Lavoro 25 Novembre 2020 11:16

Riforma medicina territoriale, Scotti (Fimmg): «Microteam e contratti legati al raggiungimento di obiettivi»

In Senato le audizioni di SIMG e FIMMG per riscrivere l’assistenza territoriale del futuro

Riforma medicina territoriale, Scotti (Fimmg): «Microteam e contratti legati al raggiungimento di obiettivi»

Ripensare e riorganizzare il modello della medicina territoriale: un’esigenza per la popolazione ma anche e soprattutto per la categoria, i medici di medicina generale. Anche la seconda ondata della pandemia ha portato alla luce la necessità di lavorare concretamente per riqualificare e incentivare la professione da un lato, e dall’altro realizzare la piena integrazione tra ospedali e territorio. Un fattore, questo, che è stato il “grande assente” negli ultimi 9 mesi caratterizzati dall’emergenza Covid. Questi i temi trattati ieri nel corso dell’audizione su “Potenziamento e riqualificazione medicina territoriale post Covid” presso la Commissione Igiene e Sanità del Senato, da parte di due delle realtà della medicina generale (SIMG e FIMMG).

L’AUDIZIONE DI CRICELLI (SIMG)

«Per procedere a una modifica radicale del nostro Ssn, cosa di cui credo ci sia la necessità, tutte le sue componenti devono essere coinvolte: non è possibile riorganizzare una branca senza un ripensamento contestuale di tutte le altre – esordisce Claudio Cricelli, presidente SIMG -. Dal punto di vista della retribuzione, la figura del medico di medicina generale è rimasta sostanzialmente ferma alla sua concezione di quarant’anni fa. Non è stata tenuta in conto la grande evoluzione della professione».

«I finanziamenti elargiti – continua Cricelli – non sono sufficienti a coprire le spese di assunzione di personale dipendente, infermieristico e di segreteria, né spesso a dover cercare, per esercitare la professione, un appartamento in affitto, peraltro in condomìni, cosa questa che ha fatto emergere tante criticità in questa fase emergenziale per l’impossibilità di attuare un corretto distanziamento». E sempre sul rifinanziamento: «Credo sia importantissimo che questo venga operato in modo da premiare il valore del singolo e funga anche da incentivo».

«La formazione italiana del medico di medicina generale è considerata, all’estero, eccellente. Paradossalmente, questa eccellenza non riesce ad esprimersi nelle nostre prerogative, nel nostro Paese – denuncia Cricelli -. Penso ad esempio al fatto che non abbiamo l’autorizzazione a prescrivere alcuni farmaci innovativi, ad esempio per il diabete, appannaggio degli specialisti o degli ospedali. Ebbene io penso – continua – che questa preclusione porti anche una discriminazione intrinseca dal momento che per avere accesso a questi farmaci il paziente deve essere preso in carico dallo specialista (e quindi pagare) o dall’ospedale, quando potrebbe essere curato a casa.

L’AUDIZIONE DI SCOTTI (FIMMG)

A seguire le istanze della FIMMG, portate all’attenzione della commissione dal Segretario Nazionale Silvestro Scotti. Che ha iniziato evidenziando il fattore demografico: «Oggi la popolazione è costituita per la maggior parte da adulti e anziani, con le relative fragilità e cronicità che caratterizzano la loro presa in carico. A questo fattore, però, non si è accompagnata un’adeguata programmazione di assistenza diversificata. Ad oggi ci troviamo, in piena pandemia, con la necessità di dare risposte ad un tipo di acuzie particolare, e la gestione del paziente sarebbe ottimale se il medico di medicina generale fosse autorizzato anche ad azioni di tipo amministrativo (come ad esempio la gestione del magazzino dei DPI) e mantenere queste facoltà nel tempo».

E sulle aggregazioni territoriali ha aggiunto: «Bene nei contesti urbani, ma non a discapito della valorizzazione del medico singolo per raggiungere in maniera capillare i contesti periferici, dove risiede la maggior parte della popolazione italiana e che ha appunto bisogno di prossimità, a causa dell’età media avanzata e delle cronicità».

Sul potenziamento della diagnostica negli studi: «Il finanziamento per le attrezzature diagnostiche di secondo livello è stato un bel passo avanti – dichiara il Segretario FIMMG -. Certo, se non si fosse fermato tutto a causa del Covid, avremmo potuto dare risposte di salute a tutti quei pazienti che necessitavano del secondo livello, convertito a Covid nelle strutture ospedaliere, oltre a favorire quell’integrazione ospedale-territorio che ricerchiamo da sempre. Fermo restando però, che è impossibile dare questo tipo di assistenza senza avere i mezzi per assumere personale infermieristico e di segreteria».

«Il nostro obiettivo è il microteam – aggiunge Scotti – unità assistenziale di riferimento per il territorio in cui è inserito, capace di garantire la capillarità della risposta. Per far questo ci vorrà una capacità di investimento, anche rispetto al modello del nostro ACN, che premi i risultati di salute conseguiti dal singolo. Questo deve portare a una riqualificazione dei contratti in base al raggiungimento degli obiettivi e non in base a modelli di subordinazione caratteristici di un rapporto di dipendenza».

Infine, un passaggio sui giovani: «La pandemia ha fatto sì che per la prima volta anche i giovani si interfacciassero con i medici di famiglia. È fondamentale – conclude Scotti – iniziare a fare informazione in tal senso, in modo che d’ora in poi anche i giovani sappiano come funziona l’assistenza territoriale e che lo prendano come riferimento di salute».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
Medici di famiglia: «Di questo passo entro agosto saremo in piena emergenza». Prevale il test “fai da te” per non perdere le ferie
«Di questo passo, entro agosto potremmo trovarci in piena emergenza Covid. Uno scenario al quale i cittadini non pensano più, perché ritengono che il Covid sia ormai una banale influenza, senza comprendere che il virus può ancora essere letale»
World Immunization Week, 23 milioni di bambini sotto 1 anno non hanno i vaccini di base
Durante la pandemia in calo le coperture vaccinali tra i più piccoli. Cricelli (SIMG): «Il Covid, in Italia, non ha fermato la campagna vaccinale contro l’influenza per adulti fragili e anziani. Anche se messo a dura prova, il sistema sanitario vaccinale italiano resta uno dei migliori al mondo»
Def, alla Camera il primo via libera. Nella risoluzione impegno per più risorse su specializzazioni e medicina territoriale
Nella risoluzione che ha accompagnato il Documento di Economia e Finanza si chiede anche la sterilizzazione dei disavanzi sanitari Covid 2021 e 2022 valutando l’opportunità di spalmare i relativi oneri almeno in dieci anni. Un passaggio anche sul rafforzamento della governance dei distretti socio-sanitari
di Francesco Torre
Medicina generale “svalutata”. Scotti (Fimmg): «Mmg vicini al burnout, affogati dalla burocrazia»
Silvestro Scotti, Segretario nazionale Fimmg, nell’intervista esclusiva a Sanità Informazione lancia l’allarme. «Medicina generale svalutata. La prima domanda che ci fanno è sul Green pass, su come rientrare a scuola e al lavoro. Per un medico è avvilente»
Fondo famiglie medici deceduti, Scotti (Fimmg): «Aprire tutti gli studi invece che specularci su con sciopero discutibile»
Pina Onotri (Smi) ribadisce le ragioni dello sciopero del 1 e 2 marzo proclamato insieme alla Simet. E Scotti ribatte la contrarietà della Fimmg: «Preferiamo essere sui tavoli a discutere e a risolvere i problemi come abbiamo fatto. Forse qualcuno intende favorire le Regioni rispetto al passaggio alla dipendenza? »
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...