Salute 13 Ottobre 2022 15:04

I farmaci funzionano meglio se «ci credi». Uno studio sugli antibiotici lo sostiene

Uno studio americano, pubblicato su JAMA Surgey, ha scoperto che gli antibiotici contro l’infiammazione dell’appendice sono più efficaci se si ha fiducia nei farmaci

I farmaci funzionano meglio se «ci credi». Uno studio sugli antibiotici lo sostiene

Bisogna credere e convincersi che funzionino davvero. Tanto basta a rendere un farmaco efficace, almeno contro i sintomi modulati dal cervello, come ad esempio il dolore di un appendice infiammata. Uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Washington (Usa) ha dimostrato che i pazienti con appendicite che credevano che gli antibiotici li avrebbero aiutati avevano più probabilità di vedere un miglioramento dei sintomi. In alcuni casi i farmaci hanno funzionato talmente bene che non c’è stato bisogno di intervenire chirurgicamente. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista JAMA Surgery.

Credere negli antibiotici può evitare appendicectomie

Per la ricerca gli scienziati hanno esaminato 425 partecipanti di 30 anni circa, reclutati tra maggio 2016 e febbraio 2020, nell’ambito dello studio clinico randomizzato Comparison of Outcomes of Antibiotic Drugs and Apendectomy. I pazienti sono stati arruolati da 25 centri medici negli Stati Uniti e a loro è stato chiesto di compilare un questionario prima che venissero prescritti degli antibiotici. I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi: quelli che pensavano che gli antibiotici non avrebbero funzionato, quelli che pensavano potessero aiutare e quelli che sentivano che avrebbero avuto successo. I gruppi sono stati quindi monitorati per 30 giorni. I risultati hanno mostrato che coloro che credevano che gli antibiotici avrebbero curato la loro malattia avevano il 13% in meno di probabilità di subire un intervento chirurgico.

La fiducia nei farmaci attenua i sintomi persistenti

Tra coloro che avevano fiducia nel farmaco 15 adulti su 111 (14%) sono stati sottoposti all’operazione contro i 24 su 92 (27%) tra coloro che non credevano all’efficacia delle medicine. Lo studio ha anche scoperto che credere negli antibiotici rende il 15% più probabile che i sintomi persistenti, come il mal di stomaco, si attenuino. I pazienti «fiduciosi» hanno anche il 6% in più di probabilità di essere soddisfatti del loro trattamento. «Comprendere le convinzioni dei pazienti sul successo della terapia quando si prendono decisioni sul trattamento dell’appendicite può essere importante», scrivono gli autori dello studio. «I percorsi che collegano le convinzioni ai risultati e la potenziale modificabilità delle convinzioni per migliorare i risultati meritano ulteriori indagini», concludono.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
I disinfettanti possono favorire la resistenza agli antibiotici di un superbatterio mortale
La maggior parte dei microbi muore se esposta ai comuni prodotti per la pulizia, ma i residui di questi disinfettanti potrebbero spingere i batteri mortali a diventare resistenti agli antibiotici. Questo è il risultato allarmante di uno studio condotto dalla Macquarie University di Sydney e pubblicato sulla rivista Nature Microbiology
Antibiotici, Pregliasco: “Uso inappropriato di fluorochinoloni rischioso per la salute”
In Italia si abusa di antibiotici fluorochinoloni. Fabrizio Ernesto Pregliasco, direttore sanitario dell’IRCCS Ospedale Galeazzi, Sant'Ambrogio, e professore all’Università degli Studi di Milano, spiega a Sanità Informazione i possibili pericoli
Streptococco, test rapidi e antibiotici: ecco la guida dei pediatri SIP
All'aumento dei casi di streptococco e all'attuale carenza di antibiotici in Italia la Società italiana di pediatria (SIP) ha risposto con una guida semplice e pratica per affrontare il batterio. Messa a punto dal Tavolo Tecnico Malattie Infettive e Vaccinazioni della SIP, guidato da Susanna Esposito
Usa, allarme Shigella multiresistente. Gobbi (Negrar): «Anche in Italia c’è il rischio che arrivi»
Negli Stati Uniti sono aumentati i casi di infezione da un ceppo batterico gastrico resistente ai farmaci. Si tratta della shigellosi, un'infezione causata dal batterio Shigella, che provoca febbre, diarrea e mal di stomaco. A lanciare l'allarme sono stati i Centri per il Controllo e la Prevenzione delle Malattie (CDC). Per Federico Gobbi, direttore del dipartimento di Malattie Infettive e Tropicali dell’IRCCS Sacro Cuore di Negrar (Verona), potrebbero esserci rischi anche per l'Italia
Allarme super batteri, Rappuoli: «Uccidono più di Tbc e Aids messi insieme»
Rino Rappuoli, direttore scientifico del Biotecnopolo di Siena e coordinatore del Mad - Lab (Monoclonal Antibody Discovery) di Fondazione Toscana Life Sciences, punta i riflettori sull'aumento preoccupante dei battri resistenti agli antibiotici
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Contributi e Opinioni

Giornata Infermieri. Testimonianze: “Chi va via, e chi ritorna…”

Rosaria ha accolto l’ordine di servizio arrivato a dicembre 2013. Ad accompagnarlo una frase: “Sono pazienti particolari, si prenda cura di loro”. Era il 2013 e Rosaria da allora non...
Politica

Diabete: presentate al Governo le istanze dei medici e dei pazienti

Dopo aver promosso gli Stati Generali sul Diabete, lo scorso 14 marzo, alla presenza del ministro della Salute, di rappresentanti dell’ISS e di AGENAS, FeSDI, l'Università di Roma Tor Ver...