Salute 19 Luglio 2018

Vacanze esotiche e rischi per la salute: malaria e diarrea infettiva le patologie più diffuse, ecco rischi e precauzioni

Roberto Cauda (Gemelli): «Il vaccino rappresenta l’unico modo per poter contrastare delle malattie per le quali non esiste un’efficace terapia. Ma non sempre è necessario: prima di partire consultare i centri di medicina del viaggiatore»

di Isabella Faggiano

«Quando ci si mette in viaggio, specialmente verso le zone esotiche del mondo, è sempre bene prepararsi in anticipo e non fare nulla all’ultimo minuto. È vero che molto spesso si ricorre al last minute per risparmiare del denaro, ma per preservare la nostra salute il programma di viaggio ha bisogno di qualche settimana in più per essere definito nei dettagli». Sono le parole di Roberto Cauda, Direttore dell’Area Microbiologia e Malattie infettive del Policlinico Gemelli di Roma.

E se “il risparmio – soprattutto quando si tratta di salute – non è mai guadagno”, allora, molto prima di preparare le valige, sarà meglio conoscere le caratteristiche del Paese ospitante per capire se c’è il rischio di contrarre particolari malattie ed eventualmente vaccinarsi.

LEGGI LO SPECIALE DI SANITÀ INFORMAZIONE SU VIAGGI E SALUTE

Cominciamo dalle destinazioni. «Qualunque meta – ha sottolineato Cauda – può essere sicura o a rischio. Esistono dei siti web, alcuni italiani, altri stranieri, che Paese per Paese indicano quelli che sono i probabili rischi. Ma passare da un potenziale rischio al fatto che andando in vacanza si contragga quella malattia è cosa ben diversa. L’esistenza di una particolare patologia, in un’area del mondo, magari molto distante dalla nostra, non deve assolutamente scoraggiare chi si vuole mettere in viaggio. L’importante è farlo con la testa e muoversi per tempo, appunto».

Paese che vai, patologia che trovi. Ma fare un elenco di tutte quelle esistenti, come ha sottolineato Cauda «non è possibile. Piuttosto – ha continuato – possiamo ricordare le malattie che più frequentemente incontriamo in questi luoghi. Prima fra tutte la malaria, che in alcune aree del mondo è una vera emergenza. Poi, le diarree infettive e tutte quelle patologie legate alla trasmissione per via oro-fecale. A queste principali emergenze si affiancano, poi, situazioni più particolari che possono richiedere la somministrazione di un vaccino, prima di mettersi in viaggio».

Il vaccino è molto di più di una semplice prevenzione: «La vaccinazione è importantissima perché, in generale – ha aggiunto Cauda – rappresenta l’unico modo per poter contrastare delle malattie per le quali non esiste un’efficace terapia. Ciò premesso, però, è necessario rivolgersi ai centri o agli ambulatori di malattie infettive o di medicina del viaggiatore che, a seconda della destinazione scelta, possono consigliare alla persona di fare una vaccinazione piuttosto che un’altra».

Facciamo un esempio. «Esiste la cosiddetta cintura della meningite che va dal nord Africa – ha specificato il Professore – fino all’Africa subsahariana. Quindi chi si reca in quell’area, o più in generale chi va in Africa, è bene che faccia la vaccinazione quadrivalente meningococcica contro la meningite».

Informarsi, programmare ed eventualmente vaccinarsi. Accorgimenti necessari che mettono il viaggiatore al sicuro. Ma cosa accade quando a partire per queste mete da sogno sono i più piccoli? «Rispondo da esperto di malattie infettive e non da pediatra – ha sottolineato Cauda -. Con i bambini ci vuole un’accortezza ancora maggiore e, soprattutto, è necessario interpellare il proprio pediatra di fiducia. Sarà lui a valutare la situazione specifica del bimbo. Ci sono dei disturbi che noi consideriamo facili da trattare ma che altrove non saprebbero affrontare. In altre parole, il vero problema può essere rappresentato da una difficoltà di accesso alle cure, piuttosto che dalla gravità di una determinata patologia. Questo significa – ha concluso il Professore – che non precluderei il viaggio solo sulla base dell’età».

LEGGI ANCHE: INFEZIONI OSPEDALIERE, KLEBSIELLA KILLER ALLE CANARIE. ANDREONI (SIMIT): «A RISCHIO ANCHE CASE DI CURA. INFETTIVOLOGI POCO COINVOLTI»

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Vaccini, al Niguarda primo ambulatorio intra-ospedaliero per pazienti cronici, fragili e donne in gravidanza
Collaborazione tra specialisti e medici affinché le vaccinazioni siano parte del piano terapeutico dei pazienti. Orso (Responsabile del centro vaccinale): «Triplice vantaggio per i pazienti: profilassi all’interno del percorso ospedaliero, tempi rapidi di realizzazione e vaccinazione parte integrante del percorso terapeutico»
di Federica Bosco
Vaccini, l’avviso automatico di Facebook contro le fake news riaccende le polemiche
Basta digitare le parole “no vax”, “free vax” oppure chiedere l’iscrizione ad uno dei tanti gruppi sul tema presenti sulla piattaforma social per ricevere l’invito ad accedere al sito dell’OMS
Vaccino influenza, possibili tracce di lattice nei confezionamenti. L’Aifa avverte i soggetti allergici
Il farmaco non è contaminato, ma la possibile traccia di lattice riguarda le componenti delle siringhe pre-riempite o degli applicatori nasali o un eventuale contatto durante il processo produttivo
Sud Italia, ci si prepara alla stagione influenzale. Le raccomandazioni di FIMMG e FIMP
Non sarà una pandemia ma massima allerta sulle complicanze per categorie a rischio. Fiducia nel vaccino da parte della popolazione.
Vaccini, OMCeO Palermo lancia campagna. Il presidente Toti Amato: «Sicilia ancora sotto la soglia indicata dall’OMS»
Medici e professionisti della sanità si sono vaccinati, accogliendo l'appello del presidente Toti Amato. «Un terzo degli adulti e metà dei bambini con determinate patologie solo così possono evitare complicazioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...
Lavoro

«Mi sono licenziato dopo 11 anni ma nessuno mi ha chiesto perché…». Diventa virale lo sfogo di un medico su Facebook

Nel lungo post pubblicato nei giorni scorsi il dottor Luigi Milandri elenca i motivi per cui fare il medico in Italia è un lavoro che spesso non ripaga: «Ho scritto questo post perché avrei voluto ...