Salute 11 Maggio 2020

Storie di speranza: Gabriella, malata di leucemia, sconfigge il Covid grazie alla terapia al plasma

«Ho pensato di non farcela, poi la scelta di far parte della sperimentazione. Dopo una sacca ho ripreso a respirare, dopo due i tamponi sono risultati negativi e cosa assai sorprendente l’emoglobina è salita a 10»

di Federica Bosco

Rinascere grazie alla terapia al plasma. Per Gabriella Vigo, 64 anni, la sensazione provata dopo aver preso parte alla sperimentazione del Policlinico San Matteo di Pavia e superato il Covid è stata proprio questa, come lei stessa ci ha raccontato al rientro a casa dopo 12 giorni trascorsi in ospedale in una tempesta emotiva, tra paura di non farcela e desiderio di tornare dalla famiglia.

«Quando sono stata colpita dal virus ero già in una situazione precaria – ci spiega -. Avevo avuto un infarto lo scorso giugno con scompensi cardiaci ed ho fatto molta fatica a riprendermi. Poi tre mesi dopo si è risvegliata la leucemia linfatica cronica, quindi hanno dovuto sottopormi alle terapie presso la clinica ematologica perché dovevano fermare questa malattia».

Un percorso in salita che porta la donna in ospedale ogni tre giorni per le trasfusioni, con la paura di contrarre il Covid che, nelle sue condizioni, avrebbe potuto essere fatale. Guanti, mascherina e tanta attenzione non bastano però ad evitare il contagio. Una sera la febbre sale a 39 gradi e così Gabriella si trova a combattere l’ennesima battaglia per la vita, questa volta più grande e difficile.

LEGGI ANCHE: COVID-19 E TERAPIA AL PLASMA, FACCIAMO CHIAREZZA CON IL PRESIDENTE DEL POLICLINICO SAN MATTEO: «TUTTI GUARITI I PAZIENTI TRATTATI A PAVIA E MANTOVA»

«Mi hanno ricoverata – ricorda la donna -, ho fatto gli esami del sangue e il tampone e in serata mi hanno dato la notizia della positività al Covid. Dopo tutto quello che avevo sentito e considerate le mie patologie pregresse, ho pensato di non farcela. Con il nodo alla gola avrei voluto rifiutare qualsiasi trattamento perché avevo già sofferto troppo».

Le parole di incoraggiamento della figlia Martina e del marito Angelo danno forza a Gabriella, ma la speranza arriva quando apprende da un’altra paziente l’esistenza della terapia al plasma, e chiede di far parte della sperimentazione.

«Quando il dottore è venuto a farmi visita ho subito chiesto informazioni sulla terapia del plasma – ammette la donna che non risparmia ringraziamenti e parole di elogio per i suoi angeli del San Matteo – e senza pensarci due volte gli ho chiesto di farne parte perché in cuor mio sapevo che era l’unica possibilità per sopravvivere. Non appena ho firmato il consenso però ho avuto un attacco violento, ho iniziato a non respirare più e tutto questo ha accelerato i tempi. Dopo essere stata per ore sotto il casco di ossigeno, ho ricevuto la prima di tre sacche di plasma previste dalla sperimentazione. 600 ml che guardavo scendere lentamente in vena mentre tutta la mia vita scorreva veloce tra mille pensieri. Qualcosa da subito però mi diceva che quella sarebbe stata la strada della mia salvezza».

«E devo dire che dopo il primo giorno ho avvertito subito un miglioramento, i valori erano tornati nella norma, mi hanno abbassato l’ossigeno, riuscivo a respirare da sola. Dopo un giorno e mezzo mi hanno fatto la seconda sacca e da quel momento sono rinata. Mi hanno fatto i due tamponi a distanza di qualche giorno il primo dal secondo. Entrambi sono risultati negativi, mentre mi sentivo forte come una roccia».

LEGGI ANCHE: TERAPIA AL PLASMA, DA ISS E AIFA STUDIO NAZIONALE PER VALUTARNE L’EFFICACIA

Due tamponi negativi sono il segnale che Gabriella ce l’ha fatta, grazie alla terapia del plasma ha sconfitto il Covid, ma la notizia più incoraggiante arriva dall’esame dell’emocromo: i medici comunicano che l’emoglobina è salita a 10, dato confermato anche nel successivo controllo in ematologia.

«Questa mattina ho fatto l’ennesimo controllo e tutto è risultato nella norma: globuli bianchi, emocromo, e addirittura l’emoglobina è salita a 10.8. A questo punto non so se pensare che la terapia del plasma sia una sorta di miracolo, oppure i miracoli esistono davvero».  Miracoli o no, di sicuro il merito di questo grande risultato spetta ad una terapia antica riscoperta per battere un virus sconosciuto e ad una squadra di medici che Gabriella definisce gli angeli del San Matteo: «Vivere a Pavia mi fa sentire sicura. Un istituto sanitario come il Policlinico è una garanzia, oggi più che mai».

 

ISCRIVITI ALLA NEWSLETTER DI SANITÀ INFORMAZIONE PER RIMANERE SEMPRE AGGIORNATO

Articoli correlati
Covid-19, Conte firma un nuovo DPCM: ecco cosa prevede e il testo completo
Bar e ristoranti chiusi dalle 18.00, didattica a distanza per il 75% delle attività alle superiori, giù le serrande di palestre e piscine. Conte: «I medici di famiglia saranno preziosi alleati nella strategia di contrasto al Covid-19. Sul tavolo c'è un rinnovo contrattuale che servirà anche a motivarli per coinvolgerli in nuovi compiti» 
Covid, Ecdc: «In Europa interventi inefficaci, situazione ad alto rischio. Servono misure immediate»
Situazione preoccupante secondo gli esperti del Centro europeo per il controllo delle malattie: le misure sono arrivate in ritardo e l'adesione non è stata ottimale
La Fimp replica a D’Amato: «Nel Lazio i Pediatri sono 757 e non 1100»
«Le critiche rivolte al nostro operato ci amareggiano, ma non ci abbattono perché il nostro ruolo e il nostro compito principale rimane quello di tutelare la salute dei bambini e di sostenere le famiglie» così il Segretario della F.I.M.P Teresa Rongai
«Futuri medici o solo studenti senza voce?»
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
di Sofia Salvetti, studentessa di Medicina
Cos’è la pandemic fatigue? L’esperto ci spiega perché ne soffre il 60% degli europei
Spossatezza e sfiducia nelle regole, nella seconda ondata tanti sentono la pandemic fatigue. Cosa succede nel nostro cervello? Il professor Vitiello (coordinatore "Lavoro" OdP Lazio) spiega come contrastarla
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

La diffusione del coronavirus in tempo reale nel mondo e in Italia

Al 23 ottobre, sono 41.705.699 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 1.137.333 i decessi. Mappa elaborata dalla Johns Hopkins CSSE.   I CASI IN ITALIA Bollettino del 23 ottobre: Ad oggi in I...
Contributi e Opinioni

«Tamponi Covid sui bambini: troppe prescrizioni che non tengono conto dei rischi intra-procedurali»

di prof. Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche all’Università degli Studi di Firenze
di Filippo Festini, Professore Associato di Scienze Infermieristiche generali, cliniche e pediatriche, Università di Firenze
Salute

Covid-19, chi sono e cosa devono fare i contatti stretti di un positivo? Il vademecum del Ministero della Salute

In quali casi si può parlare di "contatto stretto"? Il Ministero della Salute spiega tutte le possibili situazioni in cui ci si può trovare