Salute 18 Maggio 2020 10:33

Test sierologici privati in Lombardia, migliaia di prenotazioni e prime positività

Multimedica, rete di strutture che ha messo a disposizione i test, informa: 18% ha IgG e 5,5% IgM. Poliambulanza Brescia: su 688 test, 50 con IgG

È corsa al test sierologico in Lombardia e, con le prime centinaia di test eseguiti, arrivano le prime positività agli anticorpi per Sars-CoV-2. Dopo il via libera della Regione alla possibilità di eseguirli in laboratori privati, le prenotazioni sono arrivate a migliaia e alcuni centri sono stati costretti a bloccare le agende.

Il Gruppo MultiMedica è stato il primo a rendere disponibili i test in quattro presidi lombardi: l’ospedale San Giuseppe a Milano, l’Irccs MultiMedica a Sesto San Giovanni, l’ospedale MultiMedica a Castellanza (Varese) e il MultiMedica di Limbiate (Monza Brianza). Dallo scorso mercoledì sono stati testati 1.367 cittadini, per la maggior parte tra Milano e Sesto. Tra i primi avventori, raccontano dopo aver rilevato i primi dati, persone di ogni età, genere e sesso molto ben informate sui test.

LEGGI ANCHE: AUDIZIONI IN PARLAMENTO, GLI ESPERTI FANNO IL PUNTO SULL’EVOLUZIONE DELL’EPIDEMIA, LA SIEROPREVALENZA, LA TERAPIA AL PLASMA E I VACCINI 

Nei sierologici si va a indagare la presenza di anticorpi IgG, che arrivano nel sangue dopo alcune settimane dalla malattia e tracciano un contatto precedente con il virus, e di anticorpi IgM, immunoglobuline di prima risposta al virus che compaiono quando l’infezione è recente o ancora in atto. Nei primi tre giorni di test, MultiMedica ha rilevato positività alle IgG per il 18% dei casi, mentre per le IgM del 5,5% su soggetti per la maggior parte totalmente asintomatici.

Venerdì 15 maggio è stato il primo giorno di testing anche per il Centro medico Santagostino, che aveva già ricevuto oltre 4 mila prenotazioni. «Dopodiché sono state bloccate, perché – spiegano dal centro – i test vengono erogati anche sulla base del 10% di tamponi che devono essere messi a disposizione. Si aspetterà dunque fino a martedì-mercoledì prossimo per capire la situazione del laboratorio e degli approvvigionamenti».

LEGGI ANCHE: FASE 2, ZAMPA (SOTTOSEGRETARIO SALUTE): «SERVE RISPOSTA IMMEDIATA DELLA MEDICINA DEL TERRITORIO. TEST SIEROLOGICI SERVONO A POCO»

Anche la Fondazione Poliambulanza di Brescia, ospedale multispecialistico privato no profit, convenzionato con il Sistema sanitario nazionale, ha raccolto le prime positività agli anticorpi. Le percentuali in questo caso sono inferiori a quelle di Milano, nonostante la zona bresciana sia tra le più colpite. Sono arrivate fino a 5 mila prenotazioni e sui primi 688 test sono 50 quelli con IgG positive.

Sulle prime positività la Fondazione Poliambulanza ha già eseguito 30 tamponi nello stand drive-through appositamente allestito all’esterno della struttura. I rimanenti sono previsti oggi. Oltre 2 mila quelli prenotati in contesto aziendale. «Per l’esecuzione dei test sierologici – spiega Alessandro Triboldi, Direttore Generale di Fondazione Poliambulanza – offriamo il sistema Abbott, selezionato dal Ministero della Salute, che garantisce un’affidabilità del 96%. Abbiamo privilegiato il servizio nei contesti aziendali, da tempo infatti aziende e relativi medici di medicina del lavoro ci avevano contattato per poter avviare percorsi di screening per meglio organizzare la ripresa delle attività».

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Sostegni Bis, Ianaro (M5S): «Emendamento per prevedere sequenziamento Covid nelle strutture sanitarie»
«L’attività di sequenziamento ha consentito al mondo di identificare rapidamente il virus del Covid 19 ed è fondamentale un continuo monitoraggio della situazione epidemiologica per evitare il sovraccarico delle strutture ospedaliere che da oltre un anno sono sottoposte a stress indicibili. Purtroppo è molto carente e poco integrata nel nostro Servizio sanitario nazionale e per […]
Covid, nuovo report Cabina di regia: «Continua calo incidenza». Da lunedì solo Vda in zona gialla
Pubblicato il report settimanale di ISS-Ministero Salute: tutte le Regioni e Pa hanno Rt compatibile con scenario di tipo 1
Covid e autopsie, perché sono state vietate ad inizio pandemia?
Fineschi (Sapienza): «Autopsie momento fondamentale dal punto di vista diagnostico». Ricci (Univ. Magna Graecia): «Con autopsie possibile distinguere tra morti di Covid e con Covid»
Via libera alla Certificazione verde Covid-19 in Italia
L’Italia anticipa la diffusione del documento digitale che rende più semplice l'accesso ad eventi e strutture in Italia e che faciliterà dal 1° luglio gli spostamenti in Europa. Tutte le informazioni
Allarme SIRU: «Natalità in calo, ritorniamo a prenderci cura della fertilità»
Antonino Guglielmino, presidente della SIRU: «Recuperiamo visite e interventi rimandati, ma soprattutto creiamo iniziative a favore del grave calo di desiderio di genitorialità»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 18 giugno, sono 177.438.001 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.842.377 i decessi. Ad oggi, oltre 2,48 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM