Salute 13 Ottobre 2022 15:04

I farmaci funzionano meglio se «ci credi». Uno studio sugli antibiotici lo sostiene

Uno studio americano, pubblicato su JAMA Surgey, ha scoperto che gli antibiotici contro l’infiammazione dell’appendice sono più efficaci se si ha fiducia nei farmaci

I farmaci funzionano meglio se «ci credi». Uno studio sugli antibiotici lo sostiene

Bisogna credere e convincersi che funzionino davvero. Tanto basta a rendere un farmaco efficace, almeno contro i sintomi modulati dal cervello, come ad esempio il dolore di un appendice infiammata. Uno studio condotto dai ricercatori dell’Università di Washington (Usa) ha dimostrato che i pazienti con appendicite che credevano che gli antibiotici li avrebbero aiutati avevano più probabilità di vedere un miglioramento dei sintomi. In alcuni casi i farmaci hanno funzionato talmente bene che non c’è stato bisogno di intervenire chirurgicamente. Lo studio è stato pubblicato sulla rivista JAMA Surgery.

Credere negli antibiotici può evitare appendicectomie

Per la ricerca gli scienziati hanno esaminato 425 partecipanti di 30 anni circa, reclutati tra maggio 2016 e febbraio 2020, nell’ambito dello studio clinico randomizzato Comparison of Outcomes of Antibiotic Drugs and Apendectomy. I pazienti sono stati arruolati da 25 centri medici negli Stati Uniti e a loro è stato chiesto di compilare un questionario prima che venissero prescritti degli antibiotici. I partecipanti sono stati divisi in tre gruppi: quelli che pensavano che gli antibiotici non avrebbero funzionato, quelli che pensavano potessero aiutare e quelli che sentivano che avrebbero avuto successo. I gruppi sono stati quindi monitorati per 30 giorni. I risultati hanno mostrato che coloro che credevano che gli antibiotici avrebbero curato la loro malattia avevano il 13% in meno di probabilità di subire un intervento chirurgico.

La fiducia nei farmaci attenua i sintomi persistenti

Tra coloro che avevano fiducia nel farmaco 15 adulti su 111 (14%) sono stati sottoposti all’operazione contro i 24 su 92 (27%) tra coloro che non credevano all’efficacia delle medicine. Lo studio ha anche scoperto che credere negli antibiotici rende il 15% più probabile che i sintomi persistenti, come il mal di stomaco, si attenuino. I pazienti «fiduciosi» hanno anche il 6% in più di probabilità di essere soddisfatti del loro trattamento. «Comprendere le convinzioni dei pazienti sul successo della terapia quando si prendono decisioni sul trattamento dell’appendicite può essere importante», scrivono gli autori dello studio. «I percorsi che collegano le convinzioni ai risultati e la potenziale modificabilità delle convinzioni per migliorare i risultati meritano ulteriori indagini», concludono.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Da antipertensivi a ibuprofene, in Italia è allarme carenza farmaci
Antiepilettici, antidepressivi, diuretici, antipertensivi sono diventati quasi introvabili. Così come il paracetamolo e l'ibuprofene, in particolare ai dosaggi indicati per i bambini. In totale in Italia sarebbero circa 3mila i farmaci a rischio reperibilità. Le cause sono diverse e dipendono in parte dalla pandemia e in parte dall'attuale crisi internazionale
Superbatteri: mortalità 3 volte più alta nei pazienti con cancro
Un uso tempestivo dei nuovi antibiotici nei pazienti con il cancro potrebbe evitare fino a 1000 morti ogni anno nel nostro paese
Depressione maggiore: in uno spray nasale nuove speranze di cura per i pazienti “farmaco-resistenti”
Il nuovo farmaco, l’Esketamina, approvato dall’AIFA lo scorso aprile, ha effetti più rapidi ed è più efficace per alcune forme di depressione resistenti ai trattamenti. Vita (SIP): «La nuova molecola, da utilizzare in associazione ai trattamenti standard, è un farmaco ad uso ospedaliero, che può essere utilizzato nelle strutture sanitarie accreditate del SSN, sotto stretto controllo medico».
In Europa la variante dominante del batterio della gonorrea è resistente all’antibiotico più usato
Uno studio pubblicato sulla rivista The Lancet Microbe ha rilevato che il batterio responsabile della gonorrea più diffuso in Europa è resistente alla prima linea di trattamento, cioè all'antibiotico azitromicina
Crisi energia: «Costi insostenibili», l’allarme della filiera del farmaco
Farmindustria, Egualia, Assoram, Adf, Federfarma Servizi, Federfarma e Assofarm lanciano l'allarme sulla «insostenibilità dei costi derivanti dalla drammatica crisi energetica che sta seriamente mettendo a rischio le forniture dell'intera filiera della salute». Le associazioni chiedono misure urgenti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 7 dicembre 2022, sono 646.415.951 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.644.903 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa
Covid-19, che fare se...?

Che differenze ci sono tra i sintomi del Covid e quelli dell’influenza?

Da quando Omicron è diventata la variante dominante è più difficile riuscire a distinguere l'infezione Covid-19 da una normale influenza. Ci sono solo lievi differenze fra le due ...