Salute 7 Gennaio 2021 07:49

Vax day nelle RSA lombarde, da oggi vaccino anti-Covid per 120 mila operatori ed ospiti

Degani (Uneba Lombardia): «Entro fine febbraio tutti vaccinati, poi personale medico a disposizione del territorio per vaccinare la popolazione»

di Federica Bosco
Vax day nelle RSA lombarde, da oggi vaccino anti-Covid per 120 mila operatori ed ospiti

Parte oggi il Vax day nelle RSA e RSD della Lombardia. Un appuntamento importante che darà il via alla vaccinazione delle persone fragili, anziane e disabili e degli operatori sanitari impiegati nelle strutture. Per Luca Degani, presidente di UNEBA Lombardia, associazione che conta oltre 400 residenze sul territorio, prende il via un percorso che dovrà portare entro due mesi alla completa vaccinazione di tutto il personale e degli ospiti.

Un appello al governo per vaccinare anche anziani dei centri diurni e chi necessita di assistenza domiciliare

«Alla fine di febbraio dobbiamo garantire la totalità delle vaccinazioni ai nostri ospiti e operatori sanitari – spiega Degani –. Ci sono alcuni aspetti importanti da sottolineare, ovvero l’ingresso nelle RSA e nelle RSD di tutti gli ospiti subordinato alla vaccinazione, almeno in un primo momento. Dopodiché dobbiamo puntare ad avere tutti gli operatori vaccinati in modo che si minimizzi al massimo il rischio, non sapendo ancora tecnicamente fino in fondo quale sarà la durata di copertura del vaccino, ma anche quella che potrebbe essere l’eventuale infezione in un secondo momento».

«Inoltre – aggiunge – stiamo ottenendo ascolto dal governo affinché la vaccinazione venga fatta anche nei centri diurni integrati e stiamo tentando di unire nel percorso vaccinale anche i soggetti che hanno necessità di assistenza domiciliare integrata. Non solo, sia a livello ministeriale che regionale da subito si è deciso di estendere la vaccinazione alla popolazione disabile, ai cronici e a tutti coloro che hanno una fragilità evidente».

Da medico della struttura e giudice tutelare consenso informato per ospiti con decadimento cognitivo in 48 ore

«C’era un problema significativo legato al consenso informato delle persone con decadimento cognitivo che necessitano di un tutore – rimarca il presidente di UNEBA Lombardia – ma è stato risolto. Il governo ha emanato una norma secondo cui questo consenso viene dato dal responsabile medico di struttura e dal giudice tutelare in un’azione congiunta, con una procedura che garantisca entro 48 ore la formalizzazione definitiva del consenso».

Da marzo in Lombardia mille strutture a disposizione per vaccinare la popolazione

Una volta vaccinati i 120 mila tra operatori e ospiti delle residenze lombarde, per Degani le RSA e RSD potranno acquisire un ruolo fondamentale nella sanità territoriale. «Questi luoghi dovranno un domani essere al servizio del territorio. Il che significa avere circa mille strutture con relativo personale medico a disposizione per vaccinare la popolazione. Una proiezione sul territorio che già in passato noi avevamo proposto a Regione Lombardia nell’ambito della presa in carico delle cronicità in modo da vedere le RSA come luoghi dove introdurre la telemedicina e garantire la continuità assistenziale ai cronici. Questa sarà l’unica modalità per massimizzare l’azione vaccinale nella prossimità territoriale e per garantire l’organizzazione della rete territoriale. Così ritroveremo il sorriso nel 2021».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Rapporto CREA Sanità, Spandonaro: «Dopo il Covid passare dalla resilienza alla flessibilità»
Presentato il 16mo Rapporto Sanità da CREA e Tor Vergata: «Pronti per la prossima pandemia? É come comprare gli spazzaneve a Roma». E sul Recovery Plan: «Sembra un piano di rifinanziamento più che un nuovo modello di SSN»
di Tommaso Caldarelli
Internet ai tempi della pandemia, un europeo su due ha cercato informazioni sulla salute
È stato anche registrato un +52% rispetto al 2019 di persone tra 16 e 74 anni che hanno effettuato telefonate o video chiamate attraverso il web
L’appello a Speranza: «Vaccinare un familiare di ogni ospite in RSA per combattere la solitudine degli anziani»
Massi (Presidente UNEBA): «Vaccinato il 50% di pazienti e operatori. Colloqui con infettivologo e medico competente per convincere chi non vuole vaccinarsi»
di Federica Bosco
Ritardi, iniziative legali e l’equivoco “dose” e “fiala” tra Ue e Pfizer
Perché Pfizer sta consegnando meno vaccini del previsto? Che risvolti avrà questo ritardo sul piano vaccinale italiano? Conte: «Le notizie che arrivano sono preoccupanti». Ma il viceministro alla Salute Sileri è ottimista
Un terzo dosi vaccino a personale non sanitario. Sileri: «Se sono “imbucati” intervengano le autorità giudiziarie»
L’allarme è stato lanciato dal presidente Fnomceo Anelli: «Gli amministrativi hanno diritto ad essere vaccinati, ma se il programma vaccinale procede per valori di rischio, allora è inaccettabile che medici e operatori sanitari siano stati esclusi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 27 gennaio, sono 100.286.643 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.157.790 i decessi. Ad oggi, oltre 71,10 milioni di persone sono state vaccinate nel mondo. Mappa elaborata dalla Johns ...
Voci della Sanità

Covid-19, professori di Yale condividono terapia domiciliare “made in Italy”

«Il nostro Paese ancora oggi non dispone di un adeguato schema terapeutico condiviso con i medici che hanno curato a domicilio e in fase precoce la malattia» spiega l'avvocato Erich Grimaldi, Presid...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...