Salute 21 Luglio 2020 16:35

Senza mascherine la distanza non basta, uno studio internazionale dimostra la potenza delle goccioline

Con la tosse viaggiano fino a 2,5 metri e un clima freddo ne aumenta la potenza. Un team di ingegneri studia per prevedere la distribuzione delle goccioline

Senza mascherine la distanza non basta, uno studio internazionale dimostra la potenza delle goccioline

Tossire o starnutire può inviarlo molto più lontano, specie se il clima torna freddo. Con l’umidità resta in aria anche più a lungo. Parliamo del virus SARS-CoV-2, che può essere veicolato dai “droplets”, goccioline che noi stessi emettiamo e che possono percorrere dai 2,4 ai 4 metri senza vento. Questa la scoperta di un team di ingegneri internazionali, pubblicata sulla rivista “Physics of Fluids“. La cui conclusione è che, senza mascherina, il distanziamento sociale potrebbe non bastare.

I ricercatori dell’Uc San Diego Jacobs School of Engineering, dell’Università di Toronto e dell’Indian Institute of Science, tutti esperti in aerodinamica e fisica delle “goccioline”, voglio prevedere quando il virus colpirà in base alla sua velocità di trasporto. Sono riusciti a creare un modello matematico utilizzabile per prevedere la diffusione di Covid-19, funzionale anche per altri virus virali.

GOCCIOLINE E TASSO DI COLLISIONE

Si tratta del primo modello basato sulla “teoria del tasso di collisione“, che esamina i tassi di interazione e di collisione di una nuvola di goccioline espirata da una persona infetta con persone sane. «Alla base di una reazione chimica c’è che due molecole si stanno scontrando. La frequenza con cui si scontrano ti darà la velocità con cui procede la reazione – spiega uno degli autori, Abhishek Saha, professore di ingegneria meccanica all’University of California San Diego -. Qui è esattamente lo stesso: la frequenza con cui le persone sane entrano in contatto con una nuvola di goccioline infette può essere una misura di quanto velocemente può diffondersi la malattia».

«La fisica delle goccioline dipende in modo significativo dal tempo», aggiunge Saha. «Se sei in un clima più freddo e umido, le goccioline da uno starnuto o di un colpo di tosse dureranno più a lungo e si diffonderanno più lontano che se ti trovi in ​​un clima caldo e secco, dove evaporeranno più velocemente. Noi abbiamo incorporato questi parametri nel nostro modello di diffusione dell’infezione e non ci risulta che sia stato fatto in modelli precedenti, per quel che sappiamo».

L’INFLUENZA DEL CLIMA

Il clima mostra dunque di avere un’influenza sulla distribuzione. A 35 gradi e con il 40% di umidità una gocciolina si sposta di quasi 2 metri e mezzo. Con l’80% di umidità e 5 gradi di temperatura, però, la distanza aumenta a 3,5 metri. Anche la dimensione conta: le goccioline di 14-48 micron presentano un rischio maggiore perché impiegano più tempo a evaporare e percorrono distanze maggiori. Le goccioline più piccole evaporano in una frazione di secondo, mentre le più grandi si depositano rapidamente sul terreno a causa del loro peso.

Una prova, per gli autori, dell’utilità delle mascherine in ogni caso. «Sono in corso anche una serie di esperimenti per studiare le goccioline respiratorie che si depositano sulle superfici comunemente toccate» ha annunciato Saptarshi Basu, professore all’Indian Institute of Science e coautore dello studio. Resta la speranza che un modello, costruito sempre più nel dettaglio, possa contribuire a dare una direzione ancora più chiara alle politiche di salute pubblica.

 

Articoli correlati
Dopo quanto tempo ci si può ammalare di nuovo di Covid-19?
Gli studi indicano che le reinfezioni con Omicron sono più frequenti. Una ricerca suggerisce un intervallo tra i 90 e i 640 giorni, un'altra tra i 20 e i 60 giorni
DL Riaperture, via libera dalla Camera. Cosa cambia per mascherine, isolamento, green pass e obbligo vaccinale
Il provvedimento recepisce la fine dello stato di emergenza. Prorogato lo smart working per i lavoratori fragili. Medici in quiescenza potranno continuare a ricevere incarichi di lavoro autonomo
di Francesco Torre
Se togliamo le mascherine ci ammaleremo tutti?
Cascio (infettivologo): «Eliminare completamente l’obbligo delle mascherine sin da ora, il virus non è più aggressivo. Somministrare antivirali, anche in assenza di sintomi, a tutti i ricoverati. In autunno somministrare la quarta dose di un vaccino anti-Covid che contenga gli antigeni delle ultime varianti circolanti»
Gimbe: «Diminuiscono nuovi casi ma circolazione virale resta elevata. Mantenere mascherine al chiuso»
«Scendono contagi (-8,9%), terapie intensive (-10,5%), ricoveri ordinari (-6,1%) e decessi (-7%). Scoperte quasi 2,7 mln di persone per terza dose, quarta dose al ralenti. Circolazione del virus elevata e ampiamente sottostimata»
Epatiti misteriose, il microbiologo: «Adenovirus resta indiziato numero 1, non si esclude correlazione con Sars-CoV-2»
Il responsabile di Microbiologia del Bambino Gesù sulle epatiti virali acute nei bambini: «Lockdown e mascherine potrebbero aver scatenato un debito immunitario». Quali sono i sintomi da tenere d'occhio
GLI ARTICOLI PIU’ LETTI
Non Categorizzato

Covid-19 e vaccini: i numeri in Italia e nel mondo

Al 16 maggio, sono 521.544.720 i casi di Covid-19 in tutto il mondo e 6.264.094 i decessi. Ad oggi, oltre 11,40 miliardi di dosi di vaccino sono state somministrate nel mondo. Mappa elaborata dalla&nb...
Covid-19, che fare se...?

Se la linea del tampone rapido appare sbiadita significa che la carica virale è più bassa?

Il tampone rapido, oltre a verificare l'eventuale positività, è anche in grado di definirla in termini quantitativi?
di Valentina Arcovio
Salute

Epatite acuta pediatrica misteriosa. Caso del bimbo di Prato, Basso (Bambino Gesù): «Migliora spontaneamente»

Si sta facendo strada l’ipotesi che possa trattarsi non dei classici virus che danno vita alle epatiti A, B e C, ma di un adenovirus, spesso causa solo di banali raffreddori, che nei bambini pu&...