Salute 12 Gennaio 2021 01:52

«Un quarto dei pazienti che hanno avuto un infarto interrompe le terapie per il colesterolo»

Campo (Università Ferrara): «Implicazioni drammatiche in termini di mortalità e di recidive cardiovascolari. E spesso è colpa dei medici»

Ad un anno dall’infarto, il 25% dei pazienti interrompe la terapia per ridurre i valori del colesterolo LDL ed il 50% non rispetta i target previsti dalle linee guida. Comportamenti che irrimediabilmente hanno implicazioni drammatiche in termini di mortalità e di recidive cardiovascolari.

«Nei primi mesi dopo l’infarto, i pazienti hanno vivido il ricordo dell’evento e tendono a rispettare la terapia. Gradualmente però il ricordo va a scemare, e scende quindi anche il tasso di aderenza terapeutica. Se mantenere valori bassi di colesterolo in una prima fase non è complicato, il problema è mantenerli tali nel tempo», spiega Gianluca Campo, professore associato presso il dipartimento di Morfologia, chirurgia e medicina sperimentale dell’università di Ferrara.

«Da una parte, infatti – prosegue il cardiologo – si tende ad associare qualunque effetto collaterale alla terapia; dall’altra spesso sono gli stessi medici che nel tempo riducono le dosi e sono meno aggressivi con i pazienti, facendo però loro rischiare conseguenze importanti. Per fortuna – conclude – le società scientifiche stanno lavorando molto per aumentare consapevolezza e conoscenze su questo tema».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Giornata per la prevenzione cardiovascolare, malattie cardiache prima causa di morte e ospedalizzazione
La Società Italiana per la Prevenzione Cardiovascolare (SIPREC) lancia, per il 13 maggio 2021, un’iniziativa nazionale volta a diffondere la consapevolezza dell’importanza e dell’incidenza di queste patologie e, soprattutto, la possibilità di prevenirle
di Isabella Faggiano
Malattie cardiovascolari, Grosseto (cardiologo): «In Europa ogni anno si ammalano undici milioni di persone»
«In base alle categorie di rischio, bisogna tenere il colesterolo LDL sotto controllo, tra 100 e 50 o addirittura 40 mg/dl» puntualizza a Sanità Informazione
Il colesterolo alto è nemico del cuore. Mor: «Non esiste un valore al di sotto del quale il rischio cardiovascolare si azzera»
«L’ipercolesterolemia è stata promossa da fattore di rischio a causa dell’aterosclerosi – spiega la dottoressa Donata Mor – gli studi dimostrano che alla riduzione del colesterolo si genera una riduzione delle malattie cardiovascolari»
Colesterolo, Lazzeroni (cardiologo): «Il 70% dei nostri pazienti dislipidemici non è a target. C’è un problema di sensibilizzazione»
«Circa otto eventi cardiovascolari su dieci sono prevenibili – spiega il cardiologo Davide Lazzeroni a Sanità Informazione - ma per farlo il tempo è fondamentale, bisogna agire subito sui pazienti a rischio»
Dislipidemie, Fresco (cardiologo): «Ecco perché non si raggiungono i target terapeutici»
L’esperto racconta a Sanità Informazione che sono molto comuni la non aderenza terapeutica o la sua bassa continuità nei pazienti a rischio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre, sono 231.857.764 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 4.748.539 i decessi. Ad oggi, oltre 6,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Formazione

Punteggi anonimi per il test di Medicina 2021, a qualcuno non tornano i conti

Si confrontano i punteggi anonimi del test di Medicina 2021 e si fanno le prime previsioni sulla soglia minima per entrare, che oscilla tra due cifre. Intanto in molti lamentano di non aver ricevuto i...
Lavoro

Rinnovo contratto sanità, Ferruzzi (Cisl): «Pugno di ferro su adeguamento salariale e revisione classificazione personale»

Tavolo tecnico convocato per il 21 settembre 2021. Dopo due incontri estivi si entra nel vivo della trattativa con le controproposte dei sindacati
di Isabella Faggiano