Salute 25 Agosto 2022 16:12

Vaiolo scimmie, prima discesa. Oms: «-21% nuovi contagi negli ultimi 7 giorni»

Arriva il primo cenno di discesa dei casi di vaiolo delle scimmie in Europa. L’Italia registra più di 700 contagi, il maggior numero di nuove infezioni negli Stati Uniti, dove è emergenza nazionale

Vaiolo scimmie, prima discesa. Oms: «-21% nuovi contagi negli ultimi 7 giorni»

Il vaiolo delle scimmie, l’infezione virale causata dal Monkeypox virus che si sta diffondendo rapidamente in Europa e negli Stati Uniti, sembra arrestare la sua corsa nel vecchio continente.

Vaiolo scimmie, Oms: «-21% nuovi casi in ultima settimana»

Nella settimana dal 15 al 21 agosto, infatti, sono stati registrati 5.907 nuovi contagi rispetto ai 7.477 dei 7 giorni precedenti. Frena, dunque, dopo quattro settimane consecutive, l’aumento dei nuovi casi di Monkeypox in Europa. Il 21% in meno, forse il primo segnale di un’attenuazione dei casi in Europa «che però ha bisogno ancora di essere confermato» evidenzia cauta l’Organizzazione mondiale della sanità nell’ultimo report aggiornato sull’epidemia di Monkeypox.

Vaiolo delle scimmie, in Italia oltre 700 contagi. Più positivi in Lombardia

L’ultimo bollettino del ministero della Salute sul vaiolo delle scimmie rileva 714 casi confermati in Italia. Di questi, 190 hanno contratto l’infezione durante viaggi all’estero. L’età media è di 37 anni con netta prevalenza di uomini: 704 i contagiati uomini, 10 le donne. La Lombardia è la regione con più positivi (308), poi Lazio (128), Emilia-Romagna (73) e Veneto (48). Al 23 agosto, zero casi in Calabria, Basilicata, Molise, Umbria e Valle d’Aosta.

Vaiolo delle scimmie, chi rischia di più?

Le modalità di trasmissione del virus, ormai endemico in Africa, sono sempre le stesse ma il fatto che si stia propagando al di fuori del bacino africano invita a riflettere. Inoltre, sembra che il virus stia colpendo principalmente uomini che hanno rapporti sessuali non protetti con uomini e con più partner. «In relazione all’epidemia in corso – spiega l’Istituto Superiore di Sanità – i dati finora disponibili e la natura delle lesioni suggeriscono che la trasmissione possa essere avvenuta durante rapporti intimi».

Chi è maggiormente a rischio?

Nel recente report del New England Journal of Medicine, i ricercatori londinesi hanno esaminato le cartelle cliniche e le manifestazioni di 500 pazienti affetti da vaiolo delle scimmie. Dall’analisi è emerso che il 95% dei casi era legato al contatto sessuale con altre persone contagiate in precedenza. Per questo, le autorità sanitarie mondiali raccomandano di ridurre i partner occasionali ed utilizzare il preservativo per evitare le malattie sessualmente trasmissibili.

Vaiolo delle scimmie, emergenza nazionale negli USA

Nella settimana 15-21 agosto, il numero di casi segnalati nella Regione delle Americhe mostra invece un continuo, significativo aumento. A conferma del trend osservato nelle ultime settimane. In cima alla lista dei 10 Paesi che, al 22 agosto, riscontrano il maggior numero di contagiati da Monkeypox virus ci sono gli Stati Uniti con 14.049 contagi. Tanto da dichiarare il vaiolo delle scimmie un’emergenza di salute pubblica.

Seguono Spagna (6.119), Brasile (3.450), Germania (3.295), Regno Unito (3.225), Francia (2.889), Canada (1.168), Paesi Bassi (1.090), Perù (937) e Portogallo (810). Questi Paesi totalizzano l’88,9% dei casi riportati in tutto il mondo. «Nell’ultima settimana – precisa l’Oms – due Paesi hanno registrato i loro primi casi di vaiolo delle scimmie: sono l’Iran e Indonesia». Globalmente, dal primo gennaio al 22 agosto sono stati confermati 41.664 casi di vaiolo delle scimmie e 12 decessi in 96 Paesi.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Pagamenti in nero: aumenta corruzione in Europa, ma non in Italia
Tra mazzette e pagamenti in nero, aumenta la corruzione in sanità in tutta Europa. L'Italia, in controtendenza, registra un lieve calo
Co-infezione di Covid-19, Hiv e vaiolo delle scimmie per un 36enne italiano
Il primo caso di co-infezione da Covid-19, Hiv e monkeypox segnalato in letteratura riguarda un 36enne siciliano che ha accusato vari sintomi di ritorno da un viaggio in Spagna. A descriverlo i ricercatori di Catania e Palermo in un articolo apparso sul Journal of Infection
Vaiolo delle scimmie, Borgese (Simedet): «Ecco perchè sbaglia chi dice che gli omosessuali sono più a rischio»
«L’AIDS come la MPXV (malattia da Monkeypox virus), sono malattie legate a comportamenti a rischio e il coinvolgimento iniziale della comunità gay è da considerarsi esclusivamente fortuito» spiega Leonardo Borgese della Società Italiana Medicina Diagnostica e Terapeutica
Vaiolo delle scimmie. In Italia aumentano i casi e il Ministero diffonde le linee guida per le quarantene
In Italia accertati 505 casi, 26 in più di 4 giorni fa. Il Ministero della Salute ha diffuso una circolare sulle misure da adottare in vista di possibili quarantene. In attesa di direttive su un’eventuale campagna vaccinale lo Spallanzani di Roma ha annunciato di essere già pronto a partire con la vaccinazione
Vaiolo delle scimmie: primo morto in Perù. California, New York e San Francisco in stato di emergenza
La lista dei decessi si è ulteriormente allungata con il primo morto in Perù: è il quinto decesso al mondo - due in Spagna, uno in Brasile e uno in India - fuori dall’Africa dove il vaiolo delle scimmie è endemico. La città di New York ha chiesto all’OMS di cambiare nome alla malattia per evitare discriminazioni
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 5 ottobre 2022, sono 619.212.284 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.550.223 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia Il bollettino di oggi (5 ottobre 20...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi