Salute 19 Luglio 2018 10:59

Dalla Chikungunya alla Dengue, tornano le malattie infettive. Ricciardi (ISS): «Siamo preoccupati…»

Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «Stiamo monitorando anche un virus legato ai pipistrelli in Oriente. Popolazione senza vaccinazione più vulnerabile»

Dalla Chikungunya alla Dengue, tornano le malattie infettive. Ricciardi (ISS): «Siamo preoccupati…»

La chikungunya, caratterizzata da febbre e forti dolori. E poi la zika, la dengue, la febbre gialla. Estate è tempo di viaggi e con i viaggi aumenta il rischio di contrarre malattie infettive. Ma ormai non c’è bisogno di andare dall’altra parte del globo per contrarre queste infezioni. Basta una zanzara, forse anche una delle zanzare ‘nostrane’, per diffondere il virus. Come ha dimostrato l’epidemia di chikungunya che l’anno scorso ha imperversato nel Lazio con oltre 250 casi. Ne abbiamo parlato con il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi: «Per combattere le malattie infettive serve mettere in atto gli strumenti che abbiamo: vaccinazioni, igiene pubblica, corretti stili di vita. Purtroppo da questo punto di vista l’Italia è a macchia di leopardo».

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE SU VIAGGI E SALUTE

Presidente, ci avviciniamo all’estate e con la nuova stagione arrivano anche malattie più rare d’inverno come per esempio la zika. Siamo attrezzati per fronteggiare queste infezioni?

«Le malattie dell’estate sono quelle legate al caldo. Soprattutto le malattie infettive devono essere prevenute attraverso gli strumenti che noi abbiamo. Le vaccinazioni sono strumenti importanti, l’igiene pubblica è uno strumento importante così come gli stili di vita. Ecco, su tutti quanti questi il nostro Paese è un po’ a macchia di leopardo: ci sono delle zone in cui siamo preparati e altre in cui non lo siamo».

L’anno scorso c’è stata una epidemia di chikungunya nel Lazio. Quest’anno siamo pronti?

«In questo momento c’è un’epidemia di un virus nuovo legato ai pipistrelli in Oriente, peraltro le malattie per cui noi abbiamo le vaccinazioni non sono state eliminate, solo il vaiolo è stato eliminato. Quello che è successo in Italia è predisporre migliaia di cittadini a prendersi le malattie infettive. Quindi noi siamo preoccupati. Se abbiamo messo in sicurezza i bambini tra 0 e 6 anni con la legge sulle vaccinazioni obbligatorie, siamo molto preoccupati per gli altri. Infatti non è un caso che molti casi di morbillo si sono verificati in adolescenti e adulti. Siamo preoccupati, però è pur vero che noi abbiamo dato seguito ad una legge importante che è quella sulla obbligatorietà dei vaccini con una serie di investimenti importanti. Le malattie infettive sono un grande pericolo per la popolazione a maggior ragione se questa è vulnerabile».

LEGGI ANCHE: VACANZE ESOTICHE E RISCHI PER LA SALUTE: MALARIA E DIARREA INFETTIVA LE PATOLOGIE PIÙ DIFFUSE, ECCO I RISCHI E PRECAUZIONI 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Il ritorno dei medici non vaccinati: ovvero, dell’obbligo vaccinale tra politica, scienza e deontologia
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
La lunga battaglia contro la malaria, tra sfide vinte e ancora aperte
Da quando la sua eziologia è stata descritta per la prima volta più di 100 anni fa, la malaria è diventata una delle malattie infettive più conosciute al mondo. Tuttavia, nel 2019 ci sono stati ancora più di 620.000 decessi e circa 230 milioni di casi in tutto il mondo, quasi tutti nell'Africa subsahariana
di Stefano Piazza
Si può scegliere il tipo di vaccino da fare?
Non è possibile scegliere il vaccino anti-Covid da fare. Tuttavia, al momento della prenotazione è possibile selezionare la struttura in base al tipo di vaccino che somministra
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 27 gennaio 2023, sono 669.913.624 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.821.347 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Come distinguere la tosse da Covid da quella da influenza?

La tosse da Covid è secca e irritante, quella da influenza tende invece a essere grassa. In ogni caso non esistono rimedi se non palliativi, come gli sciroppi lenitivi. No agli antibiotici: non...
Salute

Kraken, la nuova variante di Omicron dietro il boom di contagi negli Usa

Secondo il Cdc, Kraken ha più che raddoppiato il numero di contagi ogni settimana, passando dal 4% al 41% delle nuove infezioni