Salute 12 Gennaio 2021 01:52

«Un quarto dei pazienti che hanno avuto un infarto interrompe le terapie per il colesterolo»

Campo (Università Ferrara): «Implicazioni drammatiche in termini di mortalità e di recidive cardiovascolari. E spesso è colpa dei medici»

Ad un anno dall’infarto, il 25% dei pazienti interrompe la terapia per ridurre i valori del colesterolo LDL ed il 50% non rispetta i target previsti dalle linee guida. Comportamenti che irrimediabilmente hanno implicazioni drammatiche in termini di mortalità e di recidive cardiovascolari.

«Nei primi mesi dopo l’infarto, i pazienti hanno vivido il ricordo dell’evento e tendono a rispettare la terapia. Gradualmente però il ricordo va a scemare, e scende quindi anche il tasso di aderenza terapeutica. Se mantenere valori bassi di colesterolo in una prima fase non è complicato, il problema è mantenerli tali nel tempo», spiega Gianluca Campo, professore associato presso il dipartimento di Morfologia, chirurgia e medicina sperimentale dell’università di Ferrara.

«Da una parte, infatti – prosegue il cardiologo – si tende ad associare qualunque effetto collaterale alla terapia; dall’altra spesso sono gli stessi medici che nel tempo riducono le dosi e sono meno aggressivi con i pazienti, facendo però loro rischiare conseguenze importanti. Per fortuna – conclude – le società scientifiche stanno lavorando molto per aumentare consapevolezza e conoscenze su questo tema».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Sanità digitale, grandi opportunità per la Cardiologia. Valente: «Utili controllo e monitoraggio dei pazienti a distanza»
Innovazione digitale e nuove tecnologie rappresentano le frontiere in ambito cardiovascolare, soprattutto in questi mesi di emergenza sanitaria. Serafina Valente, direttore della cardiologia dell’AOU di Siena, illustra a Sanità Informazione i vantaggi della digital health in cardiologia
Il contraccolpo indiretto del Covid sul SSN e sulle altre patologie
La sanità oltre il Covid-19: ridotti del 50% gli interventi cardiologici, crollo negli screening, visite specialistiche con picchi del -70%, aumento della natimortalità
di Peter D'Angelo
Un pacemaker elettronico di gomma flessibile? Perrone Filardi (SIC): «Dispositivo innovativo, è la strada giusta»
Un team americano rilancia lo studio sui materiali in cardiologia, il presidente della Società di Cardiologia: «Monitoraggio in remoto è il futuro»
di Tommaso Caldarelli
Ospedale San Camillo: «Nessuna chiusura di cardiologia a causa di operatori positivi Covid-19»
La dichiarazione del Direttore generale dell'ospedale romano Fabrizio d'Alba: «Titolo sparato per diffondere fake news»
Colesterolo LDL, Ferri: «In centri specializzati più semplice raggiungere obiettivi terapeutici»
L’intervista al professor Claudio Ferri, Direttore del centro per l’ipertensione arteriosa e prevenzione cardiovascolare dell’Università de L'Aquila
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 15 gennaio, sono 93.129.104 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.994.440 i decessi. Ad oggi, oltre 35,57 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Assicurativo

Posso portare in deduzione la mia Rc professionale?

Tutti coloro che devono stipulare una polizza per la responsabilità civile in ambito professionale hanno la necessità di far pesare il meno possibile tale onere obbligatorio sul loro reddito da lavo...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...