Salute 2 Agosto 2022 12:25

Vaiolo delle scimmie: primo morto in Perù. California, New York e San Francisco in stato di emergenza

La lista dei decessi si è ulteriormente allungata con il primo morto in Perù: è il quinto decesso al mondo – due in Spagna, uno in Brasile e uno in India – fuori dall’Africa dove il vaiolo delle scimmie è endemico. La città di New York ha chiesto all’OMS di cambiare nome alla malattia per evitare discriminazioni

Vaiolo delle scimmie: primo morto in Perù. California, New York e San Francisco in stato di emergenza

In California è stato di emergenza per la diffusione del vaiolo delle scimmie: i casi registrati finora sono quasi 800. Ad annunciarlo è stato il governatore Gavin Newsom, sottolineando che la decisione è stata adottata per rendere più facile la distribuzione rapida dei vaccini contro la malattia. Grazie allo stato di emergenza, infatti, come riferito dai media locali, gli operatori sanitari, dai paramedici al personale di emergenza, possono somministrare il farmaco anti-vaiolo. Finora la California ha ricevuto 61 mila dosi di vaccino e ne ha distribuite circa 25mila.

California, New York e San Francisco in stato di emergenza

La notizia diffusa in Italia dalle agenzie arriva a due giorni dalla dichiarazione dello stato di emergenza nella città di New York. Come riportato dalla Cnn, secondo il sindaco Eric Adams, sono 150 mila le persone a rischio contagio a New York, dove si concentrano già la maggior parte dei casi di tutti gli Stati Uniti, circa 1.345. Due giorni prima era stata la volta dello Stato di New York che aveva dichiarato lo stato d’allerta subito dopo San Francisco.

Primo morto in Perù

La lista dei decessi si è ulteriormente allungata con il primo morto in Perù, un uomo di 45 anni. Il paziente è arrivato in ospedale quando la malattia aveva raggiunto uno stadio già troppo avanzato. E, come spiegato alle agenzie di stampa dal direttore della struttura sanitaria, Eduardo Farfan, «la sua salute si era indebolita dopo aver abbandonato il trattamento contro l’Hiv». Nel Paese sudamericano finora i casi accertati di vaiolo delle scimmie sono stati 300 e quello di ieri è il quinto decesso al mondo – due in Spagna, uno in Brasile e uno in India – fuori dall’Africa dove, invece, il vaiolo delle scimmie è endemico.

Nuovi dettagli sul ventiduenne morto in India

Intanto sono arrivati ulteriori dettagli sulla morte avvenuta sabato scorso (30 luglio) in India: come confermato dalle autorità locali, l’uomo era appena tornato da un viaggio negli Emirati Arabi Uniti. La ministra della Sanità dello Stato del Kerala, Veena George, ha spiegato che la vittima, un ventiduenne residente a Thrissur, è morto in un ospedale privato della città alcuni giorni dopo essere rientrato dal Golfo. La ministra ha sottolineato anche che i test realizzati negli Emirati avevano già dimostrato la positività del ragazzo al vaiolo delle scimmie, ma che i familiari avevano consegnato i risultati soltanto nella giornata di sabato. In India, sono quattro i casi confermati, tre nel Kerala e uno a New Delhi.

Primo caso in Sudan

Anche il Sudan ha reso noto di aver rilevato il primo caso di vaiolo delle scimmie. Il ministero della Salute sudanese ha dichiarato che il caso, scoperto la scorsa settimana nella provincia del Darfur occidentale, riguarda uno studente di 16 anni. Sempre secondo quanto riferito dal ministero della Salute sudanese i casi sospetti sono stati almeno 38, tutti risultati negativi al virus tranne quello del sedicenne. Nel frattempo, le autorità sanitarie stanno lavorando per determinare i contatti dello studente per limitare la diffusione del virus.

C’è chi chiede di cambiare nome alla malattia

La città di New York, oltre ad aver dichiarato lo stato di emergenza, ha anche inviato una lettera all’Organizzazione Mondiale della Sanità nella quale si chiede di cambiare nome alla malattia per evitare stigmatizzazioni e discriminazioni contro chi la contrae. Sulla questione anche il virologo italiano e docente dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, Roberto Burioni ha detto la sua in un tweet:

«Vaiolo delle scimmie (in inglese monkeypox) è un nome sbagliato, ma non stupitevi dell’errore: in inglese la varicella si chiama chickenpox, ovvero “vaiolo dei polli”, e in questo caso i polli c’entrano ancora meno». L’animale serbatoio del Monkeypox virus non è infatti la scimmia, bensì i roditori.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Mpox, dall’UE 5 milioni di euro per studiare impatto virus a Padova
La realtà con sede a Padova avrà il compito di studiare l’impatto del monkey pox sulle popolazioni a maggior rischio di infezione o malattia grave, come le persone con Hiv, le donne in gravidanza e i bambini
Vaiolo delle scimmie: scoperta nuova variante in Congo, potrebbe diventare globale
Nella Repubbica Democratica del Congo si è diffusa una variante pericolosa del vaiolo delle scimmie che, secondo gli esperti, potrebbe diffondersi anche a livello globale
Vaiolo scimmie, prima discesa. Oms: «-21% nuovi contagi negli ultimi 7 giorni»
Arriva il primo cenno di discesa dei casi di vaiolo delle scimmie in Europa. L’Italia registra più di 700 contagi, il maggior numero di nuove infezioni negli Stati Uniti, dove è emergenza nazionale
Co-infezione di Covid-19, Hiv e vaiolo delle scimmie per un 36enne italiano
Il primo caso di co-infezione da Covid-19, Hiv e monkeypox segnalato in letteratura riguarda un 36enne siciliano che ha accusato vari sintomi di ritorno da un viaggio in Spagna. A descriverlo i ricercatori di Catania e Palermo in un articolo apparso sul Journal of Infection
Vaiolo delle scimmie, Borgese (Simedet): «Ecco perchè sbaglia chi dice che gli omosessuali sono più a rischio»
«L’AIDS come la MPXV (malattia da Monkeypox virus), sono malattie legate a comportamenti a rischio e il coinvolgimento iniziale della comunità gay è da considerarsi esclusivamente fortuito» spiega Leonardo Borgese della Società Italiana Medicina Diagnostica e Terapeutica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Mieloma multiplo. Aspettativa di vita in aumento e cure sul territorio, il paradigma di un modello da applicare per la prossimità delle cure

Il mieloma multiplo rappresenta, tra le patologie onco-ematologiche, un caso studio per l’arrivo delle future terapie innovative, dato anche che i centri ospedalieri di riferimento iniziano a no...
Salute

Parkinson, la neurologa Brotini: “Grazie alla ricerca, siamo di fronte a una nuova alba”

“Molte molecole sono in fase di studio e vorrei che tutti i pazienti e i loro caregiver guardassero la malattia di Parkinson come fossero di fronte all’alba e non di fronte ad un tramonto&...
di V.A.
Advocacy e Associazioni

Oncologia, Iannelli (FAVO): “Anche i malati di cancro finiscono in lista di attesa”

Il Segretario Generale Favo: “Da qualche anno le attese per i malati oncologici sono sempre più lunghe. E la colpa non è della pandemia: quelli con cui i pazienti oncologici si sco...