Salute 26 Luglio 2022 12:39

Vaiolo delle scimmie, cresce emergenza e ora 1 italiano su 3 lo teme

L’Oms ha dichiarato che il vaiolo delle scimmie è un’emergenza sanitaria globale. Sono stati registrati 17mila casi in 70 paesi. l’Italia è fra i 10 paesi più colpiti e forse per questo 1 italiano su 3 ammette di avere paura

Vaiolo delle scimmie, cresce emergenza e ora 1 italiano su 3 lo teme

Pochi giorni fa l’Organizzazione mondiale della sanità (Oms) ha dichiarato che il vaiolo delle scimmie è un’emergenza sanitaria globale. In effetti i numeri iniziano a fare paura: 17mila persone colpite in 74 Paesi. E in un solo giorno (lo scorso 24 luglio) 1700 nuove diagnosi. Non stupisce che oggi un italiano su tre teme il vaiolo, secondo un sondaggio SWG contenuto nella nuova edizione di «Radar». In effetti, con 407 casi registrati l’Italua è fra i primi 10 paesi con più casi di vaiolo delle scimmie.

Milano è la città italiana con il maggior numero di casi di vaiolo delle scimmie

Il Ministero della salute con apposita ordinanza ha già predisposto, insieme alle Regioni e Province Autonome, le modalità di segnalazione dei singoli casi di vaiolo delle scimmie. «La situazione è sotto costante monitoraggio ma non si ritiene debba destare particolari allarmismi», dichiara il direttore generale della prevenzione del Ministero della Salute, Gianni Rezza. Dei 407 casi italiani, circa 200 sarebbero stati registrati a Milano, che diventa quindi la città con il più alto numero di infezioni.

I più colpiti dal vaiolo delle scimmie sono gli uomini tra i 20 e i 40 anni d’età

Nella quasi totalità dei casi il vaiolo delle scimmie ha colpito uomini. «I dati epidemiologici – sostiene Matteo Bassetti, direttore della Clinica di Malattie infettive del Policlinico San Martino di Genova – dicono che i casi riguardano prioritariamente una popolazione abbastanza ristretta: maschi, tra i 20 e i 40 anni, che si sono contagiati preferenzialmente per via sessuale o per contatto diretto».

Gli esperti invitano alla vaccinazione delle persone a rischio

In considerazione della crescita dell’emergenza, molti esperti invitano ad adottare misure, tra cui la vaccinazione e lo screening, alle fasce di popolazione considerate a rischio. «Sarebbe il caso di partire ora – suggerisce Bassetti – con un’importante campagna vaccinale, indirizzata a giovani maschi, altrimenti a settembre rischiamo di avere decine di migliaia di casi diagnosticati e altrettanti sotto traccia». Il virologo Andrea Crisanti, direttore del Dipartimento di Medicina molecolare presso l’Università degli studi di Padova, auspica una decisione delle autorità sanitarie che consenta l’immunizzazione delle comunità più colpite dal Monkeypox. «E’ evidente che la diffusione della malattia, che non accenna al momento a diminuire, è ormai entrata – spiega – in un circuito comportamentale ben definito. E quindi forse bisognerà indurre determinate persone a vaccinarsi contro il vaiolo“.

Dalla Commissione europea ok a estensione del vaccino del vaiolo umano

Nel frattempo la Commissione europea ha approvato l’estensione del vaccino Imvanex del gruppo farmaceutico Bavarian Nordic contro la diffusione del vaiolo delle scimmie. Il via libera da Bruxelles segue quello del regolatore europeo, l’Agenzia europea per i medicinali (Ema), che lo scorso venerdì aveva dato il suo consenso all’estensione al vaiolo delle scimmie del vaccino Imvanex, già autorizzato dal 2013 nell’Unione Europea contro il vaiolo umano. Il vaccino Imvanex è commercializzato come Jynneos negli Stati Uniti, dove è stato autorizzato contro il vaiolo delle scimmie dal 2019. Questo lo rende l’unico vaccino autorizzato per la prevenzione della malattia.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Morbillo: allarme Oms Europa, 30 volte più casi nel 2023
"La regione europea sta registrando un aumento allarmante dei casi di morbillo". E' il monito dell'ufficio regionale dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) per l'Europa. "Tra gennaio e ottobre 2023 sono stati segnalati oltre 30mila casi da 40 dei 53 Stati membri della regione. Rispetto ai 941 segnalati in tutto il 2022, è un aumento di oltre 30 volte", avverte l'agenzia Onu per la salute
di V.A.
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
Herpes zoster: l’efficacia del vaccino diminuisce nel tempo
Uno studio pubblicato sul British Medical Journal ha valutato l'efficacia del vaccino vivo contro l'herpes zoster, che è risultata massima per i primi 12 mesi dalla vaccinazione ed è diminuita in modo sostanziale nel tempo
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...