Salute 10 Giugno 2022 10:51

Depressione e malattie organiche, il legame killer che abbassa l’aspettativa di vita

Numerosi studi internazionali dimostrano un aumento della mortalità legata a patologie non trasmissibili nei soggetti affetti da disturbo depressivo

Depressione e malattie organiche, il legame killer che abbassa l’aspettativa di vita

La depressione uccide. E non nel modo più comune a cui siamo abituati a pensare, all’atto estremo che per automatismo associamo a questa patologia psichica, e cioè il suicidio. Non solo, almeno. La depressione uccide in quanto, come attestano numerosi studi, aumenta sensibilmente sia l’insorgenza dei quattro “big killers”, patologie non trasmissibili: malattie cardiovascolari, tumori, BPCO, diabete, sia l’incidenza di ricadute, ospedalizzazioni e mortalità relative a queste stesse patologie. In sostanza, chi soffre di depressione ha molte più probabilità di morire prematuramente per cause organiche apparentemente scollegate dal disturbo psichico in sé. Ne abbiamo parlato nel dettaglio con il professor Matteo Balestrieri, ordinario di Psichiatria presso l’Università di Udine e co-presidente della Società Italiana di Neuropsicofarmacologia (SINPF).

Le cause. La componente psicologica e comportamentale

«Questi fattori giocano un ruolo importante per quanto riguarda l’insorgenza o l’aggravarsi di patologie non trasmissibili nei soggetti che soffrono di disturbo depressivo. La persona depressa – spiega Balestrieri – tende a utilizzare meno costantemente i farmaci, a dimenticarne l’assunzione o peggio, a non assumerli scientemente per una serie di motivi collegati al suo disturbo psichico (in primis scarsa motivazione a mettere in atto comportamenti virtuosi per salvaguardare la propria salute e la propria vita). Abbiamo quindi da un lato il rischio di scarsa aderenza terapeutica nella gestione di una patologia già in atto – osserva il professore – ma abbiamo anche una scarsa aderenza a stili di vita salutari e ad attività di prevenzione secondaria (screening) che possano evitare o intercettare agli esordi queste patologie».

La componente organica e le alterazioni biologiche

«C’è poi anche un’altra componente molto importante – aggiunge Balestrieri – che è quella immunitaria ed infiammatoria. Le alterazioni biologiche che contraddistinguono la depressione sono strettamente collegate alle alterazioni biologiche che comportano disfunzioni di natura infiammatoria, immunitaria e ormonale (endocrina). Proprio la componente endocrina, presente nei disturbi depressivi, è responsabile dell’aumento dell’incidenza di alcuni tumori tipicamente femminili, parimenti influenzati dall’attività ormonale. Così come i disturbi del sonno – sottolinea – strettamente collegati agli stati depressivi, possono sia essere causati da alterazioni endocrine, che causarle o peggiorarle, e anche questo ha sicuramente delle ripercussioni a livello organico».

Fondamentale ruolo dei caregiver per eliminare circolo vizioso

«Gli studi convergono sul fatto che i fattori si influenzano a vicenda – afferma lo psichiatra – la depressione peggiora la malattia, ma anche la malattia spesso induce la depressione, in un circolo vizioso che si autoalimenta per interrompere il quale l’intervento precoce, sia con trattamenti farmacologici, antidepressivi e psicoterapia è essenziale. Il peggioramento delle condizioni e l’aumento di mortalità riguardano in particolare i casi di diabete con una diagnosi di depressione insorta successivamente. Fondamentale – conclude Balestrieri – il ruolo dei caregiver delle persone affette da depressione con o senza patologie non trasmissibili concomitanti, per assicurare sia una maggiore aderenza terapeutica (sia rispetto alla depressione sia alla patologia concomitante) sia una maggiore attenzione alla prevenzione primaria e secondaria (per abbassare i rischi di insorgenza di patologia concomitante)».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
La maternità dopo la malattia, un sogno possibile per le Gemme Dormienti
L’Associazione, presieduta dalla ginecologa Mariavita Ciccarone, dal 2011 assiste le pazienti nella conservazione della fertilità. «Fondamentale formare in primis il personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni