Salute 25 Ottobre 2022 16:09

Depressione maggiore: in uno spray nasale nuove speranze di cura per i pazienti “farmaco-resistenti”

Il nuovo farmaco, l’Esketamina, approvato dall’AIFA lo scorso aprile, ha effetti più rapidi ed è più efficace per alcune forme di depressione resistenti ai trattamenti. Vita (SIP): «La nuova molecola, da utilizzare in associazione ai trattamenti standard, è un farmaco ad uso ospedaliero, che può essere utilizzato nelle strutture sanitarie accreditate del SSN, sotto stretto controllo medico».

È uno spray nasale, si chiama Esketamina, un derivato della ketamina, ed offre nuove speranze di cura alle persone affette da depressione maggiore che non rispondono alle terapie. Secondo le stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità sarebbero circa 300 mila in Italia e 100 milioni nel mondo i pazienti “farmaco-resistenti”. «I trattamenti generalmente utilizzati per la cura della depressione maggiore hanno due limiti principali: agiscono a circa tre settimane di distanza dalla prima somministrazione ed hanno effetto sul 70% dei pazienti affetti da questa patologia», dice il professore Antonio Vita, vicepresidente della Società Italiana di Psichiatria (SIP) e Direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Servizi per le Dipendenze Spedali Civili di Brescia. Al contrario, l’Esketamina, approvata dall’AIFA lo scorso aprile, ha un’azione molto più rapida.

Lo studio

L’Esketamina è stata oggetto di vari studi, uno condotto in Italia.  La ricerca, coordinata dall’Università G. D’Annunzio di Chieti e dall’Università di Brescia e pubblicata sul Journal of Affective Disorders, ha coinvolto 116 pazienti trattati con il nuovo farmaco in forma di spray nasale, in cura presso 22 diversi centri italiani. Oltre il 64% dei pazienti trattati ha mostrato un miglioramento significativo, tra questi 4 su 10 hanno avuto una remissione completa della malattia. «La nuova molecola, da utilizzare in associazione ai trattamenti standard, anticipa il suo effetto di circa quindici giorni rispetto alle terapie finora utilizzate», spiega il professore Vita.

I numeri della depressione

«In Italia, la depressione maggiore, ovvero la forma più grave di questa patologia, colpisce tra il 5-7% della popolazione, percentuale aumentata del 25% a seguito della pandemia da Covid-19. Sono generalmente le donne ad essere più colpite, con un rapporto di 2:1 rispetto alla popolazione maschile, anche se, dall’esplosione dell’emergenza sanitaria, anche giovanissimi e anziani appaiono maggiormente in pericolo. La familiarità – aggiunge lo specialista -, pur essendo un fattore di rischio, non è una condizione che certamente predispone un soggetto alla patologia».

I trattamenti

Ma una buona notizia c’è: dalla depressione si può guarire. «La storia delle terapie che hanno rivoluzionato il trattamento di questa patologia è lunga cinquant’anni. Oggi – racconta il professore Vita – grazie ai progressi ottenuti attraverso la ricerca scientifica disponiamo di trattamenti sempre più efficaci e, soprattutto, ben tollerati dai pazienti. Si va dai farmaci cosiddetti serotoninergici, cioè che agiscono sulla serotonina, ad altre formulazioni che hanno un effetto mirato su più neurotrasmettitori, fino a quelli multimodali, così definiti perché in grado di coinvolgere diversi sistemi neurotrasmettitoriali. È l’insieme di questi farmaci che oggi consente di ottenere ottimi risultati, seppur con i limiti già citati (agiscono circa dopo 3/4 settimane ed hanno effetto sul 70% dei pazienti)».

Trattamenti complementari

Tuttavia, coloro che sono affetti da forme di depressione resistenti ai trattamenti non devono perdersi d’animo, poiché esistono ancora diverse strade da poter tentare. «Dopo aver accertato l’esatta somministrazione del farmaco prescritto è possibile ricorrere al potenziamento di quei farmaci che non hanno sortito l’effetto desiderato, attraverso l’associazione di specifiche molecole. Ancora, esistono trattamenti non farmacologi efficaci, come la psicoterapia ad impostazione cognitivo comportamentale». L’ultimo grande passo, come detto, è rappresentato dall’Esketamina, anche se gli specialisti invitano alla prudenza: serviranno ulteriori studi clinici affinché questa innovazione terapeutica possa diventare uno strumento effettivo e routinario nelle mani di tutta la psichiatria italiana.

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
La maternità dopo la malattia, un sogno possibile per le Gemme Dormienti
L’Associazione, presieduta dalla ginecologa Mariavita Ciccarone, dal 2011 assiste le pazienti nella conservazione della fertilità. «Fondamentale formare in primis il personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 2 dicembre 2022, sono 644.116.374 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.637.943 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa