Salute 20 Aprile 2020

Fase 2, Degani (UNEBA Lombardia): «Virologi e medici specialisti si trasferiscano nelle RSA»

Il Presidente dell’Unione Nazionale Istituzioni e Iniziative di Assistenza Sociale: «E’ stato un errore pensare di combattere il virus solo in ospedale»

di Federica Bosco

Una strage silenziosa, quella che ha interessato le Residenze Sanitarie Assistenziali italiane nell’ultimo mese e mezzo. Secondo i dati dell’Istituto Superiore di Sanità sono oltre 7mila le morti che si sono verificate nelle Rsa e, di queste, il 40% sono riferibili a infezione da Coronavirus. In particolare, sotto accusa è finita Regione Lombardia, dove si sono registrati 1.600 decessi. La magistratura indaga, si cerca un colpevole e delle risposte da dare ai famigliari. Per l’avvocato Luca Degani, presidente di UNEBA Lombardia (Unione Nazionale Istituzioni e Iniziative di Assistenza Sociale) è importante fare chiarezza: «È brutto dirlo ma in tutta Italia, non solo in Lombardia, per un mese e mezzo, quasi due, c’è stata l’idea che il Covid-19 dovesse essere combattuto in ospedale. In realtà il virus è da prevenire, oltre che affrontare, negli ambienti di vita delle persone a maggior rischio. Anziani, non autosufficienti e coloro che vivono con loro».

LEGGI ANCHE: «IO PROTEGGERÒ LA TUA VITA E LA TUA DIGNITÀ»: IL “MANIFESTO DEONTOLOGICO” DEGLI INFERMIERI PER L’EMERGENZA COVID-19

Sono stati commessi degli errori secondo lei?

«Credo che il vero errore sia stato ragionare per luoghi e non per persone, ragionare dell’idea di dove si cura il Covid-19 e non di dove vivono i soggetti più a rischio e cosa si deve fare per prevenire l’infezione. Da questo punto di vista, e lo dico perché si può ancora migliorare, i tamponi agli anziani, ma anche la distribuzione dei dispositivi di protezione individuale,sono stati fino a pochi giorni fa appannaggio delle realtà ospedaliere e non delle realtà sociosanitarie. Ma  mentre i tamponi sono nella titolarità e nella politica del sistema regionale, la distribuzione delle protezioni individuali è dello Stato e nella titolarità della Protezione civile. Questa famosa delibera che è ormai agli onori delle cronache, la 2906 di Regione Lombardia, non credo fosse fatta da “disgraziati”: era una delibera fatta ripensando l’ospedale e a come deflazionarlo, e quindi scrivere, più o meno bene, che in quel luogo extraospedaliero, che è la RSA, si sarebbero dovute trovare strutture autonome dal punto di vista organizzativo, gestionale e strutturale. Non penso che questo sia accaduto granché, perché posso assicurare che nelle realtà che afferiscono al mondo di UNEBA, e sono 400, si è evitato il più possibile di avvicinare un fattore di rischio a una popolazione a rischio».

Quindi, per evitare che ci possano essere altri focolai, cosa bisogna cambiare nelle RSA?

«Per quanto riguarda le RSA, occorre una grandissima attenzione alla formazione, ma soprattutto la fornitura di dispositivi di protezione e di tamponi a tutto il personale. Poi la possibilità di tamponare tutti gli ospiti delle RSA, visto che è stata fatta la scelta di non consentire loro l’accesso ospedaliero. Bisogna suddividere le persone delle RSA così che le infezioni non aumentino e poi attuare bene le delibere. Le strutture della rete ospedaliera mettano poi a disposizione infettivologi, specialisti polmonari e tutte quelle specialità che possono prendersi carico delle acuzie e le portino nelle strutture sociosanitarie per anziani e disabili. Rinforziamo un luogo di cura per le malattie croniche, e se questo luogo deve prendersi in carico anche bisogni acuti, diamogli i necessari specialisti ospedalieri e facciamo collaborare coloro che sanno garantire la salute ad un malato cronico con coloro i quali invece sanno agire sulle acuzie. Sento ogni giorno che diminuiscono i bisogni nelle terapie intensive. Mi auguro che quei professionisti vengano trasferiti da un sistema che opera in maniera omogenea presso le RSA. Questo credo sia importante».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia
Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del monitoraggio sanitario relativo alla diffusione del Coronavirus sul nostro territorio, a oggi, 3 luglio, il totale delle persone che hanno contratto il […]
A Milano nasce l’Adriano Community Center, la RSA del futuro per una sanità attiva post-Covid
Regalia (Proges): «Modello di sinergia tra pubblico e privato con al centro sicurezza dei protocolli, trasparenza e nuove tecnologie, in attesa di una normativa che declini in maniera diversa la sanità territoriale»
di Federica Bosco
Covid, medici del territorio senza tutele né indennizzi in caso di contagio. Le reazioni dei sindacati
SMI: «Inail e assicurazioni private prevedano copertura». FISMU: «Nostra denuncia caduta nel dimenticatoio»
Miocardite e Covid-19: curato sedicenne al San Matteo di Pavia
Il ragazzo, ricoverato per miocardite acuta, era positivo al SARS-CoV-2 ma ha mai avuto sintomi o segni della malattia. Il caso clinico oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 3 luglio, sono 10.874.146 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 521.355 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 3 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...