Mondo 13 Settembre 2016 09:45

Il test anti-Zika negli USA è firmato dall’italiana Diasorin

La società ha ottenuto dal BARDA (l’ente federale del Dipartimento americano per la salute) l’autorizzazione a realizzare e vendere i nuovi test sierologici per identificare le infezioni causate dal virus. Dopo l’autorizzazione della Food and Drug Administration il prodotto verrà venduto prima negli Stati Uniti, poi nel resto del mondo

La società italiana Diasorin ha ottenuto negli Stati Uniti l’autorizzazione del BARDA (Biomedical Advanced Research and Development Authority, ente federale del Dipartimento americano per la salute) a realizzare e commercializzare nuovi test sierologici per l’identificazione di infezioni causate dal virus Zika.

I test saranno prodotti nello stabilimento di Stillwater (Minnesota) e la società prevede possano essere commercializzati negli Stai Uniti dopo l’autorizzazione da parte della Food and Drug Administration. In seguito la società richiederà autorizzazioni anche per altre parti del mondo, come Europa, Brasile e Cina.

«Sono orgoglioso – commenta Carlo Rosa, Ceo del gruppo – , lo sbarco di Diasorin nei test per Zika  arricchisce il nostro pannello di test di malattie infettive confermando l’eccellenza tecnologica raggiunta dal gruppo».

Ma se quello raggiunto da Diasorin, multinazionale italiana leader nella realizzazione di prodotti di diagnostica di altissima qualità, è un successo indiscutibile, non è la prima volta che l’Italia dimostra le sue competenze in ambito di malattie infettive. L’Istituto “Spallanzani”, in questo senso, rappresenta un’eccellenza sanitaria, dimostrata anche dalla risoluzione dei due recenti casi Ebola avvenuti in Italia. Eccellenza dimostrata anche nel campo della formazione medica, visto che è italiano (ma di respiro internazionale) il primo Film Formativo al mondo per operatori sanitari completamente dedicato al virus che ha messo in ginocchio l’Africa Occidentale: parliamo di “e-bola“, pellicola a cui è stato affiancato materiale didattico il cui conseguimento permette di ricevere 16 crediti ECM. Anche il primo vaccino anti-Ebola ha il marchio italiano, sviluppato da un team di ricercatori nei laboratori dell’Irbm Science Park di Pomezia, in provincia di Roma. Tutto ciò attesta ulteriormente le capacità del settore diagnostico italiano, offrendo buone prospettive anche per la diagnosi e la risoluzione del virus Zika.

 

Articoli correlati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 22 gennaio, sono 97.536.545 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.091.848 i decessi. Ad oggi, oltre 57,58 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns H...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Lavoro

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»