Salute 20 Aprile 2020

Fase 2, Degani (UNEBA Lombardia): «Virologi e medici specialisti si trasferiscano nelle RSA»

Il Presidente dell’Unione Nazionale Istituzioni e Iniziative di Assistenza Sociale: «E’ stato un errore pensare di combattere il virus solo in ospedale»

di Federica Bosco

Una strage silenziosa, quella che ha interessato le Residenze Sanitarie Assistenziali italiane nell’ultimo mese e mezzo. Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità sono oltre 7mila le morti che si sono verificate nelle Rsa e, di queste, il 40% sono riferibili a infezione da Coronavirus. In particolare, sotto accusa è finita Regione Lombardia, dove si sono registrati 1.600 decessi. La magistratura indaga, si cerca un colpevole e delle risposte da dare ai famigliari. Per l’avvocato Luca Degani, presidente di UNEBA Lombardia (Unione Nazionale Istituzioni e Iniziative di Assistenza Sociale) è importante fare chiarezza: «È brutto dirlo ma in tutta Italia, non solo in Lombardia, per un mese e mezzo, quasi due, c’è stata l’idea che il Covid-19 dovesse essere combattuto in ospedale. In realtà il virus è da prevenire, oltre che affrontare, negli ambienti di vita delle persone a maggior rischio. Anziani, non autosufficienti e coloro che vivono con loro».

LEGGI ANCHE: «IO PROTEGGERÒ LA TUA VITA E LA TUA DIGNITÀ»: IL “MANIFESTO DEONTOLOGICO” DEGLI INFERMIERI PER L’EMERGENZA COVID-19

Sono stati commessi degli errori secondo lei?

«Credo che il vero errore sia stato ragionare per luoghi e non per persone, ragionare dell’idea di dove si cura il Covid-19 e non di dove vivono i soggetti più a rischio e cosa si deve fare per prevenire l’infezione. Da questo punto di vista, e lo dico perché si può ancora migliorare, i tamponi agli anziani, ma anche la distribuzione dei dispositivi di protezione individuale,sono stati fino a pochi giorni fa appannaggio delle realtà ospedaliere e non delle realtà sociosanitarie. Ma  mentre i tamponi sono nella titolarità e nella politica del sistema regionale, la distribuzione delle protezioni individuali è dello Stato e nella titolarità della Protezione civile. Questa famosa delibera che è ormai agli onori delle cronache, la 2906 di Regione Lombardia, non credo fosse fatta da “disgraziati”: era una delibera fatta ripensando l’ospedale e a come deflazionarlo, e quindi scrivere, più o meno bene, che in quel luogo extraospedaliero, che è la RSA, si sarebbero dovute trovare strutture autonome dal punto di vista organizzativo, gestionale e strutturale. Non penso che questo sia accaduto granché, perché posso assicurare che nelle realtà che afferiscono al mondo di UNEBA, e sono 400, si è evitato il più possibile di avvicinare un fattore di rischio a una popolazione a rischio».

Quindi, per evitare che ci possano essere altri focolai, cosa bisogna cambiare nelle RSA?

«Per quanto riguarda le RSA, occorre una grandissima attenzione alla formazione, ma soprattutto la fornitura di dispositivi di protezione e di tamponi a tutto il personale. Poi la possibilità di tamponare tutti gli ospiti delle RSA, visto che è stata fatta la scelta di non consentire loro l’accesso ospedaliero. Bisogna suddividere le persone delle RSA così che le infezioni non aumentino e poi attuare bene le delibere. Le strutture della rete ospedaliera mettano poi a disposizione infettivologi, specialisti polmonari e tutte quelle specialità che possono prendersi carico delle acuzie e le portino nelle strutture sociosanitarie per anziani e disabili. Rinforziamo un luogo di cura per le malattie croniche, e se questo luogo deve prendersi in carico anche bisogni acuti, diamogli i necessari specialisti ospedalieri e facciamo collaborare coloro che sanno garantire la salute ad un malato cronico con coloro i quali invece sanno agire sulle acuzie. Sento ogni giorno che diminuiscono i bisogni nelle terapie intensive. Mi auguro che quei professionisti vengano trasferiti da un sistema che opera in maniera omogenea presso le RSA. Questo credo sia importante».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, Conte firma un nuovo DPCM: ecco cosa prevede e il testo completo
Bar e ristoranti chiusi dalle 18.00, didattica a distanza per il 75% delle attività alle superiori, giù le serrande di palestre e piscine. Conte: «I medici di famiglia saranno preziosi alleati nella strategia di contrasto al Covid-19. Sul tavolo c'è un rinnovo contrattuale che servirà anche a motivarli per coinvolgerli in nuovi compiti» 
Covid, Ecdc: «In Europa interventi inefficaci, situazione ad alto rischio. Servono misure immediate»
Situazione preoccupante secondo gli esperti del Centro europeo per il controllo delle malattie: le misure sono arrivate in ritardo e l'adesione non è stata ottimale
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
«Futuri medici o solo studenti senza voce?»
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
Cos’è la pandemic fatigue? L’esperto ci spiega perché ne soffre il 60% degli europei
Spossatezza e sfiducia nelle regole, nella seconda ondata tanti sentono la pandemic fatigue. Cosa succede nel nostro cervello? Il professor Vitiello (coordinatore "Lavoro" OdP Lazio) spiega come contrastarla
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare