Salute 7 Gennaio 2021 07:49

Vax day nelle RSA lombarde, da oggi vaccino anti-Covid per 120 mila operatori ed ospiti

Degani (Uneba Lombardia): «Entro fine febbraio tutti vaccinati, poi personale medico a disposizione del territorio per vaccinare la popolazione»

di Federica Bosco
Vax day nelle RSA lombarde, da oggi vaccino anti-Covid per 120 mila operatori ed ospiti

Parte oggi il Vax day nelle RSA e RSD della Lombardia. Un appuntamento importante che darà il via alla vaccinazione delle persone fragili, anziane e disabili e degli operatori sanitari impiegati nelle strutture. Per Luca Degani, presidente di UNEBA Lombardia, associazione che conta oltre 400 residenze sul territorio, prende il via un percorso che dovrà portare entro due mesi alla completa vaccinazione di tutto il personale e degli ospiti.

Un appello al governo per vaccinare anche anziani dei centri diurni e chi necessita di assistenza domiciliare

«Alla fine di febbraio dobbiamo garantire la totalità delle vaccinazioni ai nostri ospiti e operatori sanitari – spiega Degani –. Ci sono alcuni aspetti importanti da sottolineare, ovvero l’ingresso nelle RSA e nelle RSD di tutti gli ospiti subordinato alla vaccinazione, almeno in un primo momento. Dopodiché dobbiamo puntare ad avere tutti gli operatori vaccinati in modo che si minimizzi al massimo il rischio, non sapendo ancora tecnicamente fino in fondo quale sarà la durata di copertura del vaccino, ma anche quella che potrebbe essere l’eventuale infezione in un secondo momento».

«Inoltre – aggiunge – stiamo ottenendo ascolto dal governo affinché la vaccinazione venga fatta anche nei centri diurni integrati e stiamo tentando di unire nel percorso vaccinale anche i soggetti che hanno necessità di assistenza domiciliare integrata. Non solo, sia a livello ministeriale che regionale da subito si è deciso di estendere la vaccinazione alla popolazione disabile, ai cronici e a tutti coloro che hanno una fragilità evidente».

Da medico della struttura e giudice tutelare consenso informato per ospiti con decadimento cognitivo in 48 ore

«C’era un problema significativo legato al consenso informato delle persone con decadimento cognitivo che necessitano di un tutore – rimarca il presidente di UNEBA Lombardia – ma è stato risolto. Il governo ha emanato una norma secondo cui questo consenso viene dato dal responsabile medico di struttura e dal giudice tutelare in un’azione congiunta, con una procedura che garantisca entro 48 ore la formalizzazione definitiva del consenso».

Da marzo in Lombardia mille strutture a disposizione per vaccinare la popolazione

Una volta vaccinati i 120 mila tra operatori e ospiti delle residenze lombarde, per Degani le RSA e RSD potranno acquisire un ruolo fondamentale nella sanità territoriale. «Questi luoghi dovranno un domani essere al servizio del territorio. Il che significa avere circa mille strutture con relativo personale medico a disposizione per vaccinare la popolazione. Una proiezione sul territorio che già in passato noi avevamo proposto a Regione Lombardia nell’ambito della presa in carico delle cronicità in modo da vedere le RSA come luoghi dove introdurre la telemedicina e garantire la continuità assistenziale ai cronici. Questa sarà l’unica modalità per massimizzare l’azione vaccinale nella prossimità territoriale e per garantire l’organizzazione della rete territoriale. Così ritroveremo il sorriso nel 2021».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Uneba, dal Presidente Massi appello al Governo per aiuti alle RSA e RSD
«Il mondo del no profit che gestisce il 52% delle strutture per anziani e fragili non riesce a sopportare l’aumento dell’energia, delle tasse e il mancato adeguamento della quota sanitaria» spiega il presidente di Uneba Franco Massi
Visite negate nelle RSA, continua la mobilitazione dei parenti. La CONPAL: «Garantire basilari diritti umani, nuove mobilitazioni nei prossimi giorni»
«Non possiamo stare vicini ai nostri cari che stanno soffrendo o addirittura morendo. Il Governo ci ha abbandonato e costretto anche a rinunciare alla Legge 104. Noi non possiamo più accompagnare i nostri cari a svolgere delle attività terapeutiche e ludiche importanti per loro perché dovrebbero essere le strutture ad assicurarle ed invece non lo […]
Tecnologia e design innovativo delle RSA per far vivere meglio i malati di Alzheimer
Nella due giorni di Varese Uneba, Fondazione Molina e Fondazione Don Gnocchi hanno portato all’attenzione degli enti e delle istituzioni le nuove strategie per prendersi cura del paziente affetto da Alzheimer e lanciato un appello affinché il Governo riveda l’impegno economico verso le RSA e vengano incrementati i posti di specializzazione per medici e infermieri
Si possono bere alcolici quando si risulta positivi al Sars-CoV-2?
Il consumo di alcolici è controindicato quando si è positivi al virus Sars CoV-2. Gli studi mostrano infatti che gli alcolici possono compromettere il sistema immunitario
RSA, visite troppo spesso ancora non garantite. Il comitato dei parenti: «Vogliamo incontrare Speranza»
Ancora forti limitazioni nelle RSA per le visite dei familiari, prevale abbandono e solitudine. Per Claudia Sorrentino, rappresentante del comitato di lotta, servono «linee guida nazionali, senza di noi le persone perdono il senso della vita». L’8 giugno incontro al Ministero della Salute
di Francesco Torre
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 27 settembre 2022, sono 615.555.422 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.538.312 i decessi. Ad oggi, oltre 12.25 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata ...
Covid-19, che fare se...?

Se risulto negativo al test ma ho ancora i sintomi posso contagiare gli altri?

Sintomi come febbre e tosse possono durare più della positività al test antigenico rapido. Gli scienziati si stanno interrogando quindi sulla durata della contagiosità. L'ipotesi ...
Covid-19, che fare se...?

Quanto durano i sintomi del Long Covid?

La durata dei sintomi collegati al Long Covid può essere molto variabile: si va da qualche settimana fino anche a 24 mesi