Salute 2 Agosto 2022 12:25

Vaiolo delle scimmie: primo morto in Perù. California, New York e San Francisco in stato di emergenza

La lista dei decessi si è ulteriormente allungata con il primo morto in Perù: è il quinto decesso al mondo – due in Spagna, uno in Brasile e uno in India – fuori dall’Africa dove il vaiolo delle scimmie è endemico. La città di New York ha chiesto all’OMS di cambiare nome alla malattia per evitare discriminazioni

Vaiolo delle scimmie: primo morto in Perù. California, New York e San Francisco in stato di emergenza

In California è stato di emergenza per la diffusione del vaiolo delle scimmie: i casi registrati finora sono quasi 800. Ad annunciarlo è stato il governatore Gavin Newsom, sottolineando che la decisione è stata adottata per rendere più facile la distribuzione rapida dei vaccini contro la malattia. Grazie allo stato di emergenza, infatti, come riferito dai media locali, gli operatori sanitari, dai paramedici al personale di emergenza, possono somministrare il farmaco anti-vaiolo. Finora la California ha ricevuto 61 mila dosi di vaccino e ne ha distribuite circa 25mila.

California, New York e San Francisco in stato di emergenza

La notizia diffusa in Italia dalle agenzie arriva a due giorni dalla dichiarazione dello stato di emergenza nella città di New York. Come riportato dalla Cnn, secondo il sindaco Eric Adams, sono 150 mila le persone a rischio contagio a New York, dove si concentrano già la maggior parte dei casi di tutti gli Stati Uniti, circa 1.345. Due giorni prima era stata la volta dello Stato di New York che aveva dichiarato lo stato d’allerta subito dopo San Francisco.

Primo morto in Perù

La lista dei decessi si è ulteriormente allungata con il primo morto in Perù, un uomo di 45 anni. Il paziente è arrivato in ospedale quando la malattia aveva raggiunto uno stadio già troppo avanzato. E, come spiegato alle agenzie di stampa dal direttore della struttura sanitaria, Eduardo Farfan, «la sua salute si era indebolita dopo aver abbandonato il trattamento contro l’Hiv». Nel Paese sudamericano finora i casi accertati di vaiolo delle scimmie sono stati 300 e quello di ieri è il quinto decesso al mondo – due in Spagna, uno in Brasile e uno in India – fuori dall’Africa dove, invece, il vaiolo delle scimmie è endemico.

Nuovi dettagli sul ventiduenne morto in India

Intanto sono arrivati ulteriori dettagli sulla morte avvenuta sabato scorso (30 luglio) in India: come confermato dalle autorità locali, l’uomo era appena tornato da un viaggio negli Emirati Arabi Uniti. La ministra della Sanità dello Stato del Kerala, Veena George, ha spiegato che la vittima, un ventiduenne residente a Thrissur, è morto in un ospedale privato della città alcuni giorni dopo essere rientrato dal Golfo. La ministra ha sottolineato anche che i test realizzati negli Emirati avevano già dimostrato la positività del ragazzo al vaiolo delle scimmie, ma che i familiari avevano consegnato i risultati soltanto nella giornata di sabato. In India, sono quattro i casi confermati, tre nel Kerala e uno a New Delhi.

Primo caso in Sudan

Anche il Sudan ha reso noto di aver rilevato il primo caso di vaiolo delle scimmie. Il ministero della Salute sudanese ha dichiarato che il caso, scoperto la scorsa settimana nella provincia del Darfur occidentale, riguarda uno studente di 16 anni. Sempre secondo quanto riferito dal ministero della Salute sudanese i casi sospetti sono stati almeno 38, tutti risultati negativi al virus tranne quello del sedicenne. Nel frattempo, le autorità sanitarie stanno lavorando per determinare i contatti dello studente per limitare la diffusione del virus.

C’è chi chiede di cambiare nome alla malattia

La città di New York, oltre ad aver dichiarato lo stato di emergenza, ha anche inviato una lettera all’Organizzazione Mondiale della Sanità nella quale si chiede di cambiare nome alla malattia per evitare stigmatizzazioni e discriminazioni contro chi la contrae. Sulla questione anche il virologo italiano e docente dell’Università Vita-Salute San Raffaele di Milano, Roberto Burioni ha detto la sua in un tweet:

«Vaiolo delle scimmie (in inglese monkeypox) è un nome sbagliato, ma non stupitevi dell’errore: in inglese la varicella si chiama chickenpox, ovvero “vaiolo dei polli”, e in questo caso i polli c’entrano ancora meno». L’animale serbatoio del Monkeypox virus non è infatti la scimmia, bensì i roditori.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaiolo delle scimmie. In Italia aumentano i casi e il Ministero diffonde le linee guida per le quarantene
In Italia accertati 505 casi, 26 in più di 4 giorni fa. Il Ministero della Salute ha diffuso una circolare sulle misure da adottare in vista di possibili quarantene. In attesa di direttive su un’eventuale campagna vaccinale lo Spallanzani di Roma ha annunciato di essere già pronto a partire con la vaccinazione
Vaiolo delle scimmie, cresce emergenza e ora 1 italiano su 3 lo teme
L'Oms ha dichiarato che il vaiolo delle scimmie è un'emergenza sanitaria globale. Sono stati registrati 17mila casi in 70 paesi. l'Italia è fra i 10 paesi più colpiti e forse per questo 1 italiano su 3 ammette di avere paura
Vaiolo delle scimmie e Covid, contrarli insieme si può. Andreoni fa il punto su quel che sappiamo
Con il prof. Andreoni parliamo di cosa genera una pandemia e dell'aumento di circolazione di malattie prime circoscritte ad alcune zone del mondo. La causa da ricercarsi nel nostro modo di vivere
L’UE acquista 110mila vaccini per il vaiolo delle scimmie
Stella Kyriakides conferma l'acquisto di oltre 100mila vaccini per il monkeypox. Tuttavia, la vaccinazione va esaminata caso per caso. In totale si contano oltre 3mila casi da inizio anno
Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo
Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...