Salute 16 maggio 2018

Race for the cure, Rosanna Banfi: «La ‘sorellanza’ ti salva la vita. Donne, dedicate del tempo a voi stesse: fate i controlli annuali»

Arrivata alla sua 19° edizione la manifestazione promossa dall’Associazione Komen Italia torna al Circo Massimo dal 17 al 20 maggio con sport, musica e cucina. A disposizione medici e operatori sanitari per controlli e consulti gratuiti

Immagine articolo

«È di ‘sorellanza’ che vi voglio parlare, perché sapere di non essere sola è tutto». Così l’attrice Rosanna Banfi ripercorre l’esperienza «molto difficile» che l’ha vista, 9 anni fa, combattere contro un tumore al seno che fortunatamente «ha avuto la peggio». «Per ‘sorellanza’ intendo la fratellanza al femminile – spiega l’attrice -. Madri, figlie e sorelle che in un momento di difficoltà, si aiutano vicendevolmente».

Madrina d’eccezione –  insieme all’attrice Maria Grazia Cucinotta – per ‘Race for the cure 2018’, la manifestazione promossa dall’associazione Komen Italia e giunta alla sua 19° edizione, la figlia del grande attore pugliese Lino Banfi ci racconta il suo impegno per promuovere la diagnosi precoce: «Preso in tempo, il tumore al seno si può sconfiggere. Per questo la prevenzione è così importante, io sono qui, in persona a poterlo affermare. Ci tengo a sostenere un messaggio: questa lotta si può vincere, conta arrivare presto».

LEGGI ANCHE: ONCOLOGIA E FERTILITÀ: NASCE LA PARTNERSHIP TRA IVI (ISTITUTO VALENCIANO DI INFERTILITÀ) E RACE FOR THE CURE

«Dopo questa esperienza così traumatica – prosegue – ho deciso di diventare testimonial per la prevenzione ed è così che ho conosciuto la Komen». Susan G. Komen for the cure Italia è un’associazione senza scopo di lucro nata dal provvidenziale incontro tra un gruppo motivato di medici e pazienti romani e la più importante organizzazione non-profit dedicata alla lotta ai tumori degli Stati Uniti. Da molti anni l’associazione italiana organizza iniziative di sport, benessere e attività ricreative e ancor più importanti consulti medici ed esami diagnostici gratuiti con l’obiettivo di «ricordare a tutte le donne – sottolinea la Banfi –  di prendersi un minuto e dedicarsi alla cura della propria salute».

TI POTREBBE INTERESSARE: UMANIZZARE CON LA PITTURA, ARMONIA ONLUS: «A PIACENZA LA PAZIENTE ONCOLOGICA È UN ‘PETALO DI ROSA’…»

La quattro giorni capitolina (LEGGI IL PROGRAMMA COMPLETO) si svolgerà dal 17 al 20 maggio nell’esclusiva location del Circo Massimo e vedrà come protagoniste, anche quest’anno, le ‘maglie rosa’ che partiranno dalla Capitale per arrivare in tante altre città d’Italia a portare il loro messaggio di solidarietà e coraggio.

«Nel corso di questi anni, grazie alla Race for the cure – prosegue l’attrice – ho conosciuto migliaia di donne che hanno avuto la mia stessa malattia e ho scoperto un mondo: il mondo della solidarietà».

«Quello che dico sempre a tutte le ragazze e le donne che incontro è – conclude -: trovate un minuto per voi, è sufficiente una volta l’anno per fare mammografia ed ecografia, basta questo per tenersi sotto controllo. Un piccolo gesto può salvare la vita, questo è un dono troppo importante per negarlo a noi stesse».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Medicina transnazionale delle malattie endocrine: il convegno a Udine il 22 febbraio
Di medicina transnazionale delle malattie endocrine si parlerà al convegno che si svolgerà a Udine dal 22 al 23 febbraio, dove saranno a confronto esperti italiani e colleghi dell’Alpe Adria. «Il convegno – spiega Franco Grimaldi, Direttore della Struttura operativa complessa Endocrinologia e Malattie del metabolismo dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Udine e organizzatore dell’incontro – vede […]
Disuguaglianze di salute, l’importanza della corretta informazione: «Stranieri e soggetti con basso livello di istruzione e reddito i più a rischio»
«Chi meno sa, meno ha. Necessaria una sanità di iniziativa per una corretta informazione delle notizie sensibili legate alla salute». Così marzia Sandroni (Usl Toscana sud-est) a Sanità Informazione a margine del corso "Comunicare il fenomeno delle diseguaglianze di salute: opinioni a confronto” erogato dall‘INMP (Istituto Nazionale salute, Migrazioni e Povertà)
di Lucia Oggianu
Tumori, M5S: «Con rete nazionale dei registri presto dati precisi per la prevenzione»
«Con la legge sulla Rete nazionale dei registri dei tumori, attualmente in discussione alla Camera, il nostro Paese potrà avere finalmente un referto epidemiologico per valutare lo stato di salute di una comunità e dati precisi sull’incidenza, la mortalità e la correlazione con fattori ambientali di questa malattia. Avere un quadro chiaro e preciso è […]
Patologie cardiache femminili: il 1 febbraio vestiti di rosso per la salute del cuore
Ogni anno, in Italia, 124.000 donne vengono colpite da un infarto o da un problema cardiovascolare, 70.000 subiscono un ictus, mentre l’arresto cardiaco improvviso affligge complessivamente fra 50.000 e 60.000 persone, con un tasso di mortalità di sette volte superiore a quello degli incidenti stradali. Se, poi, guardiamo all’Europa, si può osservare come l’arresto cardiaco […]
Foad Aodi (Amsi): «È nata la “Rete delle Università italiane per il Corno d’Africa” su impulso del Vice Ministro Emanuela Del Re
L’Associazione medici di origine straniera in Italia (Amsi), le Comunità del mondo arabo in Italia (Co-Mai) insieme al Movimento internazionale interprofessionale “Uniti per Unire“, con tutte le proprie associazioni aderenti, plaudono all’iniziativa coraggiosa, concreta, prestigiosa della “Rete delle Università Italiane per il Corno D’Africa”, che agisce nel nome della solidarietà. L’iniziativa è indetta dal Vice Ministro […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Sanità internazionale

La lettera di un medico stressato: «Il mio lavoro sta prosciugando la mia umanità»

«L’ultimo tuo contatto umano, poco prima che le tue condizioni peggiorassero velocemente e morissi, è stato con un medico stressato e distaccato, che ha interrotto il tuo ricordo felice. Ti chiedo...
Lavoro

Ex specializzandi: nel 2018 dallo Stato rimborsi per oltre 48 milioni e nuovi ricorsi sono pronti per il 2019

La "road map dei risarcimenti" regione per regione: Lazio in testa con 9 milioni, sul podio Lombardia e Sicilia. Più di 31 milioni al centro-sud con la Sardegna in forte crescita. Pronta la nuova azi...
Mondo

Da Messina alla Nuova Zelanda, la storia del fondatore di Doctors in Fuga: «Così aiuto giovani medici ad andare all’estero»

Stipendi più alti, maggiore attenzione al merito, assenza di contenziosi legali grazie ad una migliore comunicazione tra medici e pazienti. Davide Conti è in Nuova Zelanda da nove anni e non ha alcu...