Salute 26 Maggio 2020 14:30

Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»

Il presidente dell’Accademia dei Lincei ha poi sottolineato l’importanza, per l’autunno, di aumentare di dieci volte la capacità di fare tamponi. Per Filippo Anelli (FNOMCeO) è necessario «mettere i risultati dei test, nel rispetto della privacy, a disposizione di medici di famiglia e pediatri». Ascoltati anche Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici) e Gualano (Università di Torino)

Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»

«I dati che emergeranno dagli studi sierologici avviati devono essere resi disponibili al pubblico e alla comunità scientifica. La trasparenza è una questione di metodo scientifico per sviluppare un dibattito all’altezza. Nel Decreto manca però una norma che lo preveda». La richiesta è stata lanciata dal fisico e presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei Giorgio Parisi, in audizione in Commissione Sanità al Senato nell’ambito dei lavori sul Decreto Legge n.30/2020 denominato “Studi epidemiologici e statistiche su Sars-Cov-2” che ha dato avvio ai test sierologici su un campione di 150mila persone distribuite in duemila comuni italiani. Un’indagine epidemiologica su scala nazionale, “firmata” dal ministero della Salute e dall’Istat, in collaborazione con la Croce Rossa italiana che con i suoi volontari arriverà alle persone scelte per la campionatura.

Secondo Parisi è fondamentale capire come il virus si diffonda nei luoghi di lavoro, quali siano i luoghi di lavori più pericolosi e quanto si diffonda nelle scuole, soprattutto «nelle scuole d’infanzia e nelle scuole elementari dove i bambini interagiscono fortemente tra di loro».

Per il presidente dei Lincei è essenziale evitare una nuova ondata grave di contagi nei prossimi mesi e per far questo dovremo essere in grado di fare quanti più tamponi possibile: «In inverno – spiega Parisi – ogni giorno 500mila persone lamentano sintomi riconducibili al Covid come tosse o raffreddore. A novembre bisognerà essere in grado di fare dieci volte i tamponi che si fanno adesso».

LEGGI ANCHE: INDAGINE SIEROPREVALENZA, SPERANZA ALLA CROCE ROSSA: «CONOSCERE EPIDEMIA E’ IMPORTANTE PER AFFRONTARLA E VINCERLA»

Anche Filippo Anelli, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici (FNOMCeO), ha lodato l’iniziativa del ministero della Salute volta a comprendere quante persone in Italia hanno sviluppato gli anticorpi al Covid-19, anche in assenza di sintomi, e a stimare le dimensioni e l’estensione dell’infezione. Anelli ha tuttavia suggerito alcune correzioni, come quella di «mettere i risultati dei test, anche in forma anonima e aggregata, e comunque nel rispetto della privacy, a disposizione del medico di medicina generale o pediatra di libera scelta che hanno in carico l’assistito per coinvolgerli pienamente anche negli ulteriori passaggi e accertamenti da attivare».

Un impegno che si prospetta importante anche in termini di tempo, lavoro e responsabilità per MMG e pediatri ma, fa notare Anelli, «allo stato attuale, all’interno di questo provvedimento, non è previsto alcun fondo ad hoc da destinarsi per tale fattispecie».

Maria Rosaria Gualano, professore associato di Igiene e Medicina Preventiva all’Università di Torino, ha ricordato invece come in tutti i casi questi test, al momento, non conferiscano alcuna patente d’immunità: «Noi andiamo a capire se ci sono le IgG che danno immunità a lungo termine e che vengono prodotte nella seconda settimana di malattia, ma non sappiamo quanto possa durare la presenza di questi anticorpi».

«L’esempio spagnolo – ha ricordato Gualano – ha rilevato che su 61mila testati la percentuale di persone con le IgG è stata del 5%. Una percentuale bassa, confermata anche dal dato della Svezia, un Paese che pure ha attuato una diversa politica di contenimento del virus: a Stoccolma, la città più colpita, la percentuale di popolazione con anticorpi è stata del 7,3%».

LEGGI ANCHE: COVID-19 E HCV, LA PROPOSTA: «ABBINARE AI TEST SIEROLOGICI GLI SCREENING PER L’EPATITE C»

Per Massimiliano Boggetti, presidente di Confindustria Dispositivi Medici, è importante che «venga fatto uno studio sui test diagnostici disponibili per Covid-19 e che vengano stabiliti i criteri di accettabilità in termini di sensibilità e specificità in modo da aprire il più possibile a diversi fornitori».

Secondo Boggetti «si tratta di una protezione necessaria per il nostro Paese perché affidarci ad un unico fornitore può generare una forte dipendenza e mettere il nostro Paese in una situazione di crisi di approvvigionamento». Boggetti, parlando di studi epidemiologici e statistiche su Sars-CoV-2 e del relativo provvedimento al riguardo, rileva oggi una «grande disomogeneità di approccio sul territorio», mentre a suo avviso quando ci si muove verso questi studi epidemiologici serve «che ci sia un coordinamento fra ciò che a livello centrale si pensa di fare e quello che le Regioni stanno facendo».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Tamponi molecolari, test rapidi e salivari: a che punto siamo con le tecnologie di screening del Covid-19?
Sanità Informazione ha fatto il punto della situazione con Massimo Pica, Presidente Assodiagnostici di Confindustria Dispositivi Medici
Giornata del personale sanitario, il racconto dell’omaggio italiano
Segui la diretta dell'evento organizzato dalla FNOMCeO (Federazione Nazionale Ordini dei Medici Chirurghi e Odontoiatri) per ricordare i medici e gli odontoiatri che hanno sacrificato la propria vita per combattere il Covid-19
Giornata personale sanitario, Anelli (Fnomceo): «Nostre professioni uniscono il Paese»
Raggiunto da Sanità Informazione nella Giornata del personale sanitario, socio-sanitario e volontario contro Covid-19, a un anno dall'inizio della pandemia, il presidente Fnomceo Filippo Anelli parla di «un momento di riflessione sulla capacità di queste professioni di mantenere unito il Paese»
Vaccini Covid, Anelli (FNOMCeO): «Liberare i brevetti»
«L’emergenza è tale per cui l’accesso alla vaccinazione del maggior numero possibile di persone non risponde solo ai principi etici di universalità, equità e uguaglianza ma anche a una precisa strategia di prevenzione»
Elezioni Ordini: al via le prime per via telematica. La guida al voto
Per supportare gli Ordini nel voto, la FNOMCeO ha pubblicato due manuali (per il voto elettronico e per quello telematico), le istruzioni in merito allo svolgimento delle operazioni di voto e il Regolamento
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

All’8 marzo, sono 116.859.911 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 2.593.931 i decessi. Ad oggi, oltre 300,10 milioni di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elabo...
Cause

Dermatologa condannata a pagare 90mila euro, l’assicurazione le nega la copertura: «Colleghi, attenzione alla clausola claims made»

In Italia succede che un medico possa pagare per anni un’assicurazione che poi, nel momento in cui riceve una richiesta risarcitoria, non vale più. Una stortura che potrebbe essere risolt...
Voci della Sanità

Covid-19, Comitato Cure Domiciliari vince ancora al Tar: «Medici devono poter prescrivere farmaci che ritengono opportuni»

Sconfessata la nota Aifa del 9 dicembre 2020 contente i “principi di gestione dei casi Covid-19 nel setting domiciliare”, che prevede nei primi giorni di malattia la sola “vigile att...