Salute 10 Febbraio 2022 11:25

Depressione “effetto collaterale” delle patologie croniche: ne soffrono 3 malati su 10

Balestrieri (SNPF): «La relazione tra malattie croniche e depressione è bidirezionale: un malato cronico ha un rischio maggiore di cadere in depressione e un depresso di ammalarsi di patologie croniche»

C’è chi l’affronta a testa alta e chi non regge alla notizia. Tre pazienti cronici su 10, oltre che con la patologia di cui soffriranno per tutta la vita, si trovano fare i conti anche con la depressione.

«Numerosi studi internazionali hanno mostrato che tra i malati di patologie croniche diffuse – come il diabete, l’insufficienza cardiaca, la broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) – l’incidenza della depressione è del 30% – spiega Matteo Balestrieri, co-presidente della Società Italiana di NeuroPsicoFarmacologia e professore ordinario di Psichiatria all’Università di Udine -. Una percentuale altissima se paragonata a quella riscontrata tra la popolazione in generale, che oscilla tra il 5 e il 7%». Ma attenzione, la relazione tra patologie croniche e depressione è bidirezionale: «Non solo un malato cronico ha un rischio maggiore di cadere in depressione, rispetto al resto della popolazione. Ma anche chi è depresso ha una possibilità maggiore di ammalarsi di patologie croniche», sottolinea Balestrieri.

Diabete e depressione

È il diabete la patologia cronica che meglio mostra questo rapporto bidirezionale (dal diabete alla depressione e dalla depressione al diabete). «Le persone con diabete di tipo 2 hanno più probabilità di avere un disturbo depressivo maggiore rispetto alla popolazione generale con una frequenza variabile tra il 22 e il 60% – aggiunge il co-presidente SNPF -. Allo stesso tempo, la depressione, causando un’alterazione del metabolismo del glucosio, può indurre una condizione di pre-diabete nei soggetti depressi che precedentemente non avevamo mai mostrato segni di questa patologia cronica».

Lo studio

Il legame a doppio senso tra diabete e depressione ha trovato ulteriore conferma in uno studio appena pubblicato su Acta Diabetologica, condotto dai ricercatori dell’Università di Bologna su 30.815 nuovi casi di diabete, diagnosticati in Emilia-Romagna fra il 2008 e il 2017 e seguiti fino al 2020 per registrare le nuove diagnosi di depressione e le complicanze metaboliche emerse nel corso degli anni. «Da questa ricerca – racconta il professore – sono emersi due nuovi ed interessanti elementi. Il primo riguarda l’incidenza della depressione nel diabete di tipo 2: nel 16.7% dei casi hanno sviluppato depressione persone che non ne avevano mai sofferto in precedenza. In secondo luogo è stato valutato l’impatto della depressione sul diabete di tipo 2: la depressione è stata associata a un rischio 2,3 volte maggiore di sviluppare complicazioni acute, quelle a lungo termine aumentano di 1,6 volte e il rischio di mortalità fino a 2,8 volte in più».

L’insufficienza cardiaca

Anche tra i pazienti con insufficienza cardiaca la prevalenza della depressione è in media del 30%. «Tra questi malati cronici, con insufficienza cardiaca e depressione, il rischio di mortalità è di circa di 1,5 volte superiore a quello registrato tra i pazienti senza depressione. Attraverso una vasta revisione degli studi pubblicati finora sull’argomento è possibile dedurre che mentre la depressione è un importante e indipendente predittore di mortalità tra questi pazienti, l’ansia sembrerebbe, invece, non avere un forte effetto», commenta il docente.

Il cancro

Anche tra i pazienti oncologici l’ansia non è associata ad uno specifico aumento della mortalità. «La prevalenza di ansia tra le pazienti con cancro al seno è del 41,9%, quella della depressione è inferiore di quasi 10 punti percentuali (32,2%)», dice il presidente SNPF. La diminuzione dei sintomi depressivi, a prescindere dai trattamenti utilizzati (psicoterapia o farmaci), è correlata a un aumento del tempo di sopravvivenza-

La BPCO

È tra i pazienti affetti da broncopneumopatia cronica ostruttiva (BPCO) che si rileva il tasso più alto di depressione: ne soffre un malato su 4. «La depressione aumenta di molto il rischio di mortalità tra chi soffre di BPCO: +83%. Viceversa, la BPCO aumenta il rischio di depressione del 69%. Così come per il cancro, anche tra i pazienti con BPCO la diminuzione dei sintomi depressivi aumenta la sopravvivenza, a prescindere che il paziente sia sottoposto a trattamenti farmacologici o psicoterapia. «Fa eccezione il diabete – aggiunge Balestrieri – patologia sulla quale alcuni farmaci antidepressivi hanno un effetto benefico oltre che sulla depressione anche sullo stato diabetico».

Le conclusioni

Aldilà dei risultati correlati alle singole patologie, la conclusione a cui si giunge è la medesima per tutte le malattie. «L’accertato legame tra disturbo depressivo e peggioramento delle malattia e diminuzione della sopravvivenza mette in evidenza la necessità di uno screening psicologico adeguato sia al momento della diagnosi che durante i trattamenti così – conclude lo specialista – da fornire ai pazienti il sostegno necessario durante tutta la loro vita».

 

 

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Diabete: influenza triplica il rischio di ricoveri. L’appello degli esperti AME: «Il vaccino salva la vita»
In occasione della Giornata Mondiale del Diabete, che si celebra lunedì 14 novembre 2022 gli specialisti dell'Associazione Medici Endocrinologi (AME-ETS) invitano le persone con diabete a sottoporsi tempestivamente alla vaccinazione antinfluenzale
Diabete e obesità, le prospettive nel 29esimo congresso della Sid (tra PNRR e formazione)
Intervista al presidente della Società Italiana Diabetologia Agostino Consoli
Diabete, Consoli (Sid): «Diventi priorità sanitaria»
Appello al neoministro della Salute Schillaci dal 29 durante il Congresso Nazionale della Società Italiana di Diabetologia. Oggi apertura dei lavori
Depressione maggiore: in uno spray nasale nuove speranze di cura per i pazienti “farmaco-resistenti”
Il nuovo farmaco, l’Esketamina, approvato dall’AIFA lo scorso aprile, ha effetti più rapidi ed è più efficace per alcune forme di depressione resistenti ai trattamenti. Vita (SIP): «La nuova molecola, da utilizzare in associazione ai trattamenti standard, è un farmaco ad uso ospedaliero, che può essere utilizzato nelle strutture sanitarie accreditate del SSN, sotto stretto controllo medico».
Guarire stress, depressione e dipendenze con la montagnaterapia
Nata nel secolo scorso negli Stati Uniti è oggi una pratica diffusa in tutto il mondo. In Italia la SIMont crea una rete di psichiatri che lavorano in sinergia con guide alpine. Brega (direttore psichiatria Feltre): «Camminare in montagna consente di ascoltare il proprio corpo e superare la paura di non farcela»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 30 gennaio 2023, sono 670.393.844 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.824.175 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni