Salute 10 Giugno 2022 10:51

Depressione e malattie organiche, il legame killer che abbassa l’aspettativa di vita

Numerosi studi internazionali dimostrano un aumento della mortalità legata a patologie non trasmissibili nei soggetti affetti da disturbo depressivo

Depressione e malattie organiche, il legame killer che abbassa l’aspettativa di vita

La depressione uccide. E non nel modo più comune a cui siamo abituati a pensare, all’atto estremo che per automatismo associamo a questa patologia psichica, e cioè il suicidio. Non solo, almeno. La depressione uccide in quanto, come attestano numerosi studi, aumenta sensibilmente sia l’insorgenza dei quattro “big killers”, patologie non trasmissibili: malattie cardiovascolari, tumori, BPCO, diabete, sia l’incidenza di ricadute, ospedalizzazioni e mortalità relative a queste stesse patologie. In sostanza, chi soffre di depressione ha molte più probabilità di morire prematuramente per cause organiche apparentemente scollegate dal disturbo psichico in sé. Ne abbiamo parlato nel dettaglio con il professor Matteo Balestrieri, ordinario di Psichiatria presso l’Università di Udine e co-presidente della Società Italiana di Neuropsicofarmacologia (SINPF).

Le cause. La componente psicologica e comportamentale

«Questi fattori giocano un ruolo importante per quanto riguarda l’insorgenza o l’aggravarsi di patologie non trasmissibili nei soggetti che soffrono di disturbo depressivo. La persona depressa – spiega Balestrieri – tende a utilizzare meno costantemente i farmaci, a dimenticarne l’assunzione o peggio, a non assumerli scientemente per una serie di motivi collegati al suo disturbo psichico (in primis scarsa motivazione a mettere in atto comportamenti virtuosi per salvaguardare la propria salute e la propria vita). Abbiamo quindi da un lato il rischio di scarsa aderenza terapeutica nella gestione di una patologia già in atto – osserva il professore – ma abbiamo anche una scarsa aderenza a stili di vita salutari e ad attività di prevenzione secondaria (screening) che possano evitare o intercettare agli esordi queste patologie».

La componente organica e le alterazioni biologiche

«C’è poi anche un’altra componente molto importante – aggiunge Balestrieri – che è quella immunitaria ed infiammatoria. Le alterazioni biologiche che contraddistinguono la depressione sono strettamente collegate alle alterazioni biologiche che comportano disfunzioni di natura infiammatoria, immunitaria e ormonale (endocrina). Proprio la componente endocrina, presente nei disturbi depressivi, è responsabile dell’aumento dell’incidenza di alcuni tumori tipicamente femminili, parimenti influenzati dall’attività ormonale. Così come i disturbi del sonno – sottolinea – strettamente collegati agli stati depressivi, possono sia essere causati da alterazioni endocrine, che causarle o peggiorarle, e anche questo ha sicuramente delle ripercussioni a livello organico».

Fondamentale ruolo dei caregiver per eliminare circolo vizioso

«Gli studi convergono sul fatto che i fattori si influenzano a vicenda – afferma lo psichiatra – la depressione peggiora la malattia, ma anche la malattia spesso induce la depressione, in un circolo vizioso che si autoalimenta per interrompere il quale l’intervento precoce, sia con trattamenti farmacologici, antidepressivi e psicoterapia è essenziale. Il peggioramento delle condizioni e l’aumento di mortalità riguardano in particolare i casi di diabete con una diagnosi di depressione insorta successivamente. Fondamentale – conclude Balestrieri – il ruolo dei caregiver delle persone affette da depressione con o senza patologie non trasmissibili concomitanti, per assicurare sia una maggiore aderenza terapeutica (sia rispetto alla depressione sia alla patologia concomitante) sia una maggiore attenzione alla prevenzione primaria e secondaria (per abbassare i rischi di insorgenza di patologia concomitante)».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Menopausa, non solo vampate: la battaglia è contro lo stigma sociale e le patologie correlate
La neopresidente della IMS (International Menopause Society), prof. Rossella Nappi: «Oggi questa fase coincide sempre più con il momento di maggior realizzazione professionale delle donne: viviamolo al meglio»
In Italia è Padel-mania, ma gli esperti avvertono: «Contro i traumi in aumento, più prevenzione e preparazione fisica»
Al via i corsi Consulcesi con la collaborazione del dott. Andrea Grasso per formare medici e operatori sanitari a riconoscere e contrastare i danni fisici legati allo sport
Il lavoro nobilita, ma deprime, in particolare le donne. Lo Smart working è la soluzione?
La conferma arriva da due studi: uno inglese realizzato prima della pandemia e l’altro italiano fatto durante e dopo il Covid. In entrambi risulta che la qualità del lavoro e le condizioni incidono sulla salute mentale in particolare nelle donne. Ecco perché dallo smart working non si deve più tornare indietro
Giornata vitiligine, Calzavara Pinton (SIDeMaST): «In arrivo il primo farmaco specifico»
Il dermatologo: «Attualmente non esistono farmaci approvati per il trattamento di questa malattia. La fototerapia è l’unico trattamento finora utilizzato, con indicazione specifica, per la vitiligine. Colpisce lo 0,5-2,0% della popolazione e può verificarsi a qualsiasi età anche se, frequentemente, i sintomi iniziali compaiono prima dei 20 anni»
Anoressia giovanile, Castelnuovo (Cattolica): «Fenomeno peggiorato con pandemia. Si parte anche dai 10-11 anni»
Intervista a Gianluca Castelnuovo, professore ordinario di Psicologia clinica Università Cattolica Milano: «Risultati evidenti con psicoterapia breve strategica»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 4 luglio, sono 549.184.038 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.339.118 i decessi. Ad oggi, oltre 11,75 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nbs...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Negativo con i sintomi, quando posso ripetere il test?

Capita sempre più spesso che una persona con i sintomi del Covid-19 risulti negativa al primo test. Con Omicron sono stati segnalati più casi di positività ritardata. Meglio ripet...