Voci della Sanità 29 Dicembre 2020 16:57

Vaccino Covid, il Presidente dei diabetologi Di Bartolo: «Tra i primi a vaccinarmi, dovere come medico e come malato di diabete»

Il Presidente dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD): «Giornata storica, le persone con diabete corrono fino al triplo dei rischi, ma ora cambierà tutto: la vaccinazione è la strada da seguire»

C’è anche il dottor Paolo Di Bartolo, Presidente dell’Associazione Medici Diabetologi (AMD) e a sua volta paziente – con diabete di Tipo 1 dall’età di 17 anni – fra i primissimi vaccinati italiani contro il Covid19. Ha ricevuto il vaccino nella Ausl Romagna, presso la quale è Direttore della Diabetologia di Ravenna, e ha voluto lanciare un messaggio a tutte le persone con diabete che avranno accesso alla vaccinazione contro il cosiddetto “nuovo Coronavirus”.

«È una giornata storica e sono sinceramente emozionato – ha dichiarato il Presidente Di Bartolo –: i medici della mia età, nati intorno agli anni ’60, sicuramente non hanno mai vissuto un momento così importante. Credo che dopo le grandi vaccinazioni di massa, come quella per il vaiolo, e dopo l’avvento della penicillina e dell’insulina, negli anni ’20 del secolo scorso, non abbiamo mai assistito a un’innovazione che avesse un impatto tanto dirompente sulla storia dell’umanità come il nuovo vaccino anti-Covid, che sta arrivando in queste ore. Ricevendo personalmente e fra i primissimi in Italia questo vaccino – ha proseguito Di Bartolo – voglio lanciare un messaggio di speranza e di responsabilità, come medico e come paziente: le persone con diabete in età avanzata, o con un quadro già complicato dal punto di vista cardio-renale, rischiano due o tre volte di più un esito sfavorevole a seguito di un’infezione da SARS-COV-2, e per questo vivono disagi maggiori rispetto alla popolazione generale e sono comprensibilmente ancor più spaventate. Ma ora il vaccino è in grado di cambiare le cose, e per questo riceverlo fra i primi, come medico e come paziente, ha per me anche il valore di una testimonianza: la vaccinazione è senza dubbio la strada da seguire».    

Articoli correlati
Covid e gravidanza: l’infezione è più pericolosa nei nove mesi
I ginecologi Siru chiedono la vaccinazione per le future mamme
In Francia le scuole sono rimaste sempre aperte, ma i ragazzi lamentano: «Abbiamo perso persone care»
In Francia c'è stato un grande comandamento: tenere aperte le scuole più a lungo possibile. Non tutte le strutture hanno potuto rispettare i protocolli e molte sono diventate focolai. Alcuni ragazzi hanno perso parenti, come al Delacroix dove in 20 hanno subito un lutto per Covid
Covid: terapia domiciliare fondamentale, no a cortisone e antibiotici
Nel corso di formazione professionale ECM di Consulcesi “La gestione del paziente Covid-19 nel contesto domiciliare” tutte le informazioni più aggiornate con la consulenza di Emanuele Nicastri, direttore malattie infettive Istituto Spallanzani di Roma
Parodontite e diabete, position paper di AMD, SidP e SID lancia il “doppio screening” per diagnosi precoce
Screening per il diabete alla poltrona dell’odontoiatra e screening per l’infiammazione gengivale nello studio del diabetologo: in un documento congiunto gli specialisti stabiliscono il percorso per la diagnosi precoce di due malattie legate a doppio filo, che riguardano complessivamente oltre 12 milioni di italiani
Maltrattamenti su minori in aumento per effetto del Covid: dietro una denuncia, nove casi sommersi
Cesvi lancia l’allarme dopo un anno di pandemia: «Cresce il numero di abusi e violenze tra le mura domestiche. È necessario rafforzare le cure e ricostruire un sistema di servizi capace di metterle in atto»
di Federica Bosco
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 6 maggio, sono 155.216.499 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.242.360 i decessi. Ad oggi, oltre 1,20 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&n...
Voci della Sanità

Terapia domiciliare Covid, Ministero ricorre al Consiglio di Stato. Il Comitato: «Ricorso in appello va contro voto del Senato»

«Chiediamo al Ministro della Salute Speranza delucidazioni in merito alla decisione di ricorrere in Appello, alla luce dell’opposto indirizzo votato dal Senato» scrive in una nota Er...
Salute

Vaccini e rischi, Peyvandi (EMA): «No ad eparina o aspirina prima dell’inoculazione»

Le raccomandazioni di Flora Peyvandi del comitato scientifico dell’Agenzia: «Non bisogna neppure sospendere la pillola anticoncezionale»
di Federica Bosco