Salute 25 Ottobre 2022 11:45

Sport in ricetta medica, Sbrollini (Iv): «Aiutiamo a crescere sani i giovani, SSN ne beneficerà»

La senatrice di Italia Viva ripresenterà il disegno di legge sullo sport in ricetta medica e sulle detrazioni fiscali per l’attività sportiva: «A volte, a causa di difficoltà economiche, il genitore rinuncia a mandare il figlio a fare sport perché ci sono altre priorità». Medici di medicina generale e pediatri favorevoli

Sport in ricetta medica, Sbrollini (Iv): «Aiutiamo a crescere sani i giovani, SSN ne beneficerà»

La sperimentazione è già partita in alcuni centri urbani, dall’Emilia Romagna alla Sardegna, ma manca ancora una disciplina nazionale di quella che può essere una importante rivoluzione culturale e medica. Per questo la senatrice di Italia Viva Daniela Sbrollini, copresidente dell’intergruppo parlamentare “Qualità della vita e benessere delle città”, rilancia il disegno di legge che aveva già presentato nella scorsa Legislatura sul tema.

«Lo sport è un ‘farmaco’ che non ha controindicazioni, fa bene a tutte le età. A volte, a causa di difficoltà economiche, il genitore rinuncia a mandare il figlio a fare sport perché ci sono altre priorità. Con lo sport in ricetta medica possiamo aiutare le famiglie a recuperare soldi con le detrazioni» spiega Sbrollini a Sanità Informazione.

Il meccanismo è semplice: pediatri, medici di medicina generale, specialisti potranno prescrivere all’occorrenza in ricetta medica lo sport come fosse un farmaco. Grazie alla ricetta lo sport potrebbe essere inserito nel sistema delle detrazioni fiscali.

«Questa proposta si associa ad altre due proposte – spiega la senatrice veneta -. Quella di inserire lo sport in costituzione: nella precedente legislatura mancava solo la terza lettura. E quella delle detrazioni fiscali sullo sport: se ti iscrivi ad una palestra per qualunque tipo di sport puoi usufruire delle detrazioni come facciamo normalmente con il 730. Si tratta di un grande aiuto per le famiglie e in più riconosciamo il diritto universale allo sport che deve essere sancito in Costituzione, un diritto che deve valere per tutti».

I medici, a partire dai pediatri, sembrano aver accolto molto bene questa proposta: «Questi due anni di Covid – aggiunge Sbrollini – hanno peggiorato la situazione dal punto di vista della salute dei bambini, per questo la prescrizione in ricetta dello sport può essere importante».

Promuovere lo sport e stili di vita sani, soprattutto tra i più giovani, significa anche avere degli adulti più in salute e risparmiare tante risorse del Servizio sanitario e del servizio sociale, perché lo sport aiuta anche a contrastare le dipendenze.

«Ci sono patologie croniche come l’obesità su cui lo sport può fare molto –conclude Sbrollini -. La proposta si lega anche alla legge approvata lo scorso anno sull’assunzione dei laureati in scienze motorie nelle scuole: abbiamo bisogno di specialisti nelle scuole, educazione fisica non può essere un’ora di ricreazione. Dev’essere materia curriculare come già avviene negli altri paesi».

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

Articoli correlati
L’Intelligenza artificiale conquista l’Healthcare: cresce l’impiego in ricerca, diagnosi e cura
In occasione della Milano digital Week confronto tra protagonisti di design, Ai e digitale sull’impiego in sanità. Dalle app che dialogano con i pazienti, ai software che fanno interagire le strutture sanitarie, ma resta aperto il quesito sul consenso dei dati
Scandalo ginnastica ritmica. L’esperto: «La dieta degli atleti sia elaborata insieme al nutrizionista»
A parlare è il dott. Emilio Buono, nutrizionista sportivo di campioni d’élite e formatore professionale. Dal 1° novembre online il nuovo corso Consulcesi sul tema della nutrizione nello sport
Scandalo ginnastica ritmica, il monito dei medici: «Non sottovalutare i rischi della triade dell’atleta»
Gli specialisti di Medicina dello sport dell'Auxologico Irccs invitano genitori e tecnici a non sottovalutare magrezza, amenorrea e osteoporosi che possono creare danni immediati e a lungo termine oltre ai traumi psicologici che possono provocare anoressia e bulimia
Malaria in Africa: perché la maggior parte dei paesi non l’ha ancora sconfitta?
La malaria rimane una delle malattie parassitarie più devastanti che colpiscono gli esseri umani. Nel 2020 si sono registrati circa 241 milioni di casi e 672.000 decessi
di Stefano Piazza
La maternità dopo la malattia, un sogno possibile per le Gemme Dormienti
L’Associazione, presieduta dalla ginecologa Mariavita Ciccarone, dal 2011 assiste le pazienti nella conservazione della fertilità. «Fondamentale formare in primis il personale sanitario»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Dalla Redazione

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Ad oggi, 6 dicembre 2022, sono 645.938.366 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.642.462 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE. I casi in Italia L’ultimo bollettino di...
Covid-19, che fare se...?

Se ho avuto il Covid-19 devo fare lo stesso la quarta dose?

Il secondo booster è raccomandato anche per chi ha contratto una o più volte il virus responsabile di Covid-19. Purché la somministrazione avvenga dopo almeno 120 giorni dall'esit...
Covid-19, che fare se...?

Quali sono gli effetti collaterali della quarta dose?

Gli effetti collaterali dell'ultimo richiamo di Covid-19 sono simili a quelli associati alle dosi precedenti: un leggero gonfiore o arrossamento nel punto di iniezione, stanchezza e mal di testa