Salute 7 Gennaio 2021 09:10

Vaccino anti-Covid in gravidanza? Viora (Aogoi): «La donna sia informata e libera di scegliere»

Le società scientifiche maggiormente rappresentative di ginecologi, neonatologi, ostetriche e le altre professioni sanitarie impegnate nel percorso nascita hanno condiviso un position paper sulla vaccinazione anti-Covid in gravidanza: «Il vaccino non va escluso a priori. Vanno valutati i rischi e i benefici caso per caso, soprattutto per le donne che lavorano in ambito sanitario»

di Isabella Faggiano

«Nessuna donna in gravidanza escluda preventivamente di sottoporsi al vaccino anti-Covid». Lo dice Elsa Viora, presidente Aogoi (Associazione ostetrici ginecologi ospedalieri italiani) che, con le società scientifiche maggiormente rappresentative di ginecologi, neonatologi, ostetriche e le altre professioni sanitarie impegnate nel percorso nascita (SIGO-AGUI-AGITE-SIN-SIP-SIMP-FNOPO) ha condiviso un position paper sull’utilizzo del vaccino anti-Covid 19 in gravidanza.

Perché scrivere un position paper

«È un’esigenza nata con l’avvio della campagna vaccinale per medici e operatori sanitari – racconta Viora -. Molte delle nostre colleghe sono in dolce attesa o in allattamento ed è proprio pensando a loro, ed ai rischi che corrono ogni giorno recandosi a lavoro, che abbiamo deciso di chiarire la nostra posizione sull’utilità del vaccino anti-Covid. Revisionando la letteratura disponibile in materia, abbiamo offerto il nostro parere di ginecologi. Poi, neonatologi, ostetriche ed altre figure professionali che ruotano intorno alla gravidanza, hanno deciso di condividere il documento».

La posizione condivisa

Il position paper è un testo sintetico, in cui si afferma che «la vaccinazione è una scelta personale e la donna deve in tutti i casi essere informata in maniera esaustiva dal sanitario di fiducia su vari punti: il livello di circolazione del virus nella comunità, i potenziali rischi del vaccino e quelli connessi all’infezione da Covid-19 in gravidanza, sia per la salute materna che fetale».

È sempre necessario valutare i rischi e i benefici caso per caso: «Se da un lato non abbiamo a disposizione dati certi, poiché la sperimentazione del vaccino anti-Covid ha coinvolto un numero esiguo di donne in gravidanza, dall’altro ci sono donne che per esposizione o condizioni di salute possono sviluppare più facilmente complicanze in caso di infezione – sottolinea la ginecologa -. Una donna gravida è esposta a maggiori pericoli negli stessi casi in cui lo è la popolazione in generale: per frequentazioni di luoghi a rischio, come gli ambienti sanitari, o per presenza di patologie, quali l’obesità, il diabete, l’asma e l’ipertensione».

Anti-Covid e altri vaccini

Non vi sono controindicazioni per interazione tra vaccino anti-Covid e le altre vaccinazioni raccomandate in gravidanza: «Per prudenza – dice Viora – si consiglia di far trascorrere un intervallo di almeno 14 giorni tra il vaccino contro il Covid e quelli consigliati durante la gestazione, che tipicamente sono l’antinfluenzale e l’antipertosse. Il primo in prossimità del picco epidemico influenzale, a prescindere dall’epoca di gravidanza, il secondo raccomandato in prossimità della ventottesima settimana».

L’allattamento

Il vaccino anti-Covid è fortemente raccomandato anche per le donne in allattamento: «Trattandosi di un vaccino con mRNA, cioè non di un vaccino a virus vivo, in cui le particelle di mRNA vengono rapidamente degradate – sottolinea la presidente Aogoi – non viene trasmesso attraverso il latte materno. Ma la donna, diventando immune, trasmette gli anticorpi al neonato, proteggendolo dalla malattia, come accade con tutti gli altri vaccini». Pediatri, neonatologi, ginecologi e infettivologi (della SIN, SIP, SIMP, SIGO, AOGOI E SIMI) già alla fine del mese di dicembre avevano redatto un documento per affermare la «compatibilità del vaccino anti-Covid con l’allattamento al seno». «In entrambi i casi – conclude Viora – si tratta di posizioni ad interim che, pertanto, potranno essere soggette a revisione laddove dovessero emergere nuove evidenze scientifiche».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Estate e mascherine, il vademecum per una convivenza meno complicata
I dermatologi della SIDeMaST hanno realizzato un vademecum per far “convivere” temperature alte e mascherine, per evitare irritazioni dovute a dermatite da contatto e il peggioramento di acne e rosacea
Vaccino pazienti oncologici, Cisl medici appoggia Foce: «Seconda  dose  entro  tre  settimane»
Il sindacato e la società scientifica chiedono il rispetto dei 21 giorni per la seconda dose del vaccino anti-Covid a mRNA nei pazienti oncologici
Covid-19, esami e terapie gratuiti per guariti da forma grave. Cicchetti (Altems): «50 milioni buon inizio ma non basteranno»
«Il Coronavirus può lasciare, nei pazienti che lo hanno avuto in forma grave, conseguenze anche dopo la guarigione». Così il Ministro Speranza, motivando la sua proposta di stanziare 50 milioni di euro affinché il Ssn prenda in carico gratuitamente, con esami diagnostici e terapie, tutti i pazienti maggiormente colpiti dal virus anche dopo le dimissioni dalla struttura ospedaliera
«Le cure domiciliari sono un’illusione». L’opinione controcorrente di Diego Pavesio (Patto per la Scienza) che difende la “vigile attesa”
Il medico piemontese ha pubblicato un post su Facebook in cui parlava di “terapia domiciliare come specchietto per le allodole”: «La gente, comprensibilmente stanca ed esasperata, è in cerca di soluzioni facili per problemi complessi. In realtà si fa finta di non capire che non c’è ancora una cura per questa malattia»
Covid e gravidanza: l’infezione è più pericolosa nei nove mesi
I ginecologi Siru chiedono la vaccinazione per le future mamme
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’11 maggio, sono 158.957.229 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.303.877 i decessi. Ad oggi, oltre 1,30 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco