Salute 7 Gennaio 2021 07:49

Vax day nelle RSA lombarde, da oggi vaccino anti-Covid per 120 mila operatori ed ospiti

Degani (Uneba Lombardia): «Entro fine febbraio tutti vaccinati, poi personale medico a disposizione del territorio per vaccinare la popolazione»

di Federica Bosco
Vax day nelle RSA lombarde, da oggi vaccino anti-Covid per 120 mila operatori ed ospiti

Parte oggi il Vax day nelle RSA e RSD della Lombardia. Un appuntamento importante che darà il via alla vaccinazione delle persone fragili, anziane e disabili e degli operatori sanitari impiegati nelle strutture. Per Luca Degani, presidente di UNEBA Lombardia, associazione che conta oltre 400 residenze sul territorio, prende il via un percorso che dovrà portare entro due mesi alla completa vaccinazione di tutto il personale e degli ospiti.

Un appello al governo per vaccinare anche anziani dei centri diurni e chi necessita di assistenza domiciliare

«Alla fine di febbraio dobbiamo garantire la totalità delle vaccinazioni ai nostri ospiti e operatori sanitari – spiega Degani –. Ci sono alcuni aspetti importanti da sottolineare, ovvero l’ingresso nelle RSA e nelle RSD di tutti gli ospiti subordinato alla vaccinazione, almeno in un primo momento. Dopodiché dobbiamo puntare ad avere tutti gli operatori vaccinati in modo che si minimizzi al massimo il rischio, non sapendo ancora tecnicamente fino in fondo quale sarà la durata di copertura del vaccino, ma anche quella che potrebbe essere l’eventuale infezione in un secondo momento».

«Inoltre – aggiunge – stiamo ottenendo ascolto dal governo affinché la vaccinazione venga fatta anche nei centri diurni integrati e stiamo tentando di unire nel percorso vaccinale anche i soggetti che hanno necessità di assistenza domiciliare integrata. Non solo, sia a livello ministeriale che regionale da subito si è deciso di estendere la vaccinazione alla popolazione disabile, ai cronici e a tutti coloro che hanno una fragilità evidente».

Da medico della struttura e giudice tutelare consenso informato per ospiti con decadimento cognitivo in 48 ore

«C’era un problema significativo legato al consenso informato delle persone con decadimento cognitivo che necessitano di un tutore – rimarca il presidente di UNEBA Lombardia – ma è stato risolto. Il governo ha emanato una norma secondo cui questo consenso viene dato dal responsabile medico di struttura e dal giudice tutelare in un’azione congiunta, con una procedura che garantisca entro 48 ore la formalizzazione definitiva del consenso».

Da marzo in Lombardia mille strutture a disposizione per vaccinare la popolazione

Una volta vaccinati i 120 mila tra operatori e ospiti delle residenze lombarde, per Degani le RSA e RSD potranno acquisire un ruolo fondamentale nella sanità territoriale. «Questi luoghi dovranno un domani essere al servizio del territorio. Il che significa avere circa mille strutture con relativo personale medico a disposizione per vaccinare la popolazione. Una proiezione sul territorio che già in passato noi avevamo proposto a Regione Lombardia nell’ambito della presa in carico delle cronicità in modo da vedere le RSA come luoghi dove introdurre la telemedicina e garantire la continuità assistenziale ai cronici. Questa sarà l’unica modalità per massimizzare l’azione vaccinale nella prossimità territoriale e per garantire l’organizzazione della rete territoriale. Così ritroveremo il sorriso nel 2021».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Chi può essere esentato dalla vaccinazione Covid-19?
Come compilare il certificato di esonero vaccinale per gli operatori sanitari. L'ASL può infatti annullare l'atto se non ben redatto
di Riccardo Cantini, intermediario assicurativo (Iscrizione RUI di IVASS: E000570258)
Caso Zitromax, Aifa: «Non esistono antibiotici efficaci per il Covid-19»
Dopo il grande clamore suscitato dalla carenza dell’Azitromicina e la segnalazione di Federfarma, arriva la risposta dell’Agenzia Italiana del Farmaco: «Carenza causata da prescrizione del farmaco al di fuori delle indicazioni previste»
Allarme carenza Zitromax, «Italia unico Paese in Europa in cui è introvabile». Federfarma invia segnalazione ad Aifa
Le linee guida non prevedono l’uso di Azitromicina nella terapia per il Covid-19 ma gli scaffali sono vuoti un po’ ovunque. Tobia (Federfarma): «Mancanza farmaco pericoloso per chi ne ha davvero bisogno». Scotti (Fimmg): «Medici che fanno il loro dovere non prescrivono Azitromicina in modo inappropriato»
Il neonatologo: «Siamo costretti a separare le mamme non vaccinate dai loro figli»
Ambrogio Di Paolo (Presidente SIN Lazio): «Con l’ordinanza della Regione Lazio si può entrare negli ospedali soltanto con il Green pass rafforzato. E molte mamme non sono vaccinate, per disinformazione»
Sileri risponde all’appello dei chirurghi: «Stiamo lavorando per recupero degli interventi chirurgici saltati»
«La riduzione degli interventi chirurgici in Italia è drammatica - spiega Francesco Basile, presidente della Società italiana di chirurgia -. Posti letto di chirurgia dimezzati, blocco dei ricoveri, infermieri e anestesisti trasferiti ai reparti Covid. Spesso non è possibile operare neanche i pazienti con tumore»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 14 gennaio, sono 320.249.932 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.521.977 i decessi. Ad oggi, oltre 9,56 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Contributi e Opinioni

«Perché il medico di famiglia non ti risponde al telefono»

di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
di Salvatore Caiazza, Medici senza Carriere
Politica

Legge di Bilancio. Dalla stabilizzazione dei precari Covid ai fondi per aggiornare i LEA, tutte le misure per la sanità

Via libera della Camera dopo una maratona di tre giorni. Il Fondo sanitario incrementato di due miliardi all’anno per tre anni, prorogate le USCA e prevista un’indennità per gli ope...
di Francesco Torre