Salute 6 Dicembre 2016 12:43

Lino Banfi: «Rischiavo di morire di Osas». Il popolare comico: «Puntare su diagnosi»

Il Nonno Libero della fiction ‘Un medico in famiglia’ racconta ai nostri microfoni la sua esperienza con le apnee notturne: «È una malattia grave, puntare su diagnosi con polisonnografia e prevenzione. Rischiavo ictus e morte…»

Gli esperti la chiamano la ‘malattia silente’, OSAS, acronimo inglese per ‘Obstructive Sleep Apnea Syndrome’, è un vero e proprio allarme sociale. Ma come si manifesta? Sanità Informazione lo ha chiesto al famoso attore, comico e scrittore, Lino Banfi che soffre di questo disturbo diagnosticato circa quattro anni fa e a cui ha pensato di dedicare un paragrafo del suo nuovo libro. «Russavo come un trattore» scrive Banfi. Poi ho scoperto di soffrire di Apnee notturne. E questo mi ha salvato la vita anche perché nella mia famiglia si pensa che siano morti d’infarto mio padre e mio fratello, invece poi si scopre che erano Apnee Notturne».

«Non mi voglio definire paziente – spiega Banfi intervenuto in occasione del convegno Italia Sonno presso il Marriott Rome Central Park – perché la parola ‘paziente’ fa subito venire in mente una malattia. Paziente lo sono stato tutta la vita, lo sono ancora oggi come Nonno Libero e come Lino Banfi, se non fossi così paziente non avrei fatto tutte le cose che ho fatto». «Eppure OSAS, a parte gli scherzi, purtroppo è una malattia – prosegue il comico -. Si scopre così per caso, almeno per quanto mi riguarda. È difficile rendersene conto da soli di soffrire di apnee notturne, infatti per quanto mi riguarda se ne rese conto mia moglie, ma per chi dorme da solo è davvero difficile rendersene conto». «Il professore che mi seguiva mi spiegò esattamente cosa fosse la polisonnografia – continua -. Ho capito che si trattava di un esame diagnostico che consente di identificare con certezza l’esistenza delle Apnee Notturne, così ho scoperto che arrivavo a 200 apnee a notte, in media 40, 42 a ora, la questione cominciava a diventare pericolosa».

L’OSAS può comportare dei rischi gravi per la salute, infatti la malattia aumenta il rischio di patologie cardiovascolari ed è associata ad un aumento dei casi di ictus e morte improvvisa. «Il mio medico mi disse che rischiavo la vita – racconta Banfi -. Così conobbi la CPAP, che non è una canzone americana, ma una mascherina che salva le vita. Non va scambiata per una mascherina di ossigeno, serve per filtrare l’aria che risulta così più pulita e inoltre se stai avendo l’apnea, la macchina lo segnala e la blocca. Insomma, ti salva la vita». «Certo – prosegue Banfi – i primi tempi dormire con una maschera sul viso non è semplice, diciamo occorre che ci si abitui. Adesso però sono diventato addirittura uno studente modello che fa da modello anche agli altri. È importante, ribadisco, questo dispositivo salva la vita. Proprio per questa ragione, ho deciso di dedicare una piccola parte del mio nuovo libro a questa patologia per raccontare la mia esperienza e far sì che sia utile ad altri».

La malattia del sonno non ha ripercussioni solo durante la notte ma anche e soprattutto durante il giorno, chi ne soffre purtroppo ha difficoltà a rimanere sveglio durante il giorno e dunque al volante aumentano i rischi di fare incidenti stradali. «Quando ancora non sapevo di avere questo problema, spesso mi capitava di avere sonnolenza durante il giorno e spesso non capivo il perché. Delle volte mi è successo anche al volante, mi sono spaventato molto e ho deciso di correre ai ripari» puntualizza l’attore. «Ma voglio concludere il mio racconto con un sorriso – prosegue – perché il mio mestiere è sorridere e far sorridere. Per certi versi questa storia mi ha fatto anche divertire. L’idea che potevo avere un ictus o addirittura morire durante il sonno, mi ha fatto immaginare i titoli dei giornali:  ‘Lino Banfi deceduto per apnea’, ma la cosa paradossale è che io non so nuotare. A parte le battute, ora sto bene, mi sono sottoposto alla corretta diagnosi e al giusto trattamento. Ora finalmente dormo bene, parlo molto meglio e respiro normalmente. Questo vuol dire che, se trattata, monitorata e curata, una malattia diventa risolvibile e magari ci si può anche ridere su…».

Per approfondire leggi anche: Osas, sindrome apnee notturne in crescita. Professore Leone: «Patologia che mette a rischio la vita del paziente»

Articoli correlati
Giornata mondiale del sonno: ora le apnee si curano a casa
Attivo il servizio di polisonnografia domiciliare del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma, in collaborazione con Ve.Di.Se. Hospital Spa
Settimana mondiale cervello, Berardelli (Sin): «Non sono solo malattie “per vecchi”, colpiscono anche i giovani»
In Italia, la campagna di sensibilizzazione, che quest’anno sarà dedicata a “Le stagioni del Cervello”, si svolgerà dal 14 al 20 marzo. Sette giorni in cui, in modalità virtuale o in presenza, i neurologi apriranno le proprie porte ai cittadini
OSAS e malattie cardiovascolari: il rischio aumenta. L’analisi del cardiologo
Nei pazienti con OSAS (sindrome da apnee ostruttive del sonno) l’incidenza di ipertensione arteriosa, aritmie, scompenso cardiaco, ictus e cardiopatia è maggiore, a confermarlo gli studi più recenti. Con il cardiologo Filippo Scalise (Policlinico Monza) analizziamo questa connessione tutt'altro che scontata
Apnee ostruttive del sonno, a cosa deve fare attenzione un odontoiatra per riconoscerle in adulti e bambini?
Intervista al professor Luca Levrini, odontoiatra dell’Università degli Studi dell’Insubria di Como e Varese
Apnee ostruttive del sonno, a cosa deve fare attenzione un Mmg per riconoscerle nei pazienti?
Quali sono i campanelli di allarme e cosa fare una volta arrivata la diagnosi? Ne abbiamo parlato con il dottor Stefano de Lillo, Mmg e Vicepresidente dell’OMCeO di Roma
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa