Salute 26 Maggio 2020 14:30

Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»

Il presidente dell’Accademia dei Lincei ha poi sottolineato l’importanza, per l’autunno, di aumentare di dieci volte la capacità di fare tamponi. Per Filippo Anelli (FNOMCeO) è necessario «mettere i risultati dei test, nel rispetto della privacy, a disposizione di medici di famiglia e pediatri». Ascoltati anche Boggetti (Confindustria Dispositivi Medici) e Gualano (Università di Torino)

Test sierologici, le audizioni in Senato. Parisi (Lincei): «Manca norma che renda dati disponibili a tutta la comunità scientifica»

«I dati che emergeranno dagli studi sierologici avviati devono essere resi disponibili al pubblico e alla comunità scientifica. La trasparenza è una questione di metodo scientifico per sviluppare un dibattito all’altezza. Nel Decreto manca però una norma che lo preveda». La richiesta è stata lanciata dal fisico e presidente dell’Accademia Nazionale dei Lincei Giorgio Parisi, in audizione in Commissione Sanità al Senato nell’ambito dei lavori sul Decreto Legge n.30/2020 denominato “Studi epidemiologici e statistiche su Sars-Cov-2” che ha dato avvio ai test sierologici su un campione di 150mila persone distribuite in duemila comuni italiani. Un’indagine epidemiologica su scala nazionale, “firmata” dal ministero della Salute e dall’Istat, in collaborazione con la Croce Rossa italiana che con i suoi volontari arriverà alle persone scelte per la campionatura.

Secondo Parisi è fondamentale capire come il virus si diffonda nei luoghi di lavoro, quali siano i luoghi di lavori più pericolosi e quanto si diffonda nelle scuole, soprattutto «nelle scuole d’infanzia e nelle scuole elementari dove i bambini interagiscono fortemente tra di loro».

Per il presidente dei Lincei è essenziale evitare una nuova ondata grave di contagi nei prossimi mesi e per far questo dovremo essere in grado di fare quanti più tamponi possibile: «In inverno – spiega Parisi – ogni giorno 500mila persone lamentano sintomi riconducibili al Covid come tosse o raffreddore. A novembre bisognerà essere in grado di fare dieci volte i tamponi che si fanno adesso».

LEGGI ANCHE: INDAGINE SIEROPREVALENZA, SPERANZA ALLA CROCE ROSSA: «CONOSCERE EPIDEMIA E’ IMPORTANTE PER AFFRONTARLA E VINCERLA»

Anche Filippo Anelli, presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici (FNOMCeO), ha lodato l’iniziativa del ministero della Salute volta a comprendere quante persone in Italia hanno sviluppato gli anticorpi al Covid-19, anche in assenza di sintomi, e a stimare le dimensioni e l’estensione dell’infezione. Anelli ha tuttavia suggerito alcune correzioni, come quella di «mettere i risultati dei test, anche in forma anonima e aggregata, e comunque nel rispetto della privacy, a disposizione del medico di medicina generale o pediatra di libera scelta che hanno in carico l’assistito per coinvolgerli pienamente anche negli ulteriori passaggi e accertamenti da attivare».

Un impegno che si prospetta importante anche in termini di tempo, lavoro e responsabilità per MMG e pediatri ma, fa notare Anelli, «allo stato attuale, all’interno di questo provvedimento, non è previsto alcun fondo ad hoc da destinarsi per tale fattispecie».

Maria Rosaria Gualano, professore associato di Igiene e Medicina Preventiva all’Università di Torino, ha ricordato invece come in tutti i casi questi test, al momento, non conferiscano alcuna patente d’immunità: «Noi andiamo a capire se ci sono le IgG che danno immunità a lungo termine e che vengono prodotte nella seconda settimana di malattia, ma non sappiamo quanto possa durare la presenza di questi anticorpi».

«L’esempio spagnolo – ha ricordato Gualano – ha rilevato che su 61mila testati la percentuale di persone con le IgG è stata del 5%. Una percentuale bassa, confermata anche dal dato della Svezia, un Paese che pure ha attuato una diversa politica di contenimento del virus: a Stoccolma, la città più colpita, la percentuale di popolazione con anticorpi è stata del 7,3%».

LEGGI ANCHE: COVID-19 E HCV, LA PROPOSTA: «ABBINARE AI TEST SIEROLOGICI GLI SCREENING PER L’EPATITE C»

Per Massimiliano Boggetti, presidente di Confindustria Dispositivi Medici, è importante che «venga fatto uno studio sui test diagnostici disponibili per Covid-19 e che vengano stabiliti i criteri di accettabilità in termini di sensibilità e specificità in modo da aprire il più possibile a diversi fornitori».

Secondo Boggetti «si tratta di una protezione necessaria per il nostro Paese perché affidarci ad un unico fornitore può generare una forte dipendenza e mettere il nostro Paese in una situazione di crisi di approvvigionamento». Boggetti, parlando di studi epidemiologici e statistiche su Sars-CoV-2 e del relativo provvedimento al riguardo, rileva oggi una «grande disomogeneità di approccio sul territorio», mentre a suo avviso quando ci si muove verso questi studi epidemiologici serve «che ci sia un coordinamento fra ciò che a livello centrale si pensa di fare e quello che le Regioni stanno facendo».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»
Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»
Formazione ECM: «Fino a 6 mesi di sospensione per chi non è in regola»
Rossi (OMCeO Milano): «Mancato aggiornamento rischioso da un punto di vista medico legale e assicurativo». Boldrini (Pd): «La formazione continua è diventata ancora più importante con il Covid». Filippini (OPI Varese): «Sarà necessario agire con un sistema punitivo anche se non ci piace»
ECM, i vertici della sanità: «Nessuna proroga. Provvedimenti amministrativi per chi non sarà in regola»
Monaco (FNOMCeO): «Mettersi in regola per evitare sanzioni». Bartoletti (Fimmg): «Dura lex sed lex, se ci sono sanzioni l’Ordine le applica». Amato (OMCeO Palermo): «Nel momento in cui arriveranno le lettere dal Co.Ge.A.P.S dovremo procedere». Mangiacavalli (Fnopi): «No a nuovo allargamento maglie: si svilirebbe il senso della formazione continua»
Medici contro l’ipotesi di usare gli infermieri come «supplenti» degli mmg
La Fnomceo e la Cimo-Fesmed rispondono all'assessore della Lombardia Letizia Moratti, secondo la quale gli infermieri potrebbe sostituire e contribuire alla carenza di medici di famiglia
di Redazione
Quarta dose al palo, Anelli (Fnomceo): «Medico torni a essere punto di riferimento»
La quarta dose stenta a decollare. Per il presidente della Fnomceo, Filippo Anelli, solo restituendo al medico le sue competenze è possibile rilanciare il secondo richiamo
di Valentina Arcovio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 12 agosto, sono 588.479.576 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.430.693 i decessi. Ad oggi, oltre 12 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Salute

Troppi malori improvvisi tra i giovani, uno studio rivela la causa

Alessandro Capucci, professore ordinario di malattie dell’apparato cardiovascolare, spiega come un eccesso di catecolamine circolanti possa determinare un danno cardiaco a volte fatale
Covid-19, che fare se...?

Per quanto tempo si rimane contagiosi?

È la domanda da un milione di dollari, la cui risposta può determinare le scelte sulla futura gestione della pandemia. Tuttavia, non c'è una riposta univoca...