Salute 10 Febbraio 2022 11:25

Depressione “effetto collaterale” delle patologie croniche: ne soffrono 3 malati su 10

Balestrieri (SNPF): «La relazione tra malattie croniche e depressione è bidirezionale: un malato cronico ha un rischio maggiore di cadere in depressione e un depresso di ammalarsi di patologie croniche»

C’è chi l’affronta a testa alta e chi non regge alla notizia. Tre pazienti cronici su 10, oltre che con la patologia di cui soffriranno per tutta la vita, si trovano fare i conti anche con la depressione.

«Numerosi studi internazionali hanno mostrato che tra i malati di patologie croniche diffuse – come il diabete, l’insufficienza cardiaca, la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) – l’incidenza della depressione è del 30% – spiega Matteo Balestrieri, co-presidente della Società Italiana di NeuroPsicoFarmacologia e professore ordinario di Psichiatria all’Università di Udine -. Una percentuale altissima se paragonata a quella riscontrata tra la popolazione in generale, che oscilla tra il 5 e il 7%». Ma attenzione, la relazione tra patologie croniche e depressione è bidirezionale: «Non solo un malato cronico ha un rischio maggiore di cadere in depressione, rispetto al resto della popolazione. Ma anche chi è depresso ha una possibilità maggiore di ammalarsi di patologie croniche», sottolinea Balestrieri.

Diabete e depressione

È il diabete la patologia cronica che meglio mostra questo rapporto bidirezionale (dal diabete alla depressione e dalla depressione al diabete). «Le persone con diabete di tipo 2 hanno più probabilità di avere un disturbo depressivo maggiore rispetto alla popolazione generale con una frequenza variabile tra il 22 e il 60% – aggiunge il co-presidente SNPF -. Allo stesso tempo, la depressione, causando un’alterazione del metabolismo del glucosio, può indurre una condizione di pre-diabete nei soggetti depressi che precedentemente non avevamo mai mostrato segni di questa patologia cronica».

Lo studio

Il legame a doppio senso tra diabete e depressione ha trovato ulteriore conferma in uno studio appena pubblicato su Acta Diabetologica, condotto dai ricercatori dell’Università di Bologna su 30.815 nuovi casi di diabete, diagnosticati in Emilia-Romagna fra il 2008 e il 2017 e seguiti fino al 2020 per registrare le nuove diagnosi di depressione e le complicanze metaboliche emerse nel corso degli anni. «Da questa ricerca – racconta il professore – sono emersi due nuovi ed interessanti elementi. Il primo riguarda l’incidenza della depressione nel diabete di tipo 2: nel 16.7% dei casi hanno sviluppato depressione persone che non ne avevano mai sofferto in precedenza. In secondo luogo è stato valutato l’impatto della depressione sul diabete di tipo 2: la depressione è stata associata a un rischio 2,3 volte maggiore di sviluppare complicazioni acute, quelle a lungo termine aumentano di 1,6 volte e il rischio di mortalità fino a 2,8 volte in più».

L’insufficienza cardiaca

Anche tra i pazienti con insufficienza cardiaca la prevalenza della depressione è in media del 30%. «Tra questi malati cronici, con insufficienza cardiaca e depressione, il rischio di mortalità è di circa di 1,5 volte superiore a quello registrato tra i pazienti senza depressione. Attraverso una vasta revisione degli studi pubblicati finora sull’argomento è possibile dedurre che mentre la depressione è un importante e indipendente predittore di mortalità tra questi pazienti, l’ansia sembrerebbe, invece, non avere un forte effetto», commenta il docente.

Il cancro

Anche tra i pazienti oncologici l’ansia non è associata ad uno specifico aumento della mortalità. «La prevalenza di ansia tra le pazienti con cancro al seno è del 41,9%, quella della depressione è inferiore di quasi 10 punti percentuali (32,2%)», dice il presidente SNPF. La diminuzione dei sintomi depressivi, a prescindere dai trattamenti utilizzati (psicoterapia o farmaci), è correlata a un aumento del tempo di sopravvivenza-

La BPCO

È tra i pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) che si rileva il tasso più alto di depressione: ne soffre un malato su 4. «La depressione aumenta di molto il rischio di mortalità tra chi soffre di BPCO: +83%. Viceversa, la BPCO aumenta il rischio di depressione del 69%. Così come per il cancro, anche tra i pazienti con BPCO la diminuzione dei sintomi depressivi aumenta la sopravvivenza, a prescindere che il paziente sia sottoposto a trattamenti farmacologici o psicoterapia. «Fa eccezione il diabete – aggiunge Balestrieri – patologia sulla quale alcuni farmaci antidepressivi hanno un effetto benefico oltre che sulla depressione anche sullo stato diabetico».

Le conclusioni

Aldilà dei risultati correlati alle singole patologie, la conclusione a cui si giunge è la medesima per tutte le malattie. «L’accertato legame tra disturbo depressivo e peggioramento delle malattia e diminuzione della sopravvivenza mette in evidenza la necessità di uno screening psicologico adeguato sia al momento della diagnosi che durante i trattamenti così – conclude lo specialista – da fornire ai pazienti il sostegno necessario durante tutta la loro vita».

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’olio evo contrasta diabete, ipertensione e sindrome metabolica
L'olio extravergine di oliva (Evo) gioca un ruolo chiave nel contrastare l'insorgenza delle patologie cronico-degenerative non trasmissibili come il diabete mellito, l'ipertensione arteriosa, la sindrome metabolica, i tumori, le malattie a carico del sistema nervoso e la malattia renale cronica. Lo confermano le ricerche condotte e in corso all'Università degli Studi di Roma Tor Vergata
di V.A.
Diabete di tipo 2: remissione possibile con stile di vita sano, benefici anche per cuore e reni
Il diabete di tipo 2 può essere "curato" perdendo peso e, in generale, adottando uno stile di vita sano, riducendo significativamente il rischio di malattie cardiovascolari e renali. Queste sono le conclusioni di uno studio dell’Associazione europea per lo studio del diabete (EASD), pubblicato sulla rivista Diabetologia
Il segreto di una vita felice? Dormire! Perdere anche un’ora di sonno butta giù l’umore
Fare le ore piccole potrebbe presto diventare un'opzione poco entusiasmante. Un gruppo di ricercatori della University of East Anglia ha scoperto che dormire meno del solito, anche solo di un'ora, fa sentire le persone meno positive e felici. I risultati sono stati pubblicati sulla rivista Psychological Bulletin
Arte e letteratura efficace contro depressione e ansia giovanile
L’arte e letteratura può dare un grande contributo nel miglioramento dei sintomi di depressione e di ansia nei ragazzi. A dimostrarlo è uno studio internazionale a cui ha preso parte anche l’Università degli Studi “Gabriele d’Annunzio” di Chieti-Pescara
Diabete di tipo 1, se compare in bimbi under 10 ruba 16 anni di vita
L'Italia è il primo paese al mondo ad aver istituito uno screening del diabete di tipo 1 che come prima e importante conseguenza positiva consentirà di prevenire la chetoacidosi. Oggi infatti il 40% delle diagnosi di diabete di tipo 1 avviene in ritardo a seguito di un esordio drammatico, Senza contare che, quando la malattia ha un esordio precoce, prima dei 10 anni di età, si possono arrivare a perdere ben 16 anni di aspettativa di vita. Questi sono i messaggi lanciati da Valentino Cherubini, presidente della Società Italiana di Endocrinologia e Diabetologia Pediatrica (Siedp) che lancia un appello in occasione della Giornata Mondiale del Diabete che si celebra domani
di V.A.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...