Salute 16 Maggio 2018 11:02

Race for the cure, Rosanna Banfi: «La ‘sorellanza’ ti salva la vita. Donne, dedicate del tempo a voi stesse: fate i controlli annuali»

Arrivata alla sua 19° edizione la manifestazione promossa dall’Associazione Komen Italia torna al Circo Massimo dal 17 al 20 maggio con sport, musica e cucina. A disposizione medici e operatori sanitari per controlli e consulti gratuiti

Race for the cure, Rosanna Banfi: «La ‘sorellanza’ ti salva la vita. Donne, dedicate del tempo a voi stesse: fate i controlli annuali»

«È di ‘sorellanza’ che vi voglio parlare, perché sapere di non essere sola è tutto». Così l’attrice Rosanna Banfi ripercorre l’esperienza «molto difficile» che l’ha vista, 9 anni fa, combattere contro un tumore al seno che fortunatamente «ha avuto la peggio». «Per ‘sorellanza’ intendo la fratellanza al femminile – spiega l’attrice -. Madri, figlie e sorelle che in un momento di difficoltà, si aiutano vicendevolmente».

Madrina d’eccezione –  insieme all’attrice Maria Grazia Cucinotta – per ‘Race for the cure 2018’, la manifestazione promossa dall’associazione Komen Italia e giunta alla sua 19° edizione, la figlia del grande attore pugliese Lino Banfi ci racconta il suo impegno per promuovere la diagnosi precoce: «Preso in tempo, il tumore al seno si può sconfiggere. Per questo la prevenzione è così importante, io sono qui, in persona a poterlo affermare. Ci tengo a sostenere un messaggio: questa lotta si può vincere, conta arrivare presto».

LEGGI ANCHE: ONCOLOGIA E FERTILITÀ: NASCE LA PARTNERSHIP TRA IVI (ISTITUTO VALENCIANO DI INFERTILITÀ) E RACE FOR THE CURE

«Dopo questa esperienza così traumatica – prosegue – ho deciso di diventare testimonial per la prevenzione ed è così che ho conosciuto la Komen». Susan G. Komen for the cure Italia è un’associazione senza scopo di lucro nata dal provvidenziale incontro tra un gruppo motivato di medici e pazienti romani e la più importante organizzazione non-profit dedicata alla lotta ai tumori degli Stati Uniti. Da molti anni l’associazione italiana organizza iniziative di sport, benessere e attività ricreative e ancor più importanti consulti medici ed esami diagnostici gratuiti con l’obiettivo di «ricordare a tutte le donne – sottolinea la Banfi –  di prendersi un minuto e dedicarsi alla cura della propria salute».

TI POTREBBE INTERESSARE: UMANIZZARE CON LA PITTURA, ARMONIA ONLUS: «A PIACENZA LA PAZIENTE ONCOLOGICA È UN ‘PETALO DI ROSA’…»

La quattro giorni capitolina (LEGGI IL PROGRAMMA COMPLETO) si svolgerà dal 17 al 20 maggio nell’esclusiva location del Circo Massimo e vedrà come protagoniste, anche quest’anno, le ‘maglie rosa’ che partiranno dalla Capitale per arrivare in tante altre città d’Italia a portare il loro messaggio di solidarietà e coraggio.

«Nel corso di questi anni, grazie alla Race for the cure – prosegue l’attrice – ho conosciuto migliaia di donne che hanno avuto la mia stessa malattia e ho scoperto un mondo: il mondo della solidarietà».

«Quello che dico sempre a tutte le ragazze e le donne che incontro è – conclude -: trovate un minuto per voi, è sufficiente una volta l’anno per fare mammografia ed ecografia, basta questo per tenersi sotto controllo. Un piccolo gesto può salvare la vita, questo è un dono troppo importante per negarlo a noi stesse».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Ortottica, 7 giugno è Giornata Mondiale. Intruglio (Comm. Albo): «Campagne di screening siano uniformi in tutta Italia»
Dal 2013 si celebra una ricorrenza che punta l’attenzione su questa professione che in Italia conta 3004 iscritti alla FNO TSRM PSTRP, la maggior parte in regime di libera professione o dipendenti di studi privati. Sono 19 i corsi di laurea attivi
La casa delle donne operate al seno. Viaggio nella Breast Unit del S. Giovanni Addolorata
«Certificazione di qualità europea garanzia per tutti» spiega il Direttore sanitario Patrizia Magrini. «Approccio multidisciplinare aumenta sopravvivenza delle donne con cancro al seno del 18%» aggiunge il Direttore della Breast Unit Lucio Fortunato
Prevenzione, Garattini: «50% malattie croniche e 70% tumori evitabili con corretti stili di vita»
«Prevenzione sia nuova rivoluzione culturale in medicina. La possibilità di avere un buon invecchiamento è nelle nostre mani». Così il professore Silvio Garattini presentando il suo nuovo libro
Giornata per la prevenzione cardiovascolare, malattie cardiache prima causa di morte e ospedalizzazione
La Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (SIPREC) lancia, per il 13 maggio 2021, un’iniziativa nazionale volta a diffondere la consapevolezza dell’importanza e dell’incidenza di queste patologie e, soprattutto, la possibilità di prevenirle
di Isabella Faggiano
Medicina e chirurgia estetica, è boom di richieste in vista dell’estate
D’Andrea (SICPRE): «In forte aumento gli interventi al viso, in particolare le zone scoperte dalla mascherina. Ma non dimentichiamo i percorsi di chirurgia ricostruttiva, fondamentali nella presa in carico dei tumori al seno»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 23 giugno, sono 179.164.193 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.882.531 i decessi. Ad oggi, oltre 2,68 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM