Lavoro 7 Ottobre 2020 14:26

Lazio, Bartoletti (Fimmg): «A breve tamponi rapidi dal medico di famiglia»

Il segretario di Fimmg Roma dal congresso della Federazione in corso in Sardegna: «Così liberiamo in mezz’ora il 97,4% delle persone che si sottopongono al tampone»

Un tampone rapido dal medico di famiglia per distinguere in mezz’ora i positivi dai negativi, evitando che chi è negativo intasi drive in e laboratori di analisi. Il tutto creando una rete regionale di sorveglianza delle malattie infettive e diffuse. «È la proposta che è stata accettata dall’assessore alla Sanità della Regione Lazio, a giorni dovrebbe essere pubblicato il bando a cui i medici di famiglia interessati potranno aderire», annuncia a margine del congresso della Fimmg Pierluigi Bartoletti, segretario della Federazione di Roma e responsabile delle Uscar.

«È la prima volta che si inserisce la diagnostica rapida sul Covid nella pratica clinica del medico di medicina generale che deve essere parte integrante della visita clinica», spiega.

I medici di famiglia che aderiranno alla rete, potranno ricevere i pazienti fuori orario di visita per eseguire il tampone. In caso di esito positivo, dovranno andare ai drive in per la conferma del tampone molecolare. «Il rischio di contaminazione dell’ambiente e del medico è bassissimo – aggiunge Bartoletti -, in quanto lo studio verrà completamente disinfettato e l’intera operazione richiede pochi minuti».

Secondo Bartoletti, basterebbe che aderisse il 10% dei medici di famiglia per avere una risposta efficace: «Ma pensiamo che saranno tre volte tanti. In questo modo – conclude – in mezz’ora libereremmo il 97,4% delle persone che si sottopone al tampone e che risulta negativo. Invece di attendere per giorni l’esito del tampone, potrebbe tornare alle sue attività».

Iscriviti alla newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato 

 

Articoli correlati
Medicina di famiglia, tra presente e futuro i nodi da sciogliere per una sanità migliore
La pandemia ha evidenziato l’ovvio: la branca meno valorizzata è quella di cui avremo sempre più bisogno. Tra riforme sbandierate e finanziamenti arenati c’è necessità di rinnovare, per i mmg ma soprattutto per il bene della comunità
Campania Digital Summit, così cambia (in meglio) la sanità regionale
Dal cambio di passo segnato dall’avvento della piattaforma unica ai big data per prevedere l’impatto della pandemia: ecco come la Campania sta rimontando uno storico gap
Vaccino anti-Covid dal medico di famiglia, dopo l’accordo nazionale ecco come verrà attuato il piano nelle Regioni
In Campania si parte a breve anche negli studi, nel Lazio la fornitura è a macchia di leopardo, l’Emilia Romagna marcia a ritmi sostenuti con il personale sanitario
Case di comunità: e se fossero un altro flop come quelle della salute? La soluzione della Fimmg in tre modelli flessibili
L’analisi del vicesegretario nazionale Fimmg Domenico Crisarà: «Le case di comunità non risolveranno il problema dell’assistenza territoriale. Il progetto prevede di istituirne una ogni 24.500 abitanti, che in Basilicata significa una casa ogni 435 kmq»
di Isabella Faggiano
Bozza intesa per vaccinazioni anti-Covid dal medico di famiglia. Le reazioni dei sindacati
Fimmg: «Vanno omogeneizzati percorsi e procedure per garantire cittadini e operatori». Snami: «No alle nozze con i fichi secchi»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco