Salute 7 Gennaio 2021 09:10

Vaccino anti-Covid in gravidanza? Viora (Aogoi): «La donna sia informata e libera di scegliere»

Le società scientifiche maggiormente rappresentative di ginecologi, neonatologi, ostetriche e le altre professioni sanitarie impegnate nel percorso nascita hanno condiviso un position paper sulla vaccinazione anti-Covid in gravidanza: «Il vaccino non va escluso a priori. Vanno valutati i rischi e i benefici caso per caso, soprattutto per le donne che lavorano in ambito sanitario»

di Isabella Faggiano

«Nessuna donna in gravidanza escluda preventivamente di sottoporsi al vaccino anti-Covid». Lo dice Elsa Viora, presidente Aogoi (Associazione ostetrici ginecologi ospedalieri italiani) che, con le società scientifiche maggiormente rappresentative di ginecologi, neonatologi, ostetriche e le altre professioni sanitarie impegnate nel percorso nascita (SIGO-AGUI-AGITE-SIN-SIP-SIMP-FNOPO) ha condiviso un position paper sull’utilizzo del vaccino anti-Covid 19 in gravidanza.

Perché scrivere un position paper

«È un’esigenza nata con l’avvio della campagna vaccinale per medici e operatori sanitari – racconta Viora -. Molte delle nostre colleghe sono in dolce attesa o in allattamento ed è proprio pensando a loro, ed ai rischi che corrono ogni giorno recandosi a lavoro, che abbiamo deciso di chiarire la nostra posizione sull’utilità del vaccino anti-Covid. Revisionando la letteratura disponibile in materia, abbiamo offerto il nostro parere di ginecologi. Poi, neonatologi, ostetriche ed altre figure professionali che ruotano intorno alla gravidanza, hanno deciso di condividere il documento».

La posizione condivisa

Il position paper è un testo sintetico, in cui si afferma che «la vaccinazione è una scelta personale e la donna deve in tutti i casi essere informata in maniera esaustiva dal sanitario di fiducia su vari punti: il livello di circolazione del virus nella comunità, i potenziali rischi del vaccino e quelli connessi all’infezione da Covid-19 in gravidanza, sia per la salute materna che fetale».

È sempre necessario valutare i rischi e i benefici caso per caso: «Se da un lato non abbiamo a disposizione dati certi, poiché la sperimentazione del vaccino anti-Covid ha coinvolto un numero esiguo di donne in gravidanza, dall’altro ci sono donne che per esposizione o condizioni di salute possono sviluppare più facilmente complicanze in caso di infezione – sottolinea la ginecologa -. Una donna gravida è esposta a maggiori pericoli negli stessi casi in cui lo è la popolazione in generale: per frequentazioni di luoghi a rischio, come gli ambienti sanitari, o per presenza di patologie, quali l’obesità, il diabete, l’asma e l’ipertensione».

Anti-Covid e altri vaccini

Non vi sono controindicazioni per interazione tra vaccino anti-Covid e le altre vaccinazioni raccomandate in gravidanza: «Per prudenza – dice Viora – si consiglia di far trascorrere un intervallo di almeno 14 giorni tra il vaccino contro il Covid e quelli consigliati durante la gestazione, che tipicamente sono l’antinfluenzale e l’antipertosse. Il primo in prossimità del picco epidemico influenzale, a prescindere dall’epoca di gravidanza, il secondo raccomandato in prossimità della ventottesima settimana».

L’allattamento

Il vaccino anti-Covid è fortemente raccomandato anche per le donne in allattamento: «Trattandosi di un vaccino con mRNA, cioè non di un vaccino a virus vivo, in cui le particelle di mRNA vengono rapidamente degradate – sottolinea la presidente Aogoi – non viene trasmesso attraverso il latte materno. Ma la donna, diventando immune, trasmette gli anticorpi al neonato, proteggendolo dalla malattia, come accade con tutti gli altri vaccini». Pediatri, neonatologi, ginecologi e infettivologi (della SIN, SIP, SIMP, SIGO, AOGOI E SIMI) già alla fine del mese di dicembre avevano redatto un documento per affermare la «compatibilità del vaccino anti-Covid con l’allattamento al seno». «In entrambi i casi – conclude Viora – si tratta di posizioni ad interim che, pertanto, potranno essere soggette a revisione laddove dovessero emergere nuove evidenze scientifiche».

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Covid: 3 o più dosi di vaccino in gravidanza aumentano la protezione dei neonati
Le donne in gravidanza che ricevono tre o più dosi di vaccino anti-Covid durante la gestazione presentano un livello di anticorpi specifici contro l’infezione nel cordone ombelicale di circa dieci volte più alto rispetto a quanto riscontrato nelle madri che hanno effettuato meno richiami. E questo offre una maggiore protezione ai nascituri. A dimostrarlo è uno studio condotto dagli scienziati dell’Università di Washington a Seattle
Troppo paracetamolo in gravidanza aumenta il rischio di problemi comportamentali nei bambini
Il consumo eccessivo di paracetamolo durante la gravidanza può aumentare il rischio che il bambino sviluppi problemi di attenzione e comportamento già all'età di 2, 3 e 4 anni. Lo studio condotto dalla University of Illinois Urbana-Champaign è stato pubblicato sulla rivista Neurotoxicology and Teratology
Covid: spray nasale con anticorpi protegge da infezione. Gli scienziati: “Approccio utile contro nuove varianti e in futuro anche contro altri virus”
I ricercatori del Karolinska Institutet, in Svezia, hanno dimostrato che lo spray nasale anti-Covid sviluppato, a base di anticorpi IgA, può offrire protezione dall'infezione. O almeno così è stato nei topi su cui è stato testato, come riportato da uno studio pubblicato su PNAS. I risultati aprono la strada a una nuova strategia per proteggere le persone ad alto rischio a causa delle diverse varianti del virus Sars-CoV-2 e possibilmente anche da altre infezioni
Fiaso: Covid ancora in calo, ma preoccupa l’influenza
Si conferma in calo l’indice dei ricoveri Covid. La rilevazione degli ospedali sentinella aderenti a Fiaso fa registrare un complessivo -16% nell’ultima settimana del 2023. Secondo l'ultima rilevazione Fiaso i virus influenzali stanno avendo un impatto in termini assoluti maggiore sugli ospedali
di V.A.
Morbillo: mappato il percorso del virus nel cervello
Per la prima volta è stata realizzata una sorta di mappa della diffusione del virus del morbillo nel cervello sulla base dei dati di un paziente colpito da una rara e letale malattia cerebrale, chiaara panencefalite sclerosante subacuta (SSPE). A realizzare l'impresa sono stati i ricercatori della Mayo Clinic in uno studio pubblicato su PLOS Pathogens
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

Approvato in Consiglio dei Ministri il “decreto anziani”. Normata anche la figura del Caregiver

Approvato in via preliminare il Decreto Legislativo sulle politiche in favore delle persone anziane in attuazione della Legge Delega n. 53 del 23 marzo 2023. Stanziamenti per 500 milioni di euro nel b...
di CdRR
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...