Salute 18 Maggio 2020

Test sierologici privati in Lombardia, migliaia di prenotazioni e prime positività

Multimedica, rete di strutture che ha messo a disposizione i test, informa: 18% ha IgG e 5,5% IgM. Poliambulanza Brescia: su 688 test, 50 con IgG

È corsa al test sierologico in Lombardia e, con le prime centinaia di test eseguiti, arrivano le prime positività agli anticorpi per Sars-CoV-2. Dopo il via libera della Regione alla possibilità di eseguirli in laboratori privati, le prenotazioni sono arrivate a migliaia e alcuni centri sono stati costretti a bloccare le agende.

Il Gruppo MultiMedica è stato il primo a rendere disponibili i test in quattro presidi lombardi: l’ospedale San Giuseppe a Milano, l’Irccs MultiMedica a Sesto San Giovanni, l’ospedale MultiMedica a Castellanza (Varese) e il MultiMedica di Limbiate (Monza Brianza). Dallo scorso mercoledì sono stati testati 1.367 cittadini, per la maggior parte tra Milano e Sesto. Tra i primi avventori, raccontano dopo aver rilevato i primi dati, persone di ogni età, genere e sesso molto ben informate sui test.

LEGGI ANCHE: AUDIZIONI IN PARLAMENTO, GLI ESPERTI FANNO IL PUNTO SULL’EVOLUZIONE DELL’EPIDEMIA, LA SIEROPREVALENZA, LA TERAPIA AL PLASMA E I VACCINI 

Nei sierologici si va a indagare la presenza di anticorpi IgG, che arrivano nel sangue dopo alcune settimane dalla malattia e tracciano un contatto precedente con il virus, e di anticorpi IgM, immunoglobuline di prima risposta al virus che compaiono quando l’infezione è recente o ancora in atto. Nei primi tre giorni di test, MultiMedica ha rilevato positività alle IgG per il 18% dei casi, mentre per le IgM del 5,5% su soggetti per la maggior parte totalmente asintomatici.

Venerdì 15 maggio è stato il primo giorno di testing anche per il Centro medico Santagostino, che aveva già ricevuto oltre 4 mila prenotazioni. «Dopodiché sono state bloccate, perché – spiegano dal centro – i test vengono erogati anche sulla base del 10% di tamponi che devono essere messi a disposizione. Si aspetterà dunque fino a martedì-mercoledì prossimo per capire la situazione del laboratorio e degli approvvigionamenti».

LEGGI ANCHE: FASE 2, ZAMPA (SOTTOSEGRETARIO SALUTE): «SERVE RISPOSTA IMMEDIATA DELLA MEDICINA DEL TERRITORIO. TEST SIEROLOGICI SERVONO A POCO»

Anche la Fondazione Poliambulanza di Brescia, ospedale multispecialistico privato no profit, convenzionato con il Sistema sanitario nazionale, ha raccolto le prime positività agli anticorpi. Le percentuali in questo caso sono inferiori a quelle di Milano, nonostante la zona bresciana sia tra le più colpite. Sono arrivate fino a 5 mila prenotazioni e sui primi 688 test sono 50 quelli con IgG positive.

Sulle prime positività la Fondazione Poliambulanza ha già eseguito 30 tamponi nello stand drive-through appositamente allestito all’esterno della struttura. I rimanenti sono previsti oggi. Oltre 2 mila quelli prenotati in contesto aziendale. «Per l’esecuzione dei test sierologici – spiega Alessandro Triboldi, Direttore Generale di Fondazione Poliambulanza – offriamo il sistema Abbott, selezionato dal Ministero della Salute, che garantisce un’affidabilità del 96%. Abbiamo privilegiato il servizio nei contesti aziendali, da tempo infatti aziende e relativi medici di medicina del lavoro ci avevano contattato per poter avviare percorsi di screening per meglio organizzare la ripresa delle attività».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid, medici del territorio senza tutele né indennizzi in caso di contagio. Le reazioni dei sindacati
SMI: «Inail e assicurazioni private prevedano copertura». FISMU: «Nostra denuncia caduta nel dimenticatoio»
Miocardite e Covid-19: curato sedicenne al San Matteo di Pavia
Il ragazzo, ricoverato per miocardite acuta, era positivo al SARS-CoV-2 ma ha mai avuto sintomi o segni della malattia. Il caso clinico oggetto di una pubblicazione sulla prestigiosa rivista scientifica “The Lancet”
Insonnia post-lockdown, Plazzi (neurologo): «La vita sociale è un sincronizzatore fondamentale del sonno, ma la pandemia lo ha compromesso»
«Per poter parlare di insonnia è necessario che il soggetto che ne soffre lamenti dei problemi anche durante il giorno: disturbi dell’attenzione, della memoria, irritabilità e, in casi più rari, anche sonnolenza diurna»
di Isabella Faggiano
L’appello delle Società scientifiche: «Rischio cessato? Non ci sono basi scientifiche. Mantenere misure»
Un network di società scientifiche raccoglie l'appello della Simit contro il virus: «Non è virus più o meno aggressivo, è risposta singolo umano più o meno efficace»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 6 luglio, sono 11.451.030 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 534.320 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 5 luglio: nell’ambito del ...
Diritto

Pensioni, la Cassazione: «Necessaria richiesta per lavorare fino a 67 anni». Altrimenti due anni di attesa per il primo assegno

Il rischio per il lavoratore è di essere sollevato dall’incarico al compimento dei 65 anni, senza ricevere la pensione. Possibile eccessiva riduzione degli organici in sanità
Salute

Rebus idrossiclorochina: arma anti-Covid o farmaco pericoloso? L’inchiesta di Sanità Informazione

Dopo lo studio ritirato da Lancet, l’OMS ha riavviato i test clinici. In Italia aumentano i medici che sperano nel farmaco e chi l’ha usata ‘sul campo’ la promuove. Cauda (Gemelli): «Può ave...