Salute 7 Gennaio 2021 09:10

Vaccino anti-Covid in gravidanza? Viora (Aogoi): «La donna sia informata e libera di scegliere»

Le società scientifiche maggiormente rappresentative di ginecologi, neonatologi, ostetriche e le altre professioni sanitarie impegnate nel percorso nascita hanno condiviso un position paper sulla vaccinazione anti-Covid in gravidanza: «Il vaccino non va escluso a priori. Vanno valutati i rischi e i benefici caso per caso, soprattutto per le donne che lavorano in ambito sanitario»

di Isabella Faggiano

«Nessuna donna in gravidanza escluda preventivamente di sottoporsi al vaccino anti-Covid». Lo dice Elsa Viora, presidente Aogoi (Associazione ostetrici ginecologi ospedalieri italiani) che, con le società scientifiche maggiormente rappresentative di ginecologi, neonatologi, ostetriche e le altre professioni sanitarie impegnate nel percorso nascita (SIGO-AGUI-AGITE-SIN-SIP-SIMP-FNOPO) ha condiviso un position paper sull’utilizzo del vaccino anti-Covid 19 in gravidanza.

Perché scrivere un position paper

«È un’esigenza nata con l’avvio della campagna vaccinale per medici e operatori sanitari – racconta Viora -. Molte delle nostre colleghe sono in dolce attesa o in allattamento ed è proprio pensando a loro, ed ai rischi che corrono ogni giorno recandosi a lavoro, che abbiamo deciso di chiarire la nostra posizione sull’utilità del vaccino anti-Covid. Revisionando la letteratura disponibile in materia, abbiamo offerto il nostro parere di ginecologi. Poi, neonatologi, ostetriche ed altre figure professionali che ruotano intorno alla gravidanza, hanno deciso di condividere il documento».

La posizione condivisa

Il position paper è un testo sintetico, in cui si afferma che «la vaccinazione è una scelta personale e la donna deve in tutti i casi essere informata in maniera esaustiva dal sanitario di fiducia su vari punti: il livello di circolazione del virus nella comunità, i potenziali rischi del vaccino e quelli connessi all’infezione da Covid-19 in gravidanza, sia per la salute materna che fetale».

È sempre necessario valutare i rischi e i benefici caso per caso: «Se da un lato non abbiamo a disposizione dati certi, poiché la sperimentazione del vaccino anti-Covid ha coinvolto un numero esiguo di donne in gravidanza, dall’altro ci sono donne che per esposizione o condizioni di salute possono sviluppare più facilmente complicanze in caso di infezione – sottolinea la ginecologa -. Una donna gravida è esposta a maggiori pericoli negli stessi casi in cui lo è la popolazione in generale: per frequentazioni di luoghi a rischio, come gli ambienti sanitari, o per presenza di patologie, quali l’obesità, il diabete, l’asma e l’ipertensione».

Anti-Covid e altri vaccini

Non vi sono controindicazioni per interazione tra vaccino anti-Covid e le altre vaccinazioni raccomandate in gravidanza: «Per prudenza – dice Viora – si consiglia di far trascorrere un intervallo di almeno 14 giorni tra il vaccino contro il Covid e quelli consigliati durante la gestazione, che tipicamente sono l’antinfluenzale e l’antipertosse. Il primo in prossimità del picco epidemico influenzale, a prescindere dall’epoca di gravidanza, il secondo raccomandato in prossimità della ventottesima settimana».

L’allattamento

Il vaccino anti-Covid è fortemente raccomandato anche per le donne in allattamento: «Trattandosi di un vaccino con mRNA, cioè non di un vaccino a virus vivo, in cui le particelle di mRNA vengono rapidamente degradate – sottolinea la presidente Aogoi – non viene trasmesso attraverso il latte materno. Ma la donna, diventando immune, trasmette gli anticorpi al neonato, proteggendolo dalla malattia, come accade con tutti gli altri vaccini». Pediatri, neonatologi, ginecologi e infettivologi (della SIN, SIP, SIMP, SIGO, AOGOI E SIMI) già alla fine del mese di dicembre avevano redatto un documento per affermare la «compatibilità del vaccino anti-Covid con l’allattamento al seno». «In entrambi i casi – conclude Viora – si tratta di posizioni ad interim che, pertanto, potranno essere soggette a revisione laddove dovessero emergere nuove evidenze scientifiche».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Vaiolo delle scimmie, casi in aumento nel mondo. Si ipotizzano ipermutazioni più contagiose
I casi di vaiolo delle scimmie nel mondo sono in aumento. Si ipotizzano ipermutazioni che possono aver reso il virus più contagioso. I paesi europei iniziano a difendersi
Effetti della pandemia, AIP: «Aumentano tentativi di suicidio tra i giovani. Per anziani rischio solitudine»
A Firenze sino al 25 maggio il 22° Congresso dell’Associazione Italiana Psicogeriatria “Dopo la pandemia: la sfida per una medicina a misura della terza età”. Previsti oltre 800 specialisti
Vaiolo delle scimmie, cresce allarme in GB. L’ECDC teme l’endemia
Triplicano i casi di vaiolo delle scimmie nel Regno Unito. Mentre l'ECDC teme che possibili contagi in animali possano far diventare il virus endemico
Quando si può ripetere il test se dopo 7 giorni si risulta ancora positivi?
La raccomandazione è quella di aspettare 7 giorni, quando il test può essere fatto gratuitamente. «Privatamente» nessuna regola, ma buon senso
In Puglia il primo reparto Covid a gestione infermieristica
Al Policlinico San Paolo di Bari la sperimentazione avviata dal direttore generale dell’Asl Antonio Sanguedolce ha avuto successo: i pazienti non vengono mandati al Covid hospital ma destinati a questo reparto e seguiti da diversi medici. Resta fisso invece il pool infermieristico. Andreula (OPI Bari): «Abbiamo messo al centro i bisogni di assistenza del paziente in un unico ambiente assistenziale»
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 25 maggio, sono 526.711.975 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.280.500 i decessi. Ad oggi, oltre 11,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Salute

Vaiolo delle scimmie, la “profezia” di Bill Gates e il bioterrorismo

Bill Gates aveva parlato pubblicamente del rischio di future pandemia e di bioterrorismo, facendo riferimento a possibili attacchi con il vaiolo. Spazio per nuove teorie del complotto