Salute 29 Novembre 2016 12:57

Osas, sindrome apnee notturne in crescita. Professore Leone: «Patologia che mette a rischio la vita del paziente»

Antonio Leone, Direttore dell’Unita Operativa Otorinolaringoiatria dell’Ospedale Monaldi di Napoli: «Medici più formati per fronteggiare l’emergenza. Nel team che lavora per l’interesse del paziente una funzione cardine la svolge il medico di base che deve indirizzare il malato correttamente per diagnosi e terapie»

La malattia delle apnee notturne è sempre più un allarme sociale. Cresce il numero dei pazienti come si aggrava l’impegno economico a cui il Sistema Sanitario Nazionale deve far fronte. A proposito questa patologia Sanità Informazione ha intervistato Antonio Leone, Direttore dell’Unita Operativa Otorinolaringoiatria dell’Ospedale Monaldi di Napoli.

Professore si parla ormai sempre con insistenza di Osas, una sigla che lei magari ci aiuterà a declinare. È un allarme sociale?

«L’Osas è la sindrome delle apnee notturne ed è una patologia effettivamente grave che mette a rischio la vita del paziente. La patologia ha un’entità di importanza sociale rilevante perché sono più di un milione e mezzo le persone in Italia che ne soffrono. Questo comporta anche un impatto socio-economico importante, tanto è vero che grava sulla spesa pubblica di circa 2 miliardi di euro. Potete bene immaginare, quindi, quanto sia importante una diagnosi precoce e quanto sia fondamentale un approccio terapeutico corretto. Osas è talmente importante da un punto di vista sociale che le nuove norme per le patenti di guida prevedono che gli autisti pubblici si sottopongano ad un esame di polisonnografia, un’indagine che è in grado di diagnosticare la malattia».

Qual è il modo più efficace per diagnosticarla?

«L’indagine cardine è rappresentata dalla polisonnografia che permette di monitorizzare dei parametri vitali che indicano prevalentemente se il paziente riesce ad ossigenarsi in maniera corretta durante il sonno oppure va in una sospensione respiratoria, abbassando quei parametri di ossigeno e CO2 nel sangue che sono alla base di tutte quelle complicanze che questa patologia può generare».

Riguardo l’approccio terapeutico?

«L’approccio terapeutico è conseguente a queste indagini. A questo proposito la tecnologia ci è venuta in aiuto mettendo a disposizione degli strumenti validati per la diagnosi della patologia di facile utilizzo e soprattutto che possono soddisfare le liste d’attesa molto lunghe. Una volta fatta la diagnosi di patologia ostruttiva del sonno, soprattutto se di grado severo, il trattamento cardine è rappresentato dalla CIPAP, un apparecchio che mette aria sotto pressione per cui supera l’ostacolo meccanico della respirazione e ripristina una buona ventilazione e ossigenazione tessutale. Ma se il paziente non vuole utilizzare questo strumento per tutta la vita, ci sono delle alternative terapeutiche rappresentate da trattamenti chirurgici di pertinenza dell’otorino laringoiatra, del maxillo-facciale, oppure un inserimento, quando è indicato, di alcuni device ortodontici che consentono di migliorare la performance respiratoria durante il sonno ».

Professore come ci accennava la diagnosi e la terapia sono processi che coinvolgono tanti professionisti. A tal proposito quanto è importante che questi professionisti siano adeguatamente formati e aggiornati?

«Sicuramente per un corretto approccio a questa patologia c’è necessità di un team multidisciplinare che lavori insieme facendo sistema nell’interesse del paziente. Quello che è importante è anche la formazione. Per poter essere formati bisogna conoscere e diffondere questa patologia non solo agli specialisti interessati al percorso terapeutico ma anche ai medici di base che rappresentano nel nostro sistema sanitario la figura cardine di indirizzo al trattamento per qualunque tipo di patologia».

Il medico di base è la prima sentinella.

«Assolutamente. Il medico di base è in realtà colui che ha la chiave di tutto il sistema sanitario, in particolare sia dei primi livelli che dei secondi livelli. Quindi è importantissimo che i medici di base abbiamo la coscienza dell’importanza di questa malattia e indirizzino, in caso di necessità, il paziente nei centri multidisciplinari per la diagnosi pretrattamento».

Articoli correlati
Giornata mondiale del sonno: ora le apnee si curano a casa
Attivo il servizio di polisonnografia domiciliare del Policlinico Universitario Campus Bio-Medico di Roma, in collaborazione con Ve.Di.Se. Hospital Spa
OSAS e malattie cardiovascolari: il rischio aumenta. L’analisi del cardiologo
Nei pazienti con OSAS (sindrome da apnee ostruttive del sonno) l’incidenza di ipertensione arteriosa, aritmie, scompenso cardiaco, ictus e cardiopatia è maggiore, a confermarlo gli studi più recenti. Con il cardiologo Filippo Scalise (Policlinico Monza) analizziamo questa connessione tutt'altro che scontata
Apnee ostruttive del sonno, a cosa deve fare attenzione un odontoiatra per riconoscerle in adulti e bambini?
Intervista al professor Luca Levrini, odontoiatra dell’Università degli Studi dell’Insubria di Como e Varese
Apnee ostruttive del sonno, a cosa deve fare attenzione un Mmg per riconoscerle nei pazienti?
Quali sono i campanelli di allarme e cosa fare una volta arrivata la diagnosi? Ne abbiamo parlato con il dottor Stefano de Lillo, Mmg e Vicepresidente dell’OMCeO di Roma
OSAS: cos’è, diagnosi e cura. Ne parliamo con lo pneumologo
La sindrome da apnee ostruttive del sonno (OSAS) tormenta più persone di quante si possa pensare. Diagnosticarla non è sempre semplice, nemmeno per professionisti esperti e comporta una serie di rischi spesso sconosciuti. I chiarimenti dell'esperto, dott. Drigo (Ospedale Montebelluna)
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa