Salute 19 Novembre 2019 18:11

Giornata mondiale BPCO, Rogliani (Tor Vergata): «Aderenza alla terapia tra le maggiori criticità»

In Italia la Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva colpisce tra il 5 e il 10% della popolazione adulta di età superiore ai 40 anni. Ancora poco conosciuta, la BPCO può portare una consistente riduzione della capacità respiratoria. Prof.ssa Paola Rogliani: «Quando il sintomo è palese, il danno è già abbastanza esteso»

Giornata mondiale BPCO, Rogliani (Tor Vergata): «Aderenza alla terapia tra le maggiori criticità»

Il 20 novembre si celebra in tutto il mondo la Giornata mondiale della Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva, anche conosciuta come BPCO. Si tratta di una malattia dell’apparato respiratorio caratterizzata da un’ostruzione irreversibile delle vie aeree. La BPCO è solitamente progressiva ed è associata a uno stato di infiammazione cronica del tessuto polmonare. La conseguenza a lungo termine è un vero e proprio rimodellamento dei bronchi, che provoca una riduzione consistente della capacità respiratoria.

«La BPCO è una condizione complessa ed eterogenea» spiega la Prof.ssa Paola Rogliani, Direttore U.O.C. Malattie Apparato Respiratorio dell’Ospedale Tor Vergata di Roma, intervenuta al XX Congresso Nazionale AIPO, tenutosi a Firenze. «Dietro questo acronimo, spesso incomprensibile per i pazienti, si nascondono numerosissimi quadri clinici che hanno caratteristiche completamente diverse anche per distribuzione in termini anatomici. Può colpire le vie aeree come può colpire il polmone stesso, quindi il parenchima con varietà di fenotipi che però chiamiamo tutti BPCO. Caratterizzati tutti dall’avere un’ostruzione bronchiale che documentiamo con la spirometria, ma che necessita di essere diversificata poi nell’inquadramento terapeutico».

In Italia la Broncopneumopatia Cronica Ostruttiva colpisce tra il 5 e il 10% della popolazione adulta di età superiore ai 40 anni. Nei soggetti con età superiore ai 70 anni, la prevalenza di BPCO moderata e severa si aggira intorno al 20% per gli uomini e al 15% per le donne, con una mortalità (dati ISTAT 2018) che la colloca al terzo posto tra le cause di decesso per gli uomini (86,5/100.000 abitanti) e al quinto per le donne (73,6/100.000 abitanti).

Una malattia ancora difficile da diagnosticare nelle sue prime fasi. «La sintomatologia è caratterizzata da affanno, dispnea da sforzo e tosse. Questi sono i sintomi principali, – spiega ai microfoni di Sanità Informazione – ma quello che fa rivolgere il paziente al medico e che lo turba particolarmente è sicuramente l’affanno sotto sforzo, quindi non poter effettuare le attività che un tempo erano svolte con facilità. Tuttavia, quando il sintomo è così palese, il danno è già abbastanza esteso».

Per la BPCO, come per altre patologie, l’aderenza alle terapie è tra le difficoltà con cui si misura spesso il medico curante. «Terapia che nella maggior parte dei casi viene effettuata con dispositivi inalatori. Quindi – spiega la Prof.ssa Rogliani – le molecole che vengono utilizzate vengono distribuite direttamente nelle vie aeree attraverso dispositivi inalatori e non sempre questo viene percepito come un trattamento reale dai pazienti. Tant’è che l’aderenza è una delle problematiche maggiori in questa tipologia di pazienti».

LEGGI: I FARMACI BIOLOGICI RIVOLUZIONANO LA CURA DELL’ASMA GRAVE. MICHELETTO: «EFFICACI E BEN TOLLERATI DAI PAZIENTI»

Esistono diversi fattori di rischio, alcuni individuali, altri di origine ambientale. Come si legge nel Portale dell’epidemiologia per la sanità pubblica a cura dell’Istituto Superiore di Sanità, tra i fattori individuali, oltre alla predisposizione genetica, ci sono alcune patologie respiratorie complesse che possono contribuire allo sviluppo della malattia, in particolare l’asma e l’ipersensibilità bronchiale. Tra i fattori ambientali, numerosi studi indicano che il principale fattore di rischio per lo sviluppo della Bpco è il fumo di tabacco. Anche il fumo passivo può contribuire parzialmente allo sviluppo della malattia, in quanto favorisce l’inalazione di gas e particolato. Gioca un ruolo determinante anche l’esposizione a polveri, sostanze chimiche, vapori o fumi irritanti all’interno dell’ambiente di lavoro (per esempio silice o cadmio).

Altri fattori di rischio, seppure meno influenti, associati allo sviluppo della Bpco sono l’inquinamento dell’aria: non solo quello atmosferico causato da smog e polveri sottili, ma anche quello presente all’interno degli ambienti chiusi, provocato dalle emissioni di stufe, apparecchi elettrici, impianti di aria condizionata ecc. Infezioni respiratorie come bronchiti, polmoniti e pleuriti possono predisporre infine al deterioramento dei bronchi.

Da qui nasce l’esigenza di «fare delle campagne di prevenzione e soprattutto delle campagne di conoscenza della malattia, affinché questa sintomatologia venga riconosciuta» spiega ancora Rogliani. «Proprio per dare voce a questa condizione e fare in modo che sia conosciuta e soprattutto riconosciuta, sia dai pazienti sia da coloro che se ne occupano».

 

Articoli correlati
Nota 99 AIFA sui farmaci per BPCO, Lombardi (SIMG): «Bene i progressi, ma restano criticità»
Il coordinatore SIMG area Pneumologia: «Con Nota 99 tre progressi per i medici di famiglia. Attesa per ottobre la Nota 100 per il trattamento del diabete»
di Isabella Faggiano
Asma, BPCO e malattie cardiache: Valle del Sacco peggio della Terra dei Fuochi. L’appello a Speranza
La presenza di polveri sottili oltre la norma, le temibili PM2,5, rende Frosinone e una parte della sua provincia ad alto rischio. La pneumologa Teresa Petricca: «Eventi ischemici aumentati del 67%, prevalenza di asma e BPCO oltre la media nazionale. Per questo stiamo sensibilizzando la popolazione». Silenzio da Regione Lazio e Asl. Il Registro Tumori ancora al palo
Giornata mondiale polmonite, il presidente degli pneumologi Vaghi spiega perché quella interstiziale è così pericolosa
«La polmonite interstiziale è la principale causa di ricovero e morte tra i pazienti Covid». Attenzione ai sintomi: «Anche se il tampone è negativo, la polmonite può essere da SARS-CoV-2. Questi pazienti se ricoverati erroneamente in area non Covid contribuiscono alla diffusione nosocomiale del virus»
di Isabella Faggiano
Miocardite e Covid-19: curato sedicenne al San Matteo di Pavia
Il ragazzo, ricoverato per miocardite acuta, era positivo al SARS-CoV-2 ma ha mai avuto sintomi o segni della malattia. Il caso clinico oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”
Covid-19, cosa fare dopo l’infezione? Le indicazioni degli pneumologi
Le prime evidenze cliniche indicano che nei mesi successivi all’infezione da SARS-CoV 2 i polmoni possono presentare alterazioni fibrotiche. Secondo alcuni studiosi, almeno il 30% dei pazienti affetti da COVID-19 potrà avere tali alterazioni. In altre parole, il passaggio del SARS-CoV2 può lasciare cicatrici importanti a livello polmonare, cicatrici che possono evolvere provocando una insufficienza […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 ottobre, sono 244.563.381 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.965.072 i decessi. Ad oggi, oltre 6,85 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Formazione ECM, Sileri: «Tre mesi per recuperare trienni passati, poi controlli e sanzioni a irregolari»

Il sottosegretario alla Salute Pierpaolo Sileri ricorda la scadenza della proroga dei trienni formativi 2014-2016 e 2017-2019 prevista per il 31 dicembre 2021, e chiarisce: «Non ci saranno altre...
Lavoro

Esonero contributivo Enpam, c’è tempo fino al 31 ottobre. Come funziona

Chi può accedere all'esonero contributivo per gli iscritti Enpam che arriva fino a 3mila euro?