Salute 26 Maggio 2020 14:30

Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»

Il presidente dell’Accademia dei Lincei ha poi sottolineato l’importanza, per l’autunno, di aumentare di dieci volte la capacità di fare tamponi. Per Filippo Anelli (FNOMCeO) è necessario «mettere i risultati dei test, nel rispetto della privacy, a disposizione di medici di famiglia e pediatri». Ascoltati anche Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici) e Gualano (Università di Torino)

Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»

«I dati che emergeranno dagli studi sierologici avviati devono essere resi disponibili al pubblico e alla comunità scientifica. La trasparenza è una questione di metodo scientifico per sviluppare un dibattito all’altezza. Nel Decreto manca però una norma che lo preveda». La richiesta è stata lanciata dal fisico e presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei Giorgio Parisi, in audizione in Commissione Sanità al Senato nell’ambito dei lavori sul Decreto Legge n.30/2020 denominato “Studi epidemiologici e statistiche su Sars-Cov-2” che ha dato avvio ai test sierologici su un campione di 150mila persone distribuite in duemila comuni italiani. Un’indagine epidemiologica su scala nazionale, “firmata” dal ministero della Salute e dall’Istat, in collaborazione con la Croce Rossa italiana che con i suoi volontari arriverà alle persone scelte per la campionatura.

Secondo Parisi è fondamentale capire come il virus si diffonda nei luoghi di lavoro, quali siano i luoghi di lavori più pericolosi e quanto si diffonda nelle scuole, soprattutto «nelle scuole d’infanzia e nelle scuole elementari dove i bambini interagiscono fortemente tra di loro».

Per il presidente dei Lincei è essenziale evitare una nuova ondata grave di contagi nei prossimi mesi e per far questo dovremo essere in grado di fare quanti più tamponi possibile: «In inverno – spiega Parisi – ogni giorno 500mila persone lamentano sintomi riconducibili al Covid come tosse o raffreddore. A novembre bisognerà essere in grado di fare dieci volte i tamponi che si fanno adesso».

LEGGI ANCHE: INDAGINE SIEROPREVALENZA, SPERANZA ALLA CROCE ROSSA: «CONOSCERE EPIDEMIA E’ IMPORTANTE PER AFFRONTARLA E VINCERLA»

Anche Filippo Anelli, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici (FNOMCeO), ha lodato l’iniziativa del ministero della Salute volta a comprendere quante persone in Italia hanno sviluppato gli anticorpi al Covid-19, anche in assenza di sintomi, e a stimare le dimensioni e l’estensione dell’infezione. Anelli ha tuttavia suggerito alcune correzioni, come quella di «mettere i risultati dei test, anche in forma anonima e aggregata, e comunque nel rispetto della privacy, a disposizione del medico di medicina generale o pediatra di libera scelta che hanno in carico l’assistito per coinvolgerli pienamente anche negli ulteriori passaggi e accertamenti da attivare».

Un impegno che si prospetta importante anche in termini di tempo, lavoro e responsabilità per MMG e pediatri ma, fa notare Anelli, «allo stato attuale, all’interno di questo provvedimento, non è previsto alcun fondo ad hoc da destinarsi per tale fattispecie».

Maria Rosaria Gualano, professore associato di Igiene e Medicina Preventiva all’Università di Torino, ha ricordato invece come in tutti i casi questi test, al momento, non conferiscano alcuna patente d’immunità: «Noi andiamo a capire se ci sono le IgG che danno immunità a lungo termine e che vengono prodotte nella seconda settimana di malattia, ma non sappiamo quanto possa durare la presenza di questi anticorpi».

«L’esempio spagnolo – ha ricordato Gualano – ha rilevato che su 61mila testati la percentuale di persone con le IgG è stata del 5%. Una percentuale bassa, confermata anche dal dato della Svezia, un Paese che pure ha attuato una diversa politica di contenimento del virus: a Stoccolma, la città più colpita, la percentuale di popolazione con anticorpi è stata del 7,3%».

LEGGI ANCHE: COVID-19 E HCV, LA PROPOSTA: «ABBINARE AI TEST SIEROLOGICI GLI SCREENING PER L’EPATITE C»

Per Massimiliano Boggetti, presidente di Confindustria Dispositivi Medici, è importante che «venga fatto uno studio sui test diagnostici disponibili per Covid-19 e che vengano stabiliti i criteri di accettabilità in termini di sensibilità e specificità in modo da aprire il più possibile a diversi fornitori».

Secondo Boggetti «si tratta di una protezione necessaria per il nostro Paese perché affidarci ad un unico fornitore può generare una forte dipendenza e mettere il nostro Paese in una situazione di crisi di approvvigionamento». Boggetti, parlando di studi epidemiologici e statistiche su Sars-CoV-2 e del relativo provvedimento al riguardo, rileva oggi una «grande disomogeneità di approccio sul territorio», mentre a suo avviso quando ci si muove verso questi studi epidemiologici serve «che ci sia un coordinamento fra ciò che a livello centrale si pensa di fare e quello che le Regioni stanno facendo».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
8 marzo, FNOMCeO: «Maggioranza medici è donna. Modelli organizzativi ne tengano conto»
Per il presidente Filippo Anelli non è accettabile che il 75% delle assenze per maternità non venga coperto: «Questo significa che ogni gravidanza va irrimediabilmente a pesare sulle spalle dei colleghi che rimangono in servizio»
Giornata personale sanitario, dal Covid-19 all’aviaria: le parole dei protagonisti
Nella cerimonia che si è svolta presso la Pontificia Università San Tommaso D'Aquino anche il monito del vicepresidente CEI Francesco Savino: «Il diritto alla salute negato è una violenza». Dal presidente FNOMCeO Filippo Anelli l’allarme sulla carenza di personale: «Le Case di Comunità rischiano di non aprire»
Medici stranieri assunti «in deroga», Anelli (Fnomceo) perplesso scrive a Mattarella
Il presidente di Fnomceo Anelli scrive una lettera al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, per sollecitare l'attenzione sulla normativa che permette l'impiego di medici extracomunitari in deroga al normale iter di riconoscimento dei titoli e all'obbligo di iscrizione all'ordine
Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»
Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»
Formazione ECM: «Fino a 6 mesi di sospensione per chi non è in regola»
Rossi (OMCeO Milano): «Mancato aggiornamento rischioso da un punto di vista medico legale e assicurativo». Boldrini (Pd): «La formazione continua è diventata ancora più importante con il Covid». Filippini (OPI Varese): «Sarà necessario agire con un sistema punitivo anche se non ci piace»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Anziani, il ‘Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza’ al Premier: “Riformare i servizi domiciliari e riqualificare le strutture residenziali”

Le 60 organizzazioni che hanno sottoscritto il 'Patto per un nuovo welfare sulla non autosufficienza' in una lettera aperta al Premier Meloni: “Lo schema di decreto legislativo recante disposizi...
Advocacy e Associazioni

Cancro delle ovaie: e se fosse possibile diagnosticarlo con un test delle urine? Nuove speranze per la diagnosi precoce

Cafasso (ALTo): “La sopravvivenza a cinque anni delle pazienti che scoprono la malattia ad un primo stadio si aggira intorno al 85-90%, percentuale che si riduce drasticamente al 17% nel quarto ...
Advocacy e Associazioni

Screening oncologici, da Pazienti e Clinici la richiesta di un’azione più incisiva per ampliare l’offerta e aumentare l’adesione dei cittadini

Tra le proposte degli esperti: introdurre la prevenzione come materia di insegnamento nelle scuole, digitalizzare i processi di invito allo screening, promuovere un’informazione costante e capil...
di I.F.