Sanità internazionale 26 Settembre 2017

Senza nuovi antibiotici la tubercolosi tornerà. L’allarme dell’OMS

Nei prossimi anni la tubercolosi e altre infezioni comuni quali la polmonite o le infezioni del tratto urinario potrebbero tornare ad essere gravi minacce per la nostra vita. Colpa dell’antimicrobico-resistenza e dell’insufficiente sviluppo e produzione di nuovi antibiotici in grado di combattere classi di patogeni sempre più resistenti. «Questa è un’emergenza sanitaria globale che metterà […]

Nei prossimi anni la tubercolosi e altre infezioni comuni quali la polmonite o le infezioni del tratto urinario potrebbero tornare ad essere gravi minacce per la nostra vita. Colpa dell’antimicrobico-resistenza e dell’insufficiente sviluppo e produzione di nuovi antibiotici in grado di combattere classi di patogeni sempre più resistenti. «Questa è un’emergenza sanitaria globale che metterà a rischio i progressi della medicina moderna», ha dichiarato il Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus. Oltre alla tubercolosi, che ogni anno ancora uccide circa 250mila persone, sono 12 le classi di patogeni più a rischio individuate in un rapporto dell’OMS che necessitano urgentemente di nuovi trattamenti. Tra gli altri, viene evidenziata una grave mancanza di opzioni di trattamento per la tubercolosi multiforme e ad ampio spettro di farmaco e per i patogeni gram-negativi, tra cui Acinetobacter e Enterobacteriaceae (come Klebsiella e E.coli) che possono causare infezioni gravi e spesso mortali e che rappresentano una minaccia in particolare negli ospedali e nelle case di cura. «Non abbiamo una linea di difesa contro questi tipi di infezioni estremamente pericolosi, che possono uccidere un paziente in pochi giorni», ha dichiarato Suzanne Hill, Direttrice del Dipartimento dei Medicinali essenziali dell’OMS.

Dei 51 nuovi antibiotici che sono attualmente in via di sviluppo, solo 8 sono trattamenti innovativi. La maggior parte infatti sono modifiche delle classi esistenti di antibiotici e rappresentano solo delle soluzioni a breve termine. L’appello dell’OMS è quindi chiaro: sono necessari nuovi investimenti per la ricerca e lo sviluppo di antibiotici efficaci contro queste infezioni, altrimenti ci ritroveremo come ai tempi in cui infezioni comuni e semplici interventi mettevano a rischio la vita dei pazienti. L’OMS e la “Drugs for Neglected Diseases Initiative” (DNDi) hanno quindi dato vita ad una partnership globale per la ricerca e lo sviluppo di antibiotici. Lo scorso 4 settembre Germania, Lussemburgo, Olanda, Sud Africa, Svizzera, il Regno Unito e il Wellcome Trust hanno stanziato più di 56 milioni di euro per questa iniziativa, «ma per porre fine alla tubercolosi sono necessari oltre 800 milioni di dollari l’anno», ha chiarito il dottor Mario Raviglione, Direttore del programma globale di tubercolosi dell’OMS.

Tuttavia, sottolinea l’Organizzazione, nemmeno i nuovi trattamenti saranno sufficienti per combattere la minaccia della resistenza antimicrobica se non verranno accompagnati da iniziative per migliorare la prevenzione e il controllo delle infezioni. L’OMS, insieme a governi e partner, ha già iniziato a lavorare su progetti che intendono raggiungere questi obiettivi e a promuovere l’utilizzo corretto degli antibiotici attuali e futuri.

Articoli correlati
Infezioni correlate all’assistenza e lotta all’antibiotico resistenza, da Napoli la call for ideas per adottare linee guida nazionali
Le infezioni correlate all’assistenza ospedaliera (ICA) sono sempre più causate da batteri resistenti e rappresentano la prima causa di morte per infezioni nel nostro Paese. L’incontro, presso l’ospedale “Antonio Cardarelli” di Napoli, ha acceso i riflettori sull’importanza di una corretta gestione del rischio clinico e del necessario coinvolgimento attivo del paziente nel processo di informazione e prevenzione.
Carne trattata da ormoni e antibiotici? Una fake news smentita dagli esperti
«Da oltre 20 anni gli ormoni non vengono utilizzati nella carne italiana e in Europa», mentre per gli antibiotici «la regolamentazione è molto ferrea». Le precisazioni della biologa e nutrizionista Elisabetta Bernardi
Malattie rare, Binetti: «Sanità a un punto di svolta. Chiediamo stanziamenti concreti, significativi ed efficaci»
La presentazione del libro bianco sulla malattia polmonare NTM è nata dall’iniziativa dell’intergruppo parlamentare malattie rare. «È importante per tre motivi: contribuisce alla conoscenza approfondita della patologia, aiuta a prendere decisioni sull’assistenza terapeutica e sui trattamenti personalizzati e offre spunti per l’attività di ricerca» ha spiegato a Sanità Informazione la presidente Paola Binetti
Antibiotico-resistenza, 700mila decessi l’anno. Il vademecum del SITI: estendere copertura vaccino antinfluenzale
Un trend in crescita che potrebbe raggiungere, in assenza di provvedimenti efficaci e coordinati, i dieci milioni nel 2050, secondo quanto riportato dal Interagency Coordination Group (Iacg) on Antimicrobial Resistance, istituito da ONU e OMS. Solo in Italia i morti nel 2018 sono stati circa 10mila
Digitalizzazione sanità e antibiotico resistenza, Zampa (sottosegretario Salute): «Dialogo costruttivo con Svezia»
“Il Sottosegretario Zampa ha incontrato a Stoccolma, il 15 ottobre scorso, il Segretario di Stato alla salute e agli affari sociali del Regno di Svezia, Maja Fjaestad, a margine di un summit italo-svedese su diabete e malattie cardio-vascolari”. Così in una nota il Sottosegretario Zampa parla del dialogo allacciato con la Svezia su tematiche sanitarie […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Ecm

Ecm, Commissione nazionale proroga triennio 2017-2019. Un anno per recuperare i crediti mancanti

FNOMCeO: «Fino al 31 dicembre 2020 si possono acquisire crediti anche per il triennio 2014-2016». Confermato l’obbligo di 150 crediti per il periodo formativo 2020-2022. Roberto Stella: «Dopo pro...
Lavoro

«Il contratto sia applicato subito con incrementi e arretrati da gennaio 2020». I sindacati della dirigenza sollecitano le aziende

I sindacati che lo scorso 19 dicembre hanno firmato il nuovo contratto hanno sottoscritto una lettera aperta indirizzata agli enti del Servizio sanitario nazionale per chiedere l’immediata applicazi...