Salute 30 Settembre 2014 09:49

Ebola, arriva dall’Italia una speranza per bloccare il virus

Il vaccino verrà sperimentato a breve sull’uomo, ma intanto l’epidemia non si arresta. Contromisure impressionanti in Sierra Leone: un milione di persone in quarantena

Ebola, arriva dall’Italia una speranza per bloccare il virus

Ha il marchio italiano il primo vaccino in grado di proteggere un organismo dal virus Ebola. Sviluppato da un team di ricercatori nei laboratori dell’Irbm Science Park di Pomezia, in provincia di Roma, è finora stato testato soltanto su alcune scimmie, ma i risultati sono più che incoraggianti.


Dieci mesi di immunità nei confronti del virus, contro la durata massima di efficacia raggiunta fino ad ora di un mese. Le speranze riposte dall’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) su questa cura sono enormi.

Secondo la rivista Nature Medicine, il principio attivo è stato inserito nel corpo di un gruppo di macachi usando un vaccino basato sul ChAd3. Una singola dose di questo vaccino è risultata capace di fornire un’immunità totale nel breve periodo e parziale nel lungo. Ora che la sperimentazione animale è stata portata a termine, il team (formato da ricercatori italiani e americani) ha annunciato che quella sugli esseri umani partirà nelle prossime settimane.

Il tutto verrà portato avanti dalla GlaxoSmithKline, multinazionale britannica che un anno fa acquisì la Okairos, azienda biotecnologica italiana che ha laboratori a Napoli e, per l’appunto, a Pomezia. Questi laboratori sono gli unici a poter produrre tutte le quantità di vaccino necessarie per procedere con la sperimentazione.

Ma mentre si aspetta, in Africa il virus continua a mietere vittime, in un’epidemia senza precedenti per diffusione, mortalità e, come afferma la Banca Mondiale “dall’impatto economico catastrofico per i Paesi più colpiti”. Sono più di 6000 le persone infettate, e i morti circa la metà. La Sierra Leone ha messo in quarantena un milione di persone: ciò significa che un terzo della popolazione non è libera di muoversi sul territorio dello Stato. E le massime cariche mondiali non restano a guardare: il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha annunciato l’invio di un contingente militare di 3mila uomini in Africa, e l’OMS ha chiesto alle Nazioni Unite lo stanziamento di un miliardo di dollari per far fronte all’emergenza sanitaria e umanitaria.

Articoli correlati
Immunità di gregge a luglio, Andreoni: «Con 500 mila vaccini al giorno prospettiva realistica»
Il Direttore scientifico della Società Italiana Malattie infettive: «Parliamo di 45-50 milioni di soggetti vaccinati, circa il 70% della popolazione. Quello con il vaccino è un appuntamento indispensabile, un patto al quale partecipiamo tutti»
Vaccino Covid, la denuncia di Manai: «In Sardegna studenti di Medicina e Professioni sanitarie nei reparti ma senza vaccino»
«Mi auguro che la regione intervenga quanto prima per sanare questa ingiustificabile lacuna nel piano vaccinale regionale e metta in sicurezza i nostri studenti, futuro del nostro SSN» spiega Stefano Manai, Responsabile nazionale formazione sanitaria del PD
Vaccino anti Covid-19, una sola dose a chi ha già contratto il virus
Somministrazione unica per i “guariti”, ad almeno tre mesi di distanza dalla documentata infezione ed entro i 6 mesi dalla stessa. È quanto prevede la circolare del Ministero della Salute che riprende il parere del Consiglio superiore di sanità
Operatori sanitari no-vax, l’INAIL: «Vanno risarciti se contraggono il Covid-19 sul luogo di lavoro»
È quanto emerge dalla lettera inviata dall’INAIL alla Direzione regionale della Liguria sul caso dei quindici infermieri che avevano rifiutato di sottoporsi al vaccino e poi si erano contagiati
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 9 aprile, sono 133.963.482 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.902.328 i decessi. Ad oggi, oltre 710,84 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata d...
Salute

Vaccini, mai più dosi avanzate: come funzionano le “liste di sostituti” in Lombardia, Lazio e Campania

Le chiamano "panchine", sono le liste straordinarie che le Regioni utilizzano per ottimizzare le dosi dopo l'ordinanza di Figliuolo. Ma chi rientra tra coloro che verranno contattati?
di Federica Bosco e Gloria Frezza
Salute

Terapia domiciliare anti-Covid, guida all’uso dei farmaci

Antivirali, antitrombotici, antibiotici e cortisone: facciamo chiarezza con gli esperti della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) ed il dirigente medico in Medicina Interna presso l&rs...