Lavoro 27 Luglio 2022 17:17

Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»

Anelli: «L’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità»

Appello FNOMCeO a tutte le forze politiche: «Rilanciare il Servizio sanitario nazionale»

Un appello a tutti i partiti affinché inseriscano il rafforzamento del Ssn tra i punti del programma elettorale. A lanciarlo è stato Filippo Anelli, Presidente della, la Federazione nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (FNOMCeO). «Avevamo in corso un’interlocuzione con il Governo sulla situazione lavorativa dei medici, sui tetti di spesa, sulla carenza di personale – spiega Anelli – su tutti quei motivi di malessere e disagio che abbiamo sintetizzato come “Questione medica” e che si ripercuotono sulla qualità dell’assistenza, in ospedale e sul territorio. Ora l’auspicio è che il nuovo Parlamento e il nuovo Governo siano sempre attenti alle tematiche relative alla salute dei cittadini e al lavoro dei professionisti della sanità. Anzi, è ben più che un auspicio: è condizione imprescindibile per garantire la tenuta del nostro Servizio Sanitario nazionale pubblico, equo, universalistico e uguale per tutti».

Le 10 priorità

Secondo la FNOMCeO sono 10 le priorità che gli schieramenti politici dovrebbero porre in cima all’agenda. Per prima, la carenza di medici specialisti e di medicina generale, evidenziata dall’Annuario statistico del Servizio sanitario nazionale riferito all’anno 2020 e pubblicato dal ministero della Salute. Per risolverla, occorre eliminare il tetto di spesa per il personale, riferito al 2004, e raddoppiare e aumentare l’attrattività per le borse per la Formazione specifica in Medicina Generale. Occorre inoltre mantenere per i prossimi anni, e mettere a sistema con un dispositivo di legge, la corrispondenza tra il numero delle lauree in medicina e i posti nelle Scuole di Specializzazione e al Corso di Formazione per la Medicina Generale. Nell’attesa che i nuovi professionisti siano formati, è necessario il riconoscimento, a livello normativo, delle attività professionalizzanti e assistenziali degli specializzandi. Con questi accorgimenti, sarà possibile impostare una corretta programmazione degli organici, sia per il personale dipendente che convenzionato, per i prossimi dieci anni.

Risolvere il problema delle disuguaglianze di salute e intervenire sulla drammatica situazione dei Pronto soccorso

Poi, va risolto, una volta per tutte, il problema delle disuguaglianze di salute. Tra Nord e Sud, tra Centro e Periferia, persino tra Asl e Asl, su uno stesso territorio. Per far questo, servono risorse e servono riforme. Va sbloccato il Piano operativo nazionale (Pon) sulla Salute con i 625 milioni destinati alla sanità del Mezzogiorno. Occorre inoltre intervenire sulla mobilità sanitaria, istituendo una “Rete sovranazionale delle competenze”, per cui a spostarsi siano i professionisti, e non più i cittadini. Si deve intervenire, in maniera urgente e con provvedimenti straordinari, sulla drammatica condizione dei Pronto Soccorso, del 118, della Medicina di Emergenza-Urgenza declinata in ambito ospedaliero e territoriale. Sul territorio, va potenziata l’attività dei Medici di Medicina Generale, affiancandoli con personale amministrativo e di studio e con altri professionisti, prevedendo un aumento del Fondo aziendale dei fattori produttivi.

Garantire a medici e professionisti sanitari la piena sicurezza sul lavoro

Va garantita ai medici e ai professionisti sanitari, ovunque esercitino, la piena sicurezza sul lavoro, anche con la prevenzione e la repressione delle aggressioni, in ottemperanza alla Legge. Il burnout deve essere riconosciuto come malattia professionale. Occorre uno stanziamento straordinario al fine di arrivare ai rinnovi dei Contratti Collettivi Nazionali di Lavoro e degli Accordi Collettivi Nazionali. Va inoltre risolto il problema delle liste d’attesa, con l’aumento del personale, la gestione delle cronicità sul territorio, il completamento orario per il pieno utilizzo di tutte le risorse professionali convenzionali del Servizio sanitario nazionale sul territorio, aumentando ad esempio il monte ore della specialistica ambulatoriale convenzionata e accreditata. Occorre prevedere, per il personale medico dipendente del privato, accordi contrattuali omogenei ed equiparati al settore pubblico, garantendo una adeguata dotazione qualitativa e quantitativa degli organici. Va implementato il Fondo sanitario nazionale, per migliorare la qualità dell’assistenza e per coprire le maggiori spese dovute all’innalzamento dell’età media della popolazione e all’aumento delle malattie croniche.

In conclusione, il riconoscimento dell’autonomia delle Professioni e del ruolo dei professionisti. È necessaria una semplificazione dei procedimenti burocratici per la prescrizione di farmaci, come la compilazione dei piani terapeutici, e delle procedure autorizzative per l’esercizio della libera professione. Occorre valorizzare il ruolo sociale del medico anche attraverso provvedimenti normativi, assicurare maggiore incisività alla Professione medica nella Governance del Servizio Sanitario nazionale, tutelare l’atto medico nei processi di telemedicina.

Anelli «La pandemia di Covid ci ha mostrati i limiti ma anche i punto di forza del Ssn»

«Questi dieci punti essenziali sono mutuati, costituendone una sintesi, dal Manifesto sulla Questione Medica – conclude Anelli – firmato dalla FNOMCeO e da quindici sigle sindacali mediche e presentato alla Politica il 21 aprile scorso, alla presenza del Ministro della Salute Roberto Speranza e del Presidente della Conferenza delle Regioni, Massimiliano Fedriga. La pandemia di Covid ci ha mostrato i limiti, le fragilità ma anche i punti di forza del nostro Servizio sanitario nazionale, e del suo capitale umano. Ora la responsabilità di conservarlo, sostenerlo, promuoverlo passa nelle mani di coloro che si propongono per governare il nostro Paese. Come medici, come cittadini chiediamo a tutti i partiti un impegno, forte e chiaro, per il nostro Servizio sanitario nazionale. Un impegno che nasca dalla consapevolezza dell’importanza della Salute come diritto fondamentale dell’uomo e pilastro della nostra democrazia», conclude Anelli.

 

Iscriviti alla Newsletter di Sanità Informazione per rimanere sempre aggiornato

 

Articoli correlati
La Sanità è diventata un bene di lusso, cresce l’impoverimento delle famiglie
Secondo il 19° Rapporto del CREA Sanità "al Ssn servono 15 miliardi per non aumentare il distacco dal resto dell’UE, personale carente e sottopagato. Rispetto ai partner EU, il nostro Paese investe meno nella Sanità, aumenta la spesa privata ed è a rischio l’equità del sistema". Digitalizzazione necessaria per le “nuove cronicità"
Medici e cittadini contro la deriva del Ssn: manifestazioni il 15 giugno nelle piazze e sciopero in vista
Fermare la deriva verso cui sta andando il nostro Servizio sanitario nazionale, con liste di attesa lunghissime per accedere alle prestazioni, personale medico e infermieristico allo stremo, contratti non rinnovati e risorse insufficienti per far fronte all’invecchiamento progressivo della nostra popolazione e dunque della crescente richiesta di cure per malattie croniche. E’ l’appello che arriva […]
SSN, Camera approva mozioni. Quartini (M5S): «Investire almeno il 10% della spesa sanitaria in prevenzione»
Il capogruppo pentastellato in commissione Affari sociali boccia le politiche sulla sanità del governo Meloni: «Continua definanziamento, almeno 8% del PIL vada a spesa sanitaria». E contesta il numero chiuso a Medicina
Sanità, Cittadini (Aiop): «SSN pilastro fondamentale, Governo lo tuteli»
Secondo la presidente Aiop Cittadini «oltre ai problemi strutturali che affliggono il sistema da anni, la pandemia, la guerra russo-ucraina e la crisi energetica stanno mettendo in grande difficoltà il SSN e più volte abbiamo evidenziato il pericolo che si debba ricorrere al blocco delle prestazioni sanitarie a causa del caro bollette e di una crisi che investe a catena l’intero indotto del settore»
Oltre il 37% dei medici è pronto a lasciare il SSN per lavorare a gettone
Circa 4 medici su 10 sono pronti a lasciare il posto fisso in ospedale per lavorare come gettonisti. È il risultato emerso da un sondaggio flash proposto dalla Federazione CIMO-FESMED ad un campione di 1000 medici. Si rischia di dover celebrare presto il funerale del nostro Servizio sanitario nazionale
di Redazione
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Advocacy e Associazioni

Cirrosi epatica, i pazienti chiedono meno burocrazia e maggior accesso al teleconsulto

Nella nuova puntata di The Patient Voice, Ivan Gardini (EpaC Ets), Ilenia Malavasi (Affari Sociali) e Francesca Ponziani (Pol. Gemelli)
Politica

Liste d’attesa: nel decreto per abbatterle c’è anche la Carta dei diritti dei cittadini

Il Cup dovrà attivare un sistema di “Recall”. Il paziente che non si presenterà alla visita senza disdirla dovrà pagare la prestazione. Cambiano le tariffe orarie per ...
Politica

Liste di attesa addio? La risposta del Consiglio dei Ministri in due provvedimenti

Ieri il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente, Giorgia Meloni, e del Ministro della salute, Orazio Schillaci, ha approvato due provvedimenti, un decreto-legge e un disegno di legge, che i...
Salute

Tumori: boom di casi nei paesi occidentali. Cinieri (Aiom): “Prevenzione attiva per ridurre carico della malattia”

Nel 2024 negli USA, per la prima volta nella storia, si supera la soglia di 2 milioni di casi di tumore. Una crescita importante, comune a tutti i Paesi occidentali. Per Saverio Cinieri, presidente di...