Speciale del 20 luglio 2018

Viaggi e salute

Malaria, febbre gialla, tifo. Tutte infezioni rischiosissime che si possono contrarre durante i viaggi in mete esotiche. Per evitare questo rischio, occorre informarsi su quali sono le zone a rischio ed eventualmente procedere con una corretta profilassi. La parola agli esperti.

Malaria, l’alfabeto della profilassi. Calleri (infettivologo): «Ecco l’ABC del viaggiatore: dall’awareness alla chemioprofilassi»

«Dai farmaci alla protezione per le zanzare: la profilassi per il viaggiatore internazionale che vuole difendersi dalla malaria cambia a seconda dell’itinerario scelto. Il rischio aumenta nelle zone rurali e se si dorme in un sacco a pelo. Maggiore prudenza con anziani, malati cronici e immunodepressi». L’intervista all’infettivologo Guido Calleri

di Isabella Faggiano

Viaggi e malattie infettive: cosa è importante sapere prima di partire

Quali sono le malattie infettive più frequenti tra I viaggiatori? E quali le zone a rischio? Ecco come viaggiare sicuri e consapevoli

Vaccini, quali fare prima delle vacanze? Per chi viene in Italia è raccomandato l’anti-morbillo…

Dalla febbre gialla alle epatiti, ogni viaggio ha il suo vaccino. Ma per il virologo Burioni «prima di pensare a malattie esotiche innalziamo le coperture vaccinali in Italia»

di Cesare Buquicchio e Giulia Cavalcanti
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Salute

Il medico di famiglia che paga di tasca propria lo psicologo per i suoi pazienti: la storia di Antonio Antonaci

A Galatina i “precursori” del decreto Calabria. La psicologa: «La compresenza di queste due figure professionali all’interno dello studio di medicina generale limita l’assunzione di farmaci e...
di Isabella Faggiano
Lavoro

Riposo dopo la reperibilità, Spedicato (Fems): «In altri Paesi europei sempre garantito recupero di 24-48 ore»

La delegata della Federazione europea dei medici salariati illustra il funzionamento dell’istituto della reperibilità nel resto d’Europa: in Slovenia c’è una soglia limite oltre la quale diven...
di Giovanni Cedrone e Giulia Cavalcanti
Lavoro

Pronta reperibilità, ecco perché il nuovo contratto dei medici potrebbe violare la direttiva europea sulle 11 ore di riposo

L’ipotesi di CCNL dei medici, all’articolo 27, sembra derogare dalla direttiva Ue 88 del 2003 che sancisce le 11 ore di riposo consecutive. Sindacati sul piede di guerra. I casi di Francia, Spagna...
di Cesare Buquicchio e Giovanni Cedrone