Salute 21 Luglio 2020 16:35

Senza mascherine la distanza non basta, uno studio internazionale dimostra la potenza delle goccioline

Con la tosse viaggiano fino a 2,5 metri e un clima freddo ne aumenta la potenza. Un team di ingegneri studia per prevedere la distribuzione delle goccioline

Senza mascherine la distanza non basta, uno studio internazionale dimostra la potenza delle goccioline

Tossire o starnutire può inviarlo molto più lontano, specie se il clima torna freddo. Con l’umidità resta in aria anche più a lungo. Parliamo del virus SARS-CoV-2, che può essere veicolato dai “droplets”, goccioline che noi stessi emettiamo e che possono percorrere dai 2,4 ai 4 metri senza vento. Questa la scoperta di un team di ingegneri internazionali, pubblicata sulla rivista “Physics of Fluids“. La cui conclusione è che, senza mascherina, il distanziamento sociale potrebbe non bastare.

I ricercatori dell’Uc San Diego Jacobs School of Engineering, dell’Università di Toronto e dell’Indian Institute of Science, tutti esperti in aerodinamica e fisica delle “goccioline”, voglio prevedere quando il virus colpirà in base alla sua velocità di trasporto. Sono riusciti a creare un modello matematico utilizzabile per prevedere la diffusione di Covid-19, funzionale anche per altri virus virali.

GOCCIOLINE E TASSO DI COLLISIONE

Si tratta del primo modello basato sulla “teoria del tasso di collisione“, che esamina i tassi di interazione e di collisione di una nuvola di goccioline espirata da una persona infetta con persone sane. «Alla base di una reazione chimica c’è che due molecole si stanno scontrando. La frequenza con cui si scontrano ti darà la velocità con cui procede la reazione – spiega uno degli autori, Abhishek Saha, professore di ingegneria meccanica all’University of California San Diego -. Qui è esattamente lo stesso: la frequenza con cui le persone sane entrano in contatto con una nuvola di goccioline infette può essere una misura di quanto velocemente può diffondersi la malattia».

«La fisica delle goccioline dipende in modo significativo dal tempo», aggiunge Saha. «Se sei in un clima più freddo e umido, le goccioline da uno starnuto o di un colpo di tosse dureranno più a lungo e si diffonderanno più lontano che se ti trovi in ​​un clima caldo e secco, dove evaporeranno più velocemente. Noi abbiamo incorporato questi parametri nel nostro modello di diffusione dell’infezione e non ci risulta che sia stato fatto in modelli precedenti, per quel che sappiamo».

L’INFLUENZA DEL CLIMA

Il clima mostra dunque di avere un’influenza sulla distribuzione. A 35 gradi e con il 40% di umidità una gocciolina si sposta di quasi 2 metri e mezzo. Con l’80% di umidità e 5 gradi di temperatura, però, la distanza aumenta a 3,5 metri. Anche la dimensione conta: le goccioline di 14-48 micron presentano un rischio maggiore perché impiegano più tempo a evaporare e percorrono distanze maggiori. Le goccioline più piccole evaporano in una frazione di secondo, mentre le più grandi si depositano rapidamente sul terreno a causa del loro peso.

Una prova, per gli autori, dell’utilità delle mascherine in ogni caso. «Sono in corso anche una serie di esperimenti per studiare le goccioline respiratorie che si depositano sulle superfici comunemente toccate» ha annunciato Saptarshi Basu, professore all’Indian Institute of Science e coautore dello studio. Resta la speranza che un modello, costruito sempre più nel dettaglio, possa contribuire a dare una direzione ancora più chiara alle politiche di salute pubblica.

 

Articoli correlati
Via libera alla Certificazione verde Covid-19 in Italia
L’Italia anticipa la diffusione del documento digitale che rende più semplice l'accesso ad eventi e strutture in Italia e che faciliterà dal 1° luglio gli spostamenti in Europa. Tutte le informazioni
Allarme SIRU: «Natalità in calo, ritorniamo a prenderci cura della fertilità»
Antonino Guglielmino, presidente della SIRU: «Recuperiamo visite e interventi rimandati, ma soprattutto creiamo iniziative a favore del grave calo di desiderio di genitorialità»
Iannelli (FAVO): «Reddito di ultima istanza Covid riconosciuto ai lavoratori autonomi e liberi professionisti invalidi»
di Avv. Elisabetta Iannelli, Segretario Generale FAVO e V. Presidente Aimac
di Avv. Elisabetta Iannelli, Segretario Generale FAVO e V. Presidente Aimac
Covid-19, Palamara (ISS): «No a terrorismo su varianti, primo obiettivo rafforzare piano sequenziamenti»
La nuova direttrice del dipartimento malattie infettive dell’ISS tra i protagonisti dell'incontro "Infodemia da Covid-19: cronache di un’emergenza mediatica" organizzato dall'università Sapienza di Roma
Senior Italia FederAnziani: «Boom di calo dell’aderenza alla terapia negli anziani»
Messina: «Occorrono nuove forme di supporto per migliorare la presa in carico del paziente e l’aderenza terapeutica, sfruttando le potenzialità delle nuove tecnologie»
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 17 giugno, sono 177.043.245 i casi di coronavirus in tutto il mondo e 3.833.075 i decessi. Ad oggi, oltre 2,44 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&...
Cause

Medico condannato a pagare 25mila euro di provvisionale. L’Azienda lo lascia solo

Dopo una condanna in sede penale di primo grado, un camice bianco ha chiesto sostegno alla direzione sanitaria, che gliel’ha negato: «Quel che è successo a me potrebbe succedere a t...
Ecm

Professionisti non in regola con gli ECM, Monaco (FNOMCeO): «Ordini dovranno applicare la legge»

Il segretario della Federazione degli Ordini dei Medici ricorda scadenze e adempimenti per non incappare in spiacevoli conseguenze. Poi guarda al futuro del sistema ECM