Lavoro 5 Gennaio 2021 16:30

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

Il Segretario Nazionale si scaglia contro la mancanza di programmazione: «Per noi nessun fondo in Finanziaria, ma non esiste vaccinazione di massa senza medicina del territorio»

Medici di famiglia vaccinatori, Scotti (Fimmg): «Impensabile coinvolgerci a queste condizioni»

«Includere i medici di medicina generale nel piano di somministrazione del vaccino anti-Covid? Se le condizioni restano quelle attuali, quando verranno a bussare alla mia porta non aprirò». Un duro atto d’accusa quello mosso dal Segretario Nazionale Fimmg Silvestro Scotti davanti alla proposta a più voci di un coinvolgimento degli studi dei medici di famiglia nella campagna vaccinale appena iniziata.

Scotti (Fimmg): «Noi ancora una volta trattati come ultima ruota del carro»

«Da parte nostra, come è noto, fino ad oggi c’è stata piena disponibilità ad effettuare i test sierologici e i tamponi antigenici. Ma in Finanziaria – osserva Scotti – 100 milioni di euro di incentivi per l’effettuazione dei vaccini sono stati stanziati per gli ospedalieri, nulla invece per la medicina convenzionata. Ed è evidente che per noi iniziare a fare vaccini comporterebbe uno sforzo organizzativo ed economico notevole, in primis in termini di personale adeguatamente formato per la preparazione e la conservazione delle dosi, così come di personale infermieristico, di cui non tutti gli studi ad oggi dispongono. Per non parlare del fatto che si tratterebbe di un’attività svolta extra orario di lavoro. Insomma – continua Scotti – davvero noi medici di famiglia dobbiamo essere ancora una volta trattati come l’ultima ruota del carro ed essere gli unici a farci carico di queste spese? Non può più essere così».

«Prima di poter vaccinare dobbiamo essere vaccinati»

Uno spiraglio? «Va da sé che se dovessero essere varati nuovi provvedimenti finanziari – afferma  Scotti – o se le Regioni decidessero di attingere ai loro fondi per darci la possibilità di essere coinvolti riorganizzando appositamente i nostri studi, allora potremmo ragionarci». A lasciare fortemente perplesso il Segretario Fimmg è anche la mancanza di chiarezza sulla ratio con cui vengono decisi i destinatari prioritari del vaccino. «Si è detto di vaccinare prima gli ultraottantenni delle RSA; tuttavia, soprattutto al Sud, la maggior parte degli ultraottantenni non vive nelle RSA. Non si sta tenendo conto – spiega – delle peculiarità a livello regionale, cosa che non farà altro che aumentare le disparità, anche in quest’ambito, tra le varie Regioni. Si è detto poi di dare priorità agli operatori sanitari – aggiunge -, peccato che ad oggi, in tutta Italia, la stragrande maggioranza degli operatori sanitari che hanno ricevuto il vaccino è nella fascia 20–40 anni, quindi quella meno a rischio complicazioni da Covid. La reputo una follia». Altra questione: chi vaccina i vaccinatori? «Se noi medici di famiglia dobbiamo vaccinare – afferma Scotti – dobbiamo quanto meno essere prima vaccinati. Ad oggi le strategie adottate, non ultime quelle di comunicazione, non mi sembrano adatte a condurre la nave in porto».

«Gli scettici si lasceranno convincere solo dal medico di famiglia»

Per contro, una vaccinazione di massa senza il coinvolgimento della medicina territoriale è impensabile. Al di là della prima tranche di vaccinazioni attualmente in corso, pubblicizzata, a tratti spettacolarizzata, che si sta alimentando anche dell’onda emozionale e di un entusiasmo facilmente comprensibile, a breve si tratterà di fare i conti con l’entrata a regime della campagna, che riguarderà milioni di persone (il 70% della popolazione per arrivare al traguardo dell’immunità di gregge). Tra cui gli scettici. «Lo stanziamento degli incentivi solo a favore degli ospedalieri – osserva il Segretario Nazionale Fimmg – è una dichiarazione neanche tanto implicita che la campagna vaccinale sarà solo appannaggio degli ospedali. Ebbene, se sarà così ci vorranno 5 anni per vaccinare quella percentuale di italiani. Per non parlare poi – conclude – dello “zoccolo duro” degli scettici: da chi crede che si lasceranno convincere se non dal loro medico dei famiglia?».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Danni da vaccinazione anti-Covid, novità in materia di indennizzo
La vaccinazione è un trattamento sanitario (art. 32 Cost.) che, secondo la Corte Costituzionale, ha una duplice finalità: “individuale” in quanto mira a proteggere la persona che si sottopone alla vaccinazione e “collettiva” poiché mira a proteggere gli altri dal rischio di diffusione del contagio
Il ritorno dei medici non vaccinati: ovvero, dell’obbligo vaccinale tra politica, scienza e deontologia
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
di Ciro Isidoro, Professore Ordinario di Patologia Generale e Immunologia (Scuola di Medicina dell’Università del Piemonte Orientale, Novara)
Sport in ricetta medica, Sbrollini (Iv): «Aiutiamo a crescere sani i giovani, SSN ne beneficerà»
La senatrice di Italia Viva ripresenterà il disegno di legge sullo sport in ricetta medica e sulle detrazioni fiscali per l’attività sportiva: «A volte, a causa di difficoltà economiche, il genitore rinuncia a mandare il figlio a fare sport perché ci sono altre priorità». Medici di medicina generale e pediatri favorevoli
Medicina generale, la denuncia di Fismu: «Riforma ancora in alto mare, manca atto di indirizzo»
Le proposte della Federazione Italiana Sindacale Medici Uniti alla vigilia della segreteria nazionale di sabato del sindacato
Covid, ricoveri crescono del 37%. Migliore (Fiaso): «Andiamo verso endemizzazione»
Incremento nei reparti ordinari, in terapia intensiva situazione stabile: «Anziani e fragili rimangono soggetti a rischio e sono proprio loro ad avere complicazioni»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 1 dicembre 2022, sono 643.396.783 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.635.192 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa