Lavoro 3 Novembre 2020 16:30

Tamponi negli studi MMG, sanzioni e precettazione per chi si rifiuta. Onotri (Smi): «40% medici contrari»

Fimmg: «Ci siamo fatti carico di una scelta difficile e impopolare. Ma la firma dell’ACN è stata strumentalizzata gettando benzina sul fuoco attraverso messaggi falsi e fuorvianti»

La Conferenza Stato Regioni ha dato il via libera definitivo all’accordo per l’effettuazione dei test rapidi per la ricerca del Covid-19 da parte dei medici di medicina generale e dei pediatri. Ma la questione continua a tenere banco sotto vari aspetti; tra i sindacati dei medici di base, infatti, c’è malumore: Snami e Smi non hanno firmato l’intesa e continuano a ribadire la loro contrarietà all’accordo. Soltanto la Fimmg (la Federazione dei medici di medicina generale) e l’Intesa sindacale (anche se in disaccordo con Fp Cgil Medici) si sono dette a favore dell’effettuazione dei tamponi rapidi negli ambulatori dei medici di famiglia.

L’ACCORDO PREVEDE L’OBBLIGO PER I MMG. ZAIA: «NON ESISTE L’OBIETTORE DI COSCIENZA»

Il punto è che l’accordo stralcio con la Sisac impone la partecipazione obbligatoria e non volontaria allo screening da parte del medico di base. Il governatore del Veneto, Luca Zaia, ha firmato un’ordinanza in cui sono previste sanzioni e meccanismi per la precettazione dei medici di base che si rifiutano di eseguire i tamponi. «Chiunque fa questa professione, anche se non ha firmato, ha l’obbligo di fare quello che è stato fissato nell’accordo tra governo e sindacati» ha evidenziato Zaia contestando la lettera dello Smi che metteva in luce le criticità dell’effettuazione dei tamponi in ambulatorio. «Un medico non può rifiutarsi e verrà sanzionato se lo farà perché lo prevede la legge – ha ribadito Zaia -. Qui non esiste l’obiettore di coscienza, i medici sono remunerati». Ed è di oggi la mozione bipartisan che chiede al presidente Fontana di seguire il “modello veneto” anche in Lombardia; niente facoltà di aderire o meno all’iniziativa, pena la precettazione della categoria.

ONOTRI (SMI): «È SCONFITTA DELLA POLITICA»

I punti dell’accordo maggiormente contestati dai sindacati riguardano la sicurezza dei medici e, appunto, l’obbligatorietà; sia Smi che Snami, infatti, chiedevano che l’adesione avvenisse su base volontaria. Pina Onotri, Segretario Generale SMI, esprime a Sanità Informazione tutta la sua delusione: «Penso che la precettazione del medico sia una grande sconfitta della politica così come assumere un atteggiamento punitivo nei confronti di una categoria che sta destreggiando uno tsunami che ha lasciato tante vittime sul campo. La seconda ondata ha portato già cinque vittime tra i medici di base; molti sono ammalati, in quarantena, non si riescono a trovare sostituti e i pazienti sono senza punti di riferimento».

ONOTRI (SMI): «40% MEDICI CONTRARI, ANCHE TRA ISCRITTI FIMMG»

«I lavoratori di Smi e Snami contrari all’obbligatorietà del tampone sono il 40% – spiega la Onotri -. Anche all’interno della stessa Fimmg, mi riferiscono che moltissimi iscritti non sono d’accordo».

Inoltre, secondo il Segretario Onotri, si tratta di un carico lavorativo eccessivo e non praticabile: «Lavoriamo 12 ore al giorno, siamo reperibili 7 giorni su 7, non riusciamo a sopportare un tale carico di lavoro anche considerando l’età media della categoria. Abbiamo sulle spalle tutta la gestione dei pazienti cronici che non trovano risposte negli ospedali e negli ambulatori territoriali che hanno sospeso le visite. Se i medici di famiglia si ammalano, le persone non troveranno più assistenza».

COSA SUCCEDE A CHI SI RIFIUTA DI ESEGUIRE I TAMPONI? SANZIONI E PRECETTAZIONE

L’accordo, dunque, prevede l’obbligatorietà del servizio per i medici. Ma cosa succede a chi si rifiuta? «Rischiamo sanzioni pecuniarie fino alla revoca della convenzione perché non siamo in linea con l’ottemperanza del contratto. Di fronte ad un’ordinanza di precetto, nessuno di noi si può rifiutare, o meglio può farlo solo nel caso in cui non vengano forniti i dispositivi di protezione individuali – ha continuato la Onotri -. Il problema è che quelli stabiliti nell’intesa non corrispondono alle norme di biocontenimento che per questo tipo di virus prevedono quelli di terza classe. Si tratta – precisa la Onotri – di quelli a disposizione dei professionisti degli ospedali Covid e delle Unità di assistenza territoriale USCA. Per fare i tamponi si deve seguire una procedura particolare, c’è bisogno di personale specializzato che possa supportare il medico. Noi stiamo morendo, non possiamo fare tutto, è impossibile. Imporsi con il braccio di ferro su una categoria che sta dando tanto è una cosa vergognosa che grida vendetta. La nostra risposta sarà ancor più dura» conclude la Onotri.

TESTA (SNAMI): «UN’OPERAZIONE DI FACCIATA DELLA POLITICA»

Anche Angelo Testa, presidente nazionale del sindacato autonomo Snami, esprime più di una perplessità nell’effettuazione dei tamponi negli studi per l’alto rischio di contagio e critica duramente l’imposizione: «Le regioni alzano di più la posta parlando di precettazione perché non hanno avuto una grande risposta dal mondo medico – specifica a Sanità Informazione -.  Stiamo parlando di 5 milioni di test rapidi da fare in due mesi: secondo i calcoli, il risultato è circa un tampone al giorno per ogni medico che non sposta nulla dal punto di vista diagnostico. Stanno obbligando i medici a fare un’attività quasi tutto sommato irrilevante. Se avessero richiesto un supporto su base volontaria alle Asl avrebbero trovato grande disponibilità».

Secondo Testa è una questione di sicurezza, organizzazione e utilità: «Lo studio del medico di base non ha il doppio ingresso, il percorso sporco/pulito. Come fa un medico a svestirsi e vestirsi per fare il tampone? Chi sanifica dopo lo studio dopo averlo eseguito? E poi il medico di base non può fare tutto: fare i tamponi, fare i vaccini, curare i pazienti cronici, rispondere al telefono per dare informazioni. Non è possibile aggiungere un’attività di questo tipo, dovremmo lavorare 24 ore al giorno».

Tutto il sindacato non è d’accordo sull’obbligatorietà del servizio: «Non abbiamo firmato l’accordo perché chiedevamo che l’esecuzione dei tamponi fosse volontaria per tutti, soprattutto per tutelare i medici più anziani e problematici. È un’operazione puramente di facciata della politica – continua Testa – ha trovato il modo di tranquillizzare il cittadino per coprire le proprie inadempienze. Hanno avuto tutta l’estate per risolvere i problemi e ce ne sono più di prima. Non ci si può rifiutare e nessuno lo farà, ma allora non avremo più il tempo di fare il nostro lavoro» conclude il presidente Snami.

SCOTTI (FIMMG): «STRUMENTALIZZAZIONE DELLA FIRMA DI CHI GETTA BENZINA SUL FUOCO»

La Fimmg, dal canto suo, sostiene di essersi caricata sulle spalle «una scelta difficile, impopolare, di difficile comprensione, faticosa, facile obiettivo dell’attacco di altre organizzazioni – si legge nella mozione finale del Consiglio Nazionale Fimmg riunitosi il 31 ottobre, approvata con il 97% dei voti a favore – pur di mantenere viva la negoziazione la contrattazione sindacale nazionale e rifiutando meccanismi quali l’imposizione per decreto, per ordine di servizio o per precettazione che auspichiamo non verranno adottate anche nei nostri confronti».

La Fimmg smentisce «la strumentalizzazione della firma dell’ACN di chi, approfittando del grave disagio in cui i medici lavorano, getta benzina sul fuoco attraverso messaggi falsi e fuorvianti, finalizzati solo per fare cassetta sindacale sulla pelle dei medici e dei cittadini». Precisa che «i tamponi rapidi previsti dal contratto riguardano i contatti stretti, gli asintomatici, al decimo giorno dal contatto a rischio» e si possono realizzare «modelli organizzativi, anche con il coinvolgimento della Continuità Assistenziale, dell’Emergenza Sanitaria Territoriale e della Medicina dei Servizi, per l’esecuzione dei tamponi in sicurezza, in locali dedicati, da parte di chi possa dedicarvisi senza gravare su una attività assistenziale caratterizzata da un impegno quotidiano senza precedenti».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
Case di comunità: e se fossero un altro flop come quelle della salute? La soluzione della Fimmg in tre modelli flessibili
L’analisi del vicesegretario nazionale Fimmg Domenico Crisarà: «Le case di comunità non risolveranno il problema dell’assistenza territoriale. Il progetto prevede di istituirne una ogni 24.500 abitanti, che in Basilicata significa una casa ogni 435 kmq»
di Isabella Faggiano
Raggiunto l’accordo tra Regioni e Mmg per le vaccinazioni Covid. La soddisfazione dei medici
Bonaccini annuncia il sì al protocollo d'intesa tra Regioni e Medici di medicina generale per le vaccinazioni Covid. Soddisfazione espressa da Fp Cgil Medici e Dirigenti Ssn, Smi e Fimmg Continuità Assistenziale per il proprio coinvolgimento
Bozza intesa per vaccinazioni anti-Covid dal medico di famiglia. Le reazioni dei sindacati
Fimmg: «Vanno omogeneizzati percorsi e procedure per garantire cittadini e operatori». Snami: «No alle nozze con i fichi secchi»
Controlli dei NAS alle guardie mediche: 99 strutture con locali inadeguati e farmaci scaduti
Tommasa Maio (Fimmg): «Una verità che denunciamo da anni, chiediamo un incontro urgente con il ministro Speranza»
Snami Lazio: «Sì alla campagna vaccinale anti-Covid ma tutele per i medici vaccinatori»
Il sindacato autonomo dei medici Snami ha aderito alla Campagna vaccinale anti-COVID-19 organizzata nella Regione Lazio, ma ha chiesto di tenere conto di alcune precisazioni nell’elaborazione del Dispositivo Regionale attutativo (DCA). «Lo SNAMI Lazio – si legge in un comunicato – dopo il Comitato regionale per la Medicina generale svoltosi in data 12/2 u.s., ha […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio, sono 113.025.730 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.507.803 i decessi. Ad oggi, oltre 221,80 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata da...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolta con un d...
Cause

Perde causa contro due medici, Tribunale chiede 140mila euro di spese legali

La vicenda di una dottoressa che ha fatto causa a due colleghi perché convinta delle loro responsabilità nella morte del padre. «L'esborso mi ha messo in difficoltà ma ho proseguito in appello per...