Sanità internazionale 26 Settembre 2017

Senza nuovi antibiotici la tubercolosi tornerà. L’allarme dell’OMS

Nei prossimi anni la tubercolosi e altre infezioni comuni quali la polmonite o le infezioni del tratto urinario potrebbero tornare ad essere gravi minacce per la nostra vita. Colpa dell’antimicrobico-resistenza e dell’insufficiente sviluppo e produzione di nuovi antibiotici in grado di combattere classi di patogeni sempre più resistenti. «Questa è un’emergenza sanitaria globale che metterà […]

Nei prossimi anni la tubercolosi e altre infezioni comuni quali la polmonite o le infezioni del tratto urinario potrebbero tornare ad essere gravi minacce per la nostra vita. Colpa dell’antimicrobico-resistenza e dell’insufficiente sviluppo e produzione di nuovi antibiotici in grado di combattere classi di patogeni sempre più resistenti. «Questa è un’emergenza sanitaria globale che metterà a rischio i progressi della medicina moderna», ha dichiarato il Direttore Generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità Tedros Adhanom Ghebreyesus. Oltre alla tubercolosi, che ogni anno ancora uccide circa 250mila persone, sono 12 le classi di patogeni più a rischio individuate in un rapporto dell’OMS che necessitano urgentemente di nuovi trattamenti. Tra gli altri, viene evidenziata una grave mancanza di opzioni di trattamento per la tubercolosi multiforme e ad ampio spettro di farmaco e per i patogeni gram-negativi, tra cui Acinetobacter e Enterobacteriaceae (come Klebsiella e E.coli) che possono causare infezioni gravi e spesso mortali e che rappresentano una minaccia in particolare negli ospedali e nelle case di cura. «Non abbiamo una linea di difesa contro questi tipi di infezioni estremamente pericolosi, che possono uccidere un paziente in pochi giorni», ha dichiarato Suzanne Hill, Direttrice del Dipartimento dei Medicinali essenziali dell’OMS.

Dei 51 nuovi antibiotici che sono attualmente in via di sviluppo, solo 8 sono trattamenti innovativi. La maggior parte infatti sono modifiche delle classi esistenti di antibiotici e rappresentano solo delle soluzioni a breve termine. L’appello dell’OMS è quindi chiaro: sono necessari nuovi investimenti per la ricerca e lo sviluppo di antibiotici efficaci contro queste infezioni, altrimenti ci ritroveremo come ai tempi in cui infezioni comuni e semplici interventi mettevano a rischio la vita dei pazienti. L’OMS e la “Drugs for Neglected Diseases Initiative” (DNDi) hanno quindi dato vita ad una partnership globale per la ricerca e lo sviluppo di antibiotici. Lo scorso 4 settembre Germania, Lussemburgo, Olanda, Sud Africa, Svizzera, il Regno Unito e il Wellcome Trust hanno stanziato più di 56 milioni di euro per questa iniziativa, «ma per porre fine alla tubercolosi sono necessari oltre 800 milioni di dollari l’anno», ha chiarito il dottor Mario Raviglione, Direttore del programma globale di tubercolosi dell’OMS.

Tuttavia, sottolinea l’Organizzazione, nemmeno i nuovi trattamenti saranno sufficienti per combattere la minaccia della resistenza antimicrobica se non verranno accompagnati da iniziative per migliorare la prevenzione e il controllo delle infezioni. L’OMS, insieme a governi e partner, ha già iniziato a lavorare su progetti che intendono raggiungere questi obiettivi e a promuovere l’utilizzo corretto degli antibiotici attuali e futuri.

Articoli correlati
Assemblea mondiale della Sanità, il direttore Oms: «Solo 20% del mondo ha anticorpi Covid, strada è lunga»
Rassicurazioni dal presidente cinese: «Disponibili per un'indagine». Speranza: «Vaccino bene pubblico globale e diritto per tutti»
Primi casi di Covid-19 già a dicembre in Francia. Guerra (Oms): «In Italia potrebbero esserci oltre 3 milioni di contagiati»
L'invito a tutti i Paesi europei a riesaminare casi sospetti dell'anno scorso. Preoccupa l'Europa orientale: casi in aumento. Vaccino pronto per inizio 2021, Oms si impegna perché sia accessibile a tutti
di Gloria Frezza
WHO: «Covid-19 is ten times deadlier than swine flu»
The World Health Organisation lists six criteria to be verified when considering lifting restrictions. Director General Tedros Adhanom Ghebreyesus: «The way down is much slower than the way up»
di Gloria Frezza
Covid-19 in Europa, l’Oms fa il punto. Il direttore Kluge: «Non è il momento di abbassare la guardia, oltre 50mila morti»
In Europa la metà dei casi totali e sette dei primi dieci Stati più colpiti. Preoccupa il caso Turchia. L'Organizzazione mondiale della sanità chiede una strategia unitaria e invita: «Proteggete i lavoratori della sanità e donate le mascherine»
di Gloria Frezza
Infermieri nel mondo, pubblicato il rapporto 2020. L’OMS: «Creare 6 milioni di posti di lavoro entro il 2030»
Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità, l’emergenza Coronavirus ha dimostrato che «ora più che mai il mondo ha bisogno che gli infermieri lavorino al massimo della loro istruzione e formazione»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 5 agosto, sono 18.543.662 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 700.714 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 agosto: nell’ambito del ...
Contributi e Opinioni

«Contro il Covid non fate come noi. Non sta funzionando». La lettera di 25 scienziati e medici svedesi

Un gruppo di 25 scienziati e medici dalla Svezia scrive una lettera su Usa Today al resto del mondo: «La strategia "soft" non funziona, abbiamo perso troppe vite»
di 25 dottori e scienziati svedesi
Salute

Tumori della pelle in aumento, l’allarme di Ascierto: «Paura Covid ha scoraggiato i controlli»

L’esperto: «Una diagnosi precoce consente alti tassi di guarigione, la prevenzione è l’arma più efficace»