il nuovo ordine istituito nella scorsa legislatura. 33mila i professionisti già censiti ma se ne stimano 230-240mila
Lavoro

Allarme chirurghi, Marini (Acoi): «Specialità scelta solo da 90 giovani. Siamo tra i migliori al mondo, appello alle istituzioni»

Il messaggio lanciato da Sic e Acoi riunite in congresso: «Sostenete la chirurgia italiana che, nonostante tutto, c’è ed è forte. Contenzioso medico-legale e stipendi tra i peggiori in Europa dis...