Salute 25 Agosto 2022 16:12

Vaiolo scimmie, prima discesa. Oms: «-21% nuovi contagi negli ultimi 7 giorni»

Arriva il primo cenno di discesa dei casi di vaiolo delle scimmie in Europa. L’Italia registra più di 700 contagi, il maggior numero di nuove infezioni negli Stati Uniti, dove è emergenza nazionale

Vaiolo scimmie, prima discesa. Oms: «-21% nuovi contagi negli ultimi 7 giorni»

Il vaiolo delle scimmie, l’infezione virale causata dal Monkeypox virus che si sta diffondendo rapidamente in Europa e negli Stati Uniti, sembra arrestare la sua corsa nel vecchio continente.

Vaiolo scimmie, Oms: «-21% nuovi casi in ultima settimana»

Nella settimana dal 15 al 21 agosto, infatti, sono stati registrati 5.907 nuovi contagi rispetto ai 7.477 dei 7 giorni precedenti. Frena, dunque, dopo quattro settimane consecutive, l’aumento dei nuovi casi di Monkeypox in Europa. Il 21% in meno, forse il primo segnale di un’attenuazione dei casi in Europa «che però ha bisogno ancora di essere confermato» evidenzia cauta l’Organizzazione mondiale della sanità nell’ultimo report aggiornato sull’epidemia di Monkeypox.

Vaiolo delle scimmie, in Italia oltre 700 contagi. Più positivi in Lombardia

L’ultimo bollettino del ministero della Salute sul vaiolo delle scimmie rileva 714 casi confermati in Italia. Di questi, 190 hanno contratto l’infezione durante viaggi all’estero. L’età media è di 37 anni con netta prevalenza di uomini: 704 i contagiati uomini, 10 le donne. La Lombardia è la regione con più positivi (308), poi Lazio (128), Emilia-Romagna (73) e Veneto (48). Al 23 agosto, zero casi in Calabria, Basilicata, Molise, Umbria e Valle d’Aosta.

Vaiolo delle scimmie, chi rischia di più?

Le modalità di trasmissione del virus, ormai endemico in Africa, sono sempre le stesse ma il fatto che si stia propagando al di fuori del bacino africano invita a riflettere. Inoltre, sembra che il virus stia colpendo principalmente uomini che hanno rapporti sessuali non protetti con uomini e con più partner. «In relazione all’epidemia in corso – spiega l’Istituto Superiore di Sanità – i dati finora disponibili e la natura delle lesioni suggeriscono che la trasmissione possa essere avvenuta durante rapporti intimi».

Chi è maggiormente a rischio?

Nel recente report del New England Journal of Medicine, i ricercatori londinesi hanno esaminato le cartelle cliniche e le manifestazioni di 500 pazienti affetti da vaiolo delle scimmie. Dall’analisi è emerso che il 95% dei casi era legato al contatto sessuale con altre persone contagiate in precedenza. Per questo, le autorità sanitarie mondiali raccomandano di ridurre i partner occasionali ed utilizzare il preservativo per evitare le malattie sessualmente trasmissibili.

Vaiolo delle scimmie, emergenza nazionale negli USA

Nella settimana 15-21 agosto, il numero di casi segnalati nella Regione delle Americhe mostra invece un continuo, significativo aumento. A conferma del trend osservato nelle ultime settimane. In cima alla lista dei 10 Paesi che, al 22 agosto, riscontrano il maggior numero di contagiati da Monkeypox virus ci sono gli Stati Uniti con 14.049 contagi. Tanto da dichiarare il vaiolo delle scimmie un’emergenza di salute pubblica.

Seguono Spagna (6.119), Brasile (3.450), Germania (3.295), Regno Unito (3.225), Francia (2.889), Canada (1.168), Paesi Bassi (1.090), Perù (937) e Portogallo (810). Questi Paesi totalizzano l’88,9% dei casi riportati in tutto il mondo. «Nell’ultima settimana – precisa l’Oms – due Paesi hanno registrato i loro primi casi di vaiolo delle scimmie: sono l’Iran e Indonesia». Globalmente, dal primo gennaio al 22 agosto sono stati confermati 41.664 casi di vaiolo delle scimmie e 12 decessi in 96 Paesi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Ue verso aria più pulita, parte carbon tax alle frontiere
Ridurre le emissioni inquinanti e, di conseguenze, ridurre il loro impatto sulla salute ambientale e dell'uomo. Queste sono solo alcuni degli ambiziosi obiettivi della Carbon Tax dell’Unione Europea alle frontiere, entrata in vigore da pochi giorni
Covid, Oms Europa: sono 36 milioni i cittadini con Long Covid, continuare con vaccini
La pandemia è stata ufficialmente dichiarata conclusa, ma ancora oggi ci sono ben mille morti a settimana in Europa. Nel frattempo, sale anche il conteggio delle vittime del Long Covid, la sindrome post-infezione, che in 3 anni è arrivata a colpire 36 milioni di persone, sempre in Europa, 1 persona su 30. Questi sono alcuni dei dati presentati questa mattina da Hans Kluge, direttore dell'Ufficio regionale europeo dell'Organizzazione mondiale della sanità (Oms)
Usa: allerta qualità dell’aria, decine di milioni a rischio per incendi canadesi
Negli Stati Uniti decine di milioni di persone sono state messe in allerta per i possibili effetti di una scarsa qualità dell'aria, a causa del fumo provocato dagli incendi canadesi che si è spostato verso Sud, Su alcune delle più grandi città del paese il cielo si è trasformato da azzurro in un torbido marrone e l'aria è satura di inquinamento dannoso per la salute. Gli stati in tutto l'Est, tra cui New York, Massachusetts e Connecticut, hanno emesso avvisi sulla qualità dell'aria
Nel 2022 caldo e siccità record in Europa, salute a rischio per «stress termico»
Caldo estremo e siccità da record. Il 2022 è stato davvero un anno difficile per l'Europa e per la salute dei suoi cittadini. A confermarlo sono i dati che arrivano dal satellite Copernicus, più precisamente dal Servizio per il cambiamento climatico di Copernicus, componente del Programma spaziale dell’Ue, diffuso pochi giorni prima della Giornata Mondiale della Terra, che si celebra il prossimo 22 aprile
Mpox, dall’UE 5 milioni di euro per studiare impatto virus a Padova
La realtà con sede a Padova avrà il compito di studiare l’impatto del monkey pox sulle popolazioni a maggior rischio di infezione o malattia grave, come le persone con Hiv, le donne in gravidanza e i bambini
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...