Lavoro 15 Ottobre 2021 14:38

Carenza di infermieri, Costa promette: «Allineeremo offerta formativa a fabbisogno»

Il sottosegretario alla Salute: «L’infermiere di famiglia e comunità sarà una delle figure professionali di riferimento che assicurerà l’assistenza infermieristica ai diversi livelli di complessità in collaborazione con tutti i professionisti presenti nella comunità»

Carenza di infermieri, Costa promette: «Allineeremo offerta formativa a fabbisogno»

Quella dell’infermiere di famiglia sarà la figura di riferimento per l’assistenza infermieristica ai diversi livelli e il Ministero della Salute si impegnerà per allineare l’offerta formativa al fabbisogno del paese, in vista della riforma dell’assistenza territoriale. Lo ha affermato il sottosegretario alla Salute Andrea Costa in Commissione Affari Sociali, rispondendo a una domanda della deputata Elena Carnevali (PD).

Infermiere di famiglia

«Nell’ambito del nuovo modello organizzativo della rete di assistenza sanitaria territoriale previsto dalla Missione 6 del Piano nazionale di ripresa e resilienza emerge in modo significativo il ruolo dell’infermiere di famiglia e comunità, impegnato a promuovere proattivamente il contatto con la persona che presenta un bisogno di salute nell’ambito della comunità in cui opera ed a fornire prestazioni assistenziali in ambito ambulatoriale, domiciliare e a livello comunitario», ha detto.

«Sarà una delle figure professionali di riferimento che assicurerà l’assistenza infermieristica ai diversi livelli di complessità in collaborazione con tutti i professionisti presenti nella comunità, perseguendo l’integrazione interdisciplinare, sanitaria e sociale dei servizi, interagendo con le reti sociosanitarie, con le risorse della comunità (associazioni, volontariato, ecc.) e dei professionisti. Anche per questa ragione ribadisco il massimo impegno del Ministero della salute allo scopo di allineare l’offerta formativa al fabbisogno espresso, anche tenuto conto della prossima riforma della assistenza territoriale», è stata quindi la promessa.

Professioni sanitarie, numeri aumentati di 20 punti percentuali

Costa ha ricordato che negli ultimi quattro anni il numero dei posti per il corso di Professioni sanitarie all’università è cresciuto di 20 punti percentuali e l’aumento maggiore si è registrato nell’anno 2021/22, con 17.394 unità. D’altra parte «il fabbisogno espresso dalle Regioni, ai sensi dell’articolo 6-ter del decreto legislativo n. 502/1992, determinato con specifici Accordi Stato-Regioni, è aumentato di oltre 67 punti percentuali», ha spiegato. Aumento dovuto, seppur progressivo rispetto agli anni precedenti, alle esigenze che la pandemia ha reso ancora più chiare.

Capacità formativa non adeguata

«Mentre dall’a.a. 2017/2018 all’a.a. 2020/2021 il numero di posti definiti in base ai decreti del MUR, pari all’intera capacità formativa degli Atenei, è stato sempre superiore al fabbisogno espresso dalle Regioni, per il corrente anno accademico la capacità formativa delle Università non si è rivelata sufficiente a coprire interamente il fabbisogno determinato con l’Accordo tra il Governo, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano del 4 agosto 2021: a fronte di un fabbisogno espresso pari a 23.498 unità i posti disponibili, in ragione della capacità formativa degli Atenei, sono stati pari a 17.394 unità (con una differenza, tra fabbisogno e posti, pari a 6.104 unità)» ha ammesso Costa.

Il tavolo al MUR

Da qui la costituzione con il MUR di un tavolo che coinvolgesse le Federazioni degli ordini della professioni sanitarie, i rappresentati regionali e i presidenti dei corsi di laurea corrispondenti. «La metodologia previsionale elaborata dal Ministero della salute per la stima del fabbisogno formativo di professionisti sanitari nel lungo periodo sarà alla base dei lavori del Tavolo, allo scopo di allineare l’offerta formativa al fabbisogno espresso, anche nell’ottica di una diversa allocazione delle risorse tra corsi di laurea. Nelle more del costituendo Osservatorio delle professioni sanitarie, le associazioni di categoria potranno formulare le istanze e le proposte che riterranno opportune in vista della determinazione del fabbisogno per l’anno accademico 2022/2023».

Sulla necessità di mantenere un accesso programmato, nonostante l’aumento del fabbisogno, il sottosegretario ha affermato: «La ratio si fonda, peraltro, sulla necessità di garantire una formazione di qualità agli ammessi che consenta di seguire i corsi usufruendo di spazi laboratoriali, attrezzature adeguate anche sulla base della sussistenza di convenzioni con strutture ospedaliere e nel rispetto di tutti gli altri criteri e norme che regolano l’accreditamento delle istituzioni della formazione superiore».

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
La quarta dose è obbligatoria?
La quarta dose di vaccino anti-Covid è importante per rafforzare l'immunità in vista della stagione invernale. Tuttavia, viene solo raccomandata e non c'è alcun obbligo per nessuno, neanche per gli operatori sanitari
Sanità al centro della II edizione del Decamerone delle Idee con il Sottosegretario Costa
Tra gli ospiti sono attesi il direttore dell’associazione dell’ospedalità privata lombarda (Aiop), Cristian Ferraris, e il rettore dell’università dell’Humanitas, Marco Montorsi
Il sottosegretario Costa incontra delegazione FNO TSRM PSTRP: «Coinvolgere i professionisti in analisi nuovi modelli organizzativi»
«Questi professionisti rappresentano un valore ed è importante che da parte delle Regioni e Province autonome ci sia il loro coinvolgimento per l’analisi e l’implementazione di nuovi e più efficaci modelli organizzativi» ha spiegato il Sottosegretario alla Salute Andrea Costa
Cittadinanzattiva, un piano per il futuro dell’oncologia. Da recupero ritardi a innovazione
È stato presentato questa mattina il documento "Insieme per l'oncologia del futuro" realizzato da Cittadinanzattiva. Nel documento vengono definite sia azioni e iniziative incentrate sulla persona da intraprendere nell'immediato, sia strategie che mirano a modificare entro il 2030 l’approccio all'oncologia su quattro macroaree: prevenzione, innovazione, equità e qualità di vita.
Carenza infermieri RSA, UNEBA pensa a professionisti stranieri, sistema robotizzato e specializzazione per OSS
Le proposte dell'associazione per far fronte alla mancanza di personale infermieristico nelle residenze per anziani e disabili
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa