Salute 18 Luglio 2018

Infezioni ospedaliere, Klebsiella killer alle Canarie. Andreoni (SIMIT): «A rischio anche case di cura. Infettivologi poco coinvolti»

Nel 2030 ci saranno 10 milioni di morti per infezioni ospedaliere resistenti agli antibiotici. «L’OMS ha fatto questa previsione da circa due anni, adesso serve strategia mondiale» così Massimo Andreoni, Direttore U.O.C. Malattie infettive a Tor Vergata e Direttore Scientifico della Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali

Immagine articolo

«Batteri resistenti agli antibiotici? Si tratta di un problema ampiamente segnalato dall’Organizzazione Mondiale della Sanità che ha stimato 10 milioni di morti nel 2030 per questa emergenza. Per questo, almeno per adesso, l’Italia indossa la maglia nera» così Massimo Andreoni, Direttore del reparto Malattie infettive Tor Vergata e Direttore Scientifico della Società Italiana di malattie Infettive e Tropicali (SIMIT) commenta il caso del super batterio delle Canarie che ha infettato una dozzina di turisti nordeuropei e che minaccia di diffondersi in tutta Europa.

«Si chiama Klebsiella pneumoniae ed è uno dei 12 batteri killer segnalati dall’OMS per l’alta resistenza agli antibiotici – prosegue il Professor Andreoni -. La preoccupazione adesso è che questo germe si possa diffondere, purtroppo sì, questo può accadere».

L’allarme è stato lanciato dal Centro europeo per il controllo delle malattie (Ecdc) che nella valutazione del rischio ha consigliato agli ospedali dei Paesi europei di considerare con attenzione, al momento del ricovero di un paziente, la cronologia dettagliata di tutti i viaggi fatti nell’ultimo periodo. «Questo genere di batterio – aggiunge il Professore -, è molto temuto perché ha una grande capacità di sviluppare resistenza. Basta pensare che in Italia il 34% di tutte le Klebsielle pneumoniae presenti negli ospedali sono resistenti agli antibiotici».

La Klebsiella colpisce prevalentemente l’apparato gastrointestinale, l’epidermide e il tratto respiratorio superiore e può essere causa di infezioni polmonari, urinarie e delle vie biliari, soprattutto «quando si tratta di pazienti fragili o immunodepressi – prosegue Andreoni -. Questo batterio, come altri in circolazione nelle strutture ospedaliere, ha la capacità di trasmettere resistenza agli antibiotici anche agli altri batteri, questo determina l’espansione massiccia del fenomeno».

LEGGI ANCHE: PROBIOTICI, ECCO LA “VERITÀ”. NON TUTTI SONO UGUALI: SOLO POCHI SOPRAVVIVONO AI SUCCHI GASTRICI

L’Ecdc fa sapere che il batterio è molto diffuso nei Paesi in via di sviluppo e nell’Europa meridionale e orientale «ma non solo negli ospedali – sottolinea il Professore -, anche nelle strutture di lunga degenza e nelle case di cura per gli anziani».

Un allarme sanitario che preoccupa, ma esistono delle soluzioni? «Certamente – risponde il Direttore -. Esistono dei protocolli ben strutturati, per esempio il Policlinico Tor Vergata aderisce a queste misure, ma non serve che un solo ospedale rispetti le indicazioni per il controllo delle infezioni ospedaliere, occorre una strategia globale».

LEGGI ANCHE: PIANO NAZIONALE DI CONTRASTO ALL’ANTIMICROBICO-RESISTENZA

«L’Italia sta cominciando seriamente ad affrontare questa emergenza – conclude -, il Ministero della Salute ha realizzato un programma generale per la lotta alla antibiotico-resistenza che affronta tutte le diverse tematiche legate a questo fenomeno. Certamente per affrontare il problema bisogna muoversi a tutto campo, io ritengo fondamentale che lo specialista delle malattie infettive debba diventare l’elemento centrale per l’appropriatezza dell’uso degli antibiotici, il suo ruolo è fondamentale e serve che sia maggiormente preso in considerazione all’interno del Sistema Sanitario Nazionale.  Infatti, è difficile pensare che oggi un ospedale possa affrontare il problema delle infezioni correlate all’assistenza senza usufruire di uno specialista di Malattie Infettive».

 

SEGUICI ANCHE SU FACEBOOK <— CLICCA QUI

 

Articoli correlati
Superbatterio New Delhi, ISS: «38 casi negli ultimi 12 mesi, Italia maglia nera in Europa. Elevare livello attenzione»
In Toscana focolaio importante: «Un ampio e persistente fenomeno epidemico che coinvolge diverse strutture sanitarie della regione» sottolinea l’Istituto Superiore di Sanità. Colpiti soprattutto anziani e persone sottoposte a interventi invasivi
Governo, gli auguri del mondo della sanità al ministro Speranza. Anelli (FNOMCeO): «Sanità torni tra le priorità»
Sindacati e istituzioni del mondo medico e delle professioni sanitarie salutano il nuovo titolare della Salute. La FNOPI chiede che il servizio sanitario «torni ad essere la prima scelta per i cittadini e per professionisti sanitari» mentre lo SMI chiede di rivedere il processo di autonomia differenziata
Totoministri, Giulia Grillo: «Stanca io? Solo dopo un’ora di corsa…»
Su Instagram il Ministro smentisce le voci secondo le quali avrebbe ammesso di essere stanca di lavorare a Lungotevere Ripa
Ebola torna a far paura, quali rischi per l’Europa? Parla il presidente della Simit Massimo Galli
Oltre duemila infettati in Congo, l’OMS ha dichiarato emergenza di sanità pubblica di rilevanza internazionale. Il presidente della Società Italiana Malattie Infettive e Tropicali sottolinea: « Il vaccino c’è e sarebbe stato possibile forse usarlo meglio e in maniera più vasta di quanto fatto sinora»
«Aiutaci a cancellare l’Epatite C», arriva sui canali RAI lo spot per sconfiggere il virus HCV
L’Italia si colloca tra i 12 Paesi avviati positivamente verso il traguardo dell’OMS dell’eliminazione dell’infezione. Galli (SIMIT): «L’eradicazione del virus dipenderà dalla nostra capacità di far emergere il sommerso edi veicolare le persone che già sanno di essere infettate alla terapia». Sileri (Comm. Sanità): «In tanti non sanno nemmeno di essere malati, per cui la prevenzione e lo screening sono fondamentali»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Formazione

Firenze, a motivare gli aspiranti medici c’è anche l’influencer Marta Pasqualato: «Non arrendetevi»

Sta per diventare medico, dopo essere diventata celebre su Uomini&Donne: «Io sono entrata dopo due anni. Se non passate valutate il ricorso»
di Diana Romersi e Viviana Franzellitti
Salute

Toscana, allarme per superbatterio “New Delhi”: 350 portatori e 44 infetti. Istituita unità di crisi

Nuova Delhi Metallo-beta-lattamasi è un enzima recentemente identificato che rende i batteri resistenti ad un ampio spettro di antibiotici beta-lattamici. «Il numero di pazienti portatori dall'inizi...
Politica

Roberto Speranza: abolizione superticket e assunzioni. Ecco chi è il nuovo ministro della Salute

Cambio di vertice per il Ministero della Salute, al posto della pentastellata Giulia Grillo l’ex Pd, Roberto Speranza. Ecco il profilo e le idee del deputato di Liberi e Uguali