Salute 19 Luglio 2019 09:49

Umanizzazione delle cure, ai Fatebenefratelli un referente laico per ‘la cura spirituale’ dei pazienti. È il primo caso in Italia

Laura Zorzella, responsabile del centro Pastorale dei Fatebenefratelli del Lombardo-Veneto: «Così si garantisce una cura integrale, non solo medica. Al servizio dei pazienti una figura formata attraverso il corso post-laurea in “Umanizzazione e dimensione spirituale della cura nei contesti interculturali»

di Isabella Faggiano
Umanizzazione delle cure, ai Fatebenefratelli un referente laico per ‘la cura spirituale’ dei pazienti. È il primo caso in Italia

Instaura una relazione con il malato, si concentra sull’aspetto umano della sua sofferenza e la orienta verso un orizzonte di senso, religioso o laico che sia. È questa la missione del referente laico del servizio di Attenzione Spirituale e Religiosa, un operatore che lavora nei centri della provincia Lombardo-Veneta dei Fatebenefratelli, integrandosi all’equipe di medici e professionisti sanitari.

«In questo modo – spiega Laura Zorzella, responsabile del centro Pastorale provinciale – garantiamo un’umanizzazione delle cure. Una cura integrale, non solo medica, psicologica, sociale, ma anche spirituale».

Il referente laico del Servizio di Attenzione Spirituale e Religiosa è una figura nuova non solo per il Sistema Sanitario Nazionale, ma anche per la Chiesa. «È il primo caso in Italia, uno dei pochi in Europa. La vera innovazione del nostro Servizio – dice Zorzella – è la presenza di un laico accanto al cappellano. Una figura specifica formata attraverso il corso di perfezionamento post-laurea in “Umanizzazione e dimensione spirituale della cura nei contesti interculturali, organizzato in collaborazione con l’università Cattolica, e attraverso una formazione continua sul campo. Percorsi che consentono all’operatore di avere il giusto atteggiamento verso il malato e di approcciarne i bisogni spirituali e religiosi con un adeguato background culturale, che contempla anche fedi diverse da quella cattolica».

LEGGI ANCHE: ETICA E SANITA’, PARLA DON ANGELELLI (CEI): «GARANTIRE LA LIBERTA’ AGLI OPERATORI SANITARI. SANITA’ CATTOLICA HA RINCORSO MODELLO AZIENDALISTICO, TORNARE ALLE ORIGINI»

Un orientamento all’umanizzazione delle cure che gli operatori dei Servizi di Attenzione Spirituale e Religiosa trasmettono anche a tutti i medici ed ai professionisti sanitari: «Collaboriamo costantemente con gli uffici di formazione – sottolinea Zorzella – per sensibilizzare medici e personale sanitario a questa visione di cura integrale».

L’esperienza è cominciata 5 anni fa: «Sperimentata dapprima in quattro centri – commenta la responsabile Zorzella – ora questa figura è presente in quasi tutta la provincia Lombardo-Veneta dei Fatebenefratelli, che comprende molte regioni del nord Italia. Grazie alla presenza di questo referente laico i pazienti possono relazionarsi con il senso del proprio progetto di vita, anche accettando la fase di sofferenza, se non addirittura la prospettiva della morte».

«Abbiamo cominciato con l’obiettivo di creare un professionista che si affiancasse a quelli sanitari, offrendo un contributo terapeutico. Ed a distanza di cinque anni – dice Zorzella – possiamo affermare di essere riusciti nel nostro intento. Lo dimostra la nostra esperienza sul campo e lo confermano anche numerose ricerche scientifiche: il lavoro della guida spirituale ha un valore terapeutico. Per questo – conclude -, vorremo che anche gli operatori che si occupano dello spirito siano riconosciuti tra i professionisti sanitari dalle Istituzioni».

Articoli correlati
Frattura del femore nell’anziano: al Fatebenefratelli lo specialista ‘a casa’ con un click
Il nuovo servizio gratuito di videovisita dal Fatebenefratelli-isola tiberina. Con lo smartphone e l’aiuto di un figlio o di un nipote, lo specialista potrà valutare in diretta la mobilità del paziente
In Lombardia il primo laboratorio di genetica forense della Polizia di Stato: «Vedrà la luce in un ospedale pubblico»
I locali sono dotati di strumentazione all'avanguardia per l'estrazione del DNA, una pratica che servirà per le indagini genetico forensi  e sarà svolta da analisti della Polizia Scientifica altamente specializzati
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 20 gennaio, sono 96.255.312 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.059.566 i decessi. Ad oggi, oltre 41,79 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...