Salute 19 Luglio 2018

Dalla Chikungunya alla Dengue, tornano le malattie infettive. Ricciardi (ISS): «Siamo preoccupati…»

Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità: «Stiamo monitorando anche un virus legato ai pipistrelli in Oriente. Popolazione senza vaccinazione più vulnerabile»

Immagine articolo

La chikungunya, caratterizzata da febbre e forti dolori. E poi la zika, la dengue, la febbre gialla. Estate è tempo di viaggi e con i viaggi aumenta il rischio di contrarre malattie infettive. Ma ormai non c’è bisogno di andare dall’altra parte del globo per contrarre queste infezioni. Basta una zanzara, forse anche una delle zanzare ‘nostrane’, per diffondere il virus. Come ha dimostrato l’epidemia di chikungunya che l’anno scorso ha imperversato nel Lazio con oltre 250 casi. Ne abbiamo parlato con il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi: «Per combattere le malattie infettive serve mettere in atto gli strumenti che abbiamo: vaccinazioni, igiene pubblica, corretti stili di vita. Purtroppo da questo punto di vista l’Italia è a macchia di leopardo».

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE SU VIAGGI E SALUTE

Presidente, ci avviciniamo all’estate e con la nuova stagione arrivano anche malattie più rare d’inverno come per esempio la zika. Siamo attrezzati per fronteggiare queste infezioni?

«Le malattie dell’estate sono quelle legate al caldo. Soprattutto le malattie infettive devono essere prevenute attraverso gli strumenti che noi abbiamo. Le vaccinazioni sono strumenti importanti, l’igiene pubblica è uno strumento importante così come gli stili di vita. Ecco, su tutti quanti questi il nostro Paese è un po’ a macchia di leopardo: ci sono delle zone in cui siamo preparati e altre in cui non lo siamo».

L’anno scorso c’è stata una epidemia di chikungunya nel Lazio. Quest’anno siamo pronti?

«In questo momento c’è un’epidemia di un virus nuovo legato ai pipistrelli in Oriente, peraltro le malattie per cui noi abbiamo le vaccinazioni non sono state eliminate, solo il vaiolo è stato eliminato. Quello che è successo in Italia è predisporre migliaia di cittadini a prendersi le malattie infettive. Quindi noi siamo preoccupati. Se abbiamo messo in sicurezza i bambini tra 0 e 6 anni con la legge sulle vaccinazioni obbligatorie, siamo molto preoccupati per gli altri. Infatti non è un caso che molti casi di morbillo si sono verificati in adolescenti e adulti. Siamo preoccupati, però è pur vero che noi abbiamo dato seguito ad una legge importante che è quella sulla obbligatorietà dei vaccini con una serie di investimenti importanti. Le malattie infettive sono un grande pericolo per la popolazione a maggior ragione se questa è vulnerabile».

LEGGI ANCHE: VACANZE ESOTICHE E RISCHI PER LA SALUTE: MALARIA E DIARREA INFETTIVA LE PATOLOGIE PIÙ DIFFUSE, ECCO I RISCHI E PRECAUZIONI 

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Covid-19, Magrini (Aifa): «Primi dati sui vaccini all’inizio del prossimo anno»
Il direttore Generale dell’Agenzia italiana del Farmaco ha fatto il punto su farmaci e vaccini in corso di valutazione e sugli attuali standard terapeutici per il COVID-19
Guida pratica all’uso delle mascherine: quali indossare, come conservarle, ogni quanto cambiarle e come lavarle
Botta e risposta con Paolo D’Ancona, epidemiologo delle malattie infettive dell'Istituto Superiore di Sanità
di Peter D'Angelo
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
«Morti per cancro aumenteranno. A causa del Covid -30% di interventi e terapie rimandate». L’allarme di De Lorenzo (FAVO)
Il Presidente della Federazione delle Associazioni di volontariato in oncologia, in occasione del 12esimo Rapporto sulla condizione assistenziale dei malati oncologici: «Assicurare con urgenza la continuità di accesso a screening, terapie e interventi chirurgici»
Vaccini antinfluenzali, Federfarma Roma: «Già esaurite le prime 20mila dosi»
Già disponibili altre 20mila dosi per la popolazione tra i 18 e i 59 anni. Cicconetti: «Ulteriore prova dell’importanza delle farmacie nel sistema salute regionale e italiano. Entrare nella rete di sorveglianza sanitaria ci permetterà di seguire i soggetti eventualmente positivi fino alla somministrazione del tampone»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 29 ottobre, sono 44.495.972 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.174.225 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 29 ottobre: Ad oggi in I...
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare
Salute

Covid-19, il virologo Palù: «Vi spiego perché non sempre gli asintomatici sono da considerare malati»

Il virologo veneto, già Presidente della Società Europea di Virologia, spiega dove si può intervenire per contenere i contagi: «Stop alla movida, contingentare gli ingressi nei supermercati e ridu...