Salute 3 Maggio 2018 10:51

Umanizzare con la pittura, Armonia Onlus: «A Piacenza la paziente oncologica è un ‘petalo di rosa’…»

Campi di fiori color pastello campeggiano sulle pareti della Usl piacentina che insieme all’associazione per la lotta contro i tumori, offre un esempio di spazio ospedaliero a misura di donna

Umanizzare con la pittura, Armonia Onlus: «A Piacenza la paziente oncologica è un ‘petalo di rosa’…»

«Un prato fiorito oltre ad essere un bello spettacolo è un’immagine rassicurante». Romina Cattivelli, Presidente di Armonia onlus, l’associazione piacentina per la lotta contro i tumori, racconta il progetto di umanizzazione pittorica che ha trasformato gli spazi del Centro Salute Donna di Piacenza per renderli più accoglienti e ospitali.

Il Centro Salute emiliano è il polo di riferimento provinciale per lo screening di prevenzione del tumore al seno e sono moltissime le donne che quotidianamente si sottopongono a controlli e trattamenti. «Biopsia, ago aspirato, ecografia mammaria, parliamo di esami abbastanza invasivi per una donna perché vanno ad indagare parti prettamente femminili – spiega la Presidente -. Il progetto ‘Pareti come petali di fiori’ ha l’obiettivo di evitare che le donne, nel momento in cui accedono a questi reparti, si sentano pazienti o malate. Lo scopo è farle sentire a loro agio e l’umanizzazione nasce proprio da questa idea: la donna viene vista come il petalo di un fiore, quindi nel momento in cui entra nel Centro si trova in un ambiente che le consente di pensare ad altro, uno spazio confortevole che può aiutarla a non farsi prendere dal panico».

Sono tante le sale che hanno subito la trasformazione in chiave floreale: «Ce n’è una che mi rende particolarmente orgogliosa -confessa la Presidente Cattivelli -. Si tratta della sala relax, uno spazio deputato ad un ingrato compito: luogo di consegna dei referti tumorali. Essere informata dell’esito infausto dei propri esami lungo un corridoio asettico è ancora più demoralizzante e traumatico,  mentre, venire a conoscenza di una brutta notizia però in un ambiente caldo e ospitale può aiutare la paziente a metabolizzare meglio lo shock. Uno spazio dove puoi star sola, raccoglierti in un momento d’intimità e trovare la forza per ripartire ritengo possa essere d’aiuto».

Un luogo a misura di donna, dove lo spazio circostante è pensato per avere un impatto soft sulla sfera psicologica della paziente, può rappresentare anche un incentivo alla prevenzione. «Una volta entrate al Centro Salute, ci si rende conto che i medici non sono mostri, che gli esami non solo dolorosi e che non ha senso avere paura di queste cose».

«Quello che dico sempre alle donne della mia associazione è che la prevenzione è fondamentale – conclude -. Se avete timore a sottoporvi a controlli regolari allora affidatevi ad un’amica, ad una sorella, ad una mamma, tutte insieme possiamo farcela. Se poi le visite mediche avvengono in un luogo così accogliente allora a maggior ragione è più facile affrontare tutto con coraggio ma soprattutto con tranquillità».

LEGGI ANCHE: ANSIA E DEPRESSIONE DOPO DIAGNOSI DI TUMORE, LA PSICONCOLOGA PUGLIESE (IFO): «POSSONO INFLUIRE NEGATIVAMENTE SU DECORSO MALATTIA»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

Articoli correlati
«A Piacenza onda d’urto impressionante, per questo abbiamo il più alto numero di morti». Parla il pioniere della lotta al virus Luigi Cavanna
L’oncologo noto per i suoi interventi ‘casa per casa’ per sconfiggere l’epidemia: «Azione precoce arma vincente, nessun paziente curato a domicilio è morto». E ricorda i primi giorni dell'emergenza: «Il Pronto soccorso di Piacenza era in una situazione apocalittica»
Visite domiciliari, cure precoci e controllo da remoto: con il ‘modello Piacenza’ il coronavirus si sconfigge casa per casa
L’oncologo Luigi Cavanna, dell’ospedale di Piacenza, racconta: «Se i sintomi sono quelli del Covid, facciamo un’ecografia e diamo gli antivirali e strumenti di controllo. Poi monitoriamo a distanza, ma se le cure vengono iniziate precocemente sono pochi i pazienti da ospedalizzare. È una strategia che può cambiare la storia di questa malattia»
Umanizzazione delle cure, ai Fatebenefratelli un referente laico per ‘la cura spirituale’ dei pazienti. È il primo caso in Italia
Laura Zorzella, responsabile del centro Pastorale dei Fatebenefratelli del Lombardo-Veneto: «Così si garantisce una cura integrale, non solo medica. Al servizio dei pazienti una figura formata attraverso il corso post-laurea in “Umanizzazione e dimensione spirituale della cura nei contesti interculturali»
di Isabella Faggiano
Salute, 4,5 mln colpiti da osteoporosi. Ogni 3 secondi una frattura
In Italia circa 3,5 milioni di donne e 1 milione di uomini sono affetti da osteoporosi. Secondo l’Organizzazione mondiale della sanità a causa di questa malattia ogni 3 secondi si verifica una frattura di femore, polso o vertebra: nel nostro Paese, ogni anno, negli over 50 quelle di femore sono più di 90mila mentre sono […]
Clownterapia, Andrea Tudisco Onlus: perché una casa e un sorriso sono come una medicina
I Clown Dottori della Onlus Andrea Tudisco operano nei reparti pediatrici e specialistici degli ospedali romani. Il loro compito? Sdrammatizzare le pratiche sanitarie e trasformare paura, rabbia e tristezza in fiducia e speranza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...