Salute 30 maggio 2018

Oncologia, Freddi (MSD): «Millenovecento molecole allo studio. Fondamentale la partnership pubblico-privato»

Parla l’Executive Director Policy & Communication di MSD: «Immuno-oncologia sta cambiando paradigmi di cura. Ma c’è il problema della sostenibilità». L’azienda sta portando avanti la ricerca sul pembrolizumab con settecento clinical trial su oltre trenta tipi di tumori

Immagine articolo

Le terapie immunologiche stanno aprendo nuove prospettive nella lotta al cancro e la sopravvivenza dei malati oncologici aumenta sempre di più grazie anche all’effetto combinato con la chemioterapia che sta dando ottimi risultati. Del resto, i progressi dell’industria farmaceutica sono ormai un fatto conclamato: 15mila sono i nuovi farmaci in via di sviluppo e 7mila in fase di sperimentazione clinica, secondo quanto dichiarato proprio al Festival della Scienza Medica a Bologna da Massimo Scaccabarozzi, Presidente di Farmindustria.

Straordinari i progressi registrati in ambito oncologico. «Oggi ci sono oggi circa millenovecento molecole allo studio in ambito oncologico – spiega a Sanità Informazione Goffredo Freddi, Executive Director Policy & Communication MSD Italia –. Non c’è mai stato un numero così elevato e quindi c’è veramente di che sperare».

Dottor Freddi, al Festival della Scienza Medica di Bologna si è affrontato un tema delicato come quello del tumore ma con una certa positività. La ricerca portata qui da illustri ricercatori italiani dimostra che le terapie immunologiche per il tumore stanno facendo passi avanti. È fondamentale anche la collaborazione tra le istituzioni scientifiche e l’industria farmaceutica…

«Assolutamente sì. In effetti l’immuno-oncologia sta determinando un vero e proprio salto quantico in quelli che sono i paradigmi di cura. Questo è legato, tra l’altro, agli straordinari sforzi della ricerca che l’industria farmaceutica sta facendo in questo campo: basti pensare che occorrono quasi tre miliardi di dollari per portare a sviluppo, e quindi al paziente, un nuovo farmaco. Ma è necessaria una partnership pubblico-privato anche per il problema della sostenibilità di queste terapie innovatrici. Quindi è veramente un gioco in cui tutti devono fare la loro parte».

Abbiamo visto un grafico che accendeva speranze. Tanti cerchi concentrici: quello piccolo al centro raffigurante i farmaci già sul mercato e grandi cerchi all’esterno con tantissime molecole allo studio che potranno arrivare nei prossimi anni. Da qui a cinque, dieci anni cosa ci possiamo attendere senza dare false speranze?

«Bisogna sempre stare molto attenti quando si fa comunicazione su questo tema. Io le rispondo dando due numeri: il primo è che ci sono oggi circa millenovecento molecole allo studio in ambito oncologico. Non c’è mai stato un numero così elevato e quindi c’è veramente di che sperare. Le posso dire, per quello che riguarda l’azienda per cui lavoro, che c’è una molecola che si chiama pembrolizumab che in questo momento sta conducendo settecento clinical trial su oltre trenta tipi di tumori. Quindi non è solo la quantità di molecole allo studio ma ogni molecola potenzialmente può essere attiva ed efficace in tanti tipi di tumore. Ovviamente qui si apre un problema di sostenibilità e bisogna garantire effettivamente la possibilità al paziente di curarsi con le cure migliori».

LEGGI ANCHE: IMMUNOTERAPIA ONCOLOGICA, GARASSINO (ISTITUTO TUMORI MILANO): «SFATIAMO IL MITO: IN ITALIA LA RICERCA È AD ALTISSIMI LIVELLI»

Articoli correlati
Gravidanza e allattamento, Faraoni (tossicologa): «Mamme si possono curare, ma meglio evitare nuovi farmaci»
«Un farmaco prescritto durante la gestazione potrebbe non essere adatto in allattamento. No ai pareri reperiti sui blog ed ai passaparola». I consigli dell’esperta
di Isabella Faggiano
Progetto Interceptor: in AIFA la prima Riunione plenaria dei Centri partecipanti
Si è svolta  presso l’Agenzia Italiana del Farmaco la prima Riunione Plenaria dei Centri partecipanti a “INTERCEPTOR”, un progetto di studio che ha l’obiettivo di  identificare il “marcatore” o l’“insieme di marcatori” in grado di predire con accuratezza la conversione della diagnosi di declino cognitivo lieve (Mild Cognitive Impairment, MCI) in malattia di Alzheimer. Questo, […]
Malattie rare, Tommasina Iorno (Uniamo): «Lavorare sulla disomogeneità territoriale nell’accesso ai servizi socio-sanitari»
Alla presentazione del IV Rapporto MonitoRare, il Presidente di Uniamo Fimr Onlus Tommasina Iorno rileva gli obiettivi raggiunti sul fronte delle malattie rare e i punti critici emersi dal documento
Malattie Rare, presentato il IV Rapporto MonitoRare: focus su Nuovi LEA, SNE, Registri e Rappresentanza Europea dei pazienti
È stato presentato nella Sala del Refettorio della Camera dei Deputati MonitoRare, il IV Rapporto sulla condizione delle persone con Malattia Rara in Italia. Nato quattro anni fa dall’intuizione che una sfida così impegnativa al Sistema Sanitario Nazionale come le Malattie Rare non poteva neppure essere affrontata senza uno strumento per misurare e valutare l’entità dei problemi, […]
Stop allo spreco: nasce il Protocollo d’intenti sul recupero dei farmaci donati
La Regione Emilia-Romagna (assessorato Politiche per la salute) ha siglato un protocollo per il recupero e la redistribuzione dei farmaci donati. Lo scopo è quello di promuovere in tutta l’Emilia-Romagna le “buone pratiche” sui farmaci. Il Protocollo, con durata triennale e possibilità di rinnovo, prevede la collaborazione tra Regione, Hera e Last Minute Market per favorire il recupero dei […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

ECM, dal 2019 scattano i controlli. Anelli (FNOMCeO): «Valuteremo inadempienze». Coletto (Agenas): «Stop a ‘infiltrati’, serve verifica»

È a metà strada il triennio ECM 2017-2019: in aumento il numero di medici e operatori in regola, ma rimangono molti camici bianchi inadempienti. Controlli dal 2019. INTERVISTE AD ANELLI (FNOMCEO) E ...
Salute

Aggressioni al personale sanitario, Flori Degrassi (Asl Roma 2): «Operatori in trincea, minacciati anche con pistole»

«Abbiamo dovuto mettere le barriere al Pronto soccorso del Pertini ma l’interfono ostacola il rapporto tra paziente e operatore sanitario. E, nel nostro lavoro, la comunicazione è fondamentale», ...
Salute

Autismo e nuovi Lea, Marino (Fia): «Ancora due anni per attuazione, ma autistici diventeranno una categoria protetta»

«Grazie ai nuovi Lea i pazienti autistici potranno finalmente ricevere l’assistenza adeguata alla propria patologia, così come prescritto dalle Linee Guida per l’Autismo. Necessario mezzo miliar...
di Isabella Faggiano