Salute 25 Ottobre 2022 16:09

Depressione maggiore: in uno spray nasale nuove speranze di cura per i pazienti “farmaco-resistenti”

Il nuovo farmaco, l’Esketamina, approvato dall’AIFA lo scorso aprile, ha effetti più rapidi ed è più efficace per alcune forme di depressione resistenti ai trattamenti. Vita (SIP): «La nuova molecola, da utilizzare in associazione ai trattamenti standard, è un farmaco ad uso ospedaliero, che può essere utilizzato nelle strutture sanitarie accreditate del SSN, sotto stretto controllo medico».

È uno spray nasale, si chiama Esketamina, un derivato della ketamina, ed offre nuove speranze di cura alle persone affette da depressione maggiore che non rispondono alle terapie. Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sarebbero circa 300 mila in Italia e 100 milioni nel mondo i pazienti “farmaco-resistenti”. «I trattamenti generalmente utilizzati per la cura della depressione maggiore hanno due limiti principali: agiscono a circa tre settimane di distanza dalla prima somministrazione ed hanno effetto sul 70% dei pazienti affetti da questa patologia», dice il professore Antonio Vita, vicepresidente della Società Italiana di Psichiatria (SIP) e Direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Servizi per le Dipendenze Spedali Civili di Brescia. Al contrario, l’Esketamina, approvata dall’AIFA lo scorso aprile, ha un’azione molto più rapida.

Lo studio

L’Esketamina è stata oggetto di vari studi, uno condotto in Italia.  La ricerca, coordinata dall’Università G. D’Annunzio di Chieti e dall’Università di Brescia e pubblicata sul Journal of Affective Disorders, ha coinvolto 116 pazienti trattati con il nuovo farmaco in forma di spray nasale, in cura presso 22 diversi centri italiani. Oltre il 64% dei pazienti trattati ha mostrato un miglioramento significativo, tra questi 4 su 10 hanno avuto una remissione completa della malattia. «La nuova molecola, da utilizzare in associazione ai trattamenti standard, anticipa il suo effetto di circa quindici giorni rispetto alle terapie finora utilizzate», spiega il professore Vita.

I numeri della depressione

«In Italia, la depressione maggiore, ovvero la forma più grave di questa patologia, colpisce tra il 5-7% della popolazione, percentuale aumentata del 25% a seguito della pandemia da Covid-19. Sono generalmente le donne ad essere più colpite, con un rapporto di 2:1 rispetto alla popolazione maschile, anche se, dall’esplosione dell’emergenza sanitaria, anche giovanissimi e anziani appaiono maggiormente in pericolo. La familiarità – aggiunge lo specialista -, pur essendo un fattore di rischio, non è una condizione che certamente predispone un soggetto alla patologia».

I trattamenti

Ma una buona notizia c’è: dalla depressione si può guarire. «La storia delle terapie che hanno rivoluzionato il trattamento di questa patologia è lunga cinquant’anni. Oggi – racconta il professore Vita – grazie ai progressi ottenuti attraverso la ricerca scientifica disponiamo di trattamenti sempre più efficaci e, soprattutto, ben tollerati dai pazienti. Si va dai farmaci cosiddetti serotoninergici, cioè che agiscono sulla serotonina, ad altre formulazioni che hanno un effetto mirato su più neurotrasmettitori, fino a quelli multimodali, così definiti perché in grado di coinvolgere diversi sistemi neurotrasmettitoriali. È l’insieme di questi farmaci che oggi consente di ottenere ottimi risultati, seppur con i limiti già citati (agiscono circa dopo 3/4 settimane ed hanno effetto sul 70% dei pazienti)».

Trattamenti complementari

Tuttavia, coloro che sono affetti da forme di depressione resistenti ai trattamenti non devono perdersi d’animo, poiché esistono ancora diverse strade da poter tentare. «Dopo aver accertato l’esatta somministrazione del farmaco prescritto è possibile ricorrere al potenziamento di quei farmaci che non hanno sortito l’effetto desiderato, attraverso l’associazione di specifiche molecole. Ancora, esistono trattamenti non farmacologi efficaci, come la psicoterapia ad impostazione cognitivo comportamentale». L’ultimo grande passo, come detto, è rappresentato dall’Esketamina, anche se gli specialisti invitano alla prudenza: serviranno ulteriori studi clinici affinché questa innovazione terapeutica possa diventare uno strumento effettivo e routinario nelle mani di tutta la psichiatria italiana.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il segreto di una vita felice? Dormire! Perdere anche un’ora di sonno butta giù l’umore
Fare le ore piccole potrebbe presto diventare un'opzione poco entusiasmante. Un gruppo di ricercatori della University of East Anglia ha scoperto che dormire meno del solito, anche solo di un'ora, fa sentire le persone meno positive e felici. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Psychological Bulletin
Arte e letteratura efficace contro depressione e ansia giovanile
L’arte e letteratura può dare un grande contributo nel miglioramento dei sintomi di depressione e di ansia nei ragazzi. A dimostrarlo è uno studio internazionale a cui ha preso parte anche l’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara
Una notte “in bianco” può ridurre la depressione per diversi giorni
Uno studio dell'Università Northwestern negli Stati Uniti ha scoperto che la perdita di sonno acuta può avere un effetto anti-depressivo grazie alla sua capacità di riconfigurare il cervello
Malattie mentali: boom delle diagnosi, +30% in Italia
Una policrisi sanitaria, sociale, economica e politica, sta cambiando il nostro modo di vivere, acuendo il disagio psichico: le diagnosi di disturbi mentali sono in continua crescita, con aumenti del 30% soprattutto nelle categorie più fragili e nei più giovani. L'allarme è stato lanciato dalla Società Italiana di Psichiatria in vista della Giornata Mondiale della Salute Mentale che si celebra il 10 ottobre
Ansia e attacchi di panico? Il canto degli uccelli può avere un effetto rigenerante
La Natura offre un semplice rimedio contro l'ansia, gli attacchi di panico e per il benessere della salute mentale in generale. Uno studio del Max Planck Institute for Human Development, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, ha dimostrato che i canti degli uccelli possono avere un effetto rigenerante
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

“Una Vita Senza Inverno”: il diario per conoscere l’Anemia emolitica autoimmune da anticorpi freddi attraverso il vissuto dei pazienti  

Nato da una iniziativa di Sanofi in collaborazione FB&Associati, e con il contributo di Cittadinanzattiva e UNIAMO, oltre alle storie dei pazienti racconta anche quelle dei loro caregiver, mettendo in...
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...