Salute 8 Giugno 2022 16:16

Vincere la depressione? Oggi si può con uno spray nasale

L’Esketamina è un farmaco realizzato da Janssen. Presentato ieri a Milano è stato approvato da AIFA dopo essere stato testato da vari Istituti con ottimi risultati. Maina (Uni Torino) «Prodotto innovativo per il disturbo depressivo maggiore efficace nel 70% dei casi con una riduzione dei sintomi già dopo 24 ore dalla prima somministrazione»

Si chiama Esketamina ed è il primo spray nasale per combattere la depressione resistente. Un farmaco innovativo realizzato da Janssen, approvato da AIFA e somministrato nei centri di cura in combinazione con un antidepressivo inibitore di serotonina.

«È un farmaco innovativo, completamente differente dai precedenti per il meccanismo di azione – spiega Giuseppe Maina, Professore ordinario di psichiatria presso l’Università di Torino e Direttore dell’Unità complessa di psichiatria dell’Ospedale San Luigi Gonzaga di Orbassano – è un farmaco che non agisce su serotonina o dopamina, ma agisce su glutammato, ovvero un neurotrasmettitore ubiquitario e funziona in varie parti del cervello e subito attiva rapidamente una serie di risposte a cascata».

Terapia innovativa per vincere la depressione maggiore

La depressione maggiore, che è caratterizzata da periodi di malessere continuativo della durata di almeno due settimane e si manifesta con calo dell’umore, apatia, riduzione di interesse nei confronti di tutte le attività, ridotta capacità di concentrazione, debolezza, alterazione del ritmo sonno veglia, pessimismo e sensi di colpa, sembra aver trovato nella Esketamina una risposta efficace: «Gli studi danno un 70/80 percento di risposta e considerando che questi sono pazienti resistenti è una percentuale che ci dà molta soddisfazione e speranza – riprende Maina -. I risultati si vedono a distanza di poche ore; il protocollo prevede nel primo mese due somministrazioni la settimana, nel secondo una somministrazione la settimana. Dopodiché il paziente può continuare con una terapia di mantenimento».

Riduce il rischio di ricadute del 51%

«Si conferma farmaco efficace nelle situazioni cliniche in cui sono già stati utilizzati altri farmaci antidepressivi senza successo – aggiunge Mauro Percudani, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale e delle Dipendenze dell’Ospedale Niguarda di Milano – quindi si interviene con Esketamina dopo due fallimenti nei precedenti trattamenti». Non solo, il farmaco riduce il rischio di ricadute del 51% tra i pazienti con remissione stabile: «Ha dimostrato una efficacia significativa nel miglioramento dei sintomi, sia in termini di rapidità di azione e stabilizzazione sul lungo termine, sia per soddisfazione del paziente, anche nei casi in cui le risposte cliniche non ci sono e si rischia la cronicizzazione del disturbo».

Casi in aumento dopo il Covid, attenzione ai giovani

In Italia i soggetti affetti da depressione rappresentano il 5% della popolazione, pari a circa 3 milioni di persone di cui 1 milione colpito da disturbo depressivo maggiore (MDD). Il Covid ha ulteriormente peggiorato la situazione, in particolare tra i giovani. Per questo il ruolo della prevenzione è fondamentale: «C’è chi parla addirittura di una ondata di Covid psichiatrica perché c’è un aumento enorme di casi di depressione e di disturbi del comportamento alimentare, di dipendenze da alcol, da sostanze e di casi di suicidio – sottolinea Maina -. E la fascia giovanile è quella che più soffre di questo tipo di conseguenza da Covid. Fortunatamente, i giovani dai 18 ai 25 possono essere trattati con Esketamina».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Salute mentale, scoperto biomarcatore utile per la diagnosi della psicosi
Potrà diventare l’integratore del futuro, tutto naturale, per il benessere del cervello, ma anche il primo biomarcatore naturale di una patologia psichiatrica: per questo sulla palmitoiletanolamide, o PEA, sono puntati i riflettori degli esperti della Società di NeuroPsicoFarmacologia (Sinpf), riuniti da oggi a Milano al XXV congresso nazionale dedicato a “Le neuroscienze del domani: la neuropsicofarmacologia verso la precisione e la personalizzazione delle cure”
di V.A.
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Il segreto di una vita felice? Dormire! Perdere anche un’ora di sonno butta giù l’umore
Fare le ore piccole potrebbe presto diventare un'opzione poco entusiasmante. Un gruppo di ricercatori della University of East Anglia ha scoperto che dormire meno del solito, anche solo di un'ora, fa sentire le persone meno positive e felici. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Psychological Bulletin
Più di 4 ore al giorno sullo smartphone mette la salute degli adolescenti a rischio
Gli adolescenti che utilizzano lo smartphone per più di 4 ore al giorno hanno un rischio maggiore di sviluppare disturbi di salute mentale o di fare uso di sostanze pericolose. A far emergere questa preoccupante associazione è stato uno studio coreano pubblicato su Plos One
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...
Advocacy e Associazioni

Malattia renale cronica, Vanacore (ANED): “La diagnosi precoce è un diritto: cambia la storia dei pazienti e il decorso della patologia”

Il Presidente dell’ANED: “Questa patologia, almeno agli esordi, non dà segni di sé, è subdola e silenziosa. I primi sintomi compaiono spesso quando la malattia renale ...