Salute 12 Gennaio 2021 01:52

«Un quarto dei pazienti che hanno avuto un infarto interrompe le terapie per il colesterolo»

Campo (Università Ferrara): «Implicazioni drammatiche in termini di mortalità e di recidive cardiovascolari. E spesso è colpa dei medici»

Ad un anno dall’infarto, il 25% dei pazienti interrompe la terapia per ridurre i valori del colesterolo LDL ed il 50% non rispetta i target previsti dalle linee guida. Comportamenti che irrimediabilmente hanno implicazioni drammatiche in termini di mortalità e di recidive cardiovascolari.

«Nei primi mesi dopo l’infarto, i pazienti hanno vivido il ricordo dell’evento e tendono a rispettare la terapia. Gradualmente però il ricordo va a scemare, e scende quindi anche il tasso di aderenza terapeutica. Se mantenere valori bassi di colesterolo in una prima fase non è complicato, il problema è mantenerli tali nel tempo», spiega Gianluca Campo, professore associato presso il dipartimento di Morfologia, chirurgia e medicina sperimentale dell’università di Ferrara.

«Da una parte, infatti – prosegue il cardiologo – si tende ad associare qualunque effetto collaterale alla terapia; dall’altra spesso sono gli stessi medici che nel tempo riducono le dosi e sono meno aggressivi con i pazienti, facendo però loro rischiare conseguenze importanti. Per fortuna – conclude – le società scientifiche stanno lavorando molto per aumentare consapevolezza e conoscenze su questo tema».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Infarto: come riconoscerlo e cosa fare
Le malattie cardiovascolari sono la prima causa di morte nel mondo occidentale. In Europa sono oltre 4 milioni le persone che ogni anno perdono la vita a causa di esse. Tra queste l’infarto rappresenta oggi la principale causa di morte anche in Italia. L’infarto del miocardio si verifica quando si ha un’occlusione parziale o totale […]
di dottoressa Laura Limardo, NurseLifeApp
Rischio cardiovascolare, anche in pandemia resta il killer più pericoloso
Indolfi (Sic) sul rischio cardiovascolare: «Grave gap nella formazione specialistica dei cardiologi, impatto su nuove generazioni»
Il paracetamolo solubile può far male al cuore, contiene più sale di un Big Mac
Uno studio cinese ha concluso che alcune versioni di paracetamolo solubile contengono un elevato consumo di sale nascosto che possono far male al cuore, aumentando il rischio infarto, ictus e insufficienza cardiaca
L’allarme della SIC: «La pandemia ci lascia in eredità un’assistenza cardiologica in ginocchio»
Ricoveri ed esami ridotti in due ospedali su tre e rischio cardiaco più alto per i guariti. Allerta massima su mortalità infarti e ictus: «Rischiamo di tornare indietro di 20 anni»
«Il paracetamolo aumenta il rischio infarto e ictus in chi soffre di pressione alta», l’allarme in uno studio
Uno studio ha dimostrato che le persone con pressione alta che assumono paracetamolo per lunghi periodi di tempo potrebbero essere più a rischio di infarti e ictus.
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Covid-19, che fare se...?

Paracetamolo o ibuprofene, cosa prendere contro i sintomi del Covid?

È la domanda che si fanno molti di coloro che sono stati colpiti lievemente dal virus Sars-CoV-2
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale