Salute 25 Maggio 2020

Al via i test sierologici del Ministero della Salute per 150 mila italiani

In collaborazione con Istat, i selezionati sono stati scelti da duemila comuni diversi. A conclusione della raccolta dati si avrà una fotografia epidemiologica dell’Italia

Inizia da oggi l’indagine di sieroprevalenza promossa in tutta Italia da Ministero della Salute e Istat con la collaborazione di Croce Rossa Italiana. L’obiettivo è indagare quante persone abbiano sviluppato anticorpi contro l’infezione da Sars-Cov-2, pur essendo asintomatici.

Il test con prelievo ematico verrà effettuato su un campione di 150 mila persone provenienti da duemila comuni sparsi in tutto il Paese. I selezionati saranno contattati telefonicamente e potranno scegliere liberamente se aderire o meno, se d’accordo potranno poi concordare un appuntamento per effettuare il prelievo. Ogni candidato verrà prima sottoposto a un questionario predisposto da Istat con il Comitato tecnico-scientifico.

I risultati saranno diffusi dalla regione di appartenenza, privatamente a ogni partecipante, tramite numero d’identificazione personale. In caso di esito positivo, il singolo dovrà porsi in isolamento preventivo e contattare la propria Asl per un tampone naso-faringeo che verifichi l’effettiva infettività. Il risultato totale dell’indagine sarà invece diffuso in forma anonima e aggregata, in modo da poter essere utilizzato per studi scientifici e per un confronto con altri Paesi.

LEGGI ANCHE: CONFERENZA ISS: «RT SOTTO 1 IN TUTTA ITALIA MA IN AUMENTO QUOTA ASINTOMATICI. VACCINO NON PRIMA DELLA PRIMAVERA 2021»

L’indagine rientra nelle misure urgenti approvate nel decreto dello scorso 10 maggio dal presidente del Consiglio Giuseppe Conte, per poter conoscere e controllare il prima possibile la situazione epidemiologica del Paese. «È fondamentale che le persone selezionate aderiscano – si legge in un comunicato del Ministero dalla Salute – per ottenere risultati affidabili e utili».

Nel frattempo proseguono in Italia i test sierologici prenotabili privatamente dai singoli cittadini. In Lombardia già da una settimana le cliniche private si sono attivate, mentre nel Lazio sarà l’Ospedale San Giovanni a iniziare per primo, ora che l’indagine sul personale sanitario è conclusa.

Dal viceministro alla Salute Pierpaolo Sileri, intanto, è arrivato l’invito a sottoporsi ai test con «criterio e razionalità». In questo avranno un ruolo centrale i medici di famiglia che, secondo Sileri, dovranno consigliare ai pazienti quando procedere o meno. «Come per un qualsiasi esame diagnostico», ha aggiunto.

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Nuovo report cabina di regia: «Ancora un aumento dei casi. Mantenere misure di precauzione ed evitare assembramenti»
«Il grande impegno di tutta la popolazione nella fase di riapertura ed il mantenimento di misure rigorose permette oggi di avere un impatto più contenuto sulla salute della popolazione e sul sistema sanitario rispetto ad altri paesi europei»
Il video dell’Oms per raccontare la reazione italiana a Covid-19: «Il Paese non si è arreso»
Una raccolta di immagini che sviscera tutto quello che è accaduto in questi mesi, dai primi casi alle difficoltà del lockdown. L'Organizzazione mondiale della Sanità parla dell'esempio dell'Italia con alcuni esperti, da Locatelli a Brusaferro. Speranza: «Non vanificare i sacrifici fatti»
E se il nuovo coronavirus non fosse così nuovo?
Emergono alcuni studi che mostrano una risposta immunitaria in pazienti non toccati dal Covid-19. Alessandro Sette (La Jolla Institute, California): «Si tratta di linfociti T e questo non basta, non si è immuni»
di Tommaso Caldarelli
Fondazione Senior Italia, al via la campagna Festa dei Nonni
Il Premio “Festa dei Nonni 2020” alla memoria di medici e infermieri deceduti nella lotta al Covid. Premiati anche i nipotini che non hanno lasciato soli i nonni nelle RSA, gli psicologi dell’emergenza e i volontari di Croce Rossa Italiana e Protezione Civile
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 25 settembre, sono 32.234.685 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 983.042 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 25 settembre: Ad oggi in...
Salute

Covid, Cavanna: «Casi severi in aumento, riabilitare l’idrossiclorochina. Pazienti vaccinati sembrano avere prognosi migliore»

L’oncologo famoso in tutto il mondo per le sue cure anti Covid a domicilio spiega: «Estate tranquilla ma ora qualcosa è cambiato». Presto sarà pubblicato uno studio sulla sua metodologia di cura...
Formazione

Test di Medicina 2020, ecco come è andata: la cronaca dalle università di Roma, Firenze, Milano, Napoli e Bari

Oltre 66 mila candidati per 13.072 posti disponibili. Tra speranze, sogni, proteste e irregolarità, anche quest’anno il Test di medicina ha fatto parlare di sé. Pubblicate le risposte corrette al ...