Salute 17 Maggio 2018

Immunoterapia oncologica, Garassino (Istituto Tumori Milano): «Sfatiamo il mito: in Italia la ricerca è ad altissimi livelli»

«Una frontiera rivoluzionaria che già ha alzato quantità e qualità di vita»: si riferisce alla terapia immunologica Marina Chiara Garassino, Responsabile dell’Oncologia Polmonare della Fondazione IRCCS Istituto Tumori di Milano

Immagine articolo

L’immunoterapia riscuote consensi nel mondo scientifico e tra i pazienti. Questo trattamento, che sfrutta la capacità del sistema immunitario di riconoscere la malattia, è sempre più richiesto e sembrerebbe portare notevoli benefici. Esistono vari campi clinici in cui questa terapia viene applicata; fino ad oggi il campo nel quale ha ottenuto più successi è proprio quello oncologico, in particolare nell’ambito di cancri polmonari.

«L’immunoterapia ha portato aumenti consistenti della quantità di vita dei pazienti ma soprattutto della qualità», spiega ai nostri microfoni Marina Chiara Garassino, Responsabile dell’Oncologia Medica Toraco Polmonare dell’IRCCS Istituto Tumori di Milano intervistata in occasione del Festival delle Scienza Medica di Bologna.

LEGGI ANCHE: TUMORE EPATICO, STUDIO ITALIANO RIVELA: IL MICROBIOTA PREDICE CHI SI PUÒ AMMALARE

«Si tratta di terapie sostanzialmente ben tollerate e sicuramente sopportate meglio della chemioterapia» aggiunge. «Sicuramente siamo all’inizio di una storia perché l’immunoterapia sta cominciando solo adesso a sfoderare le sue prime armi ma attendiamo passi significativi».

LEGGI ANCHE: RACE FOR THE CURE, ROSANNA BANFI: «LA ‘SORELLANZA’ TI SALVA LA VITA. DONNE, DEDICATE DEL TEMPO A VOI STESSE: FATE I CONTROLLI ANNUALI»

L’immunoterapia nasce nei primi anni del XX secolo grazie all’intuizione geniale di Paul Ehrlich, microbiologo tedesco già ideatore della chemioterapia. Ehrlich sostenne la possibilità che alcune molecole, già presenti nell’organismo umano, potessero combattere disfunzioni organiche. Dunque, stimolare l’intervento più ‘massiccio’ delle difese immunitarie naturali poteva essere una buona difesa per il corpo soprattutto contro le cellule cancerogene.

«Una frontiera su cui si lavora da anni – prosegue la Garassino – . Con l’occasione sfatiamo il mito per cui si pensa che in Italia non si fa ricerca. La ricerca in Italia nel campo oncologico è outstanding, siamo al livello delle più importanti istituzioni americane. La ricerca nel nostro Paese è ad altissimo livello ed è connessa a livello internazionale, ne è un esempio calzante l’immunoterapia giunta in Italia a livelli estremamente soddisfacenti».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
CAR-T, Franco Locatelli (Bambin Gesù): «Prossima sfida estendere questa terapia alle neoplasie solide»
A Roma convegno per fare il punto sulla rivoluzionaria tecnica che consente di guarire linfomi e leucemie. Il senatore De Poli: «Serve sinergia creando dei protocolli d’intesa tra tutte le regioni. Oggi solo alcune regioni hanno questa sperimentazione, quindi il più presto possibile l’Aifa deve dare il suo parere positivo per poter mettere in rete tutte le regioni italiane»
Malattie Rare, il genetista Dalla Piccola: «Con tecniche genomiche diagnosi rapide nel 60% dei casi. In Piano nazionale armonizzare presa in carico dei pazienti»
Il luminare di fama mondiale, Direttore scientifico dell’Ospedale Bambino Gesù, parla delle nuove frontiere nel contrasto alle malattie rare: «C’è veramente una rivoluzione in atto e se è vero che ancora oggi dobbiamo lamentare che solo il 5% dei malati rari ha una cura (ma il 70% ha un trattamento di variabile efficacia) possiamo prevedere che l’evoluzione più significativa nei prossimi anni sarà proprio verso lo sviluppo di nuovi protocolli di terapia che cambieranno la storia di molti di questi pazienti». Il 20 marzo si riunisce il Tavolo di lavoro per l’elaborazione del Piano nazionale
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Oncologia, al via a Bari la nona Edizione di Oncology for Primary Care
Fumo, alimentazione e stili di vita al centro della Nona Edizione di Oncology for Primary Care. Il convegno sulle cure primarie e le innovazioni terapeutiche del paziente oncologico, promosso da Eugenio Maiorano e da Nicola Marzano, torna a Bari venerdì 23 e sabato 24 novembre. Più dell’80% dei malati di cancro manifesta i sintomi per […]
Sanità, al via Congresso annuale ESMO: «Da melanoma a glioblastoma, immunoterapia grande speranza»
Gli specialisti dell’Istituto Oncologico Veneto saranno tra i protagonisti del Congresso annuale dell'European Society of Medical Oncology (ESMO) che si apre a Monaco di Baviera dal 19 al 23 ottobre. Nell'edizione 2018 del Congresso sarà l’immunoterapia la prospettiva terapeutica a dettare la linea delle sessioni più importanti
Nobel per la medicina a Allison e Honjo, gli inventori dell’immunoterapia anticancro
I due scienziati hanno rivoluzionato la lotta al tumore stimolando la capacità del nostro sistema immunitario di attaccare le cellule tumorali
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

«La sanità si basa sullo sfruttamento infinito e gratuito di medici e professionisti sanitari»

Riuscite a immaginare un idraulico o un avvocato che lavorano il 30% in più senza chiedere ulteriori compensi? In sanità viene dato per scontato
Lavoro

Ex specializzandi, a Roma l’Appello dà ragione ai camici bianchi. L’avvocato Marco Tortorella: «300mila medici abbandonati dallo Stato, ora giustizia»

L’ultima sentenza della Corte di Appello di Roma ha portato all’assegnazione di rimborsi per 12 milioni di euro per i camici bianchi tutelati dal network legale Consulcesi. «Lo Stato è obbligato...
Salute

Anatomia Patologica, viaggio nel laboratorio dove si scoprono i tumori. Virgili (Campus Bio-Medico): «Sanità digitale e I.A. il futuro»

Sanità Informazione è entrata nel laboratorio del Policlinico Campus Bio-Medico di Roma dove vengono analizzati i tessuti: la tecnologia consente precisione e velocità. Il coordinatore Roberto Virg...