Lavoro 7 Ottobre 2020 16:56

«Rimuovere Dg che non garantiscono sicurezza medici». La relazione di Silvestro Scotti al Congresso Fimmg

«Ancora ferme le risorse per la diagnostica di primo livello». E sui vaccini in farmacia: «Allora discutiamo della vendita diretta dei farmaci dai sistemi di cura»

«Rimuovere Dg che non garantiscono sicurezza medici». La relazione di Silvestro Scotti al Congresso Fimmg

«Sono stati mesi bui. Da allora e ancora oggi ci interroghiamo su cosa avremmo potuto fare e non abbiamo fatto. Questa domanda, credo, ci resterà irrisolta per tutta la vita». Questo uno dei primi passaggi della relazione di Silvestro Scotti, segretario nazionale della Federazione italiana medici di Medicina Generale, al congresso in corso a Villasimius, in Sardegna. Parole pronunciate con evidente commozione da Scotti e accolte da una standing ovation dei presenti in sala.

Quindi, il ricordo dei medici che a causa del Covid hanno perso la vita: «Il grazie più forte, più sentito va a quelli che io voglio definire come gli assenti-presenti, ossia a tutti quei colleghi che oggi non hanno potuto essere qui perché travolti dal Covid-19. Questi colleghi, molti, troppi, lasciano un segno di presenza così profondo da rappresentare una cicatrice insanabile del nostro essere rappresentanti di questa categoria professionale».

«CHIEDIAMO COMMISSIONE D’INCHIESTA SU SICUREZZA MEDICI»

Durante quel periodo, «è stato necessario intervenire con una legge, per ottenere, come un diritto nostro e come un dovere per i direttori generali, che anche i medici convenzionati fossero protetti. Ma l’emanazione di una legge dello Stato non sempre garantisce la sua dovuta applicazione. Per questo oggi – ha sottolineato Scotti – chiediamo con forza che siano rimossi dai loro incarichi i direttori generali che non assolvono a un dovere di legge. Chiediamo al Governo che ci sia una commissione d’inchiesta perché non si continui a far finta di niente rispetto alla tutela di un settore strategico come il nostro, rispetto al dover gestire anche per noi la sicurezza nell’attuale fase endemica del SARS-CoV-2».

«SE AZIENDE NON SONO CAPACI DI ORGANIZZARE DPI CI PENSIAMO NOI»

«Pensare di poter gestire pazienti asintomatici o pauci-sintomatici senza mettere in condizione questi medici di avere le giuste protezioni ci appare inimmaginabile – ha detto Scotti – e credo sia arrivato il momento di non fare più sconti a nessuno. Se le aziende non sono capaci di organizzare i fabbisogni dei Dispositivi di protezione per la Medicina Convenzionata trasferiscano a noi le risorse e noi ci occuperemo di garantire in sicurezza i colleghi, come abbiamo fatto nei periodi più critici».

IL MICROTEAM

«Il microteam diventa il soggetto capace di rispondere, nell’arco della giornata, alle richieste del cittadino offrendo una capacità di presa in carico a maggiore specificità assistenziale grazie all’azione non più del solo medico ma anche del suo team, composto da figure diverse e specifiche per caratteristiche e funzioni assistenziali. Un team consolidato dall’estensione della fiduciarietà riconosciuta al medico e trasferita anche ai collaboratori presenti nel suo studio».

«ANCORA FERME LE RISORSE PER DIAGNOSTICA DI PRIMO LIVELLO»

«I famosi 236 milioni di euro contenuti nella legge finanziaria dell’anno scorso per la mini tecnologia sono ancora fermi- ha aggiunto il segretario Fimmg – . E appare paradossale che nonostante una legge finanziaria di stanziamento e nonostante il Covid, quelle leggi restino inascoltate».

«LA VALORIZZAZIONE DELLA MEDICINA GENERALE AVVENGA NEI FATTI»

«Ci appelliamo al Ministro Speranza, perché il Governo e le Regioni, nei loro diversi modelli organizzativi decentrati, chiariscano una volta e per tutte quale ruolo vogliano dare alla Medicina Generale: non vogliamo più accettare che questa valorizzazione sia sempre descritta nella volontà di tutti ma mai realizzata nella pratica della vita quotidiana di questi medici e dei cittadini che essi assistono».

«QUOTA CAPITARIA NON PIÙ SUFFICIENTE A MOTIVARE MEDICI E GIOVANI»

«La quota capitaria oggi non appare più sufficiente né a motivare i medici già presenti nel processo, né i giovani che dovrebbero aspirare ad entrarci».

RECOVERY FUND E MES

«Per tutto questo – ha evidenziato – serve che ci sia attenzione verso la Medicina Generale rispetto agli investimenti quali il Recovery Fund e, se si decidesse di richiederli, del MES, il Meccanismo Europeo di Stabilità. Ma la garanzia rispetto a tali investimenti potrebbe essere rappresentata proprio dalle caratteristiche tipiche della libera professione convenzionata».

LE SFIDE DA AFFRONTARE

«Vogliamo la diagnostica nei nostri ambulatori, partendo dai tamponi rapidi, vogliamo il superamento dei piani terapeutici, vogliamo un collegamento con la sanità digitale che crei quell’integrazione vera, cosiddetta “ospedale-territorio”, anche se avrebbe più senso dire “territorio-ospedale”».

«UNA SPECIALIZZAZIONE IN MEDICINA GENERALE»

«Un dibattito parlamentare che mette continuamente in discussione, con decine di emendamenti, il destino, il futuro, la consistenza stessa della Formazione per diventare Medico di Medicina Generale, non appare la soluzione ai nostri problemi anzi dissuade i giovani – ha detto Scotti passando al tema della formazione -. Forse il Parlamento potrebbe impegnare meglio il suo tempo a ragionare su come accelerare l’ingresso dei nostri giovani, rendendo il Corso di Formazione in Medicina Generale, un corso di Formazione lavoro chiamandolo una volta e per tutte per quello che è: una specializzazione in medicina generale, e, conseguentemente, programmandone i numeri e le risorse per le borse in coerenza con i fabbisogni».

LA VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE

«Confrontarsi con posizioni che affermano che per vaccinare di più servano più punti di accesso è veramente la soluzione? – si è chiesto Scotti in merito al dibattito sulla somministrazione dei vaccini in farmacia -. Noi crediamo di no. Crediamo invece che una programmazione più efficiente delle gare regionali, una sintesi successiva in Conferenza delle Regioni con una eventuale distribuzione solidale, ove necessaria, avrebbe creato meno problemi a medici e pazienti».

«PERCHÉ NON SI DISCUTE DELLA DISTRIBUZIONE DEI FARMACI DIRETTA?»

«Dopo aver discusso dell’infermiere di famiglia nel Distretto a dipendenza, del farmacista vaccinatore, perché non si discute della distribuzione dei farmaci diretta dai sistemi di cure primarie, prevista in Europa?».

PROSSIMITÀ

«La prossimità può definire un valore di spazio e un valore di tempo – ha aggiunto Scotti parlando di un concetto caro al Ministro Speranza -. Qualche anno fa proprio in una relazione congressuale abbiamo sostenuto la rappresentazione del medico di famiglia per chilometro quadrato invitando a considerare in quale spazio si possa esplicitare un’offerta di medicina di famiglia. Ma il tema andrebbe affrontato partendo dalle risposte elementari che si possono dare nei territori più dispersi. Il sistema ha bisogno delle capacità della medicina di famiglia di poter adattare la propria offerta autonomamente ai territori nei quali s’inserisce. Per questo insieme a Cittadinanzattiva annunciamo la campagna “Non togliamo il medico di torno”».

 

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

Articoli correlati
IV ondata Covid e influenza stagionale, Cricelli (SIMG): «Il picco dei due virus coinciderà per la prima volta dall’inizio della pandemia»
Tra Covid, influenza, vaccini e malati cronici il lavoro dei medici di famiglia quintuplica. Il presidente SIMG: «L’influenza ha superato il livello epidemico stagionale. Il picco è previsto, in anticipo, per la fine dell’anno»
di Isabella Faggiano
A Foggia lo strano caso delle trattenute ai MMG a distanza di decenni. Ma i medici non ci stanno e sono pronti al ricorso
A una quindicina di medici trattenute come recupero coatto di somme corrisposte per pazienti che in realtà erano deceduti o si erano trasferiti. Il caso sbarca in Parlamento con una interrogazione di Rosa Menga. E si muove anche il Direttore della Programmazione del Ministero della Salute Andrea Urbani
di Francesco Torre
Green pass, Bartoletti (Fimmg): «Serve a tutelare salute dei non vaccinati»
«Mettere una persona non vaccinata a tavola con vaccinati la espone ad un rischio molto elevato di poter contrarre il Covid in forma anche grave. Essere chiari in questo senso, significa non limitare nessuno ma tutelare chi oggi il vaccino non ce l’ha non solo perché non lo vuole fare ma anche perché non lo può fare»
di Giulia Cavalcanti e Viviana Franzellitti
Chiudere le Usca? Bartoletti (Fimmg): «Prematuro e azzardato parlarne ora»
Il coordinatore delle Uscar nel Lazio a Sanità Informazione: «Per l’Oms la pandemia è ancora in corso, non alle spalle. Stiamo assistendo ad una recrudescenza di casi e farei attenzione a veicolare messaggi ambigui che possono generare confusione»
“Medici a mani nude”: nasce l’associazione che unisce familiari di MMG e pediatri di libera scelta deceduti per Covid-19
L'associazione nei prossimi giorni si interfaccerà con tutte le forze politiche per richiedere tavoli di discussione sugli emendamenti al Disegno di legge 2350 su “Interventi finalizzati a garantire un giusto ristoro in favore dei medici deceduti o che hanno riportato lesioni o infermità di tipo irreversibile a causa dell’infezione da SARS-CoV-2”
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 3 dicembre, sono 264.261.428 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 5.235.680 i decessi. Ad oggi, oltre 8,08 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Ecm

Proroga ECM in scadenza, De Pascale (Co.Ge.A.P.S.): «Inviate agli Ordini posizioni formative degli iscritti»

Il presidente del Consorzio Gestione Anagrafica Professioni Sanitarie a Sanità Informazione: «Pronti ad affrontare fine proroga, poi Ordini valuteranno che azioni intraprendere con inadem...
Salute

«A Natale 25-30mila casi al giorno e 1000 decessi settimanali. Tutto dipenderà dal Governo». L’analisi del fisico Sestili

L’intervista al divulgatore scientifico Giorgio Sestili: «La curva continuerà a crescere di un 25-30% settimanale. Lo scenario drammatico in Austria e Germania si può ripropo...