Sanità internazionale 11 Ottobre 2022 00:04

Vaiolo delle scimmie: scoperta nuova variante in Congo, potrebbe diventare globale

Nella Repubbica Democratica del Congo si è diffusa una variante pericolosa del vaiolo delle scimmie che, secondo gli esperti, potrebbe diffondersi anche a livello globale

Vaiolo delle scimmie: scoperta nuova variante in Congo, potrebbe diventare globale

Quest’anno l’epidemia globale di vaiolo delle scimmie ha colpito più di 100 paesi e per la prima volta si sono verificati decessi al di fuori dei paesi endemici del virus nell’Africa Occidentale e Centrale. «Tutti i decessi che si sono verificati nella Repubblica Democratica del Congo nell’epidemia in corso sono stati probabilmente causati da una variante del virus del vaiolo delle scimmie chiamato Clade I» ha detto al New Scientist un portavoce dell’Organizzazione mondiale della sanità (Oms). All’inizio di quest’anno è il più mite Clade II che ha iniziato a diffondersi in tutto il mondo.

Il tasso di mortalità della variante Clade I è superiore al 10%

Storicamente, Clade I ha un tasso di mortalità del 10,6% , rispetto al 3,6% di Clade II. L’unica volta che Clade I è stato segnalato al di fuori di un paese endemico è stato in Sud Sudan nel 2005. Tuttavia, più a lungo questa variante circola nella Repubblica Democratica del Congo, secondo gli esperti, maggiore è il rischio che possa diffondersi nel resto del mondo. «È certamente possibile, dato che viaggiare in tutto il mondo è diventato così comune», afferma Stuart Isaacs dell’Università della Pennsylvania. Il virus si replica anche mentre si diffonde, aumentando il rischio di mutazioni. «Il vaiolo delle scimmie può continuare a mutare e diventare più capace di trasmettersi da persona a persona in modo più efficiente», afferma Anne Rimoin dell’Università della California, Los Angeles.

Il tasso di mortalità di vaiolo delle scimmie in Congo dipende dalla nuova variante?

«In definitiva, non è chiaro se il numero sproporzionatamente elevato di decessi per vaiolo delle scimmie nella Repubblica Democratica del Congo sia dovuto al tasso di mortalità di Clade I o al sistema sanitario nazionale meno avanzato rispetto ad altri paesi africani» afferma Andrea McCollum dei Centers for Disease Control and Prevention negli Stati Uniti. Come ogni paese africano, quest’anno la Repubblica Democratica del Congo non ha ricevuto una singola dose di vaccino contro il vaiolo delle scimmie, se non all’interno di una sperimentazione clinica, afferma il portavoce dell’OMS.

Il vaccino non basta per uscire dall’emergenza vaiolo delle scimmie

Al 20 settembre, più di 45.000 persone nel Regno Unito avevano ricevuto una dose del vaccino Jynneos (noto anche come Imvanex e Imvamune), approvato in Europa per la prevenzione del vaiolo delle scimmie e del vaiolo nelle persone di età pari o superiore a 18 anni. Negli Stati Uniti, al 4 ottobre erano state somministrate più di 870.000 dosi. Dal 9 agosto, il vaccino è stato approvato per i minori di 18 anni negli Stati Uniti nell’ambito di un’autorizzazione all’uso di emergenza. I funzionari della Repubblica Democratica del Congo stanno tentando di controllare l’epidemia isolando le persone infette e utilizzando il tracciamento dei contatti. Secondo Mario Stevenson dell’Università di Miami in Florida, questo non è abbastanza per fermare il vaiolo delle scimmie.

Difficile comprendere la reale portata del carico del virus

Sebbene tutte le prove indichino che la Repubblica Democratica del Congo sia al centro di un’epidemia di vaiolo delle scimmie particolarmente grave, la reale portata del carico del virus non è chiara. «Non abbiamo la capacità di essere in grado di uscire e fare tutta la sorveglianza che deve essere fatta», afferma Rimoin. «Soprattutto nelle aree remote della Repubblica Democratica del Congo, dove si trova la stragrande maggioranza dei casi, non abbiamo la capacità di eseguire analisi di laboratorio», aggiunge. A maggio, i funzionari dell’Oms hanno annunciato che l’epidemia globale in corso si sta diffondendo principalmente tra gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini.

Non è chiaro il modello di diffusione di Clade II

«Non è chiaro a questo punto quanta parte della diffusione in Africa possa essere dovuta al sesso tra uomini», afferma McCollum. Secondo gli scienziati, lo stigma dell’omosessualità in molti paesi colpiti in tutta l’Africa, come la Repubblica Democratica del Congo, rende difficile capire il vero modello di trasmissione del vaiolo delle scimmie in tutto il continente. Quando si tratta dell’epidemia globale, non è chiaro cosa abbia causato la diffusione internazionale di Clade II all’inizio di quest’anno. Secondo Stevenson, potrebbe essere sfortuna o il virus potrebbe essere mutato, consentendogli di diffondersi più facilmente.

La diffusione del vaiolo delle scimmie non può essere ignorata

«Sappiamo sicuramente che il vaiolo delle scimmie è un problema nella Repubblica Democratica del Congo ed è a nostro rischio e pericolo se continuiamo a ignorare questo problema», afferma Rimoin. «Penso che abbiamo una memoria a breve termine a livello globale e quello che dobbiamo essere in grado di fare è ricordare che un’infezione ovunque è potenzialmente un’infezione ovunque», conclude.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
La quarta dose è obbligatoria?
La quarta dose di vaccino anti-Covid è importante per rafforzare l'immunità in vista della stagione invernale. Tuttavia, viene solo raccomandata e non c'è alcun obbligo per nessuno, neanche per gli operatori sanitari
La nuova variante BQ.1 è più pericolosa delle altre?
La variante B.Q1 sarà presto dominante in Europa e, quindi, anche in Italia. Le prime informazioni indicano che ha una maggiore capacità di eludere i vaccini, ma non sembra più pericolosa delle altre
Gli allarmi caduti nel vuoto e ora la Somalia rischia la più grande carestia della sua storia
In un recente report le Nazioni Unite prevedono che più di 300.000 persone in Somalia verranno colpite dalla carestia entro il mese di dicembre
di Stefano Piazza
Epidemia di Ebola, paura in Uganda
Torna la paura in Uganda: nell'ultimo mese, almeno 64 persone sono state infettate da una specie rara di virus Ebola, per la quale non sono disponibili vaccini o trattamenti e il primo bilancio parla di almeno 30 morti
di Stefano Piazza
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa