Salute 7 Gennaio 2021 07:49

Vax day nelle RSA lombarde, da oggi vaccino anti-Covid per 120 mila operatori ed ospiti

Degani (Uneba Lombardia): «Entro fine febbraio tutti vaccinati, poi personale medico a disposizione del territorio per vaccinare la popolazione»

di Federica Bosco
Vax day nelle RSA lombarde, da oggi vaccino anti-Covid per 120 mila operatori ed ospiti

Parte oggi il Vax day nelle RSA e RSD della Lombardia. Un appuntamento importante che darà il via alla vaccinazione delle persone fragili, anziane e disabili e degli operatori sanitari impiegati nelle strutture. Per Luca Degani, presidente di UNEBA Lombardia, associazione che conta oltre 400 residenze sul territorio, prende il via un percorso che dovrà portare entro due mesi alla completa vaccinazione di tutto il personale e degli ospiti.

Un appello al governo per vaccinare anche anziani dei centri diurni e chi necessita di assistenza domiciliare

«Alla fine di febbraio dobbiamo garantire la totalità delle vaccinazioni ai nostri ospiti e operatori sanitari – spiega Degani –. Ci sono alcuni aspetti importanti da sottolineare, ovvero l’ingresso nelle RSA e nelle RSD di tutti gli ospiti subordinato alla vaccinazione, almeno in un primo momento. Dopodiché dobbiamo puntare ad avere tutti gli operatori vaccinati in modo che si minimizzi al massimo il rischio, non sapendo ancora tecnicamente fino in fondo quale sarà la durata di copertura del vaccino, ma anche quella che potrebbe essere l’eventuale infezione in un secondo momento».

«Inoltre – aggiunge – stiamo ottenendo ascolto dal governo affinché la vaccinazione venga fatta anche nei centri diurni integrati e stiamo tentando di unire nel percorso vaccinale anche i soggetti che hanno necessità di assistenza domiciliare integrata. Non solo, sia a livello ministeriale che regionale da subito si è deciso di estendere la vaccinazione alla popolazione disabile, ai cronici e a tutti coloro che hanno una fragilità evidente».

Da medico della struttura e giudice tutelare consenso informato per ospiti con decadimento cognitivo in 48 ore

«C’era un problema significativo legato al consenso informato delle persone con decadimento cognitivo che necessitano di un tutore – rimarca il presidente di UNEBA Lombardia – ma è stato risolto. Il governo ha emanato una norma secondo cui questo consenso viene dato dal responsabile medico di struttura e dal giudice tutelare in un’azione congiunta, con una procedura che garantisca entro 48 ore la formalizzazione definitiva del consenso».

Da marzo in Lombardia mille strutture a disposizione per vaccinare la popolazione

Una volta vaccinati i 120 mila tra operatori e ospiti delle residenze lombarde, per Degani le RSA e RSD potranno acquisire un ruolo fondamentale nella sanità territoriale. «Questi luoghi dovranno un domani essere al servizio del territorio. Il che significa avere circa mille strutture con relativo personale medico a disposizione per vaccinare la popolazione. Una proiezione sul territorio che già in passato noi avevamo proposto a Regione Lombardia nell’ambito della presa in carico delle cronicità in modo da vedere le RSA come luoghi dove introdurre la telemedicina e garantire la continuità assistenziale ai cronici. Questa sarà l’unica modalità per massimizzare l’azione vaccinale nella prossimità territoriale e per garantire l’organizzazione della rete territoriale. Così ritroveremo il sorriso nel 2021».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Nasce il progetto PMLAb per i pazienti COVID-19 immunocompromessi
La gestione del paziente immunocompromesso con COVID-19 richiede una particolare attenzione, che si concretizza con le Profilassi Pre-Esposizione con anticorpi monoclonali. A questo scopo è nato il progetto Prevention Management LAboratory (PMLAb), presentato oggi a Roma
PNRR: Uneba, più risorse per il non profit dedicato ad anziani e fragili
Uneba ha scritto una lettera aperta alle istituzioni per chiedere una maggiore attenzione al non profit del sociosanitario che ogni giorno si prendono cura di centinaia di migliaia di uomini e donne anziani, non autosufficienti, disabili, fragili
Covid 19, il lavoro di INTERSOS in Nigeria e Yemen. Accardi: «Covax ha funzionato ma ora rafforzare i sistemi sanitari locali»
L’organizzazione non governativa ha supportato la campagna vaccinale nei due paesi raggiungendo i target prefissati. Tra le difficoltà l’infodemia, la carenza di operatori sanitari e i finanziamenti a singhiozzo. Il coordinatore della campagna Andrea Accardi: «L’integrazione con altri servizi di salute primari è essenziale e permette un impatto più di medio-lungo periodo»
Covid, alcune persone potrebbero aver perso l’olfatto per sempre? L’ipotesi allarmante in uno studio
La perdita dell'olfatto a causa di Covid-19 potrebbe durare a lungo o addirittura per sempre. Uno studio rivela che una persona su 20 non l'ha recuperato dopo 18 mesi
Caro bollette: aumenti del 300%, RSA a rischio chiusura
Una indagine di UNEBA su un campione di 111 strutture residenziali per anziani in 11 regioni italiane ha messo in luce una perdita di 10,9 euro al giorno per ospite che proiettata sui dodici mesi per l’intero comparto significa oltre un miliardo l’anno. Dal mondo del no profit appello alla politica
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Politica

In arrivo il nuovo Piano Nazionale Cronicità. Previsto maggior coinvolgimento dei pazienti e dei caregiver

Il documento redatto dal Ministero della Salute sbarca in Stato-Regioni. Nelle fasi e negli obiettivi che lo compongono, l'erogazione di interventi personalizzati attraverso il coinvolgimento di pazie...
di G.R.
Salute

Gioco patologico, in uno studio la strategia di “autoesclusione fisica”

Il Dipartimento di Scienze cliniche e Medicina traslazionale dell'Università Tor Vergata ha presentato una misura preventiva mirata a proteggere i giocatori a rischio di sviluppare problemi leg...
Salute

Cervello, le emozioni lo ‘accendono’ come il tatto o il movimento. Lo studio

Dagli scienziati dell'università Bicocca di Milano la prima dimostrazione della 'natura corporea' dei sentimenti, i ricercatori: "Le emozioni attivano regioni corticali che tipicamente rispondo...
Advocacy e Associazioni

Porpora trombotica trombocitopenica. ANPTT Onlus celebra la III Giornata nazionale

Evento “WeHealth” promosso in partnership con Sanofi e in collaborazione con Sics Editore per alzare l’attenzione sulla porpora trombotica trombocitopenica (TTP) e i bisogni ancora i...