Politica 19 Febbraio 2019

Studio Nazionale Fertilità, l’87% degli adolescenti si rivolge al “dottor Google”. Grillo: «Creare un database di notizie verificate, adatto a giovani e adulti»

La salute arriva tra i banchi di scuola, il ministro: «Di recente approvazione, in concerto con il Miur, un documento sugli indirizzi di policy integrate per gli istituiti scolastici che promuovono la salute».

di Isabella Faggiano
Immagine articolo

Se chiedete ad un giovane come immagina il suo futuro affettivo, in 8 casi su 10, vi risponderà “a crescere uno o più figli”. Un desiderio destinato, purtroppo, a dimezzarsi in età adulta, quando la spensieratezza adolescenziale lascerà spazio a problemi economici e di coppia, infertilità compresa. È solo un piccolo frame dello “Studio Nazionale Fertilità”, fotografia scattata dal ministero della Salute per raccogliere informazioni sulla sfera sessuale e riproduttiva degli italiani. L’indagine, conclusasi alla fine del 2018, ha passato al setaccio conoscenze e comportamenti sia della popolazione potenzialmente fertile, come adolescenti, studenti universitari e adulti in età riproduttiva, che professionisti sanitari, tra cui pediatri di libera scelta, medici di medicina generale, ginecologi, andrologi, endocrinologi, urologi e ostetriche. Il coordinamento dello studio è stato affidato all’Istituto Superiore di Sanità ed hanno partecipato, come unità operative, l’università la Sapienza di Roma, l’ospedale Evangelico Internazionale di Genova e l’università di Bologna.

In particolare, per tracciare il profilo dell’età adolescenziale è stato coinvolto un campione complessivo di più di 16 mila studenti tra i 16 ei 17 anni, di 482 scuole distribuite su tutto il territorio nazionale. «Tra tutti i dati emersi – ha detto il ministro della Salute Giulia Grillo – , ce ne sono alcuni che mi hanno particolarmente colpita. La maggior parte dei ragazzi cerca le informazioni in ambito sessuale e riproduttivo su internet e solo uno su 4 chiede consiglio in famiglia. Ovviamente – ha aggiunto il ministro pur non essendo possibile affidare solamente alla rete la diffusione delle informazioni, mi piacerebbe lavorare in questa direzione. Vorrei creare un database di notizie verificate, adatto sia ai giovani che agli adulti, considerando che ormai tutti utilizziamo internet per informarci».

E chissà che non sia proprio merito della rete se, in alcuni ambiti, la conoscenza è nettamente migliorata rispetto agli anni passati. I giovani hanno una maggiore consapevolezza sui fattori di rischio e sulle infezioni e malattie a trasmissione sessuale come l’epatite virale, la sifilide, la gonorrea, il papilloma virus o la clamidia. I consultori, invece, restano dei luoghi sconosciuti, o quasi, frequentati dal 3% dei ragazzi e dal 7% delle adolescenti. Tra i metodi contraccettivi il preservativo e la pillola sono i più conosciuti, ma il 10% non fa uso di alcuna precauzione. Ma su una cosa sono tutti d’accordo: certi argomenti, per il 94% di coloro che hanno partecipato alla ricerca, dovrebbero essere affrontati tra i banchi di scuola. Ed proprio in risposta a questa esigenza che il ministero della Salute, in concerto con il Miur, ha messo a punto un documento sugli “indirizzi di policy integrate per la scuola che promuove la salute”. «Credo che l’insegnamento nelle scuole su tematiche legate alla sessualità riproduttiva – ha spiegato il ministro Grillo – possa fornire un punto fermo di informazioni certe e verificate. Speriamo che da questo protocollo d’intesa con il Miur nasca la strada per insegnare la salute nelle scuole e che da lì, poi, si possa dedicare un intero capitolo alla sfera della riproduzione».

Lo “Studio Nazionale Fertilità” ha coinvolto anche 20 mila individui in età fertile, tra 18 e i 49 anni. Utilizzando il sistema PASSI (un progetto del ministero della Salute e delle Regioni/P.A. nato per monitorare i fattori comportamentali di rischio e i programmi di prevenzione delle malattie croniche, ndr) è stato possibile raccogliere, per la prima volta, dati nazionali sulla propensione alla riproduzione, sulla conoscenza della fisiologia della fertilità e sull’eventuale accesso ai servizi sanitari in tema di fertilità nella popolazione adulta italiana. Argomenti sui quali la maggior parte degli italiani dovrebbe prendere ripetizioni: solo il 5% è consapevole che le possibilità biologiche per una donna di avere figli iniziano a ridursi già dopo i 30 anni. E che l’età giochi un ruolo importante anche per la fertilità maschile è un fatto ignorato dall’87% degli intervistati.

Molto più preparati su queste tematiche medici e professionisti sanitari, anche se non specialisti della materia. Qualche lacuna da colmare per i pediatri di libera scelta sull’importanza delle vaccinazioni per preservare la capacità riproduttiva o sui rischi collegati ad obesità ed eccessiva magrezza. I medici di medicina generale, invece, hanno necessità di una maggiore formazione sull’importanza di prescrivere acido folico a tutte le donne che manifestano un desiderio di gravidanza e sulle tempistiche per avviare i pazienti ad esami sull’infertilità. Quasi tutti promossi gli specialisti. Interpellati ginecologi, andrologi, urologi e endocrinologi: 3 professionisti su 4 hanno risposto correttamente alle domande. Persistono alcuni errori di prescrizioni, come terapie per l’infertilità maschile o pratiche chirurgiche femminili ritenute inappropriate dalle più recenti linee guida. È generalizzato, infine, un eccessivo ottimismo sulla possibilità offerte dalla Procreazione medicalmente assistita, con il rischio di provocare inutili aspettative in quelle coppie la cui infertilità non può essere risolta.

 

Articoli correlati
Coronavirus, Bassetti (Sita): «Con questi numeri non è pandemia». Russo (FI): «Occasione per ribadire centralità medico»
Alla Camera il convegno promosso dall’associazione Giuseppe Dossetti – I valori: «Basiamoci su una medicina fondata sulle evidenze e non sugli allarmi. Il Case Fatality Rate è del 2,3%». «È necessario che i medici imparino a comunicare meglio», ha detto il presidente dell'OMCeO Roma Antonio Magi
di Tommaso Caldarelli
Coronavirus, Consulcesi: «Proteggere operatori sanitari anche dalle psicosi»
Il presidente Tortorella: «Scienza prevalga su cattiva informazione ma media, istituzioni, politici e anche aziende facciano la loro parte senza paralizzare il Paese: sarebbe grave errore bloccare le frontiere Italia-Svizzera. Nella nostra realtà tutti al lavoro regolarmente anche in Ticino per garantire ai camici bianchi il massimo supporto»
Ordini professionali, in Parlamento si cerca di rinviare il limite dei due mandati. Grillo (M5S): «Idea insulsa»
Il meccanismo previsto dalla legge Lorenzin impedirebbe a quasi il 60% degli attuali presidenti degli Ordini dei Medici di ricandidarsi alla stessa carica. Un emendamento al Milleproroghe ha tentato di annullare, ai fini del computo dei mandati, quelli svolti prima dell’entrata in vigore della legge. Il testo è poi stato ritirato, ma l’ex ministro della Salute Giulia Grillo avverte: «Ci riproveranno»
Covid-19, Gismondo (Sacco): «Il virus ha fatto tanto scalpore e pochi morti. Basta fake news che creano panico»
Al convegno organizzato dall’Ordine dei Commercialisti di Milano l’Ambasciata italiana, in collegamento da Pechino, rassicura i presenti. Gasbarra (ODCeC Milano): «Lenta ripresa economica in Cina, tiriamo un sospiro di sollievo»
di Federica Bosco
Coronavirus, Umberto I di Roma: «No a fake news. Registrati solo due casi negativi»
L’allarme coronavirus comincia a generare le prime psicosi. La Direzione Sanitaria dell’ospedale Umberto I di Roma si è trovata costretta a smentire tassativamente una fake audio diffusa via whatsapp. «Nell’audio inviato da una sedicente infermiera del Policlinico Umberto I di Roma – si legge nella nota diramata dall’ospedale romano – si parla di 27 casi […]
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Lavoro

Riscatto agevolato della laurea, l’esperto: «Ecco cosa cambia dopo circolare INPS»

Anche chi ha studiato prima del 1996 può richiederlo. Tomi (F.F.S. S.r.l. e collaboratore di Consulcesi & Partners): «Possibile riscattare fino a 5 anni di studi universitari versando la somma di 5....
Salute

Coronavirus e Sars, la storia che si ripete. Ecco cosa è successo nel 2003

Anche la Sindrome Acuta Respiratoria Grave si diffuse dalla Cina al resto del mondo con le stesse modalità. La patologia causò 800 morti
Non Categorizzato

La diffusione del Coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 26 febbraio 2020 sono 81.005 i casi di Covid-19 confermati in tutto il mondo. I pazienti guariti e dimessi dagli ospedali sono 30.116 mentre i morti sono 2.762. I CASI IN ITALIA Bollettino delle o...