Salute 8 Giugno 2022 16:16

Vincere la depressione? Oggi si può con uno spray nasale

L’Esketamina è un farmaco realizzato da Janssen. Presentato ieri a Milano è stato approvato da AIFA dopo essere stato testato da vari Istituti con ottimi risultati. Maina (Uni Torino) «Prodotto innovativo per il disturbo depressivo maggiore efficace nel 70% dei casi con una riduzione dei sintomi già dopo 24 ore dalla prima somministrazione»

Si chiama Esketamina ed è il primo spray nasale per combattere la depressione resistente. Un farmaco innovativo realizzato da Janssen, approvato da AIFA e somministrato nei centri di cura in combinazione con un antidepressivo inibitore di serotonina.

«È un farmaco innovativo, completamente differente dai precedenti per il meccanismo di azione – spiega Giuseppe Maina, Professore ordinario di psichiatria presso l’Università di Torino e Direttore dell’Unità complessa di psichiatria dell’Ospedale San Luigi Gonzaga di Orbassano – è un farmaco che non agisce su serotonina o dopamina, ma agisce su glutammato, ovvero un neurotrasmettitore ubiquitario e funziona in varie parti del cervello e subito attiva rapidamente una serie di risposte a cascata».

Terapia innovativa per vincere la depressione maggiore

La depressione maggiore, che è caratterizzata da periodi di malessere continuativo della durata di almeno due settimane e si manifesta con calo dell’umore, apatia, riduzione di interesse nei confronti di tutte le attività, ridotta capacità di concentrazione, debolezza, alterazione del ritmo sonno veglia, pessimismo e sensi di colpa, sembra aver trovato nella Esketamina una risposta efficace: «Gli studi danno un 70/80 percento di risposta e considerando che questi sono pazienti resistenti è una percentuale che ci dà molta soddisfazione e speranza – riprende Maina -. I risultati si vedono a distanza di poche ore; il protocollo prevede nel primo mese due somministrazioni la settimana, nel secondo una somministrazione la settimana. Dopodiché il paziente può continuare con una terapia di mantenimento».

Riduce il rischio di ricadute del 51%

«Si conferma farmaco efficace nelle situazioni cliniche in cui sono già stati utilizzati altri farmaci antidepressivi senza successo – aggiunge Mauro Percudani, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze dell’Ospedale Niguarda di Milano – quindi si interviene con Esketamina dopo due fallimenti nei precedenti trattamenti». Non solo, il farmaco riduce il rischio di ricadute del 51% tra i pazienti con remissione stabile: «Ha dimostrato una efficacia significativa nel miglioramento dei sintomi, sia in termini di rapidità di azione e stabilizzazione sul lungo termine, sia per soddisfazione del paziente, anche nei casi in cui le risposte cliniche non ci sono e si rischia la cronicizzazione del disturbo».

Casi in aumento dopo il Covid, attenzione ai giovani

In Italia i soggetti affetti da depressione rappresentano il 5% della popolazione, pari a circa 3 milioni di persone di cui 1 milione colpito da disturbo depressivo maggiore (MDD). Il Covid ha ulteriormente peggiorato la situazione, in particolare tra i giovani. Per questo il ruolo della prevenzione è fondamentale: «C’è chi parla addirittura di una ondata di Covid psichiatrica perché c’è un aumento enorme di casi di depressione e di disturbi del comportamento alimentare, di dipendenze da alcol, da sostanze e di casi di suicidio – sottolinea Maina -. E la fascia giovanile è quella che più soffre di questo tipo di conseguenza da Covid. Fortunatamente, i giovani dai 18 ai 25 possono essere trattati con Esketamina».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Il lavoro nobilita, ma deprime, in particolare le donne. Lo Smart working è la soluzione?
La conferma arriva da due studi: uno inglese realizzato prima della pandemia e l’altro italiano fatto durante e dopo il Covid. In entrambi risulta che la qualità del lavoro e le condizioni incidono sulla salute mentale in particolare nelle donne. Ecco perché dallo smart working non si deve più tornare indietro
Sanità, Boldrini (Pd): «Prorogare e stabilizzare operatori sociosanitari nei penitenziari e nelle RSA»
La senatrice chiede ai ministri competenti «quali ragioni abbiano spinto a rinunciare a questa dotazione di personale in strutture che operano sempre sotto organico con conseguente burn out»
Lockdown controproducenti, in alcuni paesi hanno aumentato i contagi
Uno studio dell'Università della Finlandia orientale ha dimostrato che, in alcuni paesi, i lockdown sono stati inutili e controproducenti. In altre parole, i blocchi completi hanno aumentato la diffusione dei contagi
Gruppo INI candidato agli “Oscar” della Sanità privata europea
L’ambulatorio per il Long Covid attivato a febbraio 2021 a Città Bianca di Veroli (Frosinone) tra i progetti finalisti degli European Private Hospital Awards nella categoria “Best patient-focused initiative”
Rivoluzione digitale in Sanità, la Campania ai blocchi di partenza nonostante le difficoltà
«La pandemia ha scaldato i motori dell’innovazione, ora sotto con la sfida del PNRR»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 28 giugno, sono 544.504.578 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.330.575 i decessi. Ad oggi, oltre 11,65 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono i sintomi della variante Omicron BA.5 e quanto durano?

La variante Omicron BA.5 tende a colpire le vie aeree superiori, causando sintomi lievi, come naso che cola e febbre. I primi dati indicano che i sintomi durano in media 4 giorni
Covid-19, che fare se...?

Il vaccino può causare il Long Covid?

Uno studio americano ha segnalato una serie di sintomi legati alla vaccinazione anti-Covid. Ma per gli esperti non si tratta di Long Covid, ma solo di normali effetti collaterali