Sanità internazionale 11 Ottobre 2022 00:04

Vaiolo delle scimmie: scoperta nuova variante in Congo, potrebbe diventare globale

Nella Repubbica Democratica del Congo si è diffusa una variante pericolosa del vaiolo delle scimmie che, secondo gli esperti, potrebbe diffondersi anche a livello globale

Vaiolo delle scimmie: scoperta nuova variante in Congo, potrebbe diventare globale

Quest’anno l’epidemia globale di vaiolo delle scimmie ha colpito più di 100 paesi e per la prima volta si sono verificati decessi al di fuori dei paesi endemici del virus nell’Africa Occidentale e Centrale. «Tutti i decessi che si sono verificati nella Repubblica Democratica del Congo nell’epidemia in corso sono stati probabilmente causati da una variante del virus del vaiolo delle scimmie chiamato Clade I» ha detto al New Scientist un portavoce dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). All’inizio di quest’anno è il più mite Clade II che ha iniziato a diffondersi in tutto il mondo.

Il tasso di mortalità della variante Clade I è superiore al 10%

Storicamente, Clade I ha un tasso di mortalità del 10,6% , rispetto al 3,6% di Clade II. L’unica volta che Clade I è stato segnalato al di fuori di un paese endemico è stato in Sud Sudan nel 2005. Tuttavia, più a lungo questa variante circola nella Repubblica Democratica del Congo, secondo gli esperti, maggiore è il rischio che possa diffondersi nel resto del mondo. «È certamente possibile, dato che viaggiare in tutto il mondo è diventato così comune», afferma Stuart Isaacs dell’Università della Pennsylvania. Il virus si replica anche mentre si diffonde, aumentando il rischio di mutazioni. «Il vaiolo delle scimmie può continuare a mutare e diventare più capace di trasmettersi da persona a persona in modo più efficiente», afferma Anne Rimoin dell’Università della California, Los Angeles.

Il tasso di mortalità di vaiolo delle scimmie in Congo dipende dalla nuova variante?

«In definitiva, non è chiaro se il numero sproporzionatamente elevato di decessi per vaiolo delle scimmie nella Repubblica Democratica del Congo sia dovuto al tasso di mortalità di Clade I o al sistema sanitario nazionale meno avanzato rispetto ad altri paesi africani» afferma Andrea McCollum dei Centers for Disease Control and Prevention negli Stati Uniti. Come ogni paese africano, quest’anno la Repubblica Democratica del Congo non ha ricevuto una singola dose di vaccino contro il vaiolo delle scimmie, se non all’interno di una sperimentazione clinica, afferma il portavoce dell’OMS.

Il vaccino non basta per uscire dall’emergenza vaiolo delle scimmie

Al 20 settembre, più di 45.000 persone nel Regno Unito avevano ricevuto una dose del vaccino Jynneos (noto anche come Imvanex e Imvamune), approvato in Europa per la prevenzione del vaiolo delle scimmie e del vaiolo nelle persone di età pari o superiore a 18 anni. Negli Stati Uniti, al 4 ottobre erano state somministrate più di 870.000 dosi. Dal 9 agosto, il vaccino è stato approvato per i minori di 18 anni negli Stati Uniti nell’ambito di un’autorizzazione all’uso di emergenza. I funzionari della Repubblica Democratica del Congo stanno tentando di controllare l’epidemia isolando le persone infette e utilizzando il tracciamento dei contatti. Secondo Mario Stevenson dell’Università di Miami in Florida, questo non è abbastanza per fermare il vaiolo delle scimmie.

Difficile comprendere la reale portata del carico del virus

Sebbene tutte le prove indichino che la Repubblica Democratica del Congo sia al centro di un’epidemia di vaiolo delle scimmie particolarmente grave, la reale portata del carico del virus non è chiara. «Non abbiamo la capacità di essere in grado di uscire e fare tutta la sorveglianza che deve essere fatta», afferma Rimoin. «Soprattutto nelle aree remote della Repubblica Democratica del Congo, dove si trova la stragrande maggioranza dei casi, non abbiamo la capacità di eseguire analisi di laboratorio», aggiunge. A maggio, i funzionari dell’Oms hanno annunciato che l’epidemia globale in corso si sta diffondendo principalmente tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini.

Non è chiaro il modello di diffusione di Clade II

«Non è chiaro a questo punto quanta parte della diffusione in Africa possa essere dovuta al sesso tra uomini», afferma McCollum. Secondo gli scienziati, lo stigma dell’omosessualità in molti paesi colpiti in tutta l’Africa, come la Repubblica Democratica del Congo, rende difficile capire il vero modello di trasmissione del vaiolo delle scimmie in tutto il continente. Quando si tratta dell’epidemia globale, non è chiaro cosa abbia causato la diffusione internazionale di Clade II all’inizio di quest’anno. Secondo Stevenson, potrebbe essere sfortuna o il virus potrebbe essere mutato, consentendogli di diffondersi più facilmente.

La diffusione del vaiolo delle scimmie non può essere ignorata

«Sappiamo sicuramente che il vaiolo delle scimmie è un problema nella Repubblica Democratica del Congo ed è a nostro rischio e pericolo se continuiamo a ignorare questo problema», afferma Rimoin. «Penso che abbiamo una memoria a breve termine a livello globale e quello che dobbiamo essere in grado di fare è ricordare che un’infezione ovunque è potenzialmente un’infezione ovunque», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Medici di famiglia, Scotti (Fimmg): “Entro il 2026 15 milioni di italiani saranno senza” 

Intanto scoppia il 'caos estate': “I sostituti sono introvabili e c'è chi va in pensione anticipata per concedersi le ferie”
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...